LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senato - seduta n. 748 del 24/02/2005 (disposizioni urgenti per i beni culturali)
2005-02-24

Discussione del disegno di legge:

(3276) Conversione in legge del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, recante disposizioni urgenti per luniversit e la ricerca, per i beni e le attivit culturali, per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilit dei pubblici dipendenti, nonch per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione (Relazione orale)


PRESIDENTE. L'ordine del giorno reca la discussione del disegno di legge n. 3276.

Il relatore, senatore Asciutti, ha chiesto l'autorizzazione a svolgere la relazione orale. Non facendosi osservazioni, la richiesta si intende accolta.

Pertanto, ha facolt di parlare il relatore.


ASCIUTTI, relatore. Signor Presidente, signori del Governo, colleghi, giunge allesame dellAssemblea il disegno di legge n. 3276, di conversione in legge del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7. Si tratta di un provvedimento ictu oculi assai eterogeneo, che fin dalla sua versione originaria comprende materie disparate afferenti a molti Ministeri.

In particolare, larticolo 1 d attuazione a quanto disposto dallarticolo 1, comma 105, della legge n. 311 del 2004, la legge finanziaria per il 2005, in materia di programmazione universitaria. Nello specifico, la norma dispone che le universit siano tenute a sottoporre al Ministero i previsti programmi triennali entro il prossimo 31 marzo.

Il comma 2 dellarticolo 1 riduce poi ad un anno di servizio il periodo necessario per la riconferma dei ricercatori, che lattuale normativa prevede pari ad un triennio. Con tale intervento il Governo intende introdurre un incentivo per i ricercatori, anche nellottica di contrastare il fenomeno della fuga dei cervelli allestero. (Bruso in Aula). Signor Presidente, la inviterei, anche per il mio udito, a chiedere ai colleghi che sono alle mie spalle di non conversare: c tanto spazio altrove.


PRESIDENTE. Sono anche colleghi del suo Gruppo, quindi non hanno proprio rispetto. Per cortesia, evitate lassembramento dietro al senatore Asciutti.


ASCIUTTI, relatore. Grazie, signor Presidente. Oltre ad offrire maggiore stabilit, la riduzione del periodo di prova assicura infatti un miglioramento del trattamento economico, ponendosi cos nellottica di riconoscere il ruolo strategico svolto dai ricercatori, che dovr peraltro rappresentare senzaltro lasse portante della riforma dello stato giuridico dei docenti universitari, attualmente allesame dellaltro ramo del Parlamento.

Larticolo 2 reca disposizioni nel settore della ricerca. In particolare, il comma 1 autorizza il Ministero a concedere idonea garanzia per il rimborso del prestito erogato dalla Banca europea degli investimenti alla Societ sincrotrone di Trieste per la realizzazione del progetto di laser ad elettroni liberi. Il comma 2 destina, inoltre, alla medesima Societ una quota del Fondo per il funzionamento degli enti di ricerca, per un importo annuo non inferiore a 14 milioni di euro, al fine di sostenere la competitivit internazionale della struttura.

Si tratta di norme senzaltro condivisibili, che riconoscono il ruolo strategico che il sincrotone svolge nel settore della ricerca, tanto pi in considerazione della difficile situazione finanziaria nella quale esso versa da tempo. La stessa Commissione istruzione ha del resto dimostrato un costante impegno nel corso della legislatura a favore della fisica della materia, che ha condotto, fra laltro, a svolgere un sopralluogo ai laboratori di Grenoble.

Relativamente al comma 3, esso autorizza il Ministro dellistruzione a ricostituire il consiglio direttivo dellIstituto nazionale di geofisica e vulcanologia, rimodulandone la composizione. Al riguardo, giova ricordare che il decreto legislativo n. 381 del 1999 (allarticolo 3, comma 4) prevedeva sette membri, nominati dal Ministro dellistruzione, dei quali due designati dal Consiglio scientifico nazionale, peraltro mai istituito, uno dal Ministro responsabile per il coordinamento della Protezione civile, come noto non contemplato nellattuale compagine governativa, e uno dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome.

