LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

XIV Commissione - Governo del territorio - Testo unificato C. 153 Bossi ed abb.
2005-01-25

Governo del territorio. C. 153 Bossi e abb.
(Parere all'VIII Commissione).
(Esame e testo unificato e conclusione - Parere favorevole).

La Commissione inizia l'esame del provvedimento in titolo.

Giacomo STUCCHI, presidente e relatore, ricorda che il testo unificato delle proposte di legge C. 153 e abbinate in esame, all'articolo 1, commi 1 e 3, pone la finalit di dettare, ai sensi del comma 3 dell'articolo 117 della Costituzione, principi generali in materia di governo del territorio. Aggiunge poi che il provvedimento reca agli articoli da 5 a 11, principi generali nelle materie dell'urbanistica e dell'edilizia, cio in due delle materie ricomprese dal comma 2 dell'articolo 1 nella nozione di governo del territorio. Dopo avere attribuito allo Stato all'articolo 2 alcune funzioni amministrative in materia di governo del territorio e all'articolo 3 il potere di mettere in atto interventi speciali volti a fronteggiare determinate situazioni di squilibrio territoriale, la proposta di legge individua quindi all'articolo 4 i principi generali che devono ispirare la condotta dei soggetti istituzionali coinvolti nell'esercizio delle funzioni di governo del territorio.
Sottolinea quindi che l'articolo 5, che riguarda pi in particolare la materia urbanistica, affida invece al Comune il ruolo di soggetto che si occupa in via primaria delle funzioni in materia di governo del territorio, affidandogli in particolare il compito di redigere il piano urbanistico. Le Regioni individuano invece i contenuti della pianificazione territoriale, che deve essere recepita e coordinata dal piano urbanistico, il quale si pone come strumento di disciplina complessiva del territorio comunale. Lo stesso articolo 5 individua poi i contenuti della pianificazione urbanistica e distingue tra un piano strutturale e un piano operativo, assegnando al primo una funzione programmatoria e al secondo funzione di conformare la propriet.
Passa quindi all'esame dell'articolo 6 che, ai commi 1 e 2, prevede invece che con il piano urbanistico si garantisca la presenza di attrezzature e servizi pubblici secondo criteri di dimensionamento fissati dalle Regioni, fissando al successivo comma 3 norme in materia di vincoli preordinati all'esproprio. Il successivo articolo 7 contiene norme procedurali per l'adozione degli strumenti urbanistici, prevedendo in particolare al comma 4 che le modifiche proposte nel piano urbanistico agli altri piani territoriali diventano operative se gli enti titolari di questi ultimi piani le accettano. L'articolo 8 detta quindi norme in materia di attuazione del piano urbanistico e in particolare di perequazione; il successivo articolo 9 assegna invece alle Regioni il compito di individuare le misure di salvaguardia che devono essere adottate nelle more dell'approvazione degli atti di contenuto operativo del piano urbanistico. Rileva ancora che l'articolo 10 reca norme in materia di attivit edilizia, mentre l'articolo 11 delega il Governo ad adottare misure in materia di fiscalit urbanistica.
Segnala quindi che la pianificazione urbanistica e l'assetto del territorio non hanno costituito oggetto di interventi normativi da parte delle istituzioni comunitarie. Le azioni condotte dagli organi comunitari in tali settori sono state preordinate ad un efficace perseguimento degli obiettivi in materia di politica ambientale, piuttosto che all'introduzione di nuovi strumenti di pianificazione urbanistica. Non rileva pertanto difformit tra la proposta di legge in questione e atti normativi comunitari nella materia. Ricorda peraltro, per completezza, che l'11 febbraio 2004 la Commissione ha presentato la comunicazione Verso una strategia tematica sull'ambiente urbano COM(2004)60, che costituisce la prima fase nell'elaborazione della strategia - prevista per l'estate 2005 - volta a migliorare la qualit e le prestazioni ambientali delle aree urbane. Ricorda infatti che l'obiettivo contribuire a livello comunitario alla definizione di un solido quadro di riferimento per promuovere iniziative locali basate sulle migliori pratiche, lasciando la scelta delle soluzioni e degli obiettivi ai responsabili locali. Sottolinea ancora che la comunicazione pone l'accento sull'edilizia sostenibile, che considera una priorit, preannunciando che la Commissione europea metter a punto una metodologia comune per valutare la sostenibilit complessiva degli edifici e dell'ambiente costruito, che si applicher anche ai progetti relativi alla costruzione di nuovi edifici o a ristrutturazioni importanti degli edifici esistenti.
Ricorda quindi che il 23 luglio 2004 la Commissione ha presentato la proposta di direttiva COM(2004)175 che istituisce un'infrastruttura per l'informazione territoriale nelle Comunit (INSPIRE). La proposta intende ottimizzare lo sfruttamento di dati gi disponibili, imponendo la documentazione dei dati territoriali esistenti,




