LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera del Prof. Leopoldo Elia per il ricorso di Italia Nostra al Tar di Ancona
2004-09-27

Avv. Giovanni Pallottino.
Patrono dellAssociazione Italia Nostra
nel ricorso al TAR delle Marche
per lannullamento del
DPR 10 giugno 2004, n. 173
(regolamento di organizzazione
del Ministero per i Beni
e le Attivit culturali).





Gentile Avvocato,

nella mia qualit di docente ormai emerito di Diritto costituzionale sento il dovere etico e civico di segnalarle la necessit di precisare alcuni aspetti in tema di rapporti tra le fonti normative che hanno da ultimo prodotto limpugnato regolamento.

Com noto, la normativa sullorganizzazione dei ministeri, in base al D. Lgs. n. 300 del 1999 (art. 4), specificata in relazione alla dotazione organica, allindividuazione degli uffici di livello dirigenziale e al loro numero, alle relative funzioni e alla distribuzione dei posti di funzione dirigenziale e, infine, alla definizione dei rispettivi compiti, stabilita con regolamenti o con decreti del ministro emanati ai sensi dellart. 17, comma 4 bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400.

In effetti lart. 13, comma 1, della L. n. 59 del 1997 (in questo caso legge abilitante piuttosto che di delega) ha novellato in modo espresso la disciplina generale dei regolamenti governativi contenuta nellart. 17 della legge n. 400 del 1988.

Non mia intenzione soffermarmi su quella che fondatamente stata qualificata come rottura del modello di delegificazione prefigurata nella legge n. 400 e sicuramente rispettosa degli equilibri costituzionali Parlamento-Governo (cfr. in questi termini F. Sorrentino, Le fonti del diritto amministrativo, Padova, 2004, p. 247 e ss.; N. Lupo, Dalla legge al regolamento, Bologna, 2003, p. 224 e ss.; G. Tarli Barbieri, La grande espansione della delegazione legislativa nel pi recente periodo in Le deleghe legislative a cura di P. Caretti A. Ruggeri, Milano, 2003, p. 88 e ss.).

sufficiente ai fini di questo appunto sottolineare che tale aspetto normativo si consolidato nellultimo quinquennio, affermandosi come complesso di principi e regole di diritto comune per i 12 Ministeri previsti dal D. Legs. n. 300 (poi 14 nella XIV Legislatura).

Nel quadro di questo diritto comune rientrava pienamente il DPR n. 441/2000, che costituiva per il Ministero Beni e Attivit Culturali lapplicazione dellart. 4 del decreto legislativo n. 300 (primo regolamento di organizzazione del Ministero).

Ma si esce legittimamente da questo quadro quando si riparte da una legge (la L. 6 luglio 2002, n. 137) con la quale si delega il Governo (art. 10) ad adottare entro diciotto mesi uno o pi decreti legislativi per il riassetto delle disposizioni legislative, tra le altre, in materia di beni culturali e ambientali, tenuto conto, tra i principi e i criteri direttivi della delega, delladeguamento ai sopravvenuti artt. 117 e 118 del nuovo Tit. V, come risultante dalla legge di revisione costituzionale n. 3 del 2001.

Si sceglie cos una via diversa da quella ricompressa nel diritto comune: alla filiera L. n. 59 del 1997 D. Lgs. n. 300 del 1999 DPR n. 441 del 2000 ed eventuali modificazioni si sostituisce una serie altrimenti caratterizzata che include la nuova legge delega (artt. 1 e 10 della L. 6 luglio 2002, n. 137 il D. Lgs. 8 gennaio 2004, n. 3 (significativamente intitolato Riorganizzazione del Ministero per i beni e le attivit culturali ai sensi dellart. 1 della legge 6 luglio 2002, n. 137; e infine il regolamento de quo agitur DPR 10 giugno 2004, n. 173.

