LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - seduta del 9 febbraio 2005 (disposizioni urgenti per i beni culturali)
2005-02-09

ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI (7)

MERCOLED 9 FEBBRAIO 2005

357 Seduta

Presidenza del Presidente
ASCIUTTI

Intervengono il vice ministro dell'istruzione, dell'universit e della ricerca Caldoro, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Ventucci nonch il sottosegretario di Stato per i beni e le attivit culturali Bono.

La seduta inizia alle ore 15,25.

IN SEDE REFERENTE

(3276) Conversione in legge del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, recante disposizioni urgenti per l'universit e la ricerca, per i beni e le attivit culturali, per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilit dei pubblici dipendenti, nonch per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione

(Seguito dell'esame e rinvio)

Riprende l'esame, sospeso nella seduta di ieri, nel corso della quale - ricorda il PRESIDENTE - si era svolta la relazione illustrativa e si era avviata la discussione generale.


Il senatore MONTICONE (Mar-DL-U) si sofferma anzitutto sulle disposizioni recate all'articolo 1, comma 1, del decreto-legge, in materia di definizione dei programmi triennali relativi al fabbisogno di personale universitario, che definisce senz'altro intempestive. Non va infatti dimenticato, egli prosegue, che esse si inseriscono in un contesto critico, come testimonia la circostanza che il Ministro ha invitato le universit a sospendere l'effettuazione delle procedure concorsuali gi bandite.

Dopo aver stigmatizzato la circostanza che tale intervento non si inserisca in un contesto sistematico, egli auspica quindi un sollecito esame in Aula della relazione sull'affare assegnato in materia di universit (Doc. XXIV, n. 13-A), al fine di definire quanto meno un quadro condiviso di intervento.

Nel convenire poi con l'importanza di una effettiva attivit di programmazione del fabbisogno di personale universitario, egli deplora tuttavia la scelta del termine del 31 marzo prossimo, entro il quale gli atenei sono chiamati a sottoporre al Ministero i programmi triennali. Si tratta infatti - egli prosegue - di una scadenza estremamente ravvicinata che, come osservato dal senatore Tessitore nel suo intervento, risulta particolarmente inadeguata per le grandi universit che, ai sensi della normativa vigente, devono acquisire il parere di molteplici organismi universitari.

Il senatore esprime altres perplessit con riferimento alla disposizione recata al comma 2 dell'articolo 1, diretta a ridurre ad un anno il periodo di conferma dei ricercatori. In proposito, rammenta l'impegno della Commissione, nella passata legislatura, per individuare una soluzione finalizzata ad assicurare prospettive professionali ai ricercatori, che aveva condotto all'approvazione di un disegno di legge, poi arenatosi presso l'altro ramo del Parlamento, che tendeva a distinguere l'attivit dei ricercatori vincitori di concorso da quella dei ricercatori confermati.

La misura ora introdotta, che giudica inopportuna, non risolve peraltro il problema centrale relativo all'elevata et media dei ricercatori italiani, che invece - a suo avviso - richiederebbe la revisione del loro sistema di reclutamento e di collocamento.

Dopo aver sottolineato che la riduzione del periodo di conferma non assicura neanche particolari vantaggi agli stessi ricercatori, egli riterrebbe preferibile, al limite, eliminare del tutto tale istituto, atteso che, a suo avviso, incongruente attendersi che uno studioso possa realizzare e documentare una intensa attivit di ricerca, circoscritta ad un solo anno, tale da determinare la conferma. N va poi dimenticato, prosegue il senatore, il generale clima di incertezza che caratterizza taluni percorsi accademici, come ad esempio i dottorati di ricerca, che rende ancor meno opportuna una simile misura.

Soffermandosi inoltre sull'articolo 4, egli esprime anzitutto apprezzamento per la scelta di destinare maggiori risorse ai settori della conservazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale, nonch alla prevenzione incendi e installazione di sistemi antifurto nei locali adibiti a sedi culturali.

Al riguardo, riterrebbe tuttavia opportuno, da un lato, un ulteriore sforzo economico e, dall'altro, una precisa definizione delle priorit d'intervento, con particolare riferimento alla messa in sicurezza dei locali. Nel ritenere indispensabile tale scelta metodologica, che rappresenta un'esigenza che caratterizza anche le scuole italiane, sollecita il Parlamento ad accogliere un atto di indirizzo nei confronti delle autorit competenti.

Conclude auspicando non solo un minore ricorso ai decreti-legge, specie in settori cos importanti come l'universit, ma anche una maggiore omogeneit delle disposizioni in essi recate.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.



news

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

25-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

Archivio news