LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - seduta del 9 febbraio 2005 (disposizioni urgenti per i beni culturali)
2005-02-09

ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI (7)

MERCOLED 9 FEBBRAIO 2005

357 Seduta

Presidenza del Presidente
ASCIUTTI

Intervengono il vice ministro dell'istruzione, dell'universit e della ricerca Caldoro, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Ventucci nonch il sottosegretario di Stato per i beni e le attivit culturali Bono.

La seduta inizia alle ore 15,25.

IN SEDE REFERENTE

(3276) Conversione in legge del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, recante disposizioni urgenti per l'universit e la ricerca, per i beni e le attivit culturali, per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilit dei pubblici dipendenti, nonch per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione

(Seguito dell'esame e rinvio)

Riprende l'esame, sospeso nella seduta di ieri, nel corso della quale - ricorda il PRESIDENTE - si era svolta la relazione illustrativa e si era avviata la discussione generale.


Il senatore MONTICONE (Mar-DL-U) si sofferma anzitutto sulle disposizioni recate all'articolo 1, comma 1, del decreto-legge, in materia di definizione dei programmi triennali relativi al fabbisogno di personale universitario, che definisce senz'altro intempestive. Non va infatti dimenticato, egli prosegue, che esse si inseriscono in un contesto critico, come testimonia la circostanza che il Ministro ha invitato le universit a sospendere l'effettuazione delle procedure concorsuali gi bandite.

Dopo aver stigmatizzato la circostanza che tale intervento non si inserisca in un contesto sistematico, egli auspica quindi un sollecito esame in Aula della relazione sull'affare assegnato in materia di universit (Doc. XXIV, n. 13-A), al fine di definire quanto meno un quadro condiviso di intervento.

Nel convenire poi con l'importanza di una effettiva attivit di programmazione del fabbisogno di personale universitario, egli deplora tuttavia la scelta del termine del 31 marzo prossimo, entro il quale gli atenei sono chiamati a sottoporre al Ministero i programmi triennali. Si tratta infatti - egli prosegue - di una scadenza estremamente ravvicinata che, come osservato dal senatore Tessitore nel suo intervento, risulta particolarmente inadeguata per le grandi universit che, ai sensi della normativa vigente, devono acquisire il parere di molteplici organismi universitari.

Il senatore esprime altres perplessit con riferimento alla disposizione recata al comma 2 dell'articolo 1, diretta a ridurre ad un anno il periodo di conferma dei ricercatori. In proposito, rammenta l'impegno della Commissione, nella passata legislatura, per individuare una soluzione finalizzata ad assicurare prospettive professionali ai ricercatori, che aveva condotto all'approvazione di un disegno di legge, poi arenatosi presso l'altro ramo del Parlamento, che tendeva a distinguere l'attivit dei ricercatori vincitori di concorso da quella dei ricercatori confermati.

La misura ora introdotta, che giudica inopportuna, non risolve peraltro il problema centrale relativo all'elevata et media dei ricercatori italiani, che invece - a suo avviso - richiederebbe la revisione del loro sistema di reclutamento e di collocamento.

Dopo aver sottolineato che la riduzione del periodo di conferma non assicura neanche particolari vantaggi agli stessi ricercatori, egli riterrebbe preferibile, al limite, eliminare del tutto tale istituto, atteso che, a suo avviso, incongruente attendersi che uno studioso possa realizzare e documentare una intensa attivit di ricerca, circoscritta ad un solo anno, tale da determinare la conferma. N va poi dimenticato, prosegue il senatore, il generale clima di incertezza che caratterizza taluni percorsi accademici, come ad esempio i dottorati di ricerca, che rende ancor meno opportuna una simile misura.

Soffermandosi inoltre sull'articolo 4, egli esprime anzitutto apprezzamento per la scelta di destinare maggiori risorse ai settori della conservazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale, nonch alla prevenzione incendi e installazione di sistemi antifurto nei locali adibiti a sedi culturali.

Al riguardo, riterrebbe tuttavia opportuno, da un lato, un ulteriore sforzo economico e, dall'altro, una precisa definizione delle priorit d'intervento, con particolare riferimento alla messa in sicurezza dei locali. Nel ritenere indispensabile tale scelta metodologica, che rappresenta un'esigenza che caratterizza anche le scuole italiane, sollecita il Parlamento ad accogliere un atto di indirizzo nei confronti delle autorit competenti.

Conclude auspicando non solo un minore ricorso ai decreti-legge, specie in settori cos importanti come l'universit, ma anche una maggiore omogeneit delle disposizioni in essi recate.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news