LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Disegno di Legge - Legge finanziaria 2005 - 2008 (testo provvisorio).
2004-09-29

DISEGNO DI LEGGE approvato dal Consiglio dei Ministri il 29 settembre 2004 - Legge finanziaria 2005 (testo provvisorio).

n. 10/2004



Prima pagina | Legislazione | Giurisprudenza | Articoli e note | Forum on line | Weblog




n. 10/2004

DISEGNO DI LEGGE approvato dal Consiglio dei Ministri il 29 settembre 2004 - Legge finanziaria 2005 (testo provvisorio).

TITOLO I

DISPOSIZIONI DI CARATTERE FINANZIARIO

Art. 1

(Risultati differenziali del bilancio dello Stato)

1. Per l'anno 2005, il livello massimo del saldo netto da finanziare resta determinato in termini di competenza in XXX milioni di euro, al netto di XXX milioni di euro per regolazioni debitorie. Tenuto conto delle operazioni di rimborso di prestiti, il livello massimo del ricorso al mercato finanziario di cui all'articolo 11 della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, ivi compreso l'indebitamento all'estero per un importo complessivo non superiore a XXXXX milioni di euro relativo ad interventi non considerati nel bilancio di previsione per il 2005, resta fissato, in termini di competenza, in XXX milioni di euro per l'anno finanziario 2005.

2. Per gli anni 2006 e 2007 il livello massimo del saldo netto da finanziare del bilancio pluriennale a legislazione vigente, tenuto conto degli effetti della presente legge, determinato, rispettivamente, in XXXX milioni di euro ed in XXXX milioni di euro, al netto di XXXX milioni di euro per gli anni 2006 e 2007, per le regolazioni debitorie; il livello massimo del ricorso al mercato determinato, rispettivamente, in XXX milioni di euro ed in XXX milioni di euro.

3. Per il bilancio programmatico degli anni 2006 e 2007, il livello massimo del saldo netto da finanziare determinato, rispettivamente, in XXXX milioni di euro ed in XXXX milioni di euro ed il livello massimo del ricorso al mercato determinato, rispettivamente, in XXXX milioni di euro ed in XXXX milioni di euro.

4. I livelli del ricorso al mercato di cui ai commi 1 e 2 si intendono al netto delle operazioni effettuate al fine di rimborsare prima della scadenza o ristrutturare passivit preesistenti con ammortamento a carico dello Stato.

5. Per ciascuno degli anni 2005, 2006 e 2007, le maggiori entrate rispetto alle previsioni derivanti dalla non-nativa vigente sono interamente utilizzate per la riduzione del saldo netto da finanziare, salvo che si tratti di assicurare la copertura finanziaria di interventi urgenti ed imprevisti necessari per fronteggiare calamit naturali, improrogabili esigenze, connesse con la tutela della sicurezza del Paese, situazioni di emergenza economico-finanziaria ovvero riduzioni della pressione fiscale finalizzate al conseguimento degli obiettivi indicati nel Documento di programmazione economico-finanziaria.

TITOLO I

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SPESA

Capo I

SPESE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Art. 2

(Limite all'incremento delle spese delle pubbliche amministrazioni)

1. Al fine di assicurare il conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica stabiliti in sede di Unione europea, indicati nel Documento di programmazione economico-finanziaria e nelle relative note di aggiornamento, per il triennio 2005 - 2007, la spesa complessiva delle Amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato, individuate per l'anno 2005 nell'elenco n. 1 allegato alla presente legge e per gli anni successivi dall'ISTAT con proprio provvedimento pubblicato nella G.U.R.I. non oltre il 31 luglio di ogni. anno, non pu superare il limite del 2 per cento rispetto alle corrispondenti previsioni aggiornate del precedente, anno, come risultanti dalla Relazione previsionale e programmatica.

2. Le disposizioni del comma 1 non si applicano alle spese per gli Organi costituzionali, per interessi sui titoli di Stato,per prestazioni sociali in denaro connesse a diritti soggettivi e per trasferimenti all'Unione europea a titolo di risorse proprie.

3. Le predette Amministrazioni, oltre ad applicare le specifiche disposizioni di cui agli articoli successivi, adottano comportamenti coerenti, con quanto previsto nel comma 1.

Art. 3

(Bilancio dello Stato)

1. Al fine di assicurare il concorso del bilancio dello Stato al raggiungimento degli obiettivi di cui all'articolo 2, per il triennio 2005 - 2007 gli stanziamenti iniziali di competenza e di cassa delle spese, aventi impatto diretto sul conto economico consolidato delle pubbliche Amministrazioni, tranne quelli di cui al comma 2 dell'articolo, nonch quelli connessi ad accordi internazionali gi ratificati, a limiti di impegno gi attivati e a rate di ammortamento mutui, possono essere incrementati entro il limite del 2 per cento rispetto alle corrispondenti previsioni iniziali del precedente esercizio ridotte al sensi dei decreto legge 12 luglio 2004, n. 168, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2004, n. 191, intendendosi corrispondentemente rideterminate le relative autorizzazioni di spesa anche mediante rimodulazione nei successivi esercizi. Per gli stanziamenti relativi ad oneri di personale si fa riferimento alla dinamica tendenziale complessiva dei relativi livelli di spesa.

2. Per il triennio 2005 - 2007, le riassegnazioni di entrate e l'utilizzo dei fondi di riserva per spese obbligatorie e d'ordine e per spese impreviste non possono essere superiori a quelli del precedente esercizio incrementati del 2 per cento. Nei casi di straordinaria necessit e urgenza, il predetto limite pu essere superato, mediante decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze, da comunicare alle competenti Commissioni parlamentari e alla Corte dei conti.

3. Le dotazioni indicate nella tabella C allegata alla presente legge sono rideterminate, nella medesima tabella, in coerenza con i limiti di cui al presente articolo.

Art. 4

(Limitazione ai pagamenti)

1. Per l'anno 2005, il concorso al raggiungimento degli obiettivi di cui all'articolo 2, per i settori di intervento di cui ai punti a), b) e e), garantito anche mediante la limitazione dei pagamenti a favore dei soggetti beneficiari negli ammontari indicati:

a) strumenti di intervento finanziati con i fondi di cui agli articoli 60 e 61 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, 6.550 milioni di euro, ivi compresi gli interventi di cui alle lettere b) e c) per complessivi 1.850 milioni;

b) fondo investimenti - incentivi alle imprese del Ministero delle attivit produttive, 2.750 milioni di euro, ivi comprese le risorse erogate dal Fondo Innovazione tecnologica e gli interventi finanziati con gli strumenti di cui alla lettera a);

c) interventi della legge obiettivo finanziati dalla legge 1 agosto 2002, n. 166, articolo 13 comma 1 del Ministero delle infrastrutture e trasporti, 450 milioni di euro, ivi inclusi gli interventi finanziati con gli strumenti di cui alla lettera a);

2. Al fine di assicurare il rispetto dei limiti di cui al comma 1, i soggetti che gestiscono le risorse ivi indicate trasmettono trimestralmente al Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento Politiche di Sviluppo Coesione e al Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, le informazioni sull'ammontare delle somme erogate per singolo strumento e intervento aggiornando le previsioni relative ai trimestri successivi.

