LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parere (interlocutorio) del Consiglio di Stato sul nuovo Regolamento del Ministero per i Beni e le attivit culturali (8 marzo 2004)
2004-03-08

CONSIGLIO DI STATO
Sezione Consultiva per gli Atti Normativi


Adunanza dell8 marzo 2004


N. della Sezione: 2490/04

OGGETTO:
Ministero per i Beni e le Attivit Culturali Schema di regolamento di organizzazione del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali.
LA SEZIONE
Vista la relazione in data 17 febbraio 2004, prot. n. UDC/2740/04 con cui il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali (Ufficio Legislativo) chiede il parere sullo schema di regolamento in oggetto;
Esaminati gli atti ed udito il relatore ed estensore Consigliere Paolo Troiano;

PREMESSO

1. Con nota in data 17 febbraio 2004, prot. n. UDC/2740/04 il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali ha chiesto il parere di questo Consiglio di Stato sullo schema di regolamento in oggetto, riferendo che tale intervento dettato dalla necessit di adeguare lorganizzazione del Ministero alle nuove disposizioni recate dal decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3, ed diretto a sostituire, pertanto, il precedente regolamento di organizzazione di cui al decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 2000, n. 441.
Il succitato decreto legislativo n. 3 del 2004, emanato ai sensi dellart. 1 della legge-delega 6 luglio 2002, n. 137, infatti intervenuto con il metodo della novella legislativa sullassetto organizzativo del predetto Ministero, recando modifiche allarticolo 54 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e soprattutto agli articoli 3, 4, 6 e 7 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, concernente listituzione del Ministero per i beni e le attivit culturali, con cui, a suo tempo, era stato conseguito laccorpamento delle funzioni esercitate dal Ministero per i beni culturali ed ambientali, nonch dal Dipartimento dello spettacolo e dallUfficio per i rapporti con gli organismi sportivi della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
In particolare, il nuovo decreto legislativo ha introdotto la struttura dipartimentale, ritenuta pi idonea ad assicurare il coordinamento delle molteplici e peculiari competenze del Ministero, rispetto allassetto organizzativo precedente basato su ununica figura di coordinamento (Segretario generale), ed ha inoltre istituito gli uffici dirigenziali generali territoriali, gerarchicamente sovraordinati alle esistenti Soprintendenze di settore, allo scopo di ottimizzare il rapporto tra le varie strutture e di creare un efficiente punto di riferimento per i rapporti con le istituzioni regionali, anche in considerazione della recente revisione del Titolo V della Costituzione.
Il riordino e la razionalizzazione delle articolazioni e delle competenze del Ministero, delineati dal pi volte citato decreto legislativo, rendono, pertanto, necessario ladeguamento della relativa organizzazione.
Larticolo 54, comma 4, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, come modificato dal decreto legislativo n. 3 del 2004, prevede infatti che l'individuazione e l'ordinamento degli uffici del Ministero siano stabiliti con regolamenti, ai sensi dellarticolo 17, comma 4-bis, della legge n. 400 del 1988.
E stato, pertanto, predisposto uno schema di regolamento che reca lorganizzazione delle strutture del Ministero.
