LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Camera - seduta del 27 gennaio 2005 (Norme in materia di beni e attivit culturali e contributo al Museo della Shoah)
2005-01-27

Norme in materia di beni e attivit culturali e contributo al Museo della Shoah.
Nuovo testo C. 5310-ter Governo.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato, da ultimo, il 22 dicembre 2004.

Ferdinando ADORNATO, presidente, avverte che sono stati presentati emendamenti (vedi allegato 1).

Antonio PALMIERI (FI), relatore, dopo aver ricordato che la Commissione ha gi proceduto alla soppressione delle norme relative alla sperimentazione dei libri scolastici via INTERNET, non ritenendo necessario un intervento legislativo in materia, segnala che - a quanto risulta dalle indicazioni fornitegli informalmente dal Governo - i contenuti dell'attuale articolo 1 del testo in esame, relativi a disposizioni in materia di destinazione delle risorse per interventi sulle infrastrutture al settore dei beni e delle attivit culturali, sono stati inclusi nel decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 21 gennaio scorso, peraltro non ancora pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
Il sottosegretario Mario PESCANTE conferma la circostanza riferita dal relatore.

Antonio PALMIERI (FI), relatore, informa quindi la Commissione che, per tale ragione, ha predisposto un emendamento soppressivo dell'articolo 1, ritenendo opportuno agevolare la pi rapida approvazione della restante parte del provvedimento che, come noto, stanzia le risorse necessarie per l'istituzione del Museo della Shoah. A questo proposito, segnala poi di aver presentato un secondo emendamento, volto a trasferire il relativo onere finanziario dall'accantonamento del fondo speciale relativo al Ministero per i beni e le attivit culturali a quello relativo al Ministero dell'economia e delle finanze. Ritiene che tale scelta sia necessaria alla luce dell'esiguit delle risorse disponibili in relazione al primo Ministero, che sono appena sufficienti a dare copertura al provvedimento in esame, con conseguente impossibilit di ulteriori interventi di spesa in corso d'anno. Resta fermo che il Governo potr suggerire, anche in sede di Commissione bilancio, le diverse modalit di copertura che riterr pi opportune, fatta salva comunque l'esigenza di evitare ulteriori ritardi nell'effettivo stanziamento delle risorse gi previste al momento dell'approvazione della legge istitutiva del Museo, che risale agli inizi del 2003.
In questo contesto, peraltro, considerata la scarsit delle risorse complessivamente disponibili, giudica non realistica la richiesta di incrementare l'importo del contributo da 15 a 20 milioni di euro, prospettata dall'emendamento Carli 2.1, su cui preannuncia pertanto un invito al ritiro.
Esprime infine l'auspicio che si realizzino al pi presto le condizioni per il trasferimento in sede legislativa di questo importante provvedimento.

Carlo CARLI (DS-U) esprime l'apprezzamento del suo gruppo per la circostanza che la Commissione sia chiamata a deliberare su questo importante provvedimento proprio nel giorno in cui, in tutto il mondo, si celebra la Giornata della Memoria. Ritiene peraltro necessario sottolineare che il Governo ha fin qui in qualche modo ritardato la piena attuazione dell'intervento previsto dalla legge n. 91 del 2003, approvata a suo tempo con il concorso unanime di tutti i gruppi parlamentari, ed auspica che la soluzione proposta dal relatore per assicurare la copertura finanziaria del provvedimento non incontri ulteriori difficolt nelle sedi competenti ad esaminarla.
Considerando prioritario l'interesse ad una rapida approvazione del provvedimento, si dichiara disponibile a ritirare l'emendamento 2.1, pur sottolineando che un incremento delle risorse sarebbe senz'altro opportuno.
Si sofferma quindi sui contenuti dell'articolo 1, in relazione al quale sottolinea l'esigenza - su cui si torner a discutere in sede di esame del preannunciato decreto-legge - di fissare un termine certo per l'adozione delle norme regolamentari necessarie per assicurare la reale operativit della Societ Arcus Spa.
Infine, ribadisce l'auspicio di una rapida approvazione del provvedimento.

Ferdinando ADORNATO, presidente, dopo aver sottolineato la particolare valenza simbolica del fatto che la Commissione si pronunci proprio in questa giornata sul provvedimento in esame, esprime l'auspicio che tutti i gruppi parlamentari diano testimonianza dell'unanimit di intenti emersa in questa sede e si augura che il Governo dimostri la propria disponibilit anche in relazione all'individuazione delle necessarie risorse.