I membri del Consiglio direttivo ora sono ridotti a cinque, venendo meno i due componenti designati dal Consiglio scientifico nazionale, la cui fonte normativa stata peraltro abrogata dal decreto legislativo n. 127 del 2003 di riforma del CNR. Segnalo inoltre che i due componenti nominati dal Ministro dellistruzione su altrui designazione lo sono ora su impulso, rispettivamente, del Presidente del Consiglio dei ministri e della Conferenza Stato-Regioni.

Larticolo 3 detta invece disposizioni che riguardano il settore dei beni culturali. Il comma 1 proroga anche per lanno 2005 la disciplina di cui allarticolo 3 del decreto-legge n. 72 del 2004 (recante interventi per contrastare la pirateria informatica, nonch a sostegno delle attivit cinematografiche e dello spettacolo), convertito, con modificazioni, dalla legge n. 128 del 2004, che consente la pronta utilizzazione delle risorse assegnate allARCUS Spa per interventi a favore dei beni e delle attivit culturali, nonch dello spettacolo, a valere sulla quota, pari al 3 per cento, degli investimenti per le infrastrutture.

Il comma 2 incrementa di un ulteriore 2 per cento tale quota, a conferma dellintenzione del Governo di assicurare idonee risorse nei confronti di uno dei settori strategici per il nostro Paese.

Quanto al comma 3, esso modifica larticolo 12 del decreto legislativo n. 28 del 2004, di riordino del settore cinematografico. In particolare, esso stabilisce che le disposizioni relative alla regolamentazione dei fondi rotativi degli interventi finanziari dello Stato (contemplate dallarticolo 72 della legge finanziaria per il 2003) non si applichino al Fondo per la produzione, la distribuzione, lesercizio e le industrie tecniche. Ci in considerazione della peculiarit delle forme di sostegno pubblico nei confronti dei progetti e delle iniziative cinematografiche, che si devono basare sulla qualit artistica e culturale, nonch sul successo di pubblico.

Sempre al comma 3, si stabilisce altres che i rientri degli stanziamenti assegnati dal Fondo siano riassegnati allo stesso, previo versamento allentrata del bilancio dello Stato, e che le risorse del medesimo Fondo siano versate su unapposita contabilit speciale.

Larticolo 4, comma 1, stanzia poi una somma, pari a 12 milioni di euro per lanno 2005, al fine di garantire la prosecuzione di molteplici attivit relative alla conservazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale, nonch alla prevenzione di incendi, installazione di sistemi antifurto e di ulteriori misure di prevenzione nei locali adibiti a sedi museali, gallerie, biblioteche e archivi di Stato.

Al comma 2 altres prorogata la validit delle convenzioni stipulate dal Ministero per i beni culturali per laffidamento delle richiamate attivit fino allespletamento delle procedure di evidenza pubblica per lindividuazione di altri soggetti.

Larticolo 5 detta indi norme relative alla mobilit dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, modificando il comma 7 dellarticolo 23-bis del decreto legislativo n. 165 del 2001. Tra le principali novit si stabilisce in particolare che i dipendenti pubblici possano - nellambito di appositi protocolli di intesa - essere assegnati temporaneamente, oltre che ad imprese private, anche ad altre pubbliche amministrazioni.

Tale intervento, ad avviso dellEsecutivo, risulta importante al fine di risolvere talune carenze di organico in determinati settori della pubblica amministrazione, anche alla luce del blocco delle assunzioni presso le amministrazioni statali. Viene poi chiarito che, qualora i dipendenti siano chiamati ad operare presso imprese private, a queste ultime ricade lonere del corrispondente trattamento economico, e non solo del compenso aggiuntivo, cos come era previsto dalla precedente versione della medesima norma.

Larticolo 6 interviene sulla disciplina dei commissari straordinari per le opere strategiche, contemplata dallarticolo 13 del decreto-legge n. 67 del 1997, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 135 del 1997, recante disposizioni urgenti per favorire loccupazione.

