LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Disposizioni per la salvaguardia del patrimonio culturale ebraico in Italia
2004-05-06

XIV LEGISLATURA - CAMERA DEI DEPUTATI - N. 4981





PROPOSTA DI LEGGE

d'iniziativa dei deputati

DI TEODORO, TOCCI, CARLUCCI



Presentata il 6 maggio 2004

Onorevoli Colleghi! - La presente proposta di legge volta a contribuire alla conservazione ed alla salvaguardia dell'ingente e significativo patrimonio culturale ebraico esistente nella nostra penisola.
Essa fa seguito all'ordine del giorno 9/4489/86, presentato da diversi deputati appartenenti a vari gruppi in relazione al disegno di legge finanziaria 2004. Tale ordine del giorno impegna il Governo a reperire, nell'ambito delle risorse stanziate nelle tabelle della legge finanziaria, una somma idonea a finanziare, nel triennio di riferimento 2004-2006, la tutela ed il restauro delle sinagoghe delle citt italiane. L'ordine del giorno stato accolto come raccomandazione dal Governo; la presente proposta di legge volta a porre in essere le condizioni per una sua concreta attuazione.
La legge n. 350 del 2003 (legge finanziaria 2004) reca, nell'ambito della tabella B - alla rubrica del Ministero per i beni e le attivit culturali - numerose finalizzazioni incentrate sul recupero del patrimonio culturale, con specifico riguardo a quello legato alle tradizioni religiose italiane. Un accantonamento destinato, tra l'altro, alle catacombe ebraiche di Roma.
Come noto, il patrimonio culturale italiano presenta una variet, una ricchezza e una diffusione territoriale uniche al mondo. Nell'ambito di tale patrimonio, i beni culturali, architettonici, artistici e archivistici ebraici rappresentano un elemento con caratteristiche peculiari e testimoniano una presenza minoritaria ma profondamente radicata nella storia italiana.
Ne un esempio per tutti la sinagoga di Roma, di cui quest'anno ricorre il centenario dell'inaugurazione.
In particolare, le sinagoghe sono nello stesso tempo luoghi di culto, straordinari tesori culturali e vive testimonianze di una presenza ebraica che in Italia si perpetua da 2.200 anni. Diverse sinagoghe sono aperte regolarmente al pubblico e tutte costituiscono una sede ideale di incontro con la cultura ebraica, che ha dato un apporto fondamentale al progredire del sapere.
La Giornata europea della cultura ebraica e la Giornata della memoria rappresentano ogni anno appuntamenti fissi per una riscoperta dei luoghi ebraici, che in tali occasioni si aprono a ricevere moltitudini di partecipi visitatori.
Pi nel dettaglio, il patrimonio ebraico in Italia composto da una settantina di sinagoghe costruite tra il medioevo e il XX secolo; la sinagoga di Ostia (Roma) risale addirittura al periodo romano. Una dozzina di musei, sparsi in tutto il territorio, offrono in esposizione oggetti legati al culto e alla vita quotidiana, arredi, tessuti, libri, documenti, alcuni dei quali di particolare importanza per le loro preziose decorazioni. Anche alcuni cimiteri hanno un valore non soltanto storico ed affettivo, ma costituiscono eccezionali testimonianze artistiche.
Si tratta di un patrimonio che - come accennato - sta assumendo un valore sempre maggiore e che il grande pubblico non ebraico sta scoprendo, considerandolo sempre pi parte integrante del patrimonio artistico del Paese.
Sinagoghe e siti ebraici sono sparsi in tutta la penisola, con massime concentrazioni nell'Italia centro-settentrionale. Gli ebrei furono, infatti, espulsi (in gran numero) dall'Italia meridionale nel 1492 e da allora non si sono pi formate comunit ebraiche organizzate; nel sud e nelle isole esistono per tracce e ricordi di grande valore (e sui quali sarebbe interessante compiere studi approfonditi). L'unica comunit ebraica con sinagoga funzionate del sud si trova a Napoli, dove gli ebrei sono rientrati alla fine dell'ottocento.
Un breve quadro regionale pu essere utile per comprendere l'entit del fenomeno culturale ebraico italiano e delle sue necessit.
Il Piemonte la regione in cui sono concentrate le pi interessanti sinagoghe barocche edificate all'epoca dei ghetti all'interno delle case (come a Biella, a Carmagnola, a Casale Monferrato, a Cherasco, a Mondov, a Saluzzo): si tratta di sale non identificabili dall'esterno, che rivelano all'interno affreschi e arredi di notevole rilievo artistico. Nella stessa regione alcune antiche sinagoghe (come quelle di Asti e di Ivrea) hanno subto ampliamenti e trasformazioni dopo il 1848, in seguito all'emancipazione concessa agli ebrei dal re Carlo Alberto, altre sono state costruite ex novo (come quelle di Alessandria, di Torino e di Vercelli) in forma monumentale, spesso gi sovradimensionate al nascere rispetto alla stessa popolazione ebraica della citt. Le sinagoghe pi antiche, in gran parte gi restaurate, necessitano di lavori legati soprattutto alla vetust degli edifici nei quali si trovano; infatti, anche una delle sinagoghe pi curate, come quella di Casale Monferrato, in uso ininterrotto dal 1599, oggi monumento nazionale, presenta gravi problemi di infiltrazioni dal tetto e dai finestroni. La monumentale sinagoga di Vercelli ha invece problemi pi urgenti e di ampia portata.
La Lombardia presenta tre centri di rilievo: Milano, Mantova e Sabbioneta. La sinagoga centrale di Milano (inaugurata nel 1890) ha avuto un recente restauro nel 1997, non completato per in alcune parti (come le sale sotterranee, dove si trova anche una sinagoga orientale, e il bagno rituale); alcune recenti infiltrazioni sono state evidenziate nel tetto che mettono in pericolo il soffitto dorato.
La sinagoga di Mantova quella tra le lombarde che in questo momento necessita di maggiore attenzione: inaugurata nel 1902, copia fedele della sinagoga Norsa Torrazza (1513) di cui conserva gli arredi e le iscrizioni, infatti in stato di forte degrado. La sinagoga di Sabbioneta fu ricostruita nel 1824 su una pi antica sinagoga e conserva ancora parte degli arredi del tempio pi antico, risalente al XVI secolo.