3. Fermo restando il limite complessivo dei pagamenti di cui al, comma 1, pari a 7.900 milioni di euro, al fine di garantire gli obiettivi di spesa del Fondo per le aree sottoutilizzate per l'intero territorio nazionale, di cui alla revisione di met periodo, del Quadro comunitario di sostegno 2000-2006 per le regioni dell'obiettivo prevista dall'articolo 14 del Regolamento CE 1260199, i predetti limiti settoriali possono essere modificati con Decreto del Ministro dell'economia e delle Finanze, in relazione all'andamento dei pagamenti. Per le stesse finalit le amministrazioni centrali si conformano all'obiettivo di destinare al Mezzogiorno almeno il 30% della spesa ordinaria in conto capitale. Le amministrazioni centrali. nell'esercizio dei diritti dell'azionista nei confronti delle societ di capitali a prevalente partecipazione pubblica . diretta o indiretta, adottano le opportune direttive per conformarsi ai principi di cui al presente comma.

Art. 5

(Disposizioni sulla tesoreria)

1. A modifica di quanto stabilito dall'articolo 32, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, per il triennio 2005-2007 i soggetti titolari di conti correnti e di contabilit speciali aperti presso la Tesoreria dello Stato - fatta eccezione per le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, gli enti locali di cui all'articolo 2, commi 1 e 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, gli enti previdenziali, gli enti del servizio sanitario nazionale, le societ Poste Italiane S.p.A. e Ferrovie S.p.A., i conti intestati all'Unione europea e quelli riguardanti interventi di politica comunitaria, i conti intestati ai fondi di rotazione individuati ai sensi dell'articolo 93, comma 8, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, nonch i conti istituiti nell'anno precedente quello di riferimento - non possono effettuare prelevamenti dai rispettivi conti aperti presso la Tesoreria dello Stato superiori all'importo cumulativamente prelevato alla fine di ciascun bimestre dell'anno precedente aumentato del 2 per cento.

2. I soggetti interessati possono richiedere al Ministero dell'economia e delle finanze deroghe al vincolo di cui al comma 1 per effettive e motivate esigenze. L'accoglimento della richiesta disposto con determinazione dirigenziale; l'eventuale diniego, totale o parziale, disposto con decreto del Ministro.

3. Le eccedenze di spesa riconosciute in deroga devono essere riassorbite; nelle more del riassorbimento possono essere effettuate solo le spese previste per legge o derivanti da contratti perfezionati, nonch le spese indifferibili la cui mancata effettuazione comporta un danno. I prelievi delle amministrazioni periferiche dello Stato sono regolati con provvedimenti del Ministro dell'economia e delle finanze.

Art. 6

(Patto di stabilit interno per gli enti territoriali)

1. Al fini della tutela dell'unit economica della Repubblica, le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e gli enti locali di cui all'articolo 2, commi 1 e 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 concorrono, in armonia con i principi recati dall'articolo 2, alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica per il triennioo 2005-2007 con il rispetto delle disposizioni di cui ai seguenti commi, che costituiscono principi fondamentali del coordinamento della finanza pubblica ai sensi degli articoli 117, terzo comma, e 119, secondo comma, della Costituzione.

2. Per gli stessi fini di cui al comma 1, per l'anno 2005, il complesso delle spese correnti e delle spese in conto capitale, determinato ai sensi del comma 3, di ciascun ente di cui al comma 1 non pu essere superiore al corrispondente ammontare di spese dell'anno 2003 incrementato del 4,8 per cento. Per gli anni 2006 e 2007 si applica la percentuale d'incremento del 2 per cento alle corrispondenti spese correnti e in conto capitale determinate per l'anno precedente in conformit agli obiettivi stabiliti dal presente articolo.

3. Il complesso delle spese di cui al comma 2 calcolato, sia per la gestione di competenza che per quella di cassa, quale somma tra le spese correnti e quelle in conto capitale al netto delle:

a) spese di personale, cui si applica la specifica disciplina di settore;

b) spese per la sanit per le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, che sono disciplinate dall'articolo 7;

e) spese derivanti dall'acquisizione di partecipazioni azionarie e di altre attivit finanziarie, dai conferimenti di capitale e dalle concessioni di crediti;

d) spese per trasferimenti destinati alle Amministrazioni pubbliche individuate in applicazione dell'articolo 2.

4. Gli enti possono eccedere i limiti di spesa stabiliti dal comma 2 solo per spese di investimento e nei limiti delle maggiori entrate derivanti da maggiorazioni di aliquote e tariffe delle imposte e tasse locali. Resta ferma per le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano la possibilit di destinare le nuove o maggiori entrate alla copertura degli eventuali disavanzi di gestione accertati nel settore sanitario.

5. Al fine di consentire il monitoraggio degli adempimenti relativi al patto di stabilit interno anche secondo i criteri adottati in contabilit nazionale, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, le province, i comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti e le comunit montane con popolazione superiore a 50.000 abitanti trasmettono trimestralmente al Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - entro trenta giorni dalla fine del periodo di riferimento, utilizzando il sistema web appositamente previsto per il patto di stabilit interno nel sito www.pattostabilita.rgs.tesoro.it, le informazioni riguardanti sia la gestione di competenza che quella di cassa, attraverso un prospetto e con le modalit definiti con decreto del predetto Ministero, di concerto con il Ministero dell'interno, sentiti la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 e l'Istituto nazionale di statistica.

6. Le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti sono tenuti a predisporre entro il mese di febbraio una previsione di cassa cumulata e articolata per trimestri del complesso delle spese come definite dal comma 3 coerente con l'obiettivo annuale, che comunicano, le province e i comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti al Ministero dell'economia e delle finanze attraverso il sistema web, e i comuni con popolazione superiore a 5.000 e fino a 30.000 abitanti alle Ragionerie provinciali dello Stato competenti per territorio. Il Collegio dei revisori dei conti dell'ente locale verifica, entro il mese successivo al trimestre di riferimento, il rispetto dell'obiettivo trimestrale e la sua coerenza con l'obiettivo annuale e, in caso di inadempienza, ne d comunicazione sia all'ente che al Ministero dell'economia e delle finanze, per le province e i comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti attraverso il predetto sistema web, e alle Ragionerie provinciali dello Stato competenti per territorio per i comuni con popolazione superiore a 5.000 e fino a 30.000 abitanti. I comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti e le comunit montane predispongono, entro il mese di marzo, una previsione di cassa semestrale alla cui verifica e comunicazione alle Ragionerie provinciali dello Stato competenti per territorio provvede il revisore dei conti dell'ente. A seguito dell'accertamento del mancato rispetto dell'obiettivo trimestrale, o semestrale, gli enti sono tenuti nel trimestre, o semestre, successivo a riassorbire lo scostamento registrato intervenendo sui pagamenti, computati ai sensi del comma, nella misura necessaria a garantire il rientro delle spese nei limiti stabiliti. Restano ferme per il mancato conseguimento degli obiettivi annuali le disposizioni recate dai commi 7, 8, 9 e 10.

7. Per gli enti locali di cui al comma 1, l'Organo di revisione economico - finanziaria di cui all'articolo 234 del decreto legislativo n. 267 del 2000 verifica il rispetto degli obiettivi annuali del patto, sia in termini di competenza che di cassa, ed in caso di mancato rispetto ne d comunicazione al Ministero dell'interno sulla base di un modello e con le modalit che verranno definiti con decreto del Ministero dell'interno, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze.

8. Gli enti locali di cui al comma 1 che non hanno rispettato gli obiettivi del patto di stabilit interno stabiliti per l'anno precedente non possono a decorrere dall'anno 2006:

a) effettuare spese per acquisto di beni e servizi in misura superiore alla corrispondente spesa dell'ultimo anno in cui si accertato il rispetto degli obiettivi del patto di stabilit interno, ovvero, ove l'ente sia risultato sempre inadempiente, in misura superiore a quella del penultimo anno precedente ridotta del 10 per cento. Per gli enti locali soggetti al patto di stabilit interno dall'anno 2005 il limite commisurato, in sede di prima applicazione, al livello delle spese dell'anno 2003;

b) procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo;

c) ricorrere all'indebitamento per gli investimenti.