In particolare, le modifiche apportate sono dirette ad adeguare la richiamata normativa alle novit introdotte con la riforma del Titolo V della Costituzione, con particolare riguardo alla necessit di riconoscere le competenze degli enti locali anche in tale settore. Nello specifico, viene definito il loro necessario coinvolgimento nei procedimenti di rilievo subregionale che possono concludersi con lintervento dei commissari straordinari, al fine di assicurare la tempestiva esecuzione delle opere di rilevante interesse nazionale.

Larticolo 7 contiene alcune modificazioni allarticolo 1, comma 300, della legge n. 311 del 2004 (legge finanziaria per il 2005), in materia di adempimenti fiscali relativi ad imposte di bollo e tasse di concessione governativa, con lobiettivo di garantire, tra laltro, la loro semplificazione.

Larticolo 8, infine, reca le norme di copertura finanziaria.

A fronte di tale complesso impianto originario, in Commissione si peraltro svolto un ampio dibattito, ricco di ulteriori spunti. Nel corso dellesame in sede referente, sono stati infatti non solo approfonditi alcuni aspetti cruciali del provvedimento, ma sono altres state avanzate numerose proposte aggiuntive in parte accolte dalla Commissione.

Rispetto a un decreto-legge sin dallinizio assai eterogeneo, mi risultato infatti impossibile, in qualit di Presidente della Commissione, applicare rigidamente la norma regolamentare in materia di improponibilit (Bruso in Aula).


PRESIDENTE. Per cortesia, colleghi, c troppo bruso, non si riesce a capire bene il senatore Asciutti.


ASCIUTTI, relatore. Dicevo, signor Presidente, che rispetto a un decreto-legge sin dallinizio assai eterogeneo, mi risultato impossibile, in qualit di Presidente della Commissione, applicare rigidamente la norma regolamentare in materia di improponibilit degli emendamenti estranei alloggetto del provvedimento, ritenendo preferibile sottoporre allAssemblea quelle proposte su cui si registrato un ampio consenso, quanto meno di maggioranza.

Con riferimento allarticolo 1, la Commissione si anzitutto preoccupata di dare certezza al mondo universitario, che teme possa procrastinarsi a tempo indefinito la sospensione delle procedure di concorso. In tal senso stato presentato e accolto dal Governo un ordine del giorno che impegna lEsecutivo ad autorizzare la pubblicazione dei bandi in Gazzetta Ufficiale entro un mese dal ricevimento dei programmi triennali.

stata altres affinata la disciplina della programmazione. stato anzitutto chiarito che la norma prevista dallarticolo 1, comma 105, della legge n. 311 del 2004 avr vigore solo per il 2005, con lulteriore specificazione che la valutazione dei programmi operata dal Ministero avr riguardo solo alla loro compatibilit finanziaria. A decorrere dallanno 2006 invece prevista una diversa disciplina, imperniata sulla elaborazione di linee generali di indirizzo da parte del Ministro, sulla base delle quali gli atenei adotteranno i programmi triennali.

Sono stati poi approvati emendamenti con cui, rispettivamente, si incrementa lautorizzazione di spesa per la concessione di contributi in favore delle universit non statali; si concede finalmente un finanziamento (dopo numerosi tentativi andati a vuoto nel corso della legislatura) in favore delle accademie di belle arti non statali; si reintroduce una sanatoria per gli aspiranti incaricati di presidenza, privi del prescritto requisito del triennio di incarico (gi introdotta in sede parlamentare nel decreto-legge n. 280 del 2004, non convertito nei termini costituzionali per altri motivi); si sopprime il raddoppio del punteggio per il servizio prestato nelle scuole situate nei comuni di montagna, mantenendo la valutazione doppia solo per il servizio reso negli istituto penitenziari; si dettano norme in materia di composizione degli organi degli ordini professionali.

