LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

N. 2077 - Istituzione della Fondazione Galleria degli Uffizi di Firenze
2003-03-06

DISEGNO DI LEGGE diniziativa dei senatori PASSIGLI, DINI, FRANCO Vittoria e BOCO

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MARZO 2003


Onorevoli Senatori. Da tempo venuta affermandosi, sullesempio dei pi importanti musei stranieri, lipotesi di dotare anche i pi importanti musei italiani di una maggiore autonomia gestionale che permetta loro di adattarsi in maniera pi flessibile alle mutate e mutevoli esigenze di fruizione, determinate dal forte incremento dei flussi turistici, dal diffondersi di mostre e manifestazioni speciali, e dalla
presenza nei musei di nuovi servizi a disposizione dei visitatori.

Questa esigenza di maggiore autonomia ha trovato riscontro durante la XIII legislatura nella creazione di sovrintendenze speciali (ad esempio a Pompei), e pi recentemente nella stessa legge finanziaria 2003, che allarticolo 80, comma 52, prevede la possibilit di affidare la gestione dei musei anche ai privati.
Non va infine dimenticata la crescente richiesta delle regioni di partecipare alla valorizzazione e gestione dei beni culturali.

Il presente disegno di legge ben conscio di questi precedenti e di questa tendenza, e li ritiene di particolare interesse per la Galleria degli Uffizi di Firenze.
Tuttavia, piuttosto che ipotizzare una sovrintendenza speciale (che rimarrebbe soggetta alle stesse norme che si
applicano agli organi periferici del Ministero dei beni e delle attivit culturali), o un trasferimento di competenze alle regioni e al sistema delle autonomie, o un affidamento alle imprese private, esso prevede, sulla base di consolidate esperienze, specie nel mondo anglosassone,
la creazione di una fondazione ad hoc da parte dello Stato, della regione Toscana, e del comune di Firenze, rinviando allo statuto da elaborare da parte di detti soci promotori entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge lidentificazione di altri soci pubblici o privati, dei vari apporti di capitale e degli organi sociali.
Si ottiene cos il beneficio di una rapida costituzione della fondazione, e della sua massima flessibilit nel tempo, essendo lasciato allo statuto e a sue eventuali modifiche, anzich alla legge, la disciplina delle modalit di funzionamento della fondazione, con il solo vincolo del particolare ruolo e peso riservato allo Stato, regione Toscana e comune di Firenze.

Il disegno di legge prevede invece, allarticolo 3, quale irrinunciabile punto fermo, il permanere in capo al solo Stato, e quindi al personale tecnico-scientifico delle sovrintendenze, dei compiti di tutela (conservazione, restauro etc.) dei beni culturali custoditi presso la Galleria degli Uffizi.

Di converso, il presente disegno di legge prevede, allarticolo 2, che la fondazione diventi la stazione appaltante dei
lavori necessari alla realizzazione del progetto denominato Grandi Uffizi, allampliamento del museo cio in spazi quasi doppi rispetto allattuale Galleria.

Ci consentirebbe la certezza di conservare per il progetto i 34 milioni di euro di finanziamento statale oggi disponibili
per i lavori, che in assenza della fondazione rischierebbero di finire in perenzione.
Alla fondazione verrebbero inoltre destinati i proventi
della vendita dei biglietti, e i canoni pagati dagli eventuali concessionari dei servizi (articolo 4).

Fermo restando che il personale tecnico-scientifico rimarr sempre statale, larticolo 5 prevede, infine, che il restante personale oggi in servizio presso il museo resti statale fino alla quiescenza, e che alla copertura del suo costo partecipi la fondazione nella proporzione che
verr fissata da unapposita convenzione tra lo Stato e la medesima fondazione.


DISEGNO DI LEGGE

Art. 1.

1. istituita la Fondazione Galleria degli Uffizi. Soci fondatori della Fondazione sono lo Stato, la regione Toscana e il comune di Firenze.

2. Lo statuto della Fondazione, da adottarsi da parte dei soci fondatori entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, disciplina il conferimento di capitale da parte dei soci fondatori, nonch le modalit di adesione alla Fondazione di altri soggetti pubblici o privati, i relativi apporti di capitale e la loro partecipazione agli organi di gestione della Fondazione.
3. La maggioranza dei seggi negli organi della Fondazione comunque riservata ai soci fondatori.

Art. 2.

1. La Fondazione ha per scopo la gestione e la valorizzazione dei beni culturali custoditi presso lattuale museo statale Galleria degli Uffizi, nonch la gestione di tutti gli interventi necessari allampliamento e fruizione dellattuale museo statale, sostituendosi quale stazione
appaltante al Ministero per i beni e le attivit culturali, avvalendosi dei fondi a tal fine stanziati o in futuro disponibili nel bilancio di tale
Ministero.

Art. 3.

1. I beni culturali facenti parte delle collezioni esistenti presso il museo statale Galleria degli Uffizi restano di esclusiva propriet dello
Stato. I compiti di tutela di tali beni, ivi compresi la loro conservazione e restauro, sono di esclusiva competenza del Ministero per i beni e
le attivit culturali. Le modalit di esposizione dei suddetti beni e qualsiasi loro altro utilizzo devono essere autorizzati dai competenti organi
del Ministero per i beni e le attivit culturali.

Art. 4.

1. Il patrimonio della Fondazione costituito da:

a) i conferimenti di capitale da parte dei soci fondatori come da statuto della Fondazione;

b) i conferimenti di eventuali altri soci pubblici o privati;
c) i contributi e lasciti destinati a tale scopo da soggetti pubblici o privati;

2. La Fondazione si avvale nel proprio bilancio di esercizio:

a) dei proventi derivanti dalla vendita dei biglietti di ingresso alla Galleria degli Uffizi e dalle attivit editoriali, espositive, di
merchandising, e da qualsiasi altra attivit economica connessa allutilizzo dei beni culturali custoditi nella Galleria degli Uffizi;
b) delle somme a qualsiasi titolo versate dai concessionari dei servizi nella suddetta Galleria.

Art. 5.

1. Gli attuali dipendenti del Ministero per i beni e le attivit culturali in servizio presso il museo statale Galleria degli Uffizi restano alle
dipendenze di tale Ministero fino alla loro messa in quiescenza. Una convenzione tra il Ministero e la Fondazione discipliner il contributo
che questultima verser al Ministero a fronte del costo del personale sopportato dal Ministero, eccezion fatta per quanto previsto dal comma
2. Tale contributo non potr superare i proventi della vendita dei biglietti di ingresso nellanno precedente.

2. Rester ad esclusivo carico del Ministero per i beni e le attivit culturali il costo del personale necessario ad assolvere ai compiti di cui
allarticolo 3.

Art. 6.
(Disposizioni finali ed entrata in vigore)

1. La presente legge non comporta oneri aggiuntivi per lo Stato.

2. La presente legge entra in vigore il giorno seguente alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news