LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senato - seduta n. 750 del 1 marzo 2005 (disposizioni urgenti per i beni culturali)
2005-03-01

Seguito della discussione del disegno di legge:

(3276) Conversione in legge del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, recante disposizioni urgenti per luniversit e la ricerca, per i beni e le attivit culturali, per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilit dei pubblici dipendenti, nonch per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione (Relazione orale)



PRESIDENTE. Ricorda che nella seduta antimeridiana del 24 febbraio il relatore ha svolto la relazione orale ed stata dichiarata aperta la discussione generale.


MONTICONE (Mar-DL-U). Le disposizioni inerenti l'universit e la ricerca sono prive, oltre che dei requisiti di necessit e urgenza, di quella sistematicit che invece sarebbe stata auspicabile in un momento di grande sofferenza per il sistema universitario. In particolare, la redazione dei programmi triennali relativi al fabbisogno di personale entro il 31 marzo appare fortemente limitante dell'autonomia universitaria se valutata alla luce del concomitante rinvio delle procedure concorsuali, cos come la riduzione ad un anno del periodo necessario per la conferma dei ricercatori non soddisfa l'esigenza di una seria valutazione del lavoro di ricerca prima del passaggio a funzioni anche di docenza. (Applausi del senatore Mancino).


Presidenza del vice presidente FISICHELLA


TESSITORE (DS-U). Anzich muoversi sulla strada di interventi legislativi organici nel settore universitario, come lasciava presagire la discussione e l'approvazione in Commissione dell'affare assegnato in materia, il Governo ha preferito indirizzarsi verso un intervento legislativo parziale, confuso, caratterizzato altres da palesi intenti elettoralistici. In particolare, la redazione dei programmi triennali da parte delle universit, coniugandosi con il blocco delle procedure concorsuali di fatto disposto dal Ministro, si configura quale attacco all'autonomia universitaria cos come la riduzione ad un anno del periodo necessario per la conferma dei ricercatori mostra la scarsa valutazione operata nei confronti dell'attivit di ricerca, dequalificandola ulteriormente. Quanto le misure sui beni culturali, stigmatizza le scelte operate con riguardo al settore dello spettacolo e, in particolare, alle fondazioni liriche, che rischiano di destare nuove proteste nel settore. (Applausi dal Gruppo DS-U e Mar-DL-U e del senatore Marino).


BEVILACQUA (AN). Nel manifestare soddisfazione per il complesso delle disposizioni, con particolare riguardo a quelle in materia di universit e ricerca, si sofferma sulle modificazioni accolte in Commissione, alcune delle quali meritano attenzione per il particolare rilievo sociale che rivestono. In particolare, sulla questione dei presidi incaricati, si offre una risposta, molta attesa dalla categoria dopo la mancata conversione del precedente decreto-legge, per consentire l'inserimento in graduatoria di coloro che erano stati ammessi con riserva al corso-concorso, anche se opportuno prevedere ulteriori aggiustamenti durante l'esame da parte dell'Aula in modo da evitare discriminazioni. Positiva appare altres l'abrogazione della disposizione recante il raddoppio del punteggio ai fini dell'inserimento in graduatoria per i docenti che hanno prestato servizio nelle scuole di montagna e nelle isole minori. Auspica inoltre che in sede di esame degli emendamenti sia affrontata la questione relativa al censimento dei beni archeologici sommersi nei fondali marini nonch quella relativa alle fondazioni lirico-sinfoniche


PASQUINI (DS-U). L'eterogeneit dei contenuti del provvedimento viola la legge n. 400 del 1988 e la legge di bilancio, non rispettando le prerogative del Senato. L'attribuzione dell'esame del provvedimento di conversione in sede referente alla Commissione istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport, sulla base della valutazione della prevalenza di una materia rispetto alle altre contenute nel decreto-legge, ha condotto la Commissione stessa, non competente per materia, ad esaminare l'articolo 7, che (peraltro in assenza di relazione tecnica) aumenta di oltre 3,5 miliardi di euro in tre anni il prelievo fiscale, in particolare sulle imprese. Questo articolo, che prevede tra l'altro un intervento successivo mediante decreto sulla stessa materia da parte del Ministro del tesoro, oltre a confermare che il Parlamento sostanzialmente espropriato della legislazione fiscale, testimonia dellassoluta incoerenza dell'azione politica del Governo che da un lato si appresta a stanziare risorse per favorire la competitivit e dall'altra penalizza le imprese, aumentando il costo di registrazione dei brevetti, dei marchi industriali e delle licenze. Con questi provvedimenti che scaricano oneri sull'innovazione tecnologica, la ricerca e la produzione industriale si aggrava la prospettiva di declino industriale del Paese.


PRESIDENTE. Dichiara chiusa la discussione generale.


ASCIUTTI, relatore. Rinunciando alla replica, precisa che l'emendamento della Commissione sulle fondazioni liriche ha ricevuto il giudizio positivo delle sovrintendenze e delle fondazioni stesse.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Ringraziando l'opposizione per i toni pacati della critica, riconosce che il decreto-legge, se verranno approvati gli emendamenti proposti dalla Commissione e dal Governo, aumenta notevolmente la sua portata, ma che tale forzatura si resa necessaria per riportare, ad esempio, nell'articolato i contenuti del decreto-legge n. 280, recentemente decaduto per ragioni attinenti alla programmazione dei lavori del Parlamento.


PRESIDENTE. Rinvia il seguito della discussione del disegno di legge n. 3276 ad altra seduta. D annunzio delle interrogazioni pervenute alla Presidenza (v. Allegato B) e toglie la seduta.


La seduta termina alle ore 11,10.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news