In Liguria la sinagoga di maggiore rilievo, inaugurata nel 1935, si trova a Genova; questa ha necessit di completare la ristrutturazione interna (ultimo piano destinato a museo), specie in considerazione del fatto che quest'anno Genova capitale europea della cultura.
In Veneto le sinagoghe del ghetto di Venezia (le scole canton, italiana, grande tedesca, spagnola e levantina), sono tra i monumenti pi conosciuti al mondo e pi visitati dai turisti; esse necessitano di continui, delicati restauri. Non da meno la sinagoga di Padova, in funzione dal 1548.
Nel Trentino-Alto Adige l'unica sinagoga esistente quella di Merano, che ha di recente realizzato un museo espositivo, che richiederebbe aggiunte e variazioni.
Nel Friuli-Venezia Giulia la sinagoga di Trieste (inaugurata nel 1912) attualmente in restauro. Si prevede per che i finanziamenti non saranno sufficienti a restaurare tutto l'edificio. La sinagoga di Gorizia richiede alcuni interventi di ripristino interno alla sala di preghiera.
In Emilia Romagna si trova una seconda forte concentrazione di sinagoghe:
Bologna, Carpi, Ferrara, Modena, Parma, Reggio Emilia, Soragna; alcune di queste, come quella di Ferrara, sono molto antiche, in uso dal 1422. Anche in questa regione esiste un problema di ripristini legati alla vetust degli edifici in cui esse si trovano.
In Toscana il tempio monumentale di Firenze, con il suo museo, tra i monumenti pi visitati dai turisti in citt. I lavori di mantenimento e di arricchimento sono continui e numerosi, in particolare per l'ampliamento del museo. Necessitano di cure continue anche le sinagoghe di Siena (inaugurata nel 1786), di Pisa (ricostruita nel 1863), di Pitigliano (rifatta come copia nel 1995) e quella moderna di Livorno (1962). A Pisa, inoltre, sorge uno splendido cimitero monumentale, situato subito fuori della Piazza dei Miracoli, che necessita di numerosi lavori di recupero.
Le sinagoghe delle Marche, che fanno capo ad Ancona, sono quelle di Pesaro, di Senigallia e di Urbino. Tutte queste sinagoghe hanno avuto ad oggi restauri incompleti.
Il grande tempio maggiore di Roma, inaugurato nel 1904, si avvia a celebrare - come accennato - il centenario: il 23 maggio 2004 si terr una cerimonia ufficiale alla presenza del Presidente della Repubblica e delle pi alte cariche dello Stato. Gli interventi necessari per arrivare a questo evento sono numerosi e urgenti: restauro delle vetrate artistiche; lavori di consolidamento dell'edificio; adeguamento degli impianti idraulico e elettrico; restauro degli argenti e dei tessuti; restauro dell'organo; restauro della cancellata.
La sinagoga di Napoli, la pi meridionale d'Italia, in uso dal 1915, grazie a un lascito del barone Carl de Rothschild. La piccola comunit di Napoli vorrebbe restaurare la sala di preghiera e quelle di incontro.
Il resto dell'Italia meridionale e delle isole (in particolare la Sicilia) varrebbero, come si gi accennato, un discorso a parte. Esistono, infatti, sollecitazioni da parte di studiosi locali perch si studino, si ricerchino e si recuperino siti un tempo ebraici o antiche sale di preghiera, utilizzandoli oggi come centri di diffusione della cultura ebraica, in regioni nelle quali questa ha avuto in passato un notevole peso e dove permane ancora oggi un forte ricordo tra la popolazione.
Infine, il centro bibliografico dell'Unione delle comunit ebraiche italiane, in Roma, il punto di riferimento centrale per il patrimonio librario e archivistico dell'ebraismo italiano.
Nella sintetica ricognizione appena compiuta stanno le ragioni della presente proposta di legge, che consta di un unico articolo, volto a prevedere un piccolissimo sforzo finanziario da parte dello Stato italiano per la salvaguardia di uno straordinario patrimonio culturale, che appartiene a tutti gli italiani.





