LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Commissioni Riunite V e VII Camera - seduta del 10 marzo 2005 (disposizioni urgenti per i beni culturali)
2005-03-10

Commissioni Riunite V e VII - Resoconto di gioved 10 marzo 2005

SEDE REFERENTE

Gioved 10 marzo 2005. - Presidenza del presidente della V Commissione Giancarlo GIORGETTI. - Intervengono il viceministro dell'istruzione Caldoro, il sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze Manlio Contento e il sottosegretario di Stato per i rapporti con il parlamento Cosimo Ventucci.

La seduta comincia alle 10.15.

Decreto-legge 7/2005: Disposizioni urgenti per l'universit e la ricerca, per i beni e le attivit culturali e per il completamento di grandi opere strategiche.
C. 5697.
(Seguito esame e conclusione).

Le Commissioni proseguono l'esame del provvedimento, rinviato nella seduta del 9 marzo 2005.

Giancarlo GIORGETTI, presidente, ricorda che nella seduta di ieri si era concordato di concludere l'esame nella giornata odierna, in considerazione del fatto che la prossima settimana il provvedimento sar iscritto nel calendario dei lavori dell'Assemblea ed al fine di consentire un approfondito esame in quella sede, che consenta di apportare le necessarie modifiche ad un testo che presenta evidenti problematicit. Ricorda anche che si era convenuto di non presentare emendamenti durante l'esame in Commissione, rinviando alla discussione in Assemblea la presentazione e l'esame delle proposte emendative. D poi conto dei pareri pervenuti.
Ricorda quindi che nella seduta di ieri erano stati richiesti chiarimenti che il rappresentante del Governo si era impegnato a predisporre per la seduta odierna.

Il sottosegretario Manlio CONTENTO deposita una relazione tecnica sull'articolo 7 del testo (vedi allegato).

Giancarlo GIORGETTI, presidente, raccomanda al Governo di fornire i necessari elementi di informazione in risposta anche agli ulteriori profili problematici indicati nella seduta di ieri, in particolare dal relatore per la V Commissione.

Michele VENTURA (DS-U) giudica estremamente grave che la Commissione da due giorni non possa interloquire seriamente con il Ministero dell'economia. Ritiene che le numerose questioni sollevate non possano essere demandate alla fase di discussione in Assemblea, ma debbano essere gi approfondite in questa sede.

Emerenzio BARBIERI (UDC) dichiara di condividere l'esigenza segnalata dal deputato Michele Ventura di dar luogo ad opportuni approfondimenti sui punti problematici del testo in esame, specie sotto il profilo delle loro implicazioni di carattere finanziario. Nel ricordare che, nella seduta di ieri, il relatore per la V Commissione ha sottolineato la necessit che il Ministero dell'economia e delle finanze fornisca i chiarimenti richiesti prima del conferimento del mandato ai relatori, esprime l'auspicio che il Governo vi provveda comunque prima delle previste riunioni del Comitato dei nove, al fine di garantire un pi efficace e ponderato svolgimento dei suoi lavori.

Giancarlo GIORGETTI, presidente, ribadisce la convinzione che il Governo debba impegnarsi per fornire i chiarimenti sui profili problematici di carattere finanziario segnalati. Sospende quindi la seduta, che riprender alle ore 11.15 affinch vengano predisposti i necessari elementi di informazione.

La seduta, sospesa alle 10.30, ripresa alle 11.35.