In particolare, dopo aver indicato allarticolo 1, comma 2, i quattro dipartimenti in cui si articola il Ministero - Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici, Dipartimento per i beni archivistici e librari, Dipartimento per la ricerca, linnovazione e lorganizzazione e Dipartimento per lo spettacolo e lo sport -, i successivi commi dettano alcune disposizioni in materia di competenze di carattere generale della nuova figura di capo del dipartimento e stabiliscono che con successivi decreti ministeriali, adottati ai sensi dellart. 17, comma 4-bis, lettera e), della legge 23 agosto 1998, n. 400, vengano individuati gli uffici di livello dirigenziale non generale dei dipartimenti e delle direzioni generali ed i relativi compiti.
Allarticolo 2 sono disciplinate la Conferenza interdipartimentale ed i Comitati dipartimentali, mentre gli articoli da 3 a 7 recano, rispettivamente per ognuno dei quattro dipartimenti di nuova istituzione, lindividuazione delle varie competenze, nonch larticolazione negli uffici dirigenziali di livello generale in numero di quattro per il Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici e di due per ciascuno dei restanti Dipartimenti. E, inoltre, specificato che il Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici articolato, a livello territoriale, in uffici di livello dirigenziale generale, denominati direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici.
Gli articoli da 7 a 16 definiscono i compiti delle dieci direzioni generali in cui sono organizzati i quattro dipartimenti (la Direzione generale per i beni archeologici, la Direzione generale per i beni architettonici e paesaggistici, la Direzione generale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico, la Direzione generale per larchitettura e larte contemporanee, la Direzione generale per gli archivi, la Direzione generale per i beni librari e gli istituti culturali, la Direzione generale per gli affari generali, il bilancio, le risorse umane e la formazione, la Direzione generale per linnovazione tecnologica e la promozione, la Direzione generale per il cinema e la Direzione generale per lo spettacolo dal vivo).
Gli organi consultivi del Ministero e la relativa composizione sono disciplinati agli articoli 17 e 18, mentre larticolo 19 individua gli organi periferici dellAmministrazione (le direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici, le soprintendenze per i beni architettonici e per il paesaggio, le soprintendenze per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico, le soprintendenze per i beni archeologici, le soprintendenze archivistiche, gli archivi di Stato, le biblioteche statali, i musei e gli altri istituti dotati di autonomia) precisandosi che detti organi, ad eccezione delle direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici, i cui compiti sono definiti allarticolo 20, sono uffici di livello dirigenziale non generale.
Larticolo 21 istituisce e regolamenta i Comitati regionali di coordinamento, organi consultivi intersettoriali operanti presso ciascuna direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici, mentre larticolo 22 ribadisce per il Ministero quanto gi disposto dallarticolo 14 del D.P.R. n. 445 del 2000 in materia di comunicazioni allesterno dellamministrazione.
Infine, larticolo 23, nel confermare che dallattuazione del regolamento non possono derivare aumenti di spesa per il Ministero, modifica, in relazione a quanto previsto dal decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3, le dotazioni organiche dei dirigenti di prima e di seconda fascia e, ai sensi dellarticolo 34, comma 2, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, le dotazioni organiche del personale non dirigenziale del Ministero. Larticolo reca, inoltre, alcune disposizioni finali e le necessarie abrogazioni;