Sono stati inoltre approvati alcuni emendamenti dell'opposizione e, in particolare, l'emendamento 1.6, che pure aveva registrato il parere contrario della Commissione bilancio ai sensi dell'articolo 81 della Costituzione. Si tratta, infatti, di norma ampiamente condivisa su cui lo stesso rappresentante del Governo si era espresso positivamente e gi contenuta - limitatamente all'anno 2005 - in altro provvedimento di urgenza. Ritenendo che essa sia peraltro priva di riflessi finanziari, la Commissione ha ritenuto di approvarla, sollecitando nel contempo una revisione del parere reso dalla Commissione bilancio in vista dell'esame in Assemblea.

In sede di articolo 2, gli emendamenti approvati riguardano, oltre a modifiche di carattere formale e volte a recepire il parere della Commissione bilancio, l'inserimento del Consorzio per l'area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste, nonch dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV), fra gli istituti di cui all'articolo 3, comma 2, della legge n. 350 del 2003 e la concessione di un contributo all'Azienda ospedaliera ospedali civici riuniti di Sciacca per interventi mirati alla ricerca presso la Banca del cordone ombelicale.

In materia di beni culturali, il Governo ha poi accolto un ordine del giorno volto a favorire la creazione di un Centro di documentazione delle arti contemporanee in Umbria. Sono poi stati trasferiti in questa sede alcuni emendamenti originariamente presentati al disegno di legge n. 2980, recante interventi urgenti per i beni e le attivit culturali, su cui la Commissione bilancio non si era mai espressa.


PRESIDENTE. Senatore Asciutti, la invito a concludere la relazione nei tempi stabiliti.


ASCIUTTI, relatore. Fra questi interventi, rientrano le modifiche al decreto-legge n. 72 del 2004 (cosiddetto decreto Urbani) in materia di pirateria informatica.

Il testo accolto rappresenta il punto di arrivo di un lungo lavoro istruttorio condotto dalla commissione ministeriale istituita presso il Dipartimento per l'innovazione e la tecnologia e, bench forse non ottimale, costituisce il punto di mediazione pi avanzato attualmente conseguibile. (Applausi dal Gruppo AN. Commenti del senatore Morando).


PAGANO (DS-U). Ma stiamo scherzando! Si tratta di una cosa molto importante; oltretutto, sta parlando un Presidente di Commissione.


ASCIUTTI, relatore. Signor Presidente, consegno la restante parte della relazione perch sia messa agli atti.


PRESIDENTE. Senatore Asciutti, ha ragione lei. I colleghi di Alleanza Nazionale che applaudono non sono cortesi nei suoi riguardi.

La Presidenza lautorizza, comunque, a consegnare la restante parte della sua relazione.


MORANDO (DS-U). Domando di parlare.


PRESIDENTE. Ne ha facolt.


MORANDO (DS-U). Signor Presidente, vorrei illustrare una questione pregiudiziale relativa al disegno di legge al nostro esame.

Credo, signor Presidente, che ci troviamo di fronte a qualcosa di assai preoccupante.

Il titolo del decreto-legge al nostro esame cos recita: "disposizioni urgenti per luniversit e la ricerca, per i beni e le attivit culturali" e fin qui il principio di omogeneit sembra rispettato "per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilit dei pubblici dipendenti, nonch per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione"; spiegher poi cosa si intende per "semplificare".

Signor Presidente, recita il comma 3, dellarticolo 15, della legge n. 400 del 1988: "I decreti devono contenere misure di immediata applicazione e il loro contenuto deve essere specifico, omogeneo e corrispondente al titolo"; i decreti - lo sottolineo - devono avere contenuto omogeneo.

La lettura del titolo di questo decreto dimostra invece che siamo in aperta violazione di quella norma che, come i colleghi sanno, ha recepito una notissima sentenza della Corte costituzionale in materia di decreti-legge.

Signor Presidente, onorevoli colleghi, chiediamoci cosa mancherebbe in questo decreto se esso fosse un vecchio disegno di legge collegato alla legge finanziaria. Lei ricorder, signor Presidente, la famosa legge omnibus, che oggi non pi possibile discutere (anche se la legge finanziaria in parte diventata tale) perch non c pi il vecchio collegato di sessione. Non mancherebbe quasi nulla, fatta eccezione per le norme sugli enti locali.

