LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Camera - seduta del 1 dicembre 2004 (Ratifica Convenzione europea sul paesaggio)
2004-12-01

Ratifica Convenzione europea sul paesaggio.
C. 5373 Governo e abb.
(Parere alle Commissioni riunite III e VIII).
(Esame e rinvio).

La Commissione inizia l'esame.

Emerenzio BARBIERI (UDC), relatore, ricorda che la Commissione chiamata ad esprimere il proprio parere alle Commissioni Affari esteri e Ambiente sul disegno di legge di ratifica della Convenzione europea sul paesaggio.
Adottata in seno al Consiglio d'Europa e aperta alla firma a Firenze il 20 ottobre 2000, la Convenzione stata firmata da 29 Stati e ratificata da 14, entrando in vigore il 1o marzo 2004.
Fa presente che la Convenzione, al fine di garantire ai cittadini europei un paesaggio di qualit e contestualmente incentivare uno sviluppo sostenibile che coniughi adeguatamente tutela del paesaggio e attivit economiche, promuove l'adozione, a tutti i livelli di governo, di politiche e misure di protezione, gestione e organizzazione dei paesaggi europei, incentivando l'interazione e la cooperazione nazionale ed internazionale in questo campo e proponendo misure volte a formulare politiche del paesaggio, intese quali insieme di orientamenti e strategie che perseguono tali finalit.
Osserva poi che l'aspetto pi significativo della Convezione indubbiamente rappresentato dalla considerazione del paesaggio, nella pi larga accezione del termine, quale componente fondamentale dell'identit europea e del suo patrimonio naturale e culturale. Secondo una visione che porta a riconoscerlo come parte integrante della vita delle popolazioni ed elemento imprescindibile della loro stessa qualit di vita, il paesaggio definito come parte di territorio, cos come percepito dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni.
Si superano quindi le tradizionali concezioni del paesaggio, imperniate sulla rigida distinzione tra i valori naturali e quelli identitari, che sono in realt - come riconosciuto dalla Convenzione - profondamente interconnessi, aderendo a una sua concezione globale, come confermato peraltro dalla previsione dell'applicabilit della Convenzione a tutto il territorio, nei suoi spazi naturali, rurali, urbani e periurbani, compresi sia i paesaggi per cos dire eccezionali che quelli della vita quotidiana e quelli degradati.
Nell'incentivare dunque i Paesi a porre in essere azioni efficaci per la tutela del paesaggio, dalle zone di pregio a quelle soggette a fenomeni di degrado o eventualmente aggredite da fenomeni di abusivismo edilizio, evidenzia che si introduce un concetto innovativo di tutela che si estende a tutto il territorio e non si limita a singole categorie di beni ambientali ed ispirata al principio di sussidiariet, incoraggiando in tal modo le politiche locali in materia.
Considera rilevante anche la previsione che i Paesi si impegnino nell'attuazione di politiche di protezione e gestione del paesaggio, attivando - per la loro efficace definizione e realizzazione - anche apposite procedure di partecipazione pubblica, che coinvolgano le autorit locali e gli altri soggetti operanti in tale ambito, e integrando la tutela del paesaggio in tutte le politiche del territorio, anche a carattere sociale, culturale ed economico.
Reputa altres significativa la previsione dell'impegno dei Paesi ad accrescere la sensibilizzazione dei diversi attori sociali rispetto ai valori paesaggistici, anche promuovendo la formazione di specialisti del settore, nonch programmi interdisciplinari di formazione e appositi insegnamenti, volti all'educazione ai valori del paesaggio e a un'approfondita conoscenza delle sue caratteristiche, in ambito scolastico e universitario.
Segnala l'accento posto sulla cooperazione tra i Paesi aderenti alla Convenzione, anche al fine di realizzare uno scambio reciproco delle esperienze di ricerca e di attivit inerenti al paesaggio e di procedere all'elaborazione di programmi comuni di valorizzazione del paesaggio. La promozione delle politiche paesaggistiche rafforzata anche dall'introduzione di un meccanismo premiale per le autorit locali e regionali e le organizzazioni non governative che si siano distinte nella messa in campo di misure esemplari e durevoli volte alla tutela e all'organizzazione dei paesaggi.
Al fine poi di garantire la pi ampia applicazione della Convenzione, si prevede che il monitoraggio sulla sua attuazione sia effettuato da appositi Comitati intergovernativi del Consiglio d'Europa costituti da esperti in tematiche culturali ed ambientali.
Ritiene che la Convenzione si caratterizzi insomma per la centralit riconosciuta alle politiche paesaggistiche che, in virt di un approccio innovativo, sono ripensate come strumenti che, attraverso una valorizzazione globale, e non pi rigidamente settoriale, del territorio, intendono contribuire al miglioramento della qualit di vita delle popolazioni europee e al loro benessere.
Sottolinea quindi la sua notevole importanza, tanto pi che essa appare pienamente coerente con il dettato dell'articolo 9 della Costituzione - anche nella formulazione che assumer all'entrata in vigore dell'integrazione prevista dal progetto di legge costituzionale discusso poche settimane fa - e con l'interpretazione evolutiva del concetto di paesaggio elaborata dalla Corte costituzionale, inteso quale bene primario della collettivit. Osserva che la ratifica della Convenzione varr altres a rafforzare la cogenza delle disposizioni del Codice dei beni culturali e del paesaggio che ad essa si sono ispirate.
Alla luce di tali considerazioni, propone di esprimere parere favorevole sul disegno di legge in esame.

Ferdinando ADORNATO, presidente, rinvia il seguito dell'esame alla seduta di domani, 2 dicembre 2004.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news