LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Commissione VI (FINANZE) - 5-03640 Pistone: Dismissione dell'immobile dell'ex Opera Balilla di Latina
2004-11-10


ALLEGATO 3 (Testo della risposta)


MOLGORA Daniele , Sottosegretario di stato all'economia e alle finanze pag. 49
PISTONE Gabriella (MISTO-COM.) pag. 48, 49

5-03640 Pistone: Dismissione dell'immobile dell'ex Opera Balilla di Latina.

Gabriella PISTONE (Misto-Com.it) illustra la propria interrogazione, la quale è finalizzata ad ottenere informazioni circa le procedure di cartolarizzazione dell'ex «Opera Balilla» di Latina. Rileva a questo riguardo la scarsa attenzione del Ministero per i beni e le attività culturali per un immobile di grande pregio architettonico, che appartiene al patrimonio artistico della città di Latina e dell'intero Paese, e che invece il Ministero ha considerato




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 49

--------------------------------------------------------------------------------

privo di interesse storico - artistico. Stigmatizza inoltre il comportamento dell'Amministrazione comunale di Latina, la quale ha finora erogato oltre 2 milioni di euro per ristrutturare l'immobile e stabilirvi la sede dell'istituendo Museo Cambellotti, in cui collocare le opere di tale artista che sarebbero donate dai suoi eredi, ma che non ha invece assunto alcuna iniziativa per evitare la privatizzazione del bene.

Il sottosegretario Daniele MOLGORA risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 3).

Gabriella PISTONE (Misto-Com.it) sottolinea la necessità di distinguere la decisione di trasferire determinati beni alla società Patrimonio S.p.a., per affidarle la gestione di detti beni, con la scelta di considerare edifici di particolare rilievo artistico, costruiti in epoca fascista, privi di qualsiasi interesse storico - artistico e, in quanto tali, liberamente assoggettabili alle procedure di cartolarizzazione.

Evidenzia quindi come, in base alle informazioni in suo possesso, non sarebbe ascrivibile al precedente Governo il trasferimento dell'immobile alla Patrimonio S.p.a., osservando come il rischio di svendere tale importante struttura si sia concretizzato solo a seguito della colpevole inerzia del Ministero dei beni culturali nel corso della presente legislatura.

Sottolinea inoltre come l'importo di 3.260.000 euro posto come base d'asta per la vendita del bene risulti largamente incongruo, ove si consideri che l'edificio ha subito interventi di ristrutturazione per circa 2 milioni di euro negli ultimi 5 anni.

Al riguardo giudica singolare che l'Amministrazione comunale di Latina, presieduta da un deputato di Alleanza nazionale, non abbia sentito il dovere di intervenire per difendere il patrimonio storico della città e per evitare lo sperpero di denaro pubblico derivante dalla mancata utilizzazione della struttura museale approntata.

Ricorda infine che gli eredi Cambellotti hanno condizionato la cessione gratuita delle opere dell'artista alla creazione di un apposito museo, e che pertanto la dismissione dell'immobile determinerebbe altresì il ritorno di tali opere alla proprietà privata, con ulteriore danno per la collettività.

----------------------------------------------------------------
ALLEGATO 3

5-03640 Pistone: Dismissione dell'immobile dell'ex Opera Balilla di Latina.


TESTO DELLA RISPOSTA
Con l'interrogazione a risposta immediata in Commissione l'On. Gabriella Pistone pone quesiti in ordine alla procedura di cessione di un edificio sito nel comune di Latina denominato «ex Opera Balilla».
Al riguardo, si fa presente che la società Patrimonio dello Stato S.p.A ha indetto una procedura ad evidenza pubblica al fine di alienare parte dei 39 immobili trasferiti alla stessa dal Ministero dell'Economia e dette Finanze, con decreto del 21 luglio 2003, tra i quali figura l'immobile sito in Latina - ex G.I.L. - Piazza S. Marco, meglio conosciuto come « ex Opera Balilla».
I citati beni immobili erano stati inseriti nell'elenco allegato al decreto del 27 marzo 2000, emanato di concerto dal Ministro del Tesoro con il Ministro delle Finanze, con il quale ne è Stata decretata l'alienabilità. Il Ministero per i Beni culturali ha declinato la propria competenza in ordine all'alienazione di una parte del citati immobili, fra i quali figura anche l'edificio «ex Opera Balilla», attesa la carenza di interesse storico-artistico dei medesimi.
Pertanto, al bene in questione non si applica l'articolo 12 del decreto legislativo n. 42 del 2004, concernente verifica dell'interesse culturale.
Per quanto riguarda, poi, il secondo quesito, ossia se si intenda ricercare, in collaborazione con il comune di Latina, soluzioni che salvaguardino il patrimonio cittadino, si fa presente che la società Patrimonio dello Stato S.p.A. ha avviato proficui contatti con le Autorità locali, al fine di ricercare soluzioni che solvaguardino le caratteristiche storico-ambientali della città di Latina, non vanificando, in tal modo, l'investimento per le spese di ristrutturazione intraprese per l'immnobile in questione.



web.camera.it


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news