CONSIDERATO

1. Come esposto in narrativa, lo schema di regolamento in esame opera in totale sostituzione del precedente regolamento di organizzazione di cui al decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 2000, n. 441 e si propone di adeguare lorganizzazione del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali alla nuova disciplina introdotta dal decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3.
Le principali linee direttive della riforma organizzativa della riferente Amministrazione sono rappresentate - in conformit a quanto previsto dallarticolo 54 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, come modificato dallarticolo 1 del citato decreto legislativo n. 3 del 2004 -, dallintroduzione del modello di struttura per dipartimenti, sopprimendosi lufficio del Segretario generale, e, a livello periferico, dallistituzione delle direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici, configurate quali uffici dirigenziali generali territoriali e gerarchicamente sovraordinate alle esistenti soprintendenze di settore.

2. Una volta precisato il contesto normativo in cui viene ad inserirsi lo schema in oggetto, la Sezione ritiene preliminarmente necessario richiedere chiarimenti in relazione ai punti di seguito esposti ed anticipare alcune osservazioni redazionali e di merito.
2.1 Appare in primo luogo opportuna, per completezza dellistruttoria ed in conformit alla prassi seguita da questo Consesso in relazione a questioni consimili (da ultimo, pareri 24 marzo 2003 e 30 settembre 2002, sullo schema di regolamento di organizzazione, rispettivamente, del Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca), lacquisizione di copia dei pareri resi dalle varie organizzazioni sindacali nel corso del procedimento e dei verbali delle riunioni tenute con le predette organizzazioni presso il Ministero in data 10 dicembre 2003 e 3 febbraio 2004.
Sempre con riferimento allavviso espresso dalle organizzazioni sindacali ai sensi dellarticolo 4, comma 1 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e dellarticolo 19 della legge 15 marzo 1997, n. 59, si richiamano i rilievi formulati con il parere 3 aprile 2000, in relazione allo schema del precedente regolamento di organizzazione del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, laddove si evidenziava che tale forma di partecipazione prevista quale elemento di legittimit del regolamento si sostanzia in atti amministrativi (verbali dincontro, proposte, pareri, etc.) con la conseguente necessit di integrare il preambolo del provvedimento indicando, sia pur sinteticamente, la data e lesito degli incontri, specificando anche gli eventuali dissensi ed i motivi per i quali essi non abbiano avuto seguito.
2.2 Nellambito delle osservazioni di carattere formale, ma con rilevanti risvolti sulla disciplina sostanziale, si suggerisce di introdurre una norma che, ai fini della sistematicit della riorganizzazione del Ministero, faccia riferimento al previsto regolamento degli uffici di diretta collaborazione del Ministro, rinviando al medesimo per la disciplina dei relativi profili. Nella stessa norma opportuno chiarire, anche con unulteriore rinvio, la posizione dei due uffici dirigenziali generali presso il Gabinetto del Ministro previsti dallarticolo 54, comma 1, primo periodo del citato decreto legislativo n. 300 del 1999, come modificato dal decreto legislativo n. 3 del 2004.
2.3 Sul piano redazionale, al fine di favorire la pi agevole comprensione del testo e lesatta individuazione delle funzioni alle quali si fa riferimento, appare opportuno in alcuni casi integrare le disposizioni dello schema di regolamento che ripartiscono compiti fra i diversi uffici del Ministero aggiungendo un espresso richiamo alle norme che istituiscono e regolano la relativa funzione. Ad esempio, con riguardo ai provvedimenti che in varie forme coinvolgono soggetti privati nella ricerca o gestione di beni culturali, le disposizioni del proposto regolamento che individuano lufficio competente alla loro adozione (articolo 7, comma 2, lettera f); articolo 20, comma 4, lettera z) ) risulterebbero pi chiare se indicassero anche le norme in base alle quali viene esercitato il relativo potere. In termini pi generali appare consigliabile verificare che la formulazione delle disposizioni del regolamento che suddividono i compiti fra i diversi uffici del Ministero non si discosti da quella delle norme sostanziali che disciplinano i relativi poteri.
Sempre con riferimento alla tecnica redazionale si suggerisce di utilizzare la formula pi ampia esprime la volont dellAmministrazione, utilizzata allarticolo 14-ter, comma 6, della legge 7 agosto 1990, n. 241, come sostituito dallarticolo 11 della legge 24 novembre 2000, n. 340, in luogo della formula esprime il parere che ricorre nel testo dello schema di regolamento, nei casi in cui si individuino competenze di organi del Ministero nellambito di conferenze di servizi o di procedimenti di valutazione di impatto ambientale (es. art. 3, comma 4, lettere g) e h) ).