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 354

--------------------------------------------------------------------------------

la realizzazione di servizi per rendere pi accessibili e interoperabili tali dati, e affrontando gli ostacoli che ne limitano l'uso. Aggiunge che verranno trattati in modo specifico i dati necessari per monitorare e migliorare lo stato dell'ambiente, in particolare l'aria, l'acqua, il suolo e il paesaggio naturale.
Alla luce di tali considerazioni propone di esprimere parere favorevole sul provvedimento in esame.

Domenico BOVA (DS-U) afferma che, pur riconoscendo la necessit di definire i principi e gli orientamenti che devono stare alla base del governo del territorio, nuovo concetto introdotto in seguito alla riforma del titolo V della Costituzione, il provvedimento in esame suscita alcune perplessit. Una prima questione riguarda il fatto che il provvedimento reca, all'articolo 1, comma 2, una nozione estremamente ristretta di governo del territorio, limitata all'ambito dell'urbanistica e comunque intesa nel senso pi restrittivo di regolazione delle trasformazioni urbane con l'unico obiettivo di definire le regole per la razionale edificazione. Nota, invece, la mancanza di ogni richiamo alla pianificazione d'area vasta e, in linea generale, guardandosi alla tutela del suolo, dell'ambiente e dei beni culturali e ambientali come ad un limite alla disciplina delle trasformazioni del suolo piuttosto che come una finalit essenziale per assicurare la qualit del territorio. Tenendo conto del passaggio operato dal legislatore costituzionale dalla nozione di pianificazione urbanistica a quella di governo del territorio, rileva ancora che il provvedimento non dovrebbe dunque limitarsi alla disciplina delle procedure e dei contenuti dell'urbanistica, ma cogliere questa funzione di governo del territorio nella sua trasversalit, nella esigenza, cio, che la pianificazione realizzi innanzitutto il raccordo e la riconduzione a sistema delle pi diverse politiche settoriali e specialistiche che incidono sul territorio. Ritiene invece che nel testo unificato gli interessi pubblici alla tutela del suolo, dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali siano visti come un limite esterno alla materia del governo del territorio.
Sottolinea che altra questione attiene poi al riparto delle competenze amministrative in materia di governo del territorio. Nel testo unificato si assume il principio di sussidiariet quale criterio di ripartizione delle attribuzioni fra diversi soggetti istituzionali, in realt viene mantenuto un ordinamento fondato da una parte sul rafforzamento del ruolo statale e, dall'altra, su un sistema di pianificazione a geometria variabile di difficile comprensione, che certamente non punta pi sulla omogeneit e sulla qualit della pianificazione. Rileva inoltre che stata introdotta la previsione di un programma di opere e interventi dichiarati di interesse nazionale con un chiaro riferimento alla cosiddetta legge obiettivo, con la compromissione di ogni garanzia della salvaguardia degli interessi locali coinvolti dalla localizzazione delle opere. Ritiene che l'unico elemento di riequilibrio di questa preponderante competenza statale costituito dalla necessit di acquisire sulle opere o interventi, ovvero sul programma, l'intesa della Conferenza unificata.
Ricorda invece che per quanto riguarda la funzione di pianificazione territoriale, nel testo unificato tale funzione considerata eventuale e la sua attribuzione ad un ente appare fondata sul principio di differenziazione. Con riferimento all'articolo 5, comma 1, non precisato peraltro se sar un ente territoriale ad essere preposto alla pianificazione. Aggiunge anzi, che il sistema descritto all'articolo 5, commi 2 e 6, appare in palese contrasto con l'articolo 118 della Costituzione e, in generale, comporta una profonda svalutazione dello strumento pianificatorio, quale momento essenziale per il governo del territorio. Ritiene che occorra pertanto affermare con chiarezza che le funzioni di governo del territorio competono primariamente ai comuni, fatti salvi i compiti che attengono alla cura di interessi di area vasta, espressamente e stabilmente attribuiti dalla legge regionale alla provincia o alla regione.