Voglio dire che eletta una via, cio quella della nuova legge-delega, non si pu poi contaminare liter normativo prescelto con il ricorso allart. 4 del D. Lgs. n. 300 che strettamente collegato ai contenuti della legge-delega n. 59/1997 ed in particolare al suo art. 13 che opera la rottura del modello di delegificazione di cui ho detto sopra. Solo apparentemente si pu parlare, a proposito del contenuto del D. Lgs. n. 3 del 2004 di intervento con il metodo della novella legislativa (cos lincipit del parere del Consiglio di Stato sullo schema di nuovo regolamento del ministero): la modifica di specifiche norme contenute in precedenti testi non toglie che sia cambiato il tipo di fonte (e di filiera delle fonti correlate).


Cos solo la nuova legge-delega avrebbe potuto consentire al D. Lgs. di stabilire che lorganizzazione del Ministero fosse stabilita ai sensi dellart. 54 del D.Lgs. n. 300 e successive modificazioni. Altrimenti, come avvenuto con gli artt. 1, comma 4, e 4 del D.Lgs. n. 3/2004, si realizza unautoattribuzione di poteri regolamentari (dallesecutivo a se stesso) destinata ad incidere sul sistema giuridico delle fonti e, a monte, sugli equilibri costituzionali tra Parlamento e Governo (cos Tarli Barbieri, cit. p. 95).

In dottrina si parla anche di deleghe regolamentari per sottolineare la necessit di una abilitazione diretta (o mediante chiara attribuzione alla facolt del legislatore delegato) al fine di consentire la delegificazione anche al di fuori dello schema del derogato art. 17 della legge n. 400.

Ora, non vi dubbio che nella legge-delega n. 137 del 2002 non si rinviene alcuna traccia di abilitazione diretta o indiretta alla delegificazione; ed altrettanto certa linammissibilit, alla stregua dei principi che reggono i rapporti tra Parlamento e Governo, della autoattribuzione al Governo stesso del potere di delegificare norme legislative in vigore mediante abrogazione. Se si ripartiva con una nuova legge-delega, ed era necessario farlo, se non altro per adottare la scelta dipartimentale (abbandonando quella del segretario generale) e per istituire le Direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici, bisognava attenersi al rapporto che intercorre tra legge e poteri regolamentari delegificanti quando si interpone tra la legge di delega e il potere di normazione secondaria delegificante un decreto legislativo o legge delegata.

Daltra parte non certo casuale che proprio per il Ministero per i beni e le attivit culturali (oltre che per quello delle politiche agricole si sia preferito intervenire con una nuova legge delega: la delicatezza del rapporto tecnici-amministrativi nella tutela dei beni culturali e paesaggistici e lincidenza sulla protezione degli interessi cui lamministrazione preposta (basti pensare allapposizione di vincoli o agli appalti dei lavori di restauro) di tutta evidenza.

Del resto oggi non si potrebbe pi ripetere con O. Forlenza che i titolari delle direzioni regionali sono sempre dei tecnici, cio appartenenti alla carriera dei soprintendenti.

Lincidenza sulla efficacia dei vincoli delle nuove regole del resto confermata dal sistema piramidale gerarchico instaurato dal combinato disposto del D. Lgs. n. 3 del 2004 (art. 1, comma 4) e dellultimo regolamento in contrasto con il pi ampio decentramento amministrativo nei servizi che dipendono dallo Stato (art. 5 Cost.) norma da osservare anche in ossequio al criterio delladeguamento ai nuovi artt. 117 e 118 Cost. secondo la prescrizione della legge-delega n. 137/2002.

Cos laccentramento si unisce alla svalutazione degli interventi dei soprintendenti di settore.

Ma questi rilievi ulteriori alludono a situazioni negative che in tanto si sono prodotte in quanto provocate da un Decreto legislativo incostituzionale proprio sul punto del conferimento dellesecutivo a se stesso del potere regolamentare delegificante (violazione degli artt. 76 e 77, comma 1, Cost.).


Allincostituzionalit dellart. 1, comma 4, del decreto legislativo consegue lillegittimit costituzionale del regolamento 10 giugno 2004, n. 173.


Con i migliori saluti.

Prof. Leopoldo Elia

www.italianostra.org


news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news