2.4 Con riguardo ai profili sostanziali, la Sezione, per una pi approfondita riflessione, ritiene, in primo luogo, utile acquisire elementi sui criteri seguiti dallAmministrazione riferente nelladattare al Ministero per i Beni e le Attivit Culturali il modello dei dipartimenti come delineato dallarticolo 5 del citato decreto legislativo n. 300 del 1999.
A tale riguardo giova premettere che i dipartimenti, quali strutture costituite per assicurare lesercizio organico ed integrato delle funzioni dei Ministeri con attribuzione di grandi aree di materie omogenee e dei relativi compiti strumentali, postulano per un verso lattribuzione al capo del dipartimento solo di compiti di coordinamento, direzione e controllo degli uffici di livello dirigenziale generale compresi nel dipartimento stesso [] (art. 5, comma 2, primo periodo, del d. lgs. n. 300/99), con riserva agli altri uffici del dipartimento delle competenze di amministrazione attiva, e per altro verso la concentrazione nel dipartimento anche dei compiti di organizzazione e [] di gestione delle risorse strumentali, finanziarie ed umane ad essi attribuite (art. 5, comma 1, ult. periodo, del d. lgs. n. 300/99).
Lo schema di regolamento sottoposto allesame di questo Consesso appare sostanzialmente in linea con il modello dipartimentale, cos descritto nei suoi tratti caratterizzanti, nella parte in cui, individuate le dieci direzioni generali del Ministero, definisce per macro-aree omogenee i rispettivi compiti. Parimenti conforme al canone organizzativo prescelto risulta il disposto dellarticolo 1, comma 3 dello schema, che appunto stabilisce in via generale i compiti del capo del dipartimento (svolge compiti di coordinamento, direzione e controllo degli uffici di livello dirigenziale generale compresi nel dipartimento, cura i rapporti internazionali ed assicura lesercizio organico ed integrato delle funzioni del Ministero), anche attraverso un espresso richiamo, in fine, alla previsione del citato articolo 5 del decreto legislativo n. 300 del 1999.
Tanto premesso la Sezione, anche al fine di sollecitare sul punto le valutazioni dellAmministrazione riferente, segnala lesigenza di portare a completamento il disegno di riorganizzazione del Ministero per dipartimenti adeguando in alcuni aspetti ai principi enunciati dal citato articolo 5 del decreto legislativo n. 300/99 e dallarticolo 1 dello schema di regolamento anche le disposizioni del proposto regolamento che individuano puntualmente i compiti dei capi dei quattro dipartimenti previsti (artt. 3, comma 4; 4, comma 3; 5, comma 3 e 6, comma 3).
In particolare deve evidenziarsi che le disposizioni da ultimo richiamate attribuiscono ai capi dei dipartimenti anche numerose competenze in ordine alla diretta adozione di provvedimenti nelle aree di interesse, sottraendo tali funzioni alla titolarit dei direttori generali ed agli altri uffici. Queste considerazioni assumono preminente rilievo con riguardo alle competenze in materia di sport, che sono attribuite, ai sensi dellarticolo 6, comma 3, esclusivamente al capo del dipartimento per lo spettacolo e lo sport, mentre a nessuna delle due direzioni generali nelle quali si articola il dipartimento sono riconosciute funzioni in tale settore.
Tale struttura organizzativa, anche se resa pi flessibile dalla previsione che alcune funzioni siano di norma delegate ai direttori generali competenti o ai direttori regionali (ad esempio nelle ipotesi di cui allarticolo 3, comma 5 e comma 6 dello schema di regolamento), dovrebbe essere ulteriormente armonizzata al descritto modello normativo di cui allarticolo 5 del decreto legislativo n. 300 del 1999, attribuendo ai capi dei dipartimenti solo compiti coerenti con la loro posizione di coordinamento, direzione e controllo, avendo riguardo in particolare a quelli indicati al comma 5 del citato articolo 5 del d. lgs. n. 300/99, e riservando in linea di principio solo ai direttori generali ed agli uffici di livello dirigenziali non generale, centrali e periferici, la titolarit delle funzioni amministrative necessarie per lattuazione dei programmi e delle direttive ricevuti.
Tale soluzione, riducendo i livelli decisionali, potrebbe, inoltre, favorire la semplificazione e la rapida conclusione di alcuni procedimenti, soprattutto nei casi nei quali prevista losservanza di termini decadenziali. Pu farsi lesempio del procedimento diretto allesercizio della prelazione, da completarsi, ai sensi dellarticolo 61, comma 1, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 41, recante il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, nel termine di sessanta giorni dalla data di ricezione della relativa denuncia e per il quale lo schema di regolamento prevede una complessa distribuzione delle competenze articolata su diversi livelli (cfr. art. 3, comma 4, lettera h) ed art. 20, comma 4, lettera o) ).
Sotto un diverso profilo, sempre nella prospettiva di un compiuto adeguamento al modello dipartimentale della struttura organizzativa del Ministero, occorre verificare in che misura la necessaria attribuzione a ciascun dipartimento della organizzazione e gestione delle rispettive risorse strumentali, finanziarie ed umane, divisata dalla disciplina gi illustrata, sia compatibile con la previsione dellarticolo 13 dello schema di regolamento in esame, che definisce in termini molto ampi le competenze della Direzione generale per gli affari generali, il bilancio, le risorse umane e la formazione.
