LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senato - seduta del 1 dicembre 2004 (riordino e il risanamento economico dellEnte Ordine Mauriziano di Torino)
2004-12-01

Discussione del disegno di legge:

(3227) Conversione in legge del decreto-legge 19 novembre 2004, n. 277, recante interventi straordinari per il riordino e il risanamento economico dellEnte Ordine Mauriziano di Torino (Relazione orale)


PRESIDENTE. Autorizza il senatore Malan a svolgere la relazione orale.


MALAN, relatore. Il decreto-legge necessario a risolvere la pesante situazione finanziaria dell'Ordine Mauriziano di Torino, che la XIV disposizione transitoria della Costituzione conserva come ente ospedaliero. Gli ingenti debiti accumulati nel corso degli anni, che ammontano a 350 milioni di euro, hanno indotto i creditori a promuovere numerose azioni esecutive, che hanno determinato il pignoramento di beni destinati alla vendita, mentre il finanziamento della Regione Piemonte, decurtato dai pignoramenti, non ha potuto garantire il proseguimento delle attivit sanitarie. L'erogazione di un contributo straordinario di 50 milioni di euro da parte della stessa Regione, che si cos impegnata al rilancio dell'ente, non comunque in grado di garantirne il risanamento, per cui con l'articolo 1 si prevede la conservazione dell'Ordine come ente ospedaliero fino all'entrata in vigore della legge regionale che ne discipliner la natura giuridica e l'inserimento tra le strutture sanitarie del Piemonte. L'articolo 2 istituisce la Fondazione Mauriziana, cui viene trasferito l'ingente patrimonio immobiliare dell'Ordine, che potr cos essere venduto per ripianare i debiti, mentre l'articolo 3 dispone provvedimenti urgenti al fine di assicurare il risanamento dell'ente, tra cui il rinvio di 24 mesi delle procedure esecutive pendenti. La Commissione sottopone all'Assemblea alcuni emendamenti approvati in sede referente, che tuttavia non modificano limpianto complessivo del provvedimento.


EUFEMI (UDC). Avanza una questione pregiudiziale di costituzionalit relativamente agli articoli 1 e 2 del decreto-legge, in quanto l'ordine Mauriziano un ente di diritto pubblico, posto sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica e tutelato da una disposizione costituzionale che fa riferimento al complesso della sua attivit, che non limitata al settore ospedaliero ma investe anche quello dell'assistenza e della beneficenza. Pertanto, la legge del 1962, attuativa della disposizione costituzionale, ha ribadito la natura pubblica dell'ordine Mauriziano, che stata altres confermata dalle successive leggi di riforma sanitaria, nonch da diverse sentenze del Consiglio di Stato. Pertanto, i primi due articoli del provvedimento contrastano con il carattere unitario dell'Ordine poich lo sottoporrebbero alla Regione Piemonte e lo priverebbero di parte rilevante delle proprie attivit, mentre condivisibile l'articolo 3, finalizzato a consentire al commissario straordinario di ripianare il disavanzo di gestione accumulatosi a partire dal 1998. (Applausi del senatore Cambursano).


ZANCAN (Verdi-U). Si associa alle ineccepibili considerazioni del senatore Eufemi e dichiara il voto favorevole del suo Gruppo alla questione pregiudiziale di costituzionalit. La singolare soluzione adottata dal Governo prevede lassegnazione a due distinte fondazioni degli immobili da gestire e di quelli da alienare per soddisfare i creditori, nonch la creazione di un ente per lattivit ospedaliera posto sotto la vigilanza della Regione, nonostante questultima abbia un debito di 60 milioni di euro nei confronti dellEnte Ordine Mauriziano e quindi contribuisca concretamente al suo dissesto finanziario.


PASTORE (FI). A difesa del lavoro svolto dalla Commissione affari costituzionali e soprattutto delliniziativa del Governo, chiarisce che la procedura prescelta ricalca quella seguita in analoghe situazioni, in particolare per consentire il mantenimento dellattivit ospedaliera tutelata dalla XIV Disposizione transitoria e finale della Costituzione e nel contempo, attraverso lo scorporo del patrimonio immobiliare, la restituzione di debiti ammontanti a ben 350 milioni di euro. La procedura, certamente migliorabile, stata individuata con il consenso di tutti gli enti territoriali interessati. Invero, leliminazione dei primi due articoli del decreto-legge a seguito delleventuale approvazione della questione pregiudiziale renderebbe incostituzionale e inapplicabile lintero provvedimento. (Applausi dal Gruppo FI e del senatore Morselli. Commenti del senatore Cambursano).


D'ALI', sottosegretario di Stato per l'interno. Il Governo, assolutamente contrario alla questione pregiudiziale, invita lAssemblea a respingerla ed a procedere celermente alla conversione del decreto-legge. Il commissariamento dellente ospedaliero, disposto per lallarmante situazione debitoria emersa dopo lispezione congiunta dei Ministeri dellinterno e delleconomia, non ha potuto per sua natura favorire il riordino complessivo e nel contempo garantire il rispetto da una parte della Costituzione e dallaltra dellattribuzione della competenza in materia sanitaria alle Regioni. La soluzione prospettata dal Governo, quindi, mantiene lOrdine Mauriziano come ente ospedaliero, con i relativi presidi ospedalieri, e conferisce ad una fondazione alcuni beni di rilievo storico e culturale, mentre una seconda fondazione gestir i restanti beni per ripianare i debiti e per alimentare gli scopi dellEnte. Naturalmente i beni ecclesiastici inalienabili resteranno nel patrimonio della fondazione, che peraltro attiver anche le procedure per laccensione di un mutuo. Infine, la Regione Piemonte decurter dai debiti dellEnte Mauriziano i 60 milioni del proprio debito.


MALAN, relatore. Chiede al senatore Eufemi se alla luce delle considerazioni del rappresentante del Governo accetta di ritirare la questione pregiudiziale di costituzionalit; in alternativa, propone il rinvio dellesame del provvedimento per consentire gli opportuni approfondimenti.


EUFEMI (UDC). Mantiene la questione pregiudiziale, che indirettamente prospetta una linea alternativa a quella individuata dal Governo. (Applausi dal Gruppo Mar-DL-U e dei senatori Acciarini e Zancan).


MALAN, relatore. Su segnalazione del Governo in ordine al rischio di superamento dei limiti temporali utili alla conversione in legge del decreto, ritira la proposta di rinvio.


LAURO (FI). La questione pregiudiziale di costituzionalit presenta anche un risvolto di ordine territoriale, poich la disfunzione riguarda una volta tanto un ente del Nord anzich il vituperato Mezzogiorno.


PRESIDENTE. Su richiesta del senatore FERRARA (FI), dispone la verifica del numero legale. Avverte che il Senato non in numero legale e sospende la seduta per venti minuti.


La seduta, sospesa alle ore 12,28, ripresa alle ore 12,50.


D'ALI', sottosegretario di Stato per l'interno. In considerazione dei tempi sufficientemente ampi per la conversione in legge del decreto-legge, accoglie la proposta di rinviare il seguito della discussione alla prossima settimana, confermando nel contempo la piena regolarit della normativa sotto il profilo costituzionale. (Applausi del senatore Cambursano).


PRESIDENTE. Non facendosi osservazioni, cos rimane stabilito.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news