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 355

--------------------------------------------------------------------------------


Precisa quindi che altre perplessit residuano in merito al rapporto tra amministrazioni che esercitano le funzioni di governo del territorio e i soggetti privati e, pi in generale, l'efficacia degli atti di pianificazione. Sottolinea infatti che nel testo unificato le indicazioni normative sembrano andare nella direzione di dare comunque priorit alla tutela delle posizioni giuridiche dei privati, come conferma il contenuto dell'articolo 4, comma 3. Ritiene peraltro necessario ribadire la natura pubblica della funzione di governo del territorio, volta a perseguire interessi generali e consistente in atti generali di pianificazione aventi contenuto conformativo della propriet. Ne consegue che gli accordi con i privati devono essere promossi e sviluppati nell'ambito di una griglia di obiettivi e di finalit generali, gi definiti in modo stabile dalla pianificazione strategica e strutturale. Inoltre, una legge statale che stabilisca i principi fondamentali in materia del governo del territorio dovrebbe rappresentare l'occasione per fornire un chiarimento definitivo in merito alla annosa questione circa la natura non espropriativa dei vincoli generali di inedificabilit e dei limiti e condizioni all'uso e alle trasformazioni del suolo, previsti dai piani. Su questo argomento ravvisa nel testo unificato ancora ampi margini di incertezza.
Sulla base delle riflessioni esposte preannuncia quindi, anche a nome dei deputati del suo gruppo, il voto contrario sulla proposta di parere formulata dal relatore.

Gabriele FRIGATO (MARGH-U) intende sottoporre alla valutazione del relatore se sia corretto che sui temi urbanistici il provvedimento in esame non riconosca il ruolo istituzionale alle competenze della provincia, come attualmente sancito anche dalla costituzione. Aggiunge che secondo poi le discipline definite dai vari Statuti regionali, si tratta anzi di una funzione di coordinamento in materia urbanistica e di pianificazione del territorio, assegnata alla provincia che appare ormai imprescindibile.

Giacomo STUCCHI, presidente, concorda sui profili evidenziati dal deputato Frigato, pur rilevando che si tratta di questioni di merito che vanno affrontate nella Commissione di settore. Si riserva in ogni caso di rappresentare tali profili nel corso dell'esame della VIII Commissione.

Gabriele FRIGATO (MARGH-U), preso atto delle indicazioni del relatore, pur condividendo nel merito le considerazioni espresse dal collega Bova, non ravvisa peraltro nel provvedimento in esame aspetti di incompatibilit con la normativa comunitaria.
Preannuncia, pertanto, anche a nome dei deputati del suo gruppo, l'astensione sulla proposta di parere del relatore.

Flavio RODEGHIERO (LNFP) osserva che il provvedimento in esame costituito da 11 articoli elenca una serie di materie necessarie per poter efficacemente adempiere al governo e allo sviluppo del territorio: vigilanza e controllo del medesimo, urbanistica, edilizia, difesa del suolo, tutela del paesaggio. Ricorda inoltre che, per le materie elencate, la sentenza della Corte Costituzionale n. 303 del 2003, ha chiarito i dubbi in ordine alla collocazione della disciplina delle attivit edilizie, non enucleabile dal Governo del territorio, contrariamente a quanto alcuni avevano sostenuto.
Osserva inoltre che numerose Regioni hanno definito anche di recente regole per un governo innovativo delle trasformazioni della citt e del territorio. In questo loro processo normativo opportuno che vi siano indirizzi stringenti per evitare problemi che possano incidere negativamente su un territorio, ad esempio l'utilizzo incontrollato dei suoli fertili e il degrado dei grandi paesaggi storici causati da un'espansione urbana non controllata.
Preannuncia quindi, anche a nome dei deputati del suo gruppo, voto favorevole sulla proposta di parere del relatore.

Marco AIRAGHI (AN), pur concordando con alcune considerazioni riferite su aspetti di merito, che peraltro, come

stato gi ricordato andrebbero affrontate presso le Commissioni di settore, preannuncia, anche a nome dei deputati del suo gruppo, voto favorevole sulla proposta di parere del relatore.

Andrea DI TEODORO (FI) preannuncia, anche a nome dei deputati del suo gruppo, voto favorevole sulla proposta di parere del relatore.

La Commissione approva quindi la proposta di parere del relatore.

La seduta termina alle 15.20.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news