Di fronte a questa clamorosa mancanza, la Commissione ha immediatamente provveduto approvando numerosi emendamenti in materia di enti locali, che entreranno nel provvedimento in esame. In tal modo, ora abbiamo tutto: luniversit e la ricerca, le grandi opere, la mobilit dei pubblici dipendenti, le norme fiscali e adesso anche quelle sugli enti locali, sulla base del pregevole lavoro svolto dalla 7a Commissione permanente, notoriamente costituita quale Commissione competente in materia di fisco, di enti locali e cos via. Sono state introdotte anche norme che istituiscono un fondo per il personale dipendente delle Ferrovie dello Stato.

Come la 7a Commissione permanente dovrebbe sapere, le Ferrovie dello Stato non esistono pi; al loro posto vi sono da molti anni alcune societ per azioni costituitesi a seguito dello scioglimento delle Ferrovie dello Stato. La 7a Commissione permanente, che daltra parte non si occupa abitualmente di questa materia, ha approvato un emendamento relativo al personale dipendente delle Ferrovie dello Stato. Non so come commentare, signor Presidente!

Questo provvedimento, sul tipo del collegato alla legge finanziaria vecchio stile, stato esaminato proprio dalla 7a Commissione e, quando ho protestato per quellassegnazione, me ne stata spiegata la ragione. Non ho molto tempo a disposizione e, quindi, vado allessenziale. Mi stato risposto che era inutile che protestassi adducendo, ad esempio, largomentazione che si sarebbe dovuta occupare di questo decreto prevalentemente la Commissione presieduta dal senatore Pedrizzi, giacch gli articoli pi numerosi sono quelli che si occupano di universit e di ricerca. Infatti, un solo articolo, cio larticolo 7, si occupa di fisco; in effetti, sono molto pi numerosi gli articoli che riguardano altre materie (universit e ricerca, dipendenti pubblici e cos via). Peccato che le norme in materia di universit e di ricerca abbiano scarso rilievo finanziario e, a mio giudizio, sostanzialmente anche scarso rilievo ordinamentale, laddove la norma dellarticolo 7 dispone aumenti enormi delle imposte di bollo e delle tasse di concessione governative, cos come previsto dalla legge finanziaria in vigore, modificando il comma 300 dellarticolo 1 della stessa. Pertanto, signor Presidente, il titolo del provvedimento palesemente un falso, in quanto non c alcuna semplificazione.

Signor Presidente, le sottopongo ora una considerazione che non vuole sembrare irriverente. Il Governo, in base a tale criterio di assegnazione alle Commissioni, sa come fare se vuole che la prossima volta il suo intervento in materia di aliquote IRE venga discusso dalla Commissione affari esteri: baster che predisponga un decreto-legge contenente un articolo di modifica delle aliquote IRE e poi altri cinque articoli con materie di competenza della 3a Commissione permanente. In questo modo, si assegner alla Commissione affari esteri, emigrazione la discussione delle aliquote dellIRE.

La verit, signor Presidente, stata sottolineata dal relatore, Presidente della 7a Commissione permanente, quando pocanzi ha affermato: "Mi sono trovato di fronte ad un decreto talmente disomogeneo", cio talmente in violazione della legge n. 400 del 1988, applicativa della sentenza della Corte costituzionale, a sua volta correttamente applicativa dellarticolo 77 della Costituzione, "che non ho potuto rigidamente applicare il criterio dellimproponibilit".

Il senatore Asciutti stato molto bravo, perch non che non ha applicato rigidamente tale criterio: non lha applicato affatto. Nelle parole del senatore Asciutti, per, vi linoppugnabile dimostrazione per tabulas di tutto questo. Per fortuna, risulter agli atti di questa seduta che ha dichiarato: "Non ho potuto applicare il principio dellimproponibilit" perch il decreto disomogeneo e nella discussione successiva stato reso ancor pi disomogeneo.

un disastro cui bisogna porre rimedio e, pertanto, propongo uneccezione di costituzionalit sul decreto-legge al nostro esame. (Applausi dai Gruppi DS-U, Mar-DL-U e Misto-Com).