9. La disposizione di cui al comma 8 si applica anche nel 2005 per le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti che non hanno rispettato gli obiettivi del patto di stabilit interno per l'anno 2004.

10. A decorrere dall'anno 2006, i mutui e i prestiti obbligazionari posti in essere dagli enti di cui al comma 1 con istituzioni creditizie e finanziarie per il finanziamento degli investimenti devono essere corredati da apposita attestazione da cui risulti il conseguimento degli obiettivi del patto di stabilit interno per l'anno precedente. L'istituto finanziatore o l'intermediario finanziario non possono procedere al finanziamento o al collocamento del prestito in assenza della predetta attestazione, che deve essere acquisita anche per l'anno, 2005 con riferimento agli obiettivi del patto di stabilit interno delle province e dei comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti.

11. Gli enti di cui al comma 1 di nuova istituzione nell'anno 2005, o negli anni successivi, sono soggetti alle regole del presente articolo dall'anno in cui disponibile la base di calcolo su cui applicare gli incrementi di spesa stabiliti al comma 2.

12. Attraverso le loro associazioni, le province, i comuni e le comunit montane concorrono al monitoraggio sull'andamento delle spese. Pertanto le comunicazioni previste dai commi 5, 6 e 7 sono trasmesse anche all'UPI, all'ANCI e all'UNCEM.

13. Resta ferma la facolt delle regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano di estendere le regole del patto di stabilit interno nel confronti degli enti ed organismi strumentali.

14. Sono abrogate le disposizioni recate dall'articolo 29 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, cos come modificato ed integrato dagli articoli 1-quater e 1-quinques del decreto legge 31 marzo 2003, n. 50, convertito dalla legge 20 maggio 2003, n. 116, limitatamente alle regole del patto di stabilit interno previsto per gli ' enti territoriali per gli anni 2005 e successivi e le altre disposizioni in materia non compatibili con le disposizioni recate dalla presente legge.

Art. 7

(Altri enti)

1. Per il triennio 2005-2007, gli enti indicati nell'elenco n. 1 di cui al comma 1 dell'articolo 2, ad eccezione delle Casse di previdenza privatizzate, nonch delle altre associazioni e fondazioni di diritto.. privato, possono annualmente incrementare le proprie spese in misura non superiore al 2 per cento rispetto al precedente esercizio. Agli enti indicati negli articoli 3, 5 e 21, nonch all'articolo 3, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, si applica la disciplina ivi prevista.

Art. 8

(Disposizioni in materia di finanza, regionale)

1. Con riferimento alla perdita di gettito realizzata dalle Regioni a statuto ordinano per gli anni 2003 e successivi, a seguito della riduzione dell'accisa sulla benzina non compensata dal maggior gettito delle tasse automobilistiche, come determinato dall'articolo 17, comma 22, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, viene riconosciuto l'importo annuo di euro 342,583 milioni. Detto importo ripartito tra le Regioni entro il M aprile 2005, con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, e integra i trasferimenti soppressi di cui all'articolo 1, comma, 1, del decreto legislativo 18 febbraio 2000, n. 56 come, da ultimo, modificato dall'articolo, 3, comma 2, del decreto legge 12 luglio 2004, n. 168, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2004, n. 191 - ai fini dell'aliquota definitiva da determinare, ai sensi dell'articolo 5, comma 3, del medesimo decreto legislativo n. 56 del 2000, entro il 31 luglio 2005. Il decreto predisposto sulla base della proposta delle regioni da presentarsi in sede di Conferenza permanente Stato-Regioni.

2. Ai fini della determinazione dell'aliquota definitiva di cui al comma 1 si tiene altres conto dei trasferimenti attribuiti per l'anno 2004 alle Regioni a statuto ordinario in applicazione dell'articolo 70 della legge 28 dicembre 2001, n. 448. Il fondo di cui al richiamato articolo 70 soppresso.

3. Il Fondo di cui all'articolo 52, comma 8, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, utilizzato anche per l'esercizio, delle funzioni conferite agli enti territoriali ai sensi dell'articolo, 7, della legge 5 giugno 2003, n. 131.

4. Sulla base di quanto disposto dai commi 21 e 22 dell'articolo 2 della legge 24 dicembre 2003, n. 350, l'inizio ovvero la ripresa della decorrenza degli effetti, nel primo periodo di imposta successivo a quello in corso alla data del 31 dicembre 2004, concerne anche quelle maggiorazioni dell'aliquota dell'imposta regionale sulle attivit produttive che siano state deliberate dalle regioni, antecedentemente al il dicembre 2003, in difformit rispetto a quanto previsto dalla normativa statale. Resta ferma, altres, l'applicazione del predetto comma 22 dell'articolo 2 della legge n. 350 del 2003 alle disposizioni regionali in materia di IRAP diverse da quelle riguardanti la maggiorazione dell'aliquota, nonch, unitamente al comma 23 del . medesimo articolo, alle disposizioni regionali in materia di tassa automobilistica; le regioni possono modificare tali disposizioni nei soli limiti dei poteri loro attribuiti dalla normativa statale di riferimento ed in conformit con essa.

5. Sono autorizzate, a carico di somme a, qualsiasi titolo spettanti, le compensazioni degli importi a credito e a debito di ciascuna Regione - connessi alle perdite di entrata realizzate dalle stesse per effetto delle disposizioni recate dall'art. 17, comma 22, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 - indicate, solo a questo fine, nella tabella di riparto approvata con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze sulla base della proposta presentata dalle Regioni in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano. Tale compensazione sar effettuata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, in quattro rate annuali di eguale importo a partire dall'esercizio 2005.

Capo II

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OPERAZIONI FINANZIARIE

Art. 9

(Aperture di credito)

1. Al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 sono apportate le seguenti integrazioni e modifiche:

a) all'articolo 42, comma 2, la lettera h) sostituita dalla seguente:

"h) contrazione di mutui e aperture di credito non previste espressamente in atti fondamentali del consiglio ed emissioni di prestiti obbligazionari;";

b) all'articolo 204, comma 2, le lettere a) e b) sono sostituite dalle seguenti:

"a) l'ammortamento non pu avere durata inferiore ai cinque anni; b) la decorrenza dell'ammortamento deve essere fissata al primo gennaio dell'anno successivo a quello della stipula del contratto. In alternativa, la decorrenza dell'ammortamento pu essere posticipata al primo luglio seguente o al primo gennaio dell'anno successivo e, per i contratti stipulati nel primo semestre dell'anno, pu essere, anticipata al primo luglio dello stesso anno;";

c) dopo l'articolo 205 aggiunto il seguente articolo:

"Art. 205-bis (Contrazione di aperture di credito) 1. Gli enti locali sono autorizzati a contrarre aperture di credito nel rispetto della disciplina di cui al presente articolo.

2. Le spese per investimenti finanziate con il contratto di. apertura di credito si considerano impegnate all'atto della stipula del contratto stesso e per l'ammontare dell'importo del progetto o dei progetti definitivi o esecutivi finanziati; alla chiusura dell'esercizio le somme oggetto del contratto di apertura di credito costituiscono residui attivi.

Il ricorso alle aperture di credito possibile solo se sussistono le condizioni di cui al precedente ari 203, comma 1, e ne rispetto dei limiti di cui all'art. 204, comma 1 calcolati con riferimento all'importo complessivo dell'apertura di credito stipulata.