PROPOSTA DI LEGGE

Art. 1.
1. Per interventi conservativi e di restauro sul patrimonio culturale, architettonico, artistico e archivistico ebraico in Italia autorizzata la spesa di 1 milione di euro per l'anno 2005 e di 2 milioni di euro a decorrere dall'anno 2006.
2. Gli interventi di cui al comma 1 sono definiti annualmente con decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali, da adottare entro il 31 dicembre dell'anno precedente a quello di riferimento, sentito il parere dell'Unione delle comunit ebraiche italiane. In sede di prima applicazione, limitatamente alla somma stanziata per l'anno 2005, il decreto adottato entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge.
3. Gli interventi di cui al comma 1 possono essere direttamente effettuati dall'Unione delle comunit ebraiche italiane e da soggetti o da istituzioni proprietari, possessori e detentori dei beni, ai quali sono assegnate le relative risorse.
4. All'onere derivante dall'attuazione della presente legge, pari a 1 milione di euro per l'anno 2005 e a 2 milioni di euro a decorrere dall'anno 2006, si provvede mediante corrispondente riduzione delle proiezioni dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2004-2006, nell'ambito dell'unit previsionale di base di conto capitale Fondo speciale dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2004, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero per i beni e le attivit culturali.
5. Il Ministro dell'economia e delle finanze autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

http://www.camera.it/_dati/leg14/lavori/schedela/apriTelecomando.asp?codice=14PDL0060321


news

24-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news