PETRINI (Mar-DL-U). Domando di parlare.


PRESIDENTE. Ne ha facolt.


PETRINI (Mar-DL-U). Signor Presidente, intervengo a sostegno della questione pregiudiziale posta dal senatore Morando, che ritengo assolutamente fondata e rilevante, come del resto la nostra parte politica ha pi volte denunciato con riferimento ai decreti-legge.

La sentenza della Corte costituzionale voleva in origine portare chiarezza nell'ambito della funzione legislativa assunta dal Governo, assicurando che la stessa fosse esclusivamente legata a motivi di necessit ed urgenza, che dovevano pertanto essere specificamente rilevabili. Ci rendeva necessaria l'omogeneit della materia in ordine alla quale si doveva deliberare e a cui si dovevano ricollegare i motivi di necessit ed urgenza.

Quella sentenza della Corte costituzionale, che poi ha trovato seguito nella legge citata dal collega Morando, ha completamente disatteso le aspettative ed servita anzi per rendere ancor pi aggressiva l'azione legislativa del Governo nei confronti del Parlamento, il quale, di fronte all'impossibilit della reiterazione dei decreti-legge, oggi spesso - anzi quasi sempre - costretto a soggiacere all'azione legislativa del Governo e in questa sua remissivit ha persino travolto tutti gli argini regolamentari che si era dato nella valutazione dei decreti-legge.

Ecco il motivo per il quale ci si trova di fronte a decreti-legge disomogenei, che riguardano materie disparate e che pongono anche rilevanti questioni in ordine all'attribuzione alle Commissioni competenti. Inoltre, in questi decreti-legge vengono sempre pi frequentemente introdotti, anche da parte del Governo, elementi del tutto estranei alla materia gi di per s disomogenea.

Questa situazione assolutamente inaccettabile, signor Presidente. Poich ieri il presidente Moro ha richiamato l'articolo 97 del Regolamento - e io aggiungerei anche l'articolo 78, trattandosi di decreti-legge - giudicando improponibili numerosi emendamenti presentati dall'opposizione ad altro decreto - e giustamente perch si segue il dettato di due articoli regolamentari - le chiedo che questo precedente valga anche in senso contrario e dunque non in quanto smentisce il Regolamento, come tante volte si stati costretti a subire, ma in quanto riafferma l'assoluta necessit di regolare i nostri lavori secondo il dettato regolamentare.

Pertanto, in base agli articoli 97 e 78, le chiedo, non potendo pi intervenire sulla disomogeneit gi denunciata dal senatore Morando, di essere quanto meno estremamente rigido di fronte all'inammissibilit degli emendamenti proposti. (Applausi dal Gruppo Mar-DL-U).


PRESIDENTE. Passiamo alla votazione della questione pregiudiziale.




Verifica del numero legale


PETRINI (Mar-DL-U). Chiediamo la verifica del numero legale.


PRESIDENTE. Invito il senatore segretario a verificare se la richiesta risulta appoggiata dal prescritto numero di senatori, mediante procedimento elettronico.

(La richiesta risulta appoggiata).


Invito pertanto i senatori a far constatare la loro presenza mediante procedimento elettronico.

(Segue la verifica del numero legale).


LONGHI (DS-U). Signor Presidente, stanno votando tutti!


PRESIDENTE. Senatore Longhi, ci pensano i senatori segretari a verificarlo.

Il Senato in numero legale.


Ripresa della discussione del disegno di legge n. 3276


PRESIDENTE. Metto ai voti la questione pregiudiziale, avanzata dal senatore Morando.

Non approvata.


Dichiaro aperta la discussione generale che, come convenuto, avr luogo nella seduta antimeridiana di marted prossimo.

Rinvio pertanto il seguito della discussione del disegno di legge in titolo ad altra seduta.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news