4. L'utilizzo del ricavato dell'operazione sottoposto alla disciplina di cui all'art. 204, comma 3.

5. I contratti di apertura di credito devono, a pena di nullit, essere stipulati in forma pubblica e contenere le seguenti clausole e condizioni:

a) la banca tenuta ad effettuare erogazioni, totali o parziali, dell'importo del contratto in base alle richieste di volta in volta inoltrate dall'ente e previo rilascio da parte di quest'ufficio delle relativo delegazioni di pagamento ai sensi del successivo ari 206. L'erogazione dell'intero importo messo a disposizione al momento della contrazione dell'apertura di credito ha luogo nel termine massimo di tre anni ferma restando la possibilit per l'ente locale di disciplinare contrattualmente le condizioni economiche di un eventuale utilizzo parziale;

b) gli interessi sulle aperture di credito devono riferirsi ai soli importi erogati. L'ammortamento di tali importi deve avere una durata non inferiore a cinque anni con decorrenza dal primo gennaio o dal primo luglio successivi alla data dell'erogazione;

c) le rate di ammortamento devono essere comprensive, sin dal primo anno, della quota capitale e della quota interessi;

d) unitamente alla prima rata di ammortamento delle somme erogate devono essere corrisposti gli eventuali interessi di preammortamento, gravati degli ulteriori interessi decorrenti dalla data di inizio dell'ammortamento e sino alla scadenza della prima rata;

e) deve essere indicata la natura delle spese da finanziare e, ove necessario, avuto riguardo alla tipologia dell'investimento, dato atto dell'intervenuta approvazione del progetto o dei progetti definivi o esecutivi, secondo le norme vigenti;

f) deve essere rispettata la misura massima di tasso applicabile alle aperture di credito i cui criteri di determinazione sono demandati ad apposito decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell'interno, da emanarsi entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.

6. Le aperture di credito sono soggette, al pari delle altre forme di indebitamento, al monitoraggio di cui all'art. 41 della legge 28 dicembre 2001, n. 448, nei termini e modalit previsti dal relativo regolamento di attuazione, emanato con il decreto interministeriale 1 dicembre 2003, n. 389. I modelli per la comunicazione delle caratteristiche finanziarie delle singole operazioni di apertura di credito sono pubblicati in allegato al decreto di cui alla lettera f) del precedente comma 5.";

d) all'articolo 207, dopo il comma 1, inserito il seguente:

1-bis. A fronte di operazioni di emissione di prestiti obbligazionari effettuate congiuntamente da pi enti locali, gli enti capofila possono procedere al rilascio di garanzia fideiussoria riferita all'insieme delle operazioni stesse. Contestualmente gli altri enti emittenti rilasciano garanzia fideiussoria a favore dell'ente capofila in relazione alla quota parte dei prestiti di propria competenza. Ai fini dell'applicazione del successivo comma 4, la garanzia prestata dall'ente capofila concorre alla formazione del limite di indebitamento solo per la quota parte dei prestiti obbligazionari di competenza dell'ente stesso.".

2. Per la gestione del fondo di ammortamento del debito di cui all'articolo 41, comma 2, della legge 28 dicembre 2001, n. 448 non si applica il principio di accentramento di ogni deposito presso il tesoriere stabilito dagli articoli 209, comma 3 e 211, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267.

3 All'articolo 41, comma 2, primo periodo, della legge 28 dicembre 2001, n. 448 sono soppresse le parole "e contrarre mutui", e le parole "o dell'accensione".

Art. 10

(Rinegoziazione mutui)

1. Lo Stato, le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e gli enti locali sono tenuti a provvedere, se consentito dalle clausole contrattuali, alla conversione dei mutui con oneri di ammortamento anche parzialmente a carico dello Stato in titoli obbligazionari di nuova emissione o alla rinegoziazione, anche con altri istituti, dei mutui stessi, in presenza di condizioni di rifinanziamento che consentano una riduzione del valore finanziario delle passivit totali. Nel valutare la convenienza dell'operazione di rifinanziamento si dovr tenere conto anche delle commissioni che non potranno in nessun caso essere comprese nel piano di ammortamento. In caso di mutuo a tasso fisso, per la verifica delle condizioni di rifinanziamento, lo Stato o l'ente pubblico interessato osservano regolarmente i tassi di mercato e si attivano allorch il tasso swap con scadenza pari alla vita media residua del mutuo sia inferiore al tasso del mutuo di almeno un punto percentuale.

2. Gli stanziamenti di bilancio previsti per il Pagamento dei mutui con oneri integralmente 0 parzialmente a carico dello Stato sono proporzionalmente adeguati ai nuovi piani di ammortamento conseguenti alla conclusione delle operazioni di conversione o rinegoziazione dei mutui di cui al comma 1.

3. Ai fini dell'attuazione di quanto stabilito dal commi 1 e 2 l'ente pubblico tenuto a trasmettere, entro 30 giorni dal perfezionamento delle operazioni di cui al comma 1, all'Amministrazione statale interessata, la relativa documentazione: contrattuale, compresi i piani di ammortamento o di rimborso

4. In caso di nuove emissioni di titoli obbligazionari con rimborso del capitale in un'unica soluzione alla scadenza, necessario che al momento dell'emissione venga costituito un fondo di ammortamento del debito o conclusa un'operazione di swap per l'ammortamento dello stesso, secondo quanto disposto dall'articolo 2 del decreto ministeriale 1/12/2003, n. 389, pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 4 febbraio 2004, n. 28.

Art. 11

(Contabilizzazione debito)

1. Al fine del consolidamento dei conti pubblici rilevanti per il rispetto degli obiettivi adottati con l'adesione al patto di stabilit e crescita le rate di ammortamento dei mutui attivati dalle regioni, dalle province autonome di Trento e di Bolzano, dagli enti locali e dagli altri enti pubblici ad intero carico del bilancio dello Stato sono pagate agli istituti finanziatori direttamente dallo Stato.

2. Per le stesse finalit di cui al comma 1 e con riferimento agli enti pubblici diversi dallo Stato, il debito derivante dai mutui iscritto nel bilancio dell'Amministrazione pubblica che assume l'obbligo di corrispondere le rate di ammortamento agli istituti finanziatori, ancorch il ricavato del prestito sia destinato ad un'amministrazione pubblica diversa. L'amministrazione pubblica beneficiaria del mutuo, nel caso in cui le rate di ammortamento siano corrisposte agli istituti finanziatori da un'Amministrazione pubblica diversa, iscrive il ricavato del mutuo Pelle entrate per trasferimenti in conto capitale con vincolo di destinazione agli investimenti. L'istituto finanziatore, contestualmente alla stipula dell'operazione di finanziamento, ne d notizia all'Amministrazione pubblica tenuta al pagamento delle rate di ammortamento che, unitamente alla contabilizzazione del ricavato dell'operazione tra le accensioni di prestiti, provvede all'iscrizione del corrispondente importo tra i trasferimenti in conto capitale al fine di consentire la regolazione contabile dell'operazione.

2. Le Amministrazioni pubbliche sono tenute ad adeguarsi alle disposizioni di cui ai commi 1 e 2 con riferimento alle nuove operazioni finanziarie.

Art. 12

(Superamento della tesoreria unica e altre disposizioni finanziarie)

1. Al fine di sperimentare gli effetti del superamento del sistema di tesoreria unica il Ministro dell'economia e delle finanze, sentiti la Conferenza Unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 ed il Ministro dell'istruzione, dell'universit e della ricerca, individua con proprio decreto una regione, tre province, tre comunit montane, sei comuni e tre universit nei quali durante l'anno 2005, i trasferimenti statali e le entrate proprie affluiscono direttamente ai tesorieri degli enti.

