LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PROGETTO DI LEGGE - N. 153 - VIII Commissione - Seguito dell'esame e rinvio- EMENDAMENTO RIFORMULATO NEL CORSO DELLA SEDUTA
2004-12-15

Governo del territorio.
Testo unificato C. 153 Bossi, C. 442 Vigni, C. 677 Martinat, C. 1065 Pecoraro Scanio, C. 3627 Mantini, C. 3810 Sandri, C. 3860 Lupi, C. 4707 Vendola.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato il 23 novembre 2004.

Francesco STRADELLA, presidente, ricorda che la Commissione ha concluso, da ultimo, l'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 5.

Maurizio Enzo LUPI (FI), relatore, esprime parere favorevole sugli emendamenti Mantini 6.8 e 6.9, nonch sull'emendamento Parolo 6.28, a condizione che sia riformulato nel senso di prevedere che le regioni determinano i criteri di dimensionamento per i servizi che implicano l'esigenza di aree e relative attrezzature; con tale riformulazione, peraltro, risulterebbe assorbito anche l'emendamento Parolo 6.27, in ordine al quale formula, conseguentemente, un invito al ritiro. Invita altres al ritiro degli emendamenti Paroli 6.6 e Parolo 6.29, esprimendo infine parere contrario sui restanti emendamenti riferiti all'articolo 6.

Il viceministro Ugo MARTINAT esprime un parere conforme a quello del relatore.

Ugo PAROLO (LNFP) accoglie la proposta di riformulazione del proprio emendamento 6.28 (vedi allegato), sottolineando che la finalit generale di tale proposta quella di chiarire che le regioni sono i soggetti legittimati a fissare i parametri e le entit minime delle dotazioni territoriali.

Alfredo SANDRI (DS-U), intervenendo per alcune considerazioni di carattere generale sugli emendamenti all'articolo 6 presentati dai gruppi di opposizione, sottolinea che le proposte emendative mirano a mantenere la definizione degli standard minimi delle dotazioni territoriali all'interno delle competenze dello Stato, pur nel pieno coinvolgimento delle regioni. Ritiene pertanto che, qualora si dovesse modificare il quadro normativo attualmente in vigore, nel senso indicato dal testo unificato predisposto dal relatore, si determinerebbe una situazione di assoluta disomogeneit a livello nazionale, con discipline pericolosamente difformi tra le diverse regioni.

Maurizio Enzo LUPI (FI), relatore, pur non ritenendo del tutto convincenti le obiezioni formulate dal deputato Sandri, esprime la propria disponibilit a valutare ulteriormente la questione, eventualmente al termine dell'esame degli emendamenti, individuando una adeguata soluzione a fronte del testo finale che emerger dalle proposte emendative approvate.

Mauro CHIANALE (DS-U) sottolinea l'esigenza che i piani urbanistici intervengano sul territorio nel rispetto di una serie di indicazioni minime, fissate ad un livello superiore di attivit di panificazione. Osserva, in particolare, che l'ultimo comma dell'articolo 6 del testo unificato prevede un meccanismo che non fa chiarezza in ordine alla fissazione delle dotazioni territoriali mimine.

Il viceministro Ugo MARTINAT, in relazione a quanto osservato dai deputati finora intervenuti, precisa che il Governo non intende in nessun modo rinunciare alla titolarit di funzioni e prerogative attribuite dalla legge allo Stato e che, pertanto, considera con favore le eventuali proposte emendative che vadano nella direzione di confermare la disciplina, tuttora vigente, relativa alla titolarit di tali funzioni e prerogative.

Alfredo SANDRI (DS-U) ritiene che dagli interventi del relatore e del rappresentante del Governo sembrerebbe potersi dedurre una disponibilit alla modifica del testo unificato nel senso indicato dagli emendamenti presentati dai gruppi di opposizione.

Maurizio Enzo LUPI (FI), relatore, intervenendo per un'ulteriore precisazione, osserva che la disponibilit al pi ampio confronto possibile, che ha caratterizzato l'intero dibattito sul provvedimento in esame, deve necessariamente essere concentrata su specifiche disposizioni e non pu prevedere l'accoglimento di ogni proposta proveniente dai gruppi di opposizione.

Tino IANNUZZI (MARGH-U) osserva che, nel corso del dibattito sul testo unificato predisposto dal relatore, stato possibile approfondire le diverse questioni ed apportare alcuni miglioramenti. In tal senso, ritiene necessario riflettere sull'opportunit di definire il livello minimo degli standard urbanistici, sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo, fissando le relative competenze in capo allo Stato, laddove l'attuale formulazione dell'articolo 6 non contiene nulla di esplicito al riguardo.

Francesco STRADELLA, presidente, essendosi definiti gli aspetti di ordine generale relativi all'articolo 6, invita la Commissione a passare all'esame degli emendamenti ad esso riferiti.

Alfredo SANDRI (DS-U) dichiara di sottoscrivere l'emendamento Nesi 6.1.

Tino IANNUZZI (MARGH-U) dichiara di sottoscrivere l'emendamento Nesi 6.1.

La Commissione respinge l'emendamento Nesi 6.1.

Tino IANNUZZI (MARGH-U) illustra i contenuti e le finalit del proprio emendamento 6.10, ribadendo la necessit di definire in modo netto la competenza dello Stato sulla materia ed esprimendo preoccupazione rispetto alle possibili previsioni contenute negli atti di programmazione urbanistica. Osserva che l'emendamento in questione contiene una norma di principio, idonea a fornire un preciso orientamento alle regioni e agli enti locali rispetto alla dotazione di servizi e alla integrazione degli standard minimi.

La Commissione respinge l'emendamento Iannuzzi 6.10.

Francesco STRADELLA, presidente, rileva l'assenza del presentatore dell'emendamento Paroli 6.6; s'intende che via abbia rinunciato.

Ugo PAROLO (LNFP), accogliendo l'invito formulato dal relatore, ritira il proprio emendamento 6.27, considerato peraltro che esso risulterebbe, di fatto, assorbito dall'eventuale approvazione della nuova formulazione del proprio emendamento 6.28.

La Commissione, con distinte votazioni, respinge l'emendamento Mantini 6.7 e approva l'emendamento Parolo 6.28 (nuova formulazione).

Tino IANNUZZI (MARGH-U) dichiara di sottoscrivere l'emendamento Nesi 6.2.

Fabrizio VIGNI (DS-U) dichiara di sottoscrivere l'emendamento Nesi 6.2.

La Commissione respinge, con distinte votazioni, gli emendamenti Nesi 6.2 e Lion 6.4.

Mauro CHIANALE (DS-U) dichiara di sottoscrivere l'emendamento Nesi 6.3.



La Commissione, con distinte votazioni, respinge l'emendamento Nesi 6.3, approva l'emendamento Mantini 6.8 e respinge l'emendamento Lion 6.5.

Ugo PAROLO (LNFP) ritira il proprio emendamento 6.29.

La Commissione approva quindi l'emendamento Mantini 6.9.

Francesco STRADELLA, presidente, nel rilevare che si cos concluso l'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 6, prende atto che il rappresentante del Governo, a causa di improrogabili impegni istituzionali, non potr ulteriormente partecipare ai lavori della Commissione. Rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 15.30.

http://web.camera.it/_dati/leg14/lavori/bollet/frsmcdin.asp?percboll=/_dati/leg14/lavori/bollet/2004


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news