LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - Resoconto della seduta del 17 marzo 2004 (Audizione Urbani)
2004-03-17

ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI (7a)

MERCOLED 17 MARZO 2004
280a Seduta

Presidenza del Presidente
ASCIUTTI


Interviene il ministro per i beni e le attivit culturali Urbani.

La seduta inizia alle ore 15,10 .

Replica del Ministro per i beni e le attivit culturali sulle comunicazioni, rese nella seduta del 4 febbraio, sull'alienazione del patrimonio pubblico di interesse storico e artistico.

Riprende la procedura informativa, sospesa nella seduta del 4 febbraio scorso, nel corso della quale - ricorda il PRESIDENTE - si era svolto il dibattito sulle comunicazioni rese dal ministro Urbani in merito alle garanzie predisposte dal Governo con riferimento all'alienazione del patrimonio culturale pubblico.

In sede di replica ha la parola il ministro URBANI, il quale sottolinea anzitutto che nel corso del dibattito sono emerse due preoccupazioni di fondo: quella relativa alla procedura del silenzio-assenso, nonch quella riferita alla modalit con cui avviene la verifica dell'interesse culturale sugli immobili appartenenti al demanio pubblico. Con riferimento a quest'ultima questione, egli d preliminarmente conto del contenuto del decreto ministeriale approvato lo scorso 6 febbraio 2004 (e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 3 marzo 2004), sulla base dell'articolo 12, comma 3, del Codice sui beni culturali, al quale peraltro aveva gi fatto in parte riferimento nel corso del suo precedente intervento. Il decreto ministeriale consta di cinque articoli nei quali sono precisate le modalit di verifica dell'interesse culturale e ad esso allegato un elenco dettagliato delle informazioni richieste per la compilazione delle schede descrittive per ciascuno dei beni inseriti negli elenchi da sottoporre a detta verifica. In proposito egli ribadisce che le informazioni sono senz'altro dettagliate e sufficienti al fine di consentire un'idonea valutazione preliminare della sussistenza dell'interesse culturale.
Egli sottolinea indi che le garanzie in ordine all'alienazione del patrimonio culturale pubblico si sono accresciute in modo consistente. Al riguardo, una prima importante garanzia data dalla circostanza che proprio il Ministero ad aver definito attraverso il citato decreto ministeriale, emanato con il concerto dell'Agenzia del demanio, i criteri sulla base dei quali saranno poi predisposti gli elenchi contenenti gli immobili da sottoporre a verifica. Si tratta dunque di una garanzia "a monte", che riduce fortemente la probabilit che tali elenchi includano beni che presentano un rilievo culturale, senza peraltro escludere l'opportunit di un'ulteriore attivit valutativa.
Il meccanismo del silenzio-assenso, sul quale si sono incentrate le principali preoccupazioni, riguarda proprio questo secondo momento della verifica, che compete al sovrintendente, il quale - qualora ritenga che nell'elenco trasmesso siano stati erroneamente inseriti beni di interesse culturale - pu, oltre a dichiarare l'esistenza dell'interesse culturale (e cos impedire l'alienazione del bene), dichiarare il proprio dissenso in merito alla conclusione del procedimento, richiedendo un ulteriore approfondimento che interrompe il decorso del termine (e non consente il formarsi del silenzio-assenso).
Si tratta di una piccola rivoluzione nel settore, che consentir di evitare il ripetersi di alcuni errori verificatisi nelle peraltro poche dismissioni di beni culturali compiute in passato.
Oltre che sulle garanzie contemplate nel procedimento di verifica, il Ministro si sofferma poi sulla nuova dimensione che assume nel Codice la tutela dei beni a prescindere dall'assetto proprietario, prevedendo che in presenza di un interesse culturale sia comunque compito dello Stato assicurare la tutela del bene.
Anche in questo caso si tratta di una importante novit, atteso che in passato lo Stato circoscriveva invece l'attivit di tutela ai beni di propriet pubblica. In questo modo si amplia altres la fruizione pubblica, che - una volta riscontrato l'interesse pubblico - deve essere assicurata anche nei confronti dei beni privati.
Il Ministro si sofferma quindi su alcuni profili specifici emersi negli interventi in discussione generale.
In particolare, in risposta al senatore Betta che aveva sollecitato una rinnovata attenzione ai meccanismi di tutela dei beni di propriet delle regioni, degli enti locali e di organizzazioni comunitarie quali quelle religiose, ricorda che il nuovo Codice - all'articolo 53 - introduce la definizione di "demanio culturale", in cui rientrano non solo i beni di propriet statale ma anche quelli delle regioni e degli altri enti pubblici territoriali.
Alla senatrice Acciarini, che aveva chiesto un approfondimento sull'intreccio fra i compiti della "Patrimonio S.p.a." e il nuovo Codice dei beni culturali, fa presente che la "Patrimonio S.p.a" rappresenta il soggetto privato incaricato di svolgere il compito di intermediario per la vendita ai privati di tutti quei beni che saranno giudicati dismissibili. N va dimenticato che il Codice segna il passaggio da una classificazione dei beni dismissibili operata a livello di regolamento ad una norma assai pi articolata e dettagliata che gode del rango legislativo.
Quanto infine al timore paventato che, nel rapporto fra Ministero dell'economia e Ministero per i beni e le attivit culturali, il baricentro sia orientato sul primo, con conseguente prevalenza dell'approccio finanziario, egli ritiene che il gi ricordato decreto ministeriale del 6 febbraio scorso sia sufficiente ad affermare il ruolo preminente dei Beni culturali ed a fugare pertanto ogni timore al riguardo.

Il PRESIDENTE ringrazia il Ministro per l'esauriente replica e dichiara concluso lo svolgimento della procedura informativa.

La seduta termina alle ore 16.

www.senato.it


news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news