L'individuazione degli enti, salvo che per la regione, viene effettuata assicurando la rappresentativit per aree geografiche; gli enti, sono comunque individuati tra quelli che possono collegarsi, tramite ' i loro tesorieri, al sistema informativo, delle operazioni degli enti pubblici - SIOPE - istituito ai sensi dell'articolo 28, commi 3, 4 e 5, della legge 27 dicembre 2002, n. 289. Con il predetto decreto vengono altres definiti i criteri, le modalit e i tempi della sperimentazione. In relazione ai risultati registrati la sperimentazione pu esser 1 e estesa, nel corso dello stesso anno 2005, ad altri enti.

2. L'art. 213 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 sostituito dal seguente:

"1. Qualora l'organizzazione dell'ente e del tesoriere lo consentano il servizio di tesoreria pu essere gestito con modalit e criteri informatici e con l'uso di ordinativi di pagamento e di riscossione informatici, in luogo di quelli cartacei, le cui evidenze informatiche valgono a fini di documentazione, ivi compresa la resa del conto del tesoriere di cui all'art. 226.

2. La convenzione di tesoreria di cui all'art. 210 pu prevedere che la riscossione delle entrate ed il pagamento delle spese possano essere effettuati, oltre che per contanti presso gli sportelli di tesoreria, anche con le modalit offerte dai servizi elettronici di incasso e di pagamento interbancari.

3. Gli incassi effettuati dal tesoriere mediante i servizi elettronici interbancari danno luogo al rilascio di quietanza o evidenza bancaria ad effetto liberatorio per il debitore; le somme rivenienti dai predetti incassi sono versate alle casse dell'ente, con rilascio della quietanza di cui. al successivo art. 214, non appena si rendono liquide ed esigibili in relazione ai servizi elettronici adottati e comunque nei tempi previsti nella predetta convenzione di tesoreria.".

4. Ai fini della razionalizzazione e della semplificazione della attivit amministrativa, con decreto da adottare ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 di concerto con il Ministro dell'economia. e delle finanze, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro degli affari esteri emana disposizioni per la semplificazione della gestione finanziaria degli Uffici all'estero".

Art. 13

(Disposizioni in materia di assicurazioni contro i rischi in agricoltura a seguito di calamit naturali)

1. Al fine di incentivare il passaggio dal sistema contributivo-indennizzatorio per danni all'agricoltura al sistema assicurativo contro danni, l'autorizzazione di spesa, di cui all'articolo 1, comma 3, lett. b) e c), del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, Fondo d solidariet nazionale - interventi indennizzatori viene ridotta di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2005 e 2006 e il corrispondente importo destinato agli interventi agevolativi per la stipula di contratti assicurativi contro danni in agricoltura alla produzione e alle strutture, di cui all'articolo 1, comma 3, lett. a) del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, Fondo di solidariet nazionale -incentivi assicurativi

2. All'articolo 15 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, il comma 3 sostituito dal seguente: "Per la dotazione finanziaria del 'Fondo di solidariet nazionale-incentivi assicurativi destinato agli interventi di cui all'articolo 1, comma 3, lett. a), si provvede ai sensi dell'articolo 11, comma 3, lett. f), della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni. Per la dotazione finanziaria del Fondo di solidariet nazionale - interventi indennizzatori destinato agli interventi di cui. all'articolo 1, comma 3, lett. b) e c), si provvede a valere sulle risorse del Fondo di protezione civile, cosi coni e determinato ai sensi dell'articolo 11, comma 3, lett. d), della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, nel limite stabilito annualmente dalla legge finanziaria".

3. Per gli stessi fini di cui al comma 1, per l'anno 2005, la dotazione del Fondo per la riassicurazione dei rischi, istituito presso l'ISMEA, ai sensi dell'articolo 127, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, incrementata di euro 50 milioni."

Capo III

INTERVENTI IN MATERIA DI PERSONALE E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA

Art. 14

(Oneri contrattuali)

1. Ai fini di quanto disposto dall'articolo 48, comma 1, del decreto legislativo '20 marzo 2001, n. 165, le risorse per la contraffazione collettiva nazionale previste dall'articolo 3, comma 46, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, a carico del bilancio statale, sono incrementate, a decorrere dall'anno 2005, di 56 milioni di euro.

2. Le risorse previste dall'articolo 3, comma 47, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, per corrispondere i miglioramenti retributivi al personale statale in regime di diritto pubblico sono micrementate, a decorrere dall'anno 2005, di 22 milioni di euro di cui 20 milioni di euro per il personale delle forze annate e dei corpi di polizia di cui al decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195 3. Le somme di cui ai commi 1 e 2, comprensive degli oneri contributivi ai fini previdenziali e dell'imposta regionale sulle attivit produttive di cui al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, costituiscono l'importo complessivo massimo di cui all'articolo 11, comma 3, lettera h), della legge 5 agosto 1978, n. 468, come sostituito dall'articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 362.

4. Per il personale dipendente dalle amministrazioni diverse da quelle statali trova applicazione l'art. 3, comma 49, della legge 24 dicembre 2003, n. 350.

5. In aggiunta a quanto stabilito dai commi 1, 2, 3 e 4, con successivo provvedimento potranno essere riconosciuti ulteriori incrementi ove siano individuate, contestualmente, le corrispondenti misure di contenimento dei fattori incrementali della spesa di personale delle Pubbliche Amministrazioni.

Art. 15

(Personale a tempo determinato)

1. Per l'anno 2005, le amministrazioni di cui agli articoli 1, comma 2, e 70, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni possono avvalersi di personale a tempo determinato, ad eccezione di quanto previsto dall'articolo 108 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, o con convenzioni ovvero con contratti di collaborazione coordinata e continuativa, nel limite della spesa media annua sostenuta per le stesse finalit nel triennio 1999-2001. La spesa per il personale a tempo determinato in servizio presso il Corpo forestale dello Stato nell'anno 2005, assunto ai sensi della Legge 5 aprile 1985 n. 124, non pu superare quella sostenuta per lo stesso personale nell'anno 2004. Le limitazioni di cui al presente comma non trovano applicazione nei confronti del personale infermieristico del servizio sanitario nazionale. Le limitazioni di cui al presente comma non trovano applicazione nei confronti delle regioni e delle autonomie locali. Gli enti locali che per l'anno 2004 non abbiano rispettato le regole del patto di stabilit interno non possono avvalersi di personale a tempo determinato o con convenzioni ovvero con contratti di collaborazione coordinata e continuativa. Per il comparto scuola e per quello delle istituzioni di alta formazione e specializzazione artistica e musicale trovano applicazione le specifiche disposizioni di settore.

2. I Ministeri per i beni e le attivit culturali, della giustizia, della salute e l'Agenzia del territorio sono autorizzati ad avvalersi, sino al 31 dicembre 2005, del personale in servizio con contratti di lavoro a tempo determinato, prorogati ai sensi dell'articolo comma 62, della legge 24 dicembre 2003, n. 250. Il Ministero dell'economia e delle finanze pu continuare ad avvalersi fino al 31 dicembre 2005 del personale utilizzato al sensi dell'articolo 47, comma 10, della Legge 27 dicembre 1997, n. 449 e successive modificazioni.

3. Possono essere prorogati fino al 31 dicembre 2005 i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati dagli organi della magistratura amministrativa nonch i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati dall'I.N.P.S., dall'I.N.P.D.A.P. e dall'I.N.A.I.L. gi prorogati ai sensi dell'art. 1 del decreto legge 28 maggio 2004, n. 136 convertito dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, i cui oneri continuano ad essere posti a carico dei bilanci degli enti predetti.

