LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AFFARI COSTITUZIONALI (1ª) - 152ª seduta - Schema di riorganizzazione del MIBAC - Atto n. 287
2003-11-05



MERCOLEDI' 5 NOVEMBRE 2003
152ª seduta
Presidenza del Presidente
FALCIER



Interviene il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Gagliardi.

La seduta inizia alle ore 15.


Schema di decreto legislativo recante: «Riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali» (n. 287)
(Osservazioni alla Commissione parlamentare consultiva in ordine all'attuazione della riforma amministrativa. Esame. Osservazioni favorevoli con rilievi)

Il relatore FALCIER (FI) illustra lo schema di decreto legislativo in titolo e propone alla Sottocommissione di esprimere osservazioni favorevoli con i seguenti rilievi:
1. all'articolo 4 dello schema di decreto legislativo in titolo, con il quale viene novellato l'articolo 6 del decreto legislativo n. 368 del 1998, si segnala che l'individuazione delle direzioni generali in una fonte di rango primario appare in contrasto con l'articolo 17, comma 4-bis lettera b) della legge n. 400 del 1988, che demanda a regolamenti "di delegificazione" la "individuazione degli uffici di livello dirigenziale generale, centrali e periferici" e che il rispetto di tale disposizione rientra tra i principi e criteri della delega in attuazione della quale è emanato lo schema di decreto in titolo, ai sensi dell'articolo 12, comma 1 della legge n. 59 del 1997, espressamente richiamato dall'articolo 1, comma 2, della legge n. 137 del 2002;
2. all'articolo 7, comma 6, secondo periodo, del decreto legislativo n. 368 del 1998, come novellato dall'articolo 5 dello schema di decreto legislativo, si segnala l'opportunità di sopprimere le parole: "del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368";
3. all'articolo 6, comma 5, dello schema di decreto in titolo si invita la Commissione di merito a segnalare al Governo l'opportunità di sostituire il richiamo al principio "di cui al comma 2" con quello di cui al comma 3 del medesimo articolo, che reca il principio di invarianza della spesa.

La Sottocommissione concorda con le osservazioni formulate dal relatore.

(2441) Modifiche al codice di procedura penale in materia di revisione a seguito di sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo, approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante dall'unificazione dei disegni di legge d'iniziativa dei deputati Mario Pepe ed altri e Cola
(498) COMPAGNA ed altri. - Revisione dei processi penali in seguito a sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo
(Parere alla 2ª Commissione. Esame congiunto e rinvio)

Il relatore BOSCETTO (FI) illustra il disegno di legge n. 2441 osservando in primo luogo che, a differenza del disegno di legge n. 498, presupposto per la richiesta di revisione è l'accertamento, con sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, di violazioni delle disposizioni di cui all'articolo 6 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali: pur potendo tale fattispecie apparire fin troppo ampia e prestarsi pertanto a strumentalizzazioni, ritiene tuttavia che la permanenza in vigore dei limiti alla revisione di cui all'articolo 631 del codice di procedura penale, consenta di fugare le perplessità in merito.
Propone, quindi, alla Sottocommissione di esprimere un parere favorevole sul disegno di legge n. 2441 con le seguenti osservazioni:
1. all'articolo 2 si segnala l'opportunità di esplicitare che anche la decisione del Comitato dei ministri costituisce presupposto per la richiesta di revisione, per la presentazione della quale il medesimo articolo 2, comma 1, individua soltanto i termini;
2. all'articolo 2, comma 1, si segnala l'opportunità di inserire dopo le parole "la richiesta di revisione" le seguenti: “di cui all'articolo 630-bis del codice di procedura penale, introdotto dall'articolo 1 della presente legge”;
3. al medesimo articolo 2, comma 1, si segnala l’esigenza di fissare in via generale il termine per la proposizione della richiesta di revisione non solo come disposizione transitoria;
4. all'articolo 2, comma 2, si invita la Commissione di merito a valutare se l'esclusione della possibilità di richiedere la revisione delle sentenze e dei decreti penali di condanna per alcune tipologie di reati, quando la violazione delle disposizioni di cui all'articolo 6 della Convenzione sia stata commessa prima della data di entrata in vigore del disegno di legge in esame non presenti irragionevoli profili di disparità di trattamento sulla base del mero fattore temporale.

Illustra, quindi il disegno di legge n. 498 e, dopo avere osservato che la fattispecie in presenza della quale si prevede la possibilità di richiedere la revisione appare limitata in modo forse eccessivo, propone alla Sottocommissione di esprimere un parere favorevole osservando, tuttavia, che sembra opportuno stabilire l'obbligo di deposito della copia autentica della sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, ovvero della decisione del Comitato dei ministri, o in subordine prevedere che sia lo stesso giudice della revisione ad acquisire tale copia autentica.

Interviene il senatore BATTISTI (Mar-DL-U) esprimendo forti perplessità in particolare sul disegno di legge n. 2441, che fa riferimento alle violazioni di tutte le disposizioni di cui all'articolo 6 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali quale presupposto per la revisione delle sentenze di condanna: accanto alle ipotesi di lesione del diritto alla difesa, infatti, tale rinvio consentirebbe di chiedere la revisione anche nei casi di non ragionevole durata del processo, con grave rischio di un uso strumentale del nuovo articolo 630-bis del codice di procedura penale introdotto dall’articolo 1 di quel disegno di legge, considerata la durata media dei processi in Italia.
Il presidente FALCIER (FI), in considerazione dell’imminente inizio della seduta della Commissione affari costituzionali, propone che il seguito dell’esame congiunto dei disegni di legge in titolo sia rinviato ad altra seduta.

La Sottocommissione consente.

Il seguito dell’esame congiunto è quindi rinviato.

La seduta termina alle ore 15,25.





news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news