2.5 Alcuni chiarimenti si rendono necessari quanto allorganizzazione degli uffici di livello dirigenziale non generale, con riferimento soprattutto agli uffici periferici del Ministero.
In particolare, viene in considerazione la disciplina introdotta dallarticolo 19 dello schema di regolamento che, dopo aver individuato alla lettera h) del primo comma, fra gli organi periferici del Ministero, anche i musei e gli altri istituti dotati di autonomia, prevede al successivo terzo comma che si possa provvedere, con i decreti ministeriali non aventi natura regolamentare di cui allarticolo 17, comma 4-bis, lettera e) della legge 23 agosto 1988, n. 400, alla eventuale soppressione degli uffici di cui al comma 1, lettera h), gi istituiti alla data di entrata in vigore del presente regolamento.
A tale riguardo si rende opportuna, in primo luogo, unintegrazione nel testo della disposizione da ultimo citata, dovendosi precisare che la possibilit di soppressione esclusa con riferimento agli istituti di cui agli articoli 12, 17, 23, 24, 27 e 29 del decreto del Presidente della Repubblica 3 dicembre 1975, n. 805, nonch agli istituti di cui allarticolo 1 della legge 12 luglio 1999, n. 237.
Le norme relative a tali istituti sono, infatti, espressamente fatte salve dal disposto dellarticolo 6, comma 2, del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, come recentemente sostituito dallarticolo 4 del decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3, mentre il successivo terzo comma del citato articolo 6 prevede che tali istituti possono essere riordinati, e quindi prefigura un semplice intervento di riordino dei medesimi, come tale incompatibile con lopzione di radicale soppressione degli stessi.
In termini pi generali la Sezione ritiene di dover richiedere allAmministrazione riferente chiarimenti circa leffettivo ambito di applicazione dellarticolo 19, comma 3 del regolamento proposto, nella parte in cui consente la soppressione di istituti e altri musei dotati di autonomia (con esclusione, si intende, di quelli innanzi indicati).
In particolare, appare necessaria in via istruttoria una pi precisa individuazione dei musei e degli istituti contemplati da tale previsione, specificandosi le norme o gli atti giuridici che li hanno rispettivamente istituiti e che hanno attribuito agli stessi forme di autonomia. Tali elementi sono essenziali al fine di verificare se a tutti gli organismi in esame possa propriamente riconoscersi la natura giuridica di ufficio periferico, di livello dirigenziale non generale, del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, anche ai fini dellapplicazione dellarticolo 4, comma 4, del decreto legislativo n. 300 del 1999.
Sempre con riguardo alla disciplina degli uffici di cui allarticolo 19, comma 1, lettera h), dello schema di regolamento in esame - musei e altri istituti dotati di autonomia - suscita perplessit la scelta di rimettere lindividuazione e lorganizzazione degli stessi, a mente del comma 4 dello stesso articolo, a regolamenti, adottati ai sensi dellarticolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400. Lo strumento normativo indicato per istituire e organizzare tali uffici risulta, infatti, diverso da quello previsto dal combinato disposto dellarticolo 8 e dellarticolo 11, comma 1 del citato decreto legislativo n. 368 del 1998, in quanto questultima disposizione, per lorganizzazione, la disciplina degli uffici e la definizione delle dotazioni organiche del Ministero, richiede ladozione degli atti organizzativi indicati al comma 4-bis del citato articolo 17 della legge n. 400 del 1988 e non dei regolamenti di cui al comma 1. Lattuale formulazione del comma 4 dellarticolo 19 dello schema di regolamento determina, inoltre, una disarmonia fra lo strumento giuridico da adottarsi per leventuale soppressione di tali uffici - che il comma 3, come gi segnalato, individua in un decreto non avente natura regolamentare e quello da utilizzarsi per istituire e organizzare tali uffici, che avrebbe, invece, natura regolamentare.
2.6 LAmministrazione riferente vorr, infine, valutare se, nella piena salvaguardia dei rispettivi ambiti di competenze, non ritenga utile la costituzione di eventuali luoghi istituzionali (conferenze, organismi o altre figure organizzative) volti a favorire collateralmente rispetto allazione dei direttori regionali prevista dallarticolo 20, comma 2, dello schema di regolamento - il raccordo ed il coordinamento fra lazione dei diversi organi del Ministero e quella delle Autorit regionali e locali.
2.7 In relazione a tali premesse, al fine di rendere il prescritto parere, questa Sezione ritiene necessaria lacquisizione dei chiarimenti e degli elementi richiesti e fa riserva di procedere allesame specifico dellarticolato, anche per quanto attiene ai rilievi redazionali, allesito del disposto adempimento.

P.Q.M.

La Sezione sospende lemissione del parere in attesa delladempimento assegnato al Ministero riferente come in motivazione.


Per estratto dal verbale
IL SEGRETARIO DELLA SEZIONE
(Licia Grassucci)


Visto
IL PRESIDENTE F.F. DELLA SEZIONE
(Alessandro Pajno)

http://www.giustizia-amministrativa.it/Pareri/CDS_200402490_C_IN_08-03-2004.doc


news

22-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 OTTOBRE 2017

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

Archivio news