4. L'Agenzia per la protezione dell'ambiente dei servizi tecnici (APAT) -pu continuare ad avvalersi, sino al 31 dicembre 2005, del personale in servizio nell'anno 2004 con contratto a tempo determinato o con convenzione o con altra forma di flessibilit e di collaborazione nel limite massimo di spesa complessivamente stanziata per lo stesso personale nell'anno 2004 dalla predetta Agenzia. I relativi oneri continuano a far carico sul bilancio dell'Agenzia.

5. Le procedure di conversione in rapporti di lavoro a tempo indeterminato dei contratti di formazione e lavoro di cui all'articolo 3, comma 63, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, possono essere effettuate unicamente nel rispetto delle limitazioni e delle modalit previste dalla normativa vigente per l'assunzione di personale a tempo indeterminato. I rapporti in essere instaurati con il personale interessato alla predetta conversione sono comunque prorogati al 31 dicembre 2005.

6. Per l'anno 2005 per gli Enti di ricerca, l'Istituto Superiore di Sanit (ISS), l'Istituto Superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (ISPESL), gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS), l'Agenzia spaziale Italiana (ASI), l'Ente per le nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente (ENEA), nonch per le Universit e le scuole superiori ad ordinamento speciale, sono fatte comunque salve le assunzioni a tempo determinato e la stipula di contratti di collaborazione coordinata e continuativa per l'attuazione di progetti di ricerca ovvero di progetti finalizzati al miglioramento di servizi anche didattici per gli studenti, i cui oneri non risultino a carico dei bilanci di funzionamento degli Enti o del Fondo di finanziamento degli Enti o del Fondo di finanziamento ordinario delle Universit.

7. I comandi del personale delle Poste Italiane S.p.a. e dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, di cui dall' articolo 3, comma 64 della legge 24 dicembre 2003, n. 350, sono prorogati al 31 dicembre 2005.

Art. 16

(Prosecuzione di lavori socialmente utili presso gli istituti scolastici ed altre disposizioni in materia di organizzazione scolastica)

1. Per la proroga delle attivit di cui al comma 7 dell'articolo 50 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, autorizzata, per l'anno 2005, la spesa di 375 milioni di euro.

2. Per l'anno scolastico 2005/2006, la consistenza numerica della dotazione del personale docente in organico di diritto, non potr superare quella complessivamente determinata nel medesimo organico di diritto per l'anno scolastico 2004/2005.

3. L'insegnamento della lingua straniera nella scuola primaria impartito dai docenti della classe in possesso dei requisiti richiesti o da altro docente facente parte dell'organico di istituto sempre in possesso dei requisiti richiesti. Possono essere attivati posti di lingua straniera da assegnare a docenti specialisti, solo nei casi in cui non sia possibile coprire le ore di insegnamento con i docenti di classe o di istituto. Al fine di realizzare quanto previsto dal presente comma, sono attivati corsi di formazione, nell'ambito delle annuali iniziative di formazione in servizio del personale docente, la cui partecipazione obbligatoria per tutti i docenti privi dei requisiti previsti per l'insegnamento della lingua straniera.

4. A partire dall'anno scolastico 2005 - 2006, al fine di ampliare la disponibilit e fruibilit a costi contenuti, di testi, documenti e strumenti didattici, da parte delle scuole, degli alunni e delle loro famiglie, i libri di testo scolastici possono essere prodotti in via sperimentale ai fine della loro adozione e nelle scuole del primo ciclo dell'istruzione di cui al decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59 e negli istituti di istruzione secondaria superiore, nella doppia versione, a stampa, e "on-line" scaricabile da intemet.

5. I libri di testo sviluppano i contenuti essenziali delle indicazione nazionali dei piani di studio e sono realizzati in fascicoli o in sezioni tematici assestanti corrispondenti ad unit di apprendimento", di costo contenuto e possibilit di successivi arricchimenti e aggiornamenti. Essi sono composti in materiali leggeri, in modo da ridurre il peso trasportato dagli alunni.

6. Il Ministro dell'istruzione, dell'universit e della ricerca determina, con decreto non avente natura regolamentare, le caratteristiche tecniche dei libri di testo ed il prezzo massimo dei libri stessi nelle due versioni di cui al comma 4, assicurando comunque il compenso per il diritto d'autore e la copertura dei costi di produzione.

7. A decorrere dall'anno scolastico 2005 - 2006, i dirigenti scolastici adottano le disposizioni organizzative idonee a consentite la conservazione, presso la scuola, di libri e del restante materiale didattico in uso agli studenti.

Art. 17

(Divieto di estensione dei giudicati ed altre norme processuali)

1. Per il triennio 2005 - 2007 fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2 e 70, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 1652 e successive modificazioni, di adottare provvedimenti per l'estensione di decisioni giurisdizionali aventi forza di giudicato, o comunque divenute esecutive, in materia di personale delle amministrazioni pubbliche.

2. All'articolo 61 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, dopo il comma 1 inserito il seguente: "1-bis. Le pubbliche amministrazioni comunicano alla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica e al Ministero dell'economia e delle finanze l'esistenza di controversie relative ai rapporti di lavoro dalla cui soccombenza potrebbero derivare oneri aggiuntivi significativamente rilevanti per il numero dei soggetti direttamente o indirettamente interessati o comunque per gli effetti sulla finanza pubblica. La Presidenza del Consiglio dei ministri-Dipartimento della funzione pubblica, d'intesa con il Ministero dell'economia e delle finanze pu intervenire nel processo ai sensi dell'articolo 105 c.p.c..".

3. Dopo l'articolo 63 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, aggiunto il seguente: "63-bis. L'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni ARAN pu intervenire nei giudizi innanzi al giudice ordinario, in funzione di giudice del lavoro, aventi ad oggetto le controversie relative ai rapporti di lavoro alle 'dipendenze delle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2 e 70, comma 4, al fine di garantire la corretta interpretazione e l'uniforme applicazione dei contratti collettivi. Per le controversie relative al personale di cui all'articolo 3, derivanti dalle specifiche discipline ordinamentale e retributive, l'intervento in giudizio pu essere assicurato anche attraverso la Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica d'intesa con il Ministero dell'economia e delle finanze.".

Art. 18

(Riorganizzazione delle strutture in materia di tutela dall'inquinamento marino e di energie rinnovabili)

1. Al fine di assicurare al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio la partecipazione costante ed efficiente a livello nazionale ed internazionale in materia di lotta all'inquinamento marino accidentale la Segreteria tecnica per la sicurezza ambientale della navigazione e del trasporto marittimi, di cui all'articolo 14, comma 2, della legge 23 marzo 2001, n. 93, abolita e sostituita, a decorrere dal 1 gennaio 2005 dalla Segreteria tecnica per le azioni nazionali ed internazionali materia di inquinamento marino accidentale e per la sicurezza ambientale della navigazione. La Segreteria dura in. carico quattro anni e i membri possono essere rinnovati.

2.La Segreteria tecnica opera presso la competente Direzione Protezione della Natura del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio ed composta da un numero massimo di dieci esperti in materia di lotta all'inquinamento marino e sicurezza della navigazione, nominati con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio. La Segreteria fornisce il supporto tecnico alle politiche del Ministero dell'ambiente della tutela del territorio per quanto concerne la fissazione degli standard normativi, di metodi e tecnologie di sviluppo sostenibile e per la partecipazione del Ministero alle vane commissioni, gruppi di studio e di lavoro istituiti in esecuzione ovvero in preparazione della stipula di accordi internazionali riguardanti le medesime materie. Fornisce, altres, al competente Direttore generale del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio elementi tecnici in merito alle attivit di sorveglianza, monitoraggio e disinquinamento del mare territoriale. .

