LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riemersione di beni culturali in possesso di privati
2004-11-02

Emendamento presentato in V Commissione Camera (resoconto Comm. V del 2 novembre 2004)

Dopo l'articolo 30 aggiungere il seguente:
Art. 30-bis.
1. Al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, dopo l'articolo li, inserito il seguente:
Art. 11-bis (Beni mobili di interesse archeologico o paleontologico o numismatico in possesso di privati) -

1. I privati possessori o detentori a qualsiasi titolo di beni mobili di interesse archeologico o paleontologico o numismatico, definiti ai sensi dell'articolo 10, non denunciati n consegnati a norma delle disposizioni di cui al Capo VI, ne acquisiscono la propriet mediante pagamento del 5 per cento del valore determinato ai sensi dell'articolo 99.

2. La richiesta presentata alla competente soprintendenza corredata da documentazione fotografica e descrittiva, anche informatica, idonea alla certa e completa identificazione dei beni e del luogo ove essi si trovano, eventualmente periziata da un esperto in relazione al valore ed alla autenticit, e da ogni altra documentazione utile, nonch dalla dichiarazione dell'interessato, resa ai sensi del
decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.445, attestante il possesso o la detenzione in buona fede.

3. La soprintendenza si esprime entro centottanta giorni dalla ricezione della domanda, determinando il valore di acquisto dei beni; entro il medesimo termine pu procedere alla loro ispezione od ordinarne la presentazione. Qualora la soprintendenza non si esprima nel termine indicato, la richiesta si intende accolta. Con il provvedimento di accoglimento della domanda la soprintendenza dispone che i beni siano inventariati come propriet privata e detta le eventuali disposizioni per la loro integrit e conservazione, ivi comprese le limitazioni alla circolazione. Il provvedimento non costituisce dichiarazione di autenticit.

4. Ricorrendone le condizioni, la soprintendenza provvede altres alla verifica dell'interesse culturale ai sensi dell'articolo 12. Ai beni culturali privati, come definiti dal presente articolo, si applicano le disposizioni sulla prelazione di cui alla sezione il del Capo IV.

5. Salve le prescrizioni per la loro integrit e conservazione e previa comunicazione alla soprintendenza competente per i soli beni dichiarati di interesse ai sensi dell'articolo 13, i beni culturali privati, come definiti dal presente articolo, possono essere oggetto di attivit contrattuale a titolo gratuito o oneroso e la loro circolazione libera, in deroga alle disposizioni della sezione I del Capo IV e delle sezioni I e Il del Capo V. La mancata comunicazione, per i beni dichiarati di interesse ai sensi dell'articolo 13, ricade nelle ipotesi di cui agli articoli 173 e 174.

6. I possessori ed i detentori di beni mobili di interesse archeologico o paleontologico o numismatico che facciano domanda di acquisizione in numeri secondo le modalit previste dal presente articolo non sono punibili per i reati di cui agli articoli 174 e 175. comma 1, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, nonch 648 e 712 del codice penale, a condizione che non abbiano riportato condanne definitive per delitti di cui al Capo I del Titolo II della Parte IV.


7. Il versamento degli importi dovuti ai sensi del comma i deve avvenire, a pena di decadenza dal beneficio dell'acquisizione in propriet, entro 30 giorni dalla scadenza del termine di cui al comma 3. Nel caso in cui gli importi da versare ai sensi del comma i siano superiori a 50.000 euro consentito anche il versamento in tre rate di pari importo, con scadenza entro 30 giorni, 180 giorni e 270 giorni dalle determinazioni della competente soprintendenza, ai sensi del comma 3, ovvero dalla scadenza del termine di cui al medesimo comma 3.

2. In sede di prima applicazione dell'articolo 11-bis del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, come introdotto dal presente articolo, la presentazione della domanda di acquisizione in propriet entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto di cui al comma 3, primo periodo determina la sospensione dei procedimenti penali in corso relativi ai reati di cui agli articoli 174 e 175 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, nonch 648 e 712 del codice penale, fino alla scadenza dei termini per il pagamento integrale degli importi dovuti ai sensi dell'articolo 11-bis, comma 1, del decreto legislativo n. 42 del 2004. Con l'avvenuto pagamento integrale dei predetti importi i reati di cui agli articoli .74 e 175 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, nonch 648 e 712 del codice penale sono estinti.

3. Con decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali di concerto con il Ministro per l'economia e le finanze, adottato entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, sono determinati i requisiti e le modalit di presentazione della richiesta di cui al comma 2 dell'articolo 11-bis del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, come introdotto dal presente articolo, e delle comunicazioni di cui al comma 5 del medesimo articolo 11-bis. Con uno o pi decreti del Ministro per i beni e le attivit culturali sono dettate le disposizioni per la catalogazione e l'archiviazione informatica delle documentazioni, nonch delle comunicazioni presentate ai sensi dei commi 2 e 5, dell'articolo 11-bis del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, assicurando la compatibilit e l'interscambio informativo con la banca dati di cui all'articolo 85 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42.

4. Nel caso di omesso versamento, anche parziale, degli importi dovuti ai sensi dell'articolo 11-bis, comma 1 del decreto legislativo n. 42 del 2004 l'interessato decade da tutti i benefici di cui al presente articolo.

5. Le maggiori entrate derivanti dall'attuazione del presente articolo sono versate all'entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnate agli anni successivi allo stato di previsione del Ministero per i beni culturali ed ambientali per le finalit della Societ per lo sviluppo dell'arte, della cultura e dello spettacolo - Arcus spa e del Fondo per la produzione, la distribuzione, l'esercizio e le industrie tecniche di cui all'articolo 12 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 28. Con decreto del Ministero per i beni culturali ed ambientali, di concerto con il Ministero dell'economia e delle fmanze, stabilita annualmente la ripartizione degli importi ai sensi del presente comma.
30. 068.Gianfranco Conte, Marinello.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news