LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senato: seduta del 22 marzo (disposizioni urgenti per i beni e le attivit culturali)
2005-03-22

(3276-B) Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, recante disposizioni urgenti per luniversit e la ricerca, per i beni e le attivit culturali, per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilit dei pubblici dipendenti, nonch per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione. Sanatoria degli effetti dellarticolo 4, comma 1, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 280 (Relazione orale)


PRESIDENTE. Ricorda che, ai sensi dell'articolo 104 del Regolamento, oggetto della discussione e delle deliberazioni saranno soltanto le modificazioni apportate dalla Camera dei deputati, salvo la votazione finale.


ASCIUTTI, relatore. Consegna il testo scritto della relazione. (v. Allegato B). (Applausi dal Gruppo FI).



PRESIDENTE. Dichiara aperta la discussione generale.


CORTIANA (Verdi-Un). Il decreto-legge individua una soluzione assolutamente insufficiente ai fini del contrasto alla pirateria informatica equiparando lo scambio di materiale informatico via Internet a fini non commerciali al reato di contraffazione. Di fronte alle richieste di ripristinare la civilt giuridica violata da una previsione contraria anche alla normativa europea, si scelto di mantenere la via penale, sanzionando lo scambio di materiale informatico con una pena pecuniaria, anzich con la detenzione. Tale soluzione penalizza fortemente le potenzialit di mercato della rete che potrebbero dare esiti positivi, come avviene in altri Paesi, mediante un rapporto diretto tra produttori, autori e consumatori. (Applausi al Gruppo DS-U).


BRIGNONE (LP). Come hanno riconosciuto anche i senatori dell'opposizione durante i lavori della 7a Commissione permanente per l'espressione del parere, il decreto-legge, dal contenuto estremamente diversificato, stato migliorato dalla Camera dei deputati con opportune specificazioni e con una generale opera di ripulitura. Per quanto riguarda in particolare la normativa relativa ai docenti delle scuole di montagna, nellauspicare una complessiva e approfondita discussione sul tema dello spopolamento delle zone montane e annunciando un ordine del giorno del suo Gruppo volto a premiare la prestazione di servizi essenziali in situazioni di disagio, come appunto le scuole di montagna, ma anche le carceri e le sezioni ospedaliere, sottolinea come in tale materia sia stato compiuto un errore a monte allorquando il Parlamento ha indicato i criteri di attribuzione del punteggio e anzich fissare i principi generali. (Applausi dal Gruppo LP. Congratulazioni).


VALDITARA (AN). Nel preannunciare il voto favorevole del suo Gruppo alla conversione in legge del decreto-legge, condivide in particolare il ripristino del requisito triennale per la conferma della nomina dei ricercatori stabilito dalla Camera dei deputati dopo che il Senato aveva optato per il requisito di un solo anno, nonch lindividuazione del vincitore unico per i concorsi universitari, per il superamento dellintroduzione di molteplici riconoscimenti di idoneit, sia pure in attesa del ripristino dei concorsi nazionali. Viceversa, permangono critiche sullassegnazione del doppio punteggio ai docenti delle scuole di montagna e auspica che il Governo vari al pi presto il piano pluriennale di assunzioni, per elaborare in quel contesto le norme di cornice per limmissione in ruolo dei precari. (Applausi dal Gruppo AN).


GABURRO (UDC). Anche il suo Gruppo voter a favore del disegno di legge di conversione, condividendo in gran parte le soluzioni adottate dalla Camera dei deputati, ad esempio in ordine alla conferma della nomina di ricercatori al termine di un triennio di attivit e al collegamento nella misura del 70 per cento con gli emolumenti dei professori associati. Sono condivisibili inoltre lindicazione del vincitore unico nei concorsi universitari, sia pure nella prospettiva di una soluzione transitoria, e quella del punteggio per i diplomi di specializzazione e i corsi di perfezionamento. (Applausi dal Gruppo UDC).


ROLLANDIN (Aut). Con riferimento alle scuole di montagna, la cui disciplina stata modificata dalla Camera dei deputati nonostante lapprovazione unanime da parte del Senato, trattandosi di un provvedimento durgenza e pertanto non modificabile, auspica il varo di una legge quadro sulla montagna o, quanto meno, di una disciplina pi soddisfacente prima dellinizio del prossimo anno scolastico.


PRESIDENTE. Dichiara chiusa la discussione generale.


ASCIUTTI, relatore. Non interviene in replica, limitandosi a ringraziare i senatori intervenuti.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Pur condividendo alcune delle soluzioni individuate dalla Camera dei deputati, ma riconoscendo che il testo licenziato dal Senato stato falcidiato dallaltro ramo del Parlamento, auspica un maggiore coordinamento nellattivit legislativa delle due Camere e in particolare delle rispettive Commissioni bilancio. (Applausi del senatore Fabris).


PRESIDENTE. In attesa del parere della Commissione bilancio, sospende la seduta.