3. Nei limiti dello stanziamento di cui all''art. 16, comma 6, del decreto legislativo 29 dicembre 2003 n. 387, con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, da emanarsi entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono stabiliti i compensi per i membri dell'Osservatorio nazionale sulle fonti rinnovabili e l'efficienza negli usi finali dell'energia.

Capo IV

INTERVENTI IN MATERIA

PREVIDENZIALE E SOCIALE

Art. 19

(Gestioni previdenziali)

L L'adeguamento dei trasferimenti dovuti dallo Stato, ai sensi rispettivamente dell'articolo 37, comma 3 lettera c), della legge 9 marzo 1989, n. 88, e successive modificazioni. e dell'articolo 59, comma 34, della legge 27 dicembre 1997 n. 449, e successive modificazioni, stabilito per l'anno 2005:

a) in 532,37 milioni di euro in favore del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, delle gestioni dei lavoratori autonomi, della gestione speciale minatori, nonch in favore dell'Ente nazionale di previdenza e di assistenza per i lavoratori dello spettacolo (ENPALS);

b) in 131,55 milioni di euro in favore del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, ad integrazione dei trasferimenti di cui alla lettera a), della gestione esercenti attivit commerciali e della gestione artigiani.

2. Conseguentemente a quanto previsto dal comma 1, gli importi complessivamente dovuti dallo Stato sono determinati per l'anno 2005- in 15.740,39 milioni di euro per le gestioni di cui al comma 1, lettera a), e in 3.889,53 milioni di curo per le gestioni di cui al comma 1, lettera b).

3. I medesimi complessivi importi di cui ai commi 1 e 2 sono ripartiti tra le gestioni interessate con il procedimento di cui all'articolo 14 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, al netto, per quanto attiene al trasferimento di cui al comma 1, lettera a), della somma di 1.059,08 milioni di euro attribuita alla gestione per i coltivatori diretti, mezzadri e coloni a completamento dell'integrale assunzione a carico dello Stato dell'onere relativo ai trattamenti pensionistici anteriormente al 1 gennaio 1989, nonch al netto delle somme di 2,36 milioni di curo e di 54,78 milioni di euro di pertinenza, rispettivamente, della gestione speciale minatori e dell'ENPALS.

Art. 20

(Trasferimenti all'INPS)

1- Ai fini della copertura dei maggiori ori derivanti dall'assunzione, a carico del bilancio dello Stato, del finanziamento della gestione cui all'articolo 37 della legge 9 marzo 1989, 88, riferiti agli esercizi finanziari precedenti l'anno 2004, per un importo pari a 7.581,8 milioni di euro, sono utilizzate:

a) le somme trasferite dal bilancio dello Stato all'Inps ai sensi dell'articolo 35, comma 3, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, a titolo di anticipazione sul fabbisogno finanziario delle gestioni previdenziali risultate, nel loro complesso, eccedenti sulla base dei bilanci consuntivi per le esigenze delle predette gestioni, evidenziate nella contabilit del predetto Istituto ai sensi dell'articolo 35, comma 6, della predetta legge 448 del 1998, per un ammontare complessivi non superiore a 5.700 milioni di euro;

b) le somme che risultano, sulla base del bilancio consuntivo dell'anno 2003, trasferite alla predetta gestione dell'INPS in eccedenza rispetto agli oneri per prestazioni provvidenze varie, ivi comprese le somme trasferite in eccedenza per il finanziamento degli oneri di cui all'articolo 49, comma 1, della legge 23 dicembre 1999, n. 488, e fatto salvo quanto previsto dal decreto legge 14 marzo 2003, n. 73, convertito in legge 10 giugno 2003, n. 133, per un ammontare complessivo pari a 307,51 milioni di euro;

c) le risorse trasferite all'INPS ed accantonate presso la medesima gestione, come risultanti dal bilancio consuntivo dell'anno 2003 del predetto Istituto, in quanto non utilizzate per i seguenti scopi:

- finanziamento delle prestazioni economiche per la tubercolosi di cui all'articolo 3, comma 14, della citata legge n. 448 del 1998, per un ammontare complessivo pari a 804,98 milioni di euro;

- finanziamento degli oneri per pensionamenti anticipati di cui all'articolo 8 della legge 19 luglio 1994, n. 451 e all'articolo 3 della legge 23 dicembre 1996, n. 662, per un ammontare complessivo pari a 457,71 milioni di euro;

- finanziamento degli oneri per l'assistenza ai portatori di handicap grave di cui all'articolo 80, comma 2, della legge n. 388 del 2000, per un ammontare complessivo pari a 300,66 milioni di euro;

- finanziamento degli oneri per i trattamenti di integrazione salariale straordinaria previsti da disposizioni diverse, per un ammontare complessivo pari a 10,97 milioni di euro.

2. Il complesso degli effetti contabili delle disposizioni di cui al comma 1 sulle gestioni dell'Inps interessate definito con la procedura di cui all'articolo 14 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

3. Ai fini del finanziamento dei maggiori oneri a carico della Gestione per erogazione delle pensioni, assegni e indennit agli invalidi civili, ciechi e sordomuti di cui all'articolo 130 del decreto legislativo 31 marzo 19.98 n. 112, valutati in 1326 milioni di euro per l'esercizio, 2004 e 827 milioni di euro a decorrere dal 2005:

a) per l'esercizio 2004, concorrono, per un importo complessivo di 780 milioni di euro, le risorse derivanti da:

i minori oneri accertati nell'attuazione dell'articolo 38 della legge 28 dicembre 2001, n. 448, concernente incremento delle pensioni in favore di soggetti disagiati, per un ammontare complessivo pari a 245 milioni di euro;

- i minori oneri. accertati nell'attuazione dell'articolo 3, comma 14, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, concernente prestazioni economiche per la. tubercolosi, per un ammontare complessivo pari a 70 milioni di curo;

- i minori oneri accertati nell'attuazione dei commi 2 e 3 dell'articolo 80 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, concernenti rispettivamente assistenza ai portatori di handicap grave e contribuzione figurativa in

favore di sordomuti ed invalidi, per un ammontare complessivo pari a 160 milioni di euro;

- i minori oneri, rispetto alla somma di 872,8 milioni di euro prevista dalla legge 31 dicembre 1991, n. 415 e dalla legge 23 dicembre 1992, n. 500, per il finanziamento della gestione di cui all'articolo 37 della legge 9 marzo 1989, n. 88, accertati nell'attuazione delle norme in materia di pensionamenti anticipati, per un ammontare complessivo pari a 305 milioni di euro.

b) a decorrere dall'anno 2005, sono utilizzate le risorse derivanti da:

- i minori oneri accertati nell'attuazione del citato articolo 38 della legge 28 dicembre 2001, n...448,, per un ammontare complessivo pari a 245 milioni di euro;

- i minori oneri accertati nell'attuazione del citato articolo 3, comma 14, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, per un ammontare complessivo pari a 277 milioni di euro;

- i minori oneri, rispetto alla somma di 872,8 milioni di euro prevista dalle citate leggi 31 dicembre 1991, n. 415, e 23 dicembre 1992, n. 500, per il finanziamento della gestione di cui all'articolo 37 della legge 9 marzo 1989, n. 88, accertati nell'attuazione delle norme in materia di pensionamenti anticipati, per un ammontare complessivo pari a 305 milioni di euro.

