LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Commissione VII Senato - Resoconto della seduta del 24 marzo 2004 (citt italiane sotto la tutela UNESCO)
2004-03-24

IN SEDE REFERENTE
(2221) ASCIUTTI ed altri. - Misure speciali di tutela e valorizzazione delle citt italiane, inserite nella "lista del patrimonio mondiale", poste sotto la tutela dell'UNESCO
(Seguito dell'esame e rinvio)

Riprende l'esame, sospeso nella seduta del 4 marzo scorso.

Ha la parola il sottosegretario BONO il quale osserva che il disegno di legge, per la parte in cui si propone un richiamo di attenzione ai siti italiani inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO, persegue finalit sicuramente apprezzabili e meritorie.
Egli esprime invece perplessit per la parte in cui il disegno di legge sembra assimilare gli effetti dell'eventuale perimetrazione dei siti UNESCO agli effetti conseguenti alla dichiarazione di interesse storico-artistico prevista dalla legislazione nazionale di tutela, paventando una sovrapposizione normativa non corretta, foriera di equivoci anche applicativi fra misure e finalit diverse. I siti riconosciuti dall'UNESCO, per la parte in cui non coincidono con aree gi vincolate dalla legge nazionale, sono infatti oggetto di una protezione sui generis che solo in via di analogia pu ritenersi assimilabile a quella della legge nazionale.
Inoltre il riconoscimento UNESCO prescinde dal regime proprietario e pu conseguentemente riguardare beni di propriet dello Stato, delle regioni degli enti locali o di privati. In tale prospettiva, appare improprio demandare indistintamente all'intesa con la Conferenza permanente Stato-regione la definizione degli ambiti di intervento e delle risorse da destinare.
Il Sottosegretario manifesta altres perplessit sulla previsione di opere di urbanizzazione fra gli interventi di valorizzazione dei siti in questione, atteso che tali opere sono generalmente di grande impatto sia visivo che ambientale.
N appare a suo giudizio esente da rilievi l'articolo 5, che prevede l'erogazione di risorse per interventi di restauro e valorizzazione di edifici privati, modificando in tal modo la normativa vigente.
Quanto alla commissione di cui all'articolo 4, egli ricorda che un organismo omologo gi opera presso il Ministero ai fini dell'istruttoria per i siti italiani gi riconosciuti. L'UNESCO ha infatti previsto che entro il 2005 tutti i siti siano dotati di un piano di gestione che individui le modalit operative di conservazione. A tal fine, il Governo si attivato istituendo il predetto comitato, che ha il compito di definire un modello base per la redazione dei piani di gestione.
E' altres previsto che la 2a Conferenza nazionale dei siti UNESCO, in programma a Paestum, sia dedicata proprio alla individuazione della migliore metodologia di gestione dei siti.
Conclude ricordando che, allo stato, l'Italia condivide con la Spagna il maggior numero di siti nazionali riconosciuti dall'UNESCO. A giugno tuttavia previsto il passaggio dell'Italia dagli attuali 37 a 39 siti, con conseguente assunzione del primato mondiale.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news