La seduta, sospesa alle ore 17,53, ripresa alle 18,16.


Presidenza del vice presidente FISICHELLA


PRESIDENTE. D lettura del parere della Commissione bilancio sul disegno di legge in titolo e sugli emendamenti ad esso riferiti. (v. Resoconto stenografico).

Passa all'esame dell'articolo 1 del disegno di legge di conversione, avvertendo che gli emendamenti e gli ordini del giorno sono riferiti alle parti del decreto-legge modificate dalla Camera dei deputati. D lettura degli emendamenti improponibili in quanto non correlati a modifiche introdotte dalla Camera dei deputati. (v. Resoconto stenografico).

Passa quindi all'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 1 del decreto-legge, che si intendono illustrati, ricordando che la Commissione bilancio ha espresso parere contrario, ai sensi dell'articolo 81 della Costituzione, sugli emendamenti 1.117, 1.118, 1.119, 1.120, 1.127, 1.128, 1.107, 1.108, 1.110, 1.113, 1.114, 1.101, 1.102, 1.103, 1.104, 1.105, 1.129, 1.111 e 1.124.


ASCIUTTI, relatore. Esprime parere contrario su tutti gli emendamenti.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Concorda con il relatore.


Il Senato respinge l'emendamento 1.100. Con votazione nominale elettronica, chiesta dal senatore CORTIANA (Verdi-Un) ai sensi dell'articolo 102-bis del Regolamento, il Senato respinge l'emendamento 1.101, con conseguente preclusione dell'1.105.


PRESIDENTE. Gli emendamenti 1.102, 1.103 e 1.104 sono improcedibili. Su richiesta del senatore CORTIANA (Verdi-Un), dispone la verifica numero legale sulla votazione dell'emendamento 1.106. Avverte che il Senato non in numero legale e sospende la seduta per venti minuti.


La seduta, sospesa alle ore 18,23, ripresa alle ore 18,43.


Presidenza del vice presidente SALVI


Previe distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), il Senato respinge gli emendamenti 1.106, 1.109, 1.112, 1.121, 1.125 e 1.130. Con distinte votazioni nominali elettroniche, chieste dal senatore CORTIANA ai sensi dell'articolo 102-bis del Regolamento, il Senato respinge gli emendamenti 1.107, 1.108, 1.111, 1.113, 1.114, 1.117, 1.119, 1.124, 1.120 e 1.127. Il Senato respinge anche gli emendamenti 1.115 (identico all'1.116), 1.122, 1.123 e 1.126.


PRESIDENTE. Gli emendamenti 1.110, 1.118, 1.128 e 1.129 sono improcedibili.


ASCIUTTI, relatore. Si rimette al Governo sull'ordine del giorno G1.100.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Lo accoglie come raccomandazione.


PRESIDENTE. Passa all'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 1-bis, del decreto-legge, che si intendono illustrati, sui quali il relatore e il sottosegretario Ventucci esprimono parere contrario.


Previe distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), il Senato respinge gli emendamenti 1-bis.100, 1-bis.102, 1-bis.103, 1-bis.104 e 1-bis.106. Il Senato respinge gli emendamenti 1-bis.101 e 1-bis.105.


PRESIDENTE. Passa allesame degli emendamenti e dell'ordine del giorno riferiti all'articolo 1-ter del decreto-legge, che si intendono illustrati.


ASCIUTTI, relatore. Esprime parere contrario sugli emendamenti e si rimette al Governo sull'ordine del giorno.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. E' contrario agli emendamenti ed accoglie come raccomandazione l'ordine del giorno G1-ter.100.


Con votazioni precedute da distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), sono respinti gli emendamenti 1-ter.100, 1-ter.103, 1-ter.102, 1-ter.104, 1-ter.105 e 1-ter.106. inoltre respinto l'emendamento 1-ter.101.


PRESIDENTE. Passa all'esame dell'emendamento riferito all'articolo 1-quinquies del decreto-legge, che si intende illustrato, sul quale il relatore ed il sottosegretario Ventucci esprimono parere contrario.


Previa verifica del numero legale, chiesta dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), il Senato respinge l'emendamento 1-quinquies.100.


PRESIDENTE. Passa all'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 1-septies del decreto-legge, che si intendono illustrati, sui quali il relatore ed il sottosegretario Ventucci esprimono parere contrario.


Con votazione preceduta dalla verifica del numero legale, chiesta dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), respinto l'emendamento 1-septies.100. Con votazione nominale elettronica, chiesta dal senatore CORTIANA, respinto l'emendamento 1-septies.101.


PRESIDENTE. Passa all'esame degli emendamenti e dell'ordine del giorno riferiti all'articolo 1-octies del decreto-legge.