Art. 21

(Invalidit civile e asili nido aziendali)

1. L'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) subentra nell'esercizio delle funzioni residuate allo Stato in materia di invalidit civile, cecit civile, sordomutismo, handicap e disabilit, gi di competenza del Ministero dell'economia e delle finanze.

2. Con uno o pi decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, da emanare entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge, stabilita la data di effettivo esercizio da parte dell'INPS delle funzioni trasferite e sono individuate le risorse, umane, strumentali e finanziarie da trasferire.

3. Il personale trasferito ai sensi del comma 2 conserva il trattamento giuridico ed economico in godimento fino al rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto degli enti pubblici non economici, in cui il personale trasferito dovr confluire. A seguito del trasferimento del personale sono ridotte in maniera corrispondente le dotazioni organiche , del Ministero dell'economia e delle finanze e le relative risorse sono trasferite all'I.N.P.S.

4. Sino alla data stabilita con i decreti di cui al comma 2, resta fermo, in materia processuale, quanto stabilito dall'articolo 42, comma 1, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito , con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326.

5. Per le controversie instaurate nel periodo compreso tra la data di entrata in vigore della presente legge e la data di effettivo esercizio da parte dell'I.N.P.S. delle funzioni trasferite, la difesa in giudizio del Ministero del] ' economia e delle finanze assunta, ai sensi del predetto articolo 42, comma 1, del decreto-legge n.269 del 2003, da propri funzionari ovvero da avvocati dipendenti dall'I.N.P.S.

6. Il Fondo di rotazione per gli asili nido aziendali, di cui all'articolo 91, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, incrementato per l' anno 2005, di 10 milioni di euro.

CAPO V

INTERVENTI NEL SETTORE SANITARIO

Art 22

(Interventi nel settore sanitario)

1. Per garantire, il rispetto degli obblighi comunitari e la realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica per il triennio 2005-2007 il livello complessivo della spesa del Servizio sanitario nazionale, al cui finanziamento concorre lo Stato, determinato in milioni di euro per l'anno 2005, ......... milioni di euro, per l'anno 2006 e ..........milioni di euro per l'anno 2007. I predetti importi ricomprendono anche quello di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni indicati a titolo di ulteriore finanziamento a carico dello Stato per l'ospedale "Bambin Ges".

2.Resta fermo l'obbligo in capo all'Agenzia del farmaco di garantire per la quota a proprio carico, ai sensi dell'articolo 48 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, il livello della spesa farmaceutica stabilito dalla legislazione vigente. Nell'ambito delle annuali direttive del Ministro della Salute al Direttore dell'Agenzia incluso il conseguimento dell'obiettivo del rispetto del predetto livello della spesa farmaceutica.

3. L'accesso al finanziamento integrativo a carico dello Stato derivante da quanto disposto al comma 1, rispetto al livello di cui all'Accordo Stato-Regioni dell'8 agosto 2001 per l'anno 2004, rivalutato del 2 per cento su base annua a decorrere dal 2005, subordinato alla stipula di un specifica Intesa tra Stato e Regioni ai sensi dell' articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, che contempli ai fini dei contenimento della dinamica dei costi:

a) gli adempimenti gi previsti dalla vigente legislazione;

b) ulteriori adempimenti per migliorare il monitoraggio della spesa sanitaria nell'ambito del Nuovo Sistema Informativo Sanitario;

c) la prosecuzione del processo di razionalizzazione delle reti strutturali dell'offerta ospedaliera e della domanda ospedaliera, anche mediante rimodulazioni tariffarie che favoriscano il passaggio dal ricovero ordinario al ricovero diurno;

d) il vincolo di crescita delle voci dei costi di produzione, con esclusione di quelli per il personale cui si applica la specifica normativa di settore, secondo modalit che garantiscono che, complessivamente, la loro crescita non sia superiore, a decorrere dal 2005 al 2 per cento annuo rispetto ai dati previsionali indicati nel bilancio dell'anno precedente, al netto di eventuali costi di personale di competenza di precedenti esercizi;

e) in ogni caso, l'obbligo in capo alle regioni di garantire in sede di programmazione regionale, coerentemente con gli obiettivi sull'indebitamento netto delle Amministrazioni, l'equilibrio economico- finanziario delle proprie aziende sanitarie, aziende ospedaliere, aziende ospedaliere universitarie ed Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico sia in sede di preventivo annuale che di conto consuntivo, realizzando forme di verifica trimestrale della coerenza degli andamenti con gli obiettivi dell'indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche e prevedendo l'obbligatoriet dell'adozione di misure per la riconduzione in equilibrio della gestione ove si prospettassero situazioni di squilibrio, nonch l'ipotesi di decadenza del direttore generale.

4. Al fine del rispetto dell'equilibrio economico-finanziario, la Regione, ove si prospetti sulla base del monitoraggio trimestrale una situazione di squilibrio, adotta i provvedimenti necessari. Qualora dai dati del monitoraggio del quarto trimestre si evidenzi un disavanzo di gestione a fronte del quale non sono stati adottati i predetti provvedimenti, ovvero essi non siano sufficienti, con la procedura di cui all'articolo 8, comma 1, della legge 5 giugno 2003), n. 131, il Presidente del Consiglio dei ministri diffida la Regione a provvedervi entro il 30 aprile dell'anno successivo a quello di riferimento. Qualora la Regione non adempia, entro i successivi 30 giorni il Presidente della Regione, in qualit di commissario ad acta, approva il bilancio d'esercizio consolidato del Servizio Sanitario Regionale. al fine di determinare il disavanzo di gestione ed adotta i necessari provvedimenti.

5. In caso di mancato adempimento agli obblighi di cui al comma 3 precluso l'accesso al maggior finanziamento previsto per gli anni 2005, 2006 e 2007, con conseguente immediato recupero delle somme eventualmente erogate.

6. La regione interessata, nelle ipotesi indicate ai commi 4 e 5, anche avvalendosi del supporto tecnico dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali, procede ad una ricognizione delle cause ed elabora un programma operativo di riorganizzazione, di riqualificazione o di potenziamento del Servizio sanitario regionale, di durata non superiore al triennio. I Ministri della salute e dell'economia e delle finanze e la singola regione stipulano apposito accordo che individui gli interventi necessari per il perseguimento dell'equilibrio economico, nel rispetto dei livelli essenziali di assistenza e degli adempimenti di cui alla intesa prevista dal presente articolo. La sottoscrizione dell'accordo condizione necessaria per la riattribuzione alla regione interessata del maggior finanziamento anche in maniera parziale e graduale, subordinatamente alla verifica della effettiva attuazione del programma.

7. Con riferimento agli importi indicati al comma 1, relativamente alla somma di 1.000 milioni di euro per l'anno 2005, 1.200 milioni di euro per l'anno 2006 e 1.400 milioni di euro per l'anno 2007, il relativo riconoscimento alle regioni resta condizionato, oltre che agli adempimenti di cui al comma 3, anche, rispetto da parte delle regioni medesime dell'obiettivo per la quota a loro carico sulla spesa farmaceutica previsto dall'articolo 48 del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269 convertito, con modificazioni, dalla legge 2 novembre 200-1, n. 326, in particolare, per il 5 per cento dei predetti importi. al rispetto dell'obiettivo da parte della singola regione per il restante 50 per cento, al rispetto dell'obiettivo da parte delle regioni nel loro complesso.

8. Al fine di consentire in via anticipata l'erogazione dell'incremento del finanziamento a carico dello Stato:

a) in deroga a quanto stabilito dall'articolo

http://www.lexitalia.it/leggi/ddl_finanziaria2005.htm


news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news