Andrea COLASIO (MARGH-U) si dichiara innanzitutto favorevole alla proposta di sopprimere l'articolo 1 del provvedimento. Al proposito, segnala peraltro l'esigenza che la Commissione recuperi un ruolo da protagonista nelle procedure che portano all'individuazione degli interventi finanziari pubblici in materia di beni e attivit culturali, ritenendo che in troppi casi le decisioni riguardanti questo settore sono assunte in organismi del tutto estranei al Parlamento o in sedi parlamentari diverse dalla Commissione stessa: in tal senso, fa particolare riferimento alle procedure per l'assegnazione dei fondi dell'8 per mille, a quelli derivanti da parte delle entrate del gioco del lotto e ad alcuni recenti interventi di spesa disposti direttamente da norme legislative.
Da questo punto di vista ritiene importante che nel successivo esame delle norme in oggetto, si individuino le modalit per assicurare la necessaria trasparenza alle procedure per la realizzazione degli interventi della Arcus Spa, anche con un adeguato coinvolgimento delle competenti Commissioni parlamentari.
Passano poi all'intervento relativo al contributo per la realizzazione del Museo della Shoah, si associa alle considerazioni gi espresse in ordine alla particolare valenza simbolica dell'esame in corso, ribadendo l'importanza del fatto che tutte le sedi istituzionali, nell'ambito delle proprie competenze, diano un segnale concreto di partecipazione alle celebrazioni della Giornata della Memoria. Condivide inoltre la proposta del relatore di modificare la copertura del provvedimento, considerata l'esiguit delle risorse attribuite al Ministero per i beni e le attivit culturali.

Flavio RODEGHIERO (LNFP) condivide le considerazioni del deputato Colasio in ordine alla scarsa incisivit del ruolo svolto dalla Commissione, nel corso dell'intera legislatura, nelle decisioni assunte in materia di interventi finanziari per i beni e le attivit culturali. Al proposito, segnala in particolare come l'attuazione delle disposizioni dell'articolo 1, comma 29, della legge finanziaria per il 2005 sia stata interamente gestita al di fuori della Commissione che, a suo avviso, avrebbe avuto pieno titolo a valutare le scelte fatte in tale ambito. Ritiene che la procedura in oggetto, che si conclusa con l'approvazione di una risoluzione della Commissione bilancio, abbia condotto a scelte frammentarie e non sufficientemente equilibrate.

Ferdinando ADORNATO, presidente, pur ritenendo in parte fondate le considerazioni svolte dai deputati Colasio e Rodeghiero, sottolinea come egli si sia sempre impegnato per garantire il pieno coinvolgimento della Commissione in tale tipo di scelte.

Flavio RODEGHIERO (LNFP) ribadisce la convinzione che, nel corso di questa legislatura e a differenza della precedente, la Commissione non sia stata capace di intervenire adeguatamente in questo tipo di procedure.

Giovanna GRIGNAFFINI (DS-U), dopo essersi associata alle considerazioni dei deputati Colasio e Rodeghiero, si sofferma peraltro sul contenuto essenziale del provvedimento in esame, sottolineando l'importanza che la Commissione si pronunci unanimemente sulla necessit di stanziare quanto prima le risorse necessarie alla realizzazione del Museo della Shoah. Esprime quindi apprezzamento per la scelta del relatore di stralciare quelle parti del provvedimento che risultavano estranee rispetto al suo nucleo fondamentale.

Antonio PALMIERI (FI), relatore, raccomanda quindi l'approvazione del suo emendamento 1.4 e dell'identico emendamento Titti De Simone 1.1, nonch del suo emendamento 2.2. Invita al ritiro dei restanti emendamenti presentati.

Il sottosegretario Mario PESCANTE concorda con il parere del relatore.

La Commissione approva gli identici emendamenti Titti De Simone 1.1 e 1.4 del relatore.

Ferdinando ADORNATO, presidente, avverte che gli emendamenti Grignaffini 1.2 e 1.3 sono pertanto preclusi.

Carlo CARLI (DS-U) ritira l'emendamento 2.1, di cui cofirmatario.

La Commissione approva l'emendamento 2.2 del relatore.

Ferdinando ADORNATO, presidente, avverte che il testo in esame, come risultante dagli emendamenti approvati, sar trasmesso alle Commissioni competenti in sede consultiva.
Nel riservarsi di trasmettere alla Presidenza della Camera la richiesta di trasferimento in sede legislativa, non appena perfezionati i requisiti di cui all'articolo 92, comma 6, del Regolamento, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 14.40.



Allegato 1
ALLEGATO 1

Norme in materia di beni e attivit culturali e contributo al Museo della Shoah (C. 5310-ter).


EMENDAMENTI

ART. 1.

Sopprimerlo.
* 1. 1. Titti De Simone.

Sopprimerlo.
* 1. 4. Il Relatore.

Sopprimere il comma 1.
1. 2. Grignaffini, Sasso, Chiaromonte, Carli.

Al comma 1, dopo le parole: regolamento ivi previsto inserire le seguenti: da emanarsi entro e non oltre 180 giorni dalla data di approvazione della presente legge.
1. 3. Grignaffini, Sasso, Carli, Chiaromonte.


ART. 2.

Al comma 1, sostituire le parole: 15 milioni di euro con le seguenti: 20 milioni di euro.
2. 1. Carli, Grignaffini, Sasso, Chiaromonte.

Al comma 2, sostituire le parole: Ministero per i beni e le attivit culturali con le seguenti: medesimo Ministero.
2. 2. Il Relatore.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news