Il sottosegretario Cosimo VENTUCCI, per quanto concerne i rilievi all'articolo 1 bis, fa presente che la quantificazione esplicita dell'incremento percentuale dell'autorizzazione di spesa nei confronti degli istituti non statali risulta inopportuna in tale fase, poich implicherebbe una modifica formale della disposizione che, richiedendo un ulteriore passaggio nell'altra Camera, metterebbe a rischio la conversione del decreto legge entro il termine dei 60 giorni. D'altra parte, conferma che l'autorizzazione di spesa di cui si prevede il parziale utilizzo presenta la necessaria capienza e che, comunque, le risorse residue sono sufficienti per gli scopi cui sono destinate dalla normativa vigente.
In relazione all'articolo 1-ter, fa presente che il vigente decreto del Ministero dell'istruzione, dell'universit e della ricerca 5 agosto 2004, sulla programmazione del sistema universitario copre il triennio 2004-2006. Coerentemente, ai sensi della nuova normativa, le Universit trasmetteranno al Ministero i programmi triennali a partire dall'anno 2006, in modo tale che lo stesso possa procedere alla loro valutazione e, a decorrere dal 1o gennaio 2007, al loro finanziamento o cofinanziamento. La copertura finanziaria, dunque, riguarda soltanto i finanziamenti che saranno erogati a partire dal 2007. Anche in tal caso, peraltro, ritiene inopportuna l'inserimento di eventuali modifiche, posto che le risorse finanziarie sono comunque individuate.
Quanto all'articolo 1-quinques, segnala che le risorse di cui al comma 278 dell'articolo 1 della legge n. 311 del 2004 appaiono congrue all'integrazione dell'organico della Scuola e al potenziamento della sua attivit. D'altra parte, l'aumento dell'organico uno strumento imprescindibile per il potenziamento della Scuola.
In relazione all'articolo 1-septies, fa presente che l'applicazione della norma, essendo subordinata alla disciplina autorizzatoria da essa prevista, non comporta oneri finanziari aggiuntivi e si configura come norma programmatica.
Con riferimento all'articolo 2, e, in particolare, alla previsione di una garanzia dello Stato per l'adempimento da parte della Societ Sincrotrone di Trieste s.p.a dei crediti attivati presso la Banca europea degli investimenti (comma 1), ribadisce che il livello di rischio connesso alla garanzia appare minimo. Essa, infatti, viene concessa per il finanziamento, da parte della BEI, di una struttura europea nel campo dei laser a elettroni liberi, la cui realizzazione contribuir al risanamento e al rafforzamento della societ con l'acquisizione di risorse europee che renderanno possibile il servizio del debito BEI senza ulteriori aggravi per lo Stato. Per quanto riguarda il comma 2 del medesimo articolo, che prevede l'erogazione diretta alla societ Sincrotrone di una quota del fondo per gli enti di ricerca finanziati dal Ministero dell'istruzione, dell'universit e della ricerca (capitolo 7236 - U.P.B 4.2.3.4) pari a 14 milioni di curo, al fine di garantire il funzionamento di un una societ qualificata di interesse nazionale ai sensi dell'articolo 10, comma 4, della legge 19 ottobre 1999, n. 370, che gestisce una delle maggiori infrastrutture di ricerca del paese nell'ambito della scienza e tecnologia dei materiali e bio-materiali assicura che le risorse iscritte sul suddetto capitolo 7236 sono sufficienti per sostenere il predetto finanziamento e che le residue risorse sono comunque sufficienti a garantire gli impegni previsti dalla legislazione vigente.
Quanto all'articolo 2-ter, rileva che il contributo destinato al CNR riconducibile alle spese in conto capitale, atteso che esso volto a garantire attivit di ricerca nel quadro di un progetto internazionale.
Con riguardo all'articolo 2, comma 3-bis, concorda con l'osservazione della Commissione, in quanto gli effetti della disposizione restano limitati all'esercizio 2004 in considerazione del limite di crescita del 2 per cento per la spesa complessiva delle pubbliche amministrazioni posto dalla legge n. 311 del 2004.

Arnaldo MARIOTTI (DS-U) chiede se la posizione riferita dal sottosegretario rappresenti anche le valutazioni del Ministero dell'economia o, piuttosto, come ritiene possa dedursi dal tenore delle argomentazione addotte, rifletta unicamente gli orientamenti del Ministero competente, vale a dire il Ministero dell'istruzione.

Il sottosegretario Cosimo VENTUCCI precisa di avere esposto alla Commissione la documentazione che, tra quelle trasmesse dai competenti uffici, risultava maggiormente esaustiva.

Arnaldo MARIOTTI (DS-U) ricorda che le richieste di chiarimento avanzate dal relatore per la V Commissione risultavano assai numerose. A fronte di tali richieste le risposte del Governo continuano ad essere insoddisfacenti. Esprime poi preoccupazione per le affermazioni del sottosegretario in ordine all'opportunit, che sembra anche in questo caso riflettere la posizione del Ministero dell'istruzione, di non introdurre modifiche nel testo. Teme infatti che ci saranno ulteriori dilazioni ed alla fine la Camera non potr apportare modifiche al testo.

