LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Commissione VII Camera - seduta del 22 settembre 2004 (interrogazione a risposta immediata sulla collezione Torlonia)
2004-09-22

Commissione VII Camera

Interrogazione a risposta immediata

5-03455 Tocci: Esercizio del diritto di prelazione da parte del Ministero per i beni e le attivit culturali sull'acquisto della Collezione Torlonia.

[ndr: inseriamo qui il testo dell'interrogazione.
Interrogazione a risposta immediata in Commissione 5-03455
presentata da WALTER TOCCI marted 21 settembre 2004 nella seduta n.511


TOCCI, CHIAROMONTE e GRIGNAFFINI. - Al Ministro per i beni e le attivit culturali. - Per sapere - premesso che:

come noto, la collezione Torlonia considerata la pi importante collezione di statuaria classica privata del mondo;

a causa di note vicende, che hanno fatto s che Alessandro Torlonia, a seguito della ristrutturazione dell'omonimo palazzo in via della Lungara in Roma, sia stato reputato responsabile del reato di rimozione abusiva di cose di interesse storico artistico sottoposte a vincolo ai sensi dell'articolo 5 della legge n. 1089 del 1939, la collezione stata seriamente menomata e sottratta alla pubblica fruizione;

la Corte di Cassazione (Sezione III penale) con sentenza del 27 aprile 1979, ha stabilito che il trasferimento aveva comportato danni materiali e immateriali alla collezione, stabilendo poi che: il privato che abbia disperso o distrutto una cosa artisticamente protetta, e che non sia quindi suscettibile di riduzione in pristino, condannato al pagamento in favore dello Stato di una somma pari al valore della cosa perduta o della diminuzione di valore subta per effetto del suo comportamento, secondo il dettato dell'articolo 59, comma 3, della legge n. 1989 del 1939;

a seguito di questo pronunciamento della Corte di Cassazione, nel 1990 venne presentata da Antonio Cederna una proposta di legge secondo la quale il Ministero per i beni culturali avrebbe dovuto acquisire a titolo gratuito l'intera collezione, in sostituzione della sanzione pecuniaria. Tuttavia l'iter della legge venne bloccato in Commissione Bilancio e non venne dato seguito alla proposta di acquisizione;

il proprietario ha sempre vincolato la possibilit di vendita o di cessione della collezione alla concessione edilizia per la costruzione di un mega parcheggio all'interno del parco di Villa Albani;

organi di stampa riportano, in questi giorni, la notizia secondo la quale la Fondazione Cassa di risparmio di Roma starebbe per acquistare o avrebbe gi perfezionato l'acquisto dell'intera collezione Torlonia;

si apre ora la polemica, intorno alla collocazione della collezione che secondo taluni dovrebbe essere sistemata presso palazzo Sciarra in via del Corso, mentre secondo altri la collocazione ideale sarebbe l'edificio di via dei Cerchi, proposta dal comune di Roma;

per quale ragione il ministero per i beni e le attivit culturali non abbia esercitato il diritto di prelazione previsto all'articolo 60 del decreto legislativo n. 42 del 2004, e quali siano, comunque, le garanzie in ordine alla fruizione, alla valorizzazione, alla conservazione e al mantenimento della completezza della collezione e della salvaguardia dei suoi nessi logici, culturali e spaziali. (5-03455)]


Walter TOCCI (DS-U) rinuncia all'illustrazione dell'interrogazione in titolo.

Il sottosegretario Nicola BONO risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 4).

Walter TOCCI (DS-U), replicando, si dichiara insoddisfatto della risposta burocratica fornita dal rappresentante del Governo, ritenendo assolutamente necessario che il Ministero si attivi in materia, prendendo gli opportuni contatti con rappresentanti della Cassa di risparmio di Roma e del Comune, per promuovere il recupero dell'intera collezione Torlonia, che rappresenta una delle collezioni pi importanti e preziose del panorama culturale nazionale. Solo in tal modo si potrebbe garantire un rafforzamento del potere contrattuale della Cassa di risparmio nelle relative trattative con la famiglia Torlonia al fine del recupero della collezione. fondamentale, a suo giudizio, che si pervenga, al fine di un'adeguata tutela dell'interesse pubblico, al recupero della fruizione dell'intero patrimonio collezionistico e della documentazione annessa.
Invita, quindi, il Governo a farsi promotore di tale rilevante iniziativa, attesa la notevole importanza della collezione Torlonia e la necessit della sua fruizione da parte del pubblico.

Interrogazione n. 5-03455 Tocci: Esercizio del diritto di prelazione da parte del Ministero per i beni e le attivit culturali sull'acquisto della Collezione Torlonia.


TESTO DELLA RISPOSTA

In riferimento al quesito posto dagli interroganti, si fa presente che anche a questa Amministrazione risulta, da notizie di organi di stampa, l'esistenza di contatti tra la Fondazione Cassa di Risparmio di Roma e la famiglia Torlonia per l'eventuale cessione della Collezione omonima alla citata Fondazione bancaria.
opportuno anzitutto chiarire che le Fondazioni bancarie, per fine statutario, sono tenuto ad investire in alcuni settori normativamente individuati e che, tra questi, vi anche il settore dei beni e delle attivit culturali; gli investimenti cos realizzati devono essere finalizzati alla utilit pubblica.
Si ritiene, pertanto, che un eventuale acquisto della Collezione archeologica Torlonia, da parte della Fondazione bancaria sopra menzionata, rappresenterebbe un'opportunit per la ripresentazione al pubblica di una collezione unica per qualit e quantit di reperti da troppo tempo sottratta alla fruizione della collettivit.
In ogni caso, si rende noto che, fino ad oggi, a questa Amministrazione non stato denunciato alcun contratto di compravendita e, di conseguenza, i competenti uffici tecnici del Ministero non hanno espresso alcuna valutazione in merito alla opportunit di una eventuale prelazione.
Vale la pena di aggiungere che, ove tale contratto sia stipulato e di esso venga fatta regolare denuncia all'amministrazione, il Ministero assicurer comunque la fruizione pubblica della Collezione - cos come richiedono gli interroganti - in un unico contesto espositivo al fine di salvaguardare i nessi culturali logici e spaziali.



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news