Il viceministro Stefano CALDORO, intervenendo ad integrazione delle dichiarazioni del sottosegretario Ventucci, in particolare in relazione alle disposizioni concernenti i contributi concessi alle universit non statali, osserva che le risorse destinate alla copertura di tale intervento sono, a suo avviso, individuate con sufficiente certezza dall'attuale formulazione della norma, che fa riferimento a una quota percentuale delle risorse del Fondo di finanziamento ordinario per le universit statali, come incrementato dall'ultima legge finanziaria. Non ritiene quindi necessario apportare modifiche alle disposizioni in oggetto, mentre evidentemente le necessarie indicazioni sull'esatta quantificazione delle risorse trasferite potranno essere fornite alle Commissioni tramite apposita nota tecnica.

Pietro MAURANDI (DS-U) ritiene preoccupante il giudizio del Governo in ordine all'inopportunit di fornire una quantificazione esplicita dell'incremento percentuale dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 1-bis al fine di evitare un'ulteriore lettura al Senato. Ricorda che nella giornata di ieri era stato raggiunto un accordo sulla necessit di accelerare la procedura in Commissione al fine di assicurare alla Camera la possibilit di apportare le modifiche che si riterranno opportune e di consentire un ulteriore passaggio al Senato. necessario, pertanto, che il Governo chiarisca la sua posizione.

Il sottosegretario Cosimo VENTUCCI ribadisce che il Governo non ha preclusioni nei confronti di modifiche che venissero introdotte nel testo dalla Camera. Vi anzi disponibilit a consentire un'ulteriore lettura del provvedimento da parte del Senato.

Giancarlo GIORGETTI, presidente, ritiene che l'assenza del rappresentante del Ministero dell'economia continui ad impedire alla Commissione di concludere l'esame del provvedimento. Sospende pertanto nuovamente la seduta, che riprender alle 12.15

La seduta, sospesa alle 11.45, riprende alle 12.15.

Giancarlo GIORGETTI, presidente, constata l'assenza del rappresentante del Governo. Ritiene che non si possa pertanto che prendere atto delle circostanze e rinviare all'esame dell'Assemblea ogni ulteriore esame del provvedimento.

Michele VENTURA (DS-U) giudica sconcertante che un Governo che compie un cos frequente ricorso alla decretazione d'urgenza, diserti poi le aule parlamentari nel corso dell'iter di conversione dei decreti medesimi. In particolare, risulta inaudito il comportamento del Ministero dell'economia.

Gaspare GIUDICE (FI), relatore per la V Commissione, nel condividere in buona parte le considerazioni del collega Ventura, osserva che l'esame del provvedimento si concluder nella seduta odierna con un'evidente forzatura che, in diverse circostanze, dovrebbe essere giudicata inaccettabile. Tuttavia tale forzatura sar commessa al fine di consentire di migliorare nel corso dell'esame in Assemblea il provvedimento e quindi di effettuarne un'ulteriore lettura al Senato.

Silvio LIOTTA (UDC) ritiene che le perplessit espresse dall'onorevole Ventura sono condivise anche da una parte della maggioranza, che crede nel Governo e che prende atto con rammarico della non assidua presenza dei rappresentanti del Ministero dell'economia. Tali assenze si traducono in continui rinvii delle sedute della Commissione bilancio, determinando in tal modo una condizione di frustrazione e di demotivazione in numerosi colleghi. evidente che per il suo ruolo assolutamente centrale la Commissione bilancio non pu prescindere da una costante interlocuzione con il Governo In ogni caso il Governo dovr fare il possibile affinch vengano fornite tute le risposte che sono state ripetutamente sollecitate in occasione dell'esame in Assemblea.

Giancarlo GIORGETTI, presidente, esprime il proprio rammarico e dichiara che provveder, come gi avvenuto in altre occasioni, a sottoporre al Ministro dell'economia, attraverso la Presidenza della Camera, le difficolt per l'ordinato svolgimento dei lavori della Commissione derivanti dalla ripetuta assenza dei rappresentanti del Ministero dell'economia ai lavori della Commissione. Rileva infine che esclusivamente il senso di responsabilit di fronte all'Assemblea impone di concludere in questa situazione l'esame in sede referente. Sottolinea comunque che la discussione in Assemblea dovr essere approfondita e che il rappresentante del Ministero dell'economia non potr, nel corso della riunione del Comitato dei nove, esimersi dal fornire i necessari chiarimenti.

Le Commissioni deliberano di conferire il mandato ai relatori a riferire in senso favorevole all'Assemblea sul provvedimento in esame. Delibera altres di chiedere l'autorizzazione a riferire oralmente.

Giancarlo GIORGETTI, presidente, si riserva di designare i componenti del Comitato dei nove sulla base delle indicazioni dei gruppi.

La seduta termina alle 12.30.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news