ACCIARINI (DS-U). L'emendamento 1-octies.0.100a prevede un progetto organico per la stabilizzazione dei dirigenti scolastici, attraverso un corso concorso ordinario ed un altro riservato ai presidi che abbiano maturato almeno un anno di incarico di presidenza, con attribuzione dei posti in via prioritaria a coloro che abbiano almeno tre anni di incarico. A differenza del decreto-legge, l'emendamento un serio tentativo di soluzione del problema dei presidi incaricati. (Applausi del senatore Vicini).


ASCIUTTI, relatore. Esprime parere contrario sugli emendamenti, mentre favorevole all'ordine del giorno.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. E contrario agli emendamenti ed accoglie l'ordine del giorno G1-octies.0.100.


SOLIANI (Mar-DL-U). Mentre il decreto-legge si caratterizza per la provvisoriet e per l'incertezza che genera tra i lavoratori della scuola, l'emendamento 1-octies.0.100a, su cui annuncia il voto favorevole, si muove nella prospettiva di medio e lungo periodo assicurando certezza della normativa, stabilit e continuit alla didattica. E' quindi esattamente il contrario della sanatoria prevista dal provvedimento, che a riprova del fallimento di un metodo di Governo realizza un ulteriore improvviso ed immotivato mutamento della normativa, rendendo precaria anche la situazione dei dirigenti scolastici. (Applausi dai Gruppi Mar-DL-U e DS-U).


Con votazione nominale elettronica, chiesta dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), il Senato respinge l'emendamento 1-octies.0.100a. Previa verifica del numero legale, chiesta dal senatore CORTIANA, respinto l'emendamento 1-octies.0.100.


PRESIDENTE. Passa all'esame degli emendamenti e dell'ordine del giorno riferiti all'articolo 1-novies del decreto-legge.


SODANO Calogero (UDC). L'ordine del giorno G1-novies.100 (v. Allegato A) intende sanare un'ingiustizia commessa nella discussione presso la Camera dei deputati.


ASCIUTTI, relatore. E' contrario agli emendamenti e si rimette al Governo sull'ordine del giorno.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. E' contrario agli emendamenti e accoglie l'ordine del giorno G1-novies.100 come raccomandazione.


Con votazioni precedute da distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), il Senato respinge gli emendamenti 1-novies.100, 1-novies.101, 1-novies.104, 1-novies.108 e 1-novies.113. Con distinte votazioni, sono respinti gli emendamenti 1-novies.105, 1-novies.111, 1-novies.112, 1-novies.114 e 1-novies.0.100. Con distinte votazioni nominali elettroniche, chieste dalla senatrice ACCIARINI (DS-U), sono respinti gli emendamenti 1-novies.102, 1-novies.103, 1-novies.110 e 1-novies.115. Con votazione nominale elettronica chiesta dal senatore CORTIANA, respinto l1-novies.106. Con votazioni precedute da distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore CIRAMI (UDC), il Senato respinge gli emendamenti 1-novies.107 e 1-novies.109.


PRESIDENTE. Passa agli emendamenti e all'ordine del giorno riferiti all'articolo 2 del decreto-legge, che si intendono illustrati.


ASCIUTTI, relatore. E' contrario agli emendamenti e favorevole all'ordine del giorno.


VENTUCCI, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Concorda con il relatore accogliendo dunque lordine del giorno G2.100.


Con votazioni precedute da distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore CORTIANA (Verdi-Un), sono respinti gli emendamenti 2.100 e 2.105. Con distinte votazioni, sono respinti gli emendamenti 2.101 e 2.108. Con distinte votazioni nominali elettroniche, chieste dalla senatrice ACCIARINI (DS-U), il Senato respinge gli emendamenti 2.102 e 2.104. Previe distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore CIRAMI (UDC), il Senato respinge gli emendamenti 2.103, 2.106 e 2.110. Previa verifica del numero legale, chiesta dalla senatrice ACCIARINI, respinto l'emendamento 2.107.

Con distinte votazioni nominali elettroniche, chieste dal senatore CORTIANA, sono respinti gli emendamenti 2.109, 2.111, 2.113, 2.115, 2.119 e 2.121 (identico all'emendamento 2.122). Previe verifiche del numero legale, chieste dal senatore CIRAMI, sono respinti gli emendamenti 2.112, 2.118 e 2.120. Con votazione preceduta da verifica del numero legale, chiesta dalla senatrice ACCIARINI, respinto il 2.117. Risultano altres respinti gli emendamenti 2.114 e 2.116.


TOFANI (AN). Propone di concludere la seduta al termine della votazione degli emendamenti riferiti all'articolo 2.


PRESIDENTE. Non facendosi osservazioni, cos si intende stabilito.


Previa verifica del numero legale, chiesta dal senatore CIRAMI (UDC), respinto l'emendamento 2.123. Sono altres respinti gli emendamenti 2.0.100 e 2.0.101.


PRESIDENTE. Come convenuto, rinvia il seguito della discussione ad altra seduta. D annunzio della mozione e delle interrogazioni pervenute alla Presidenza (v. Allegato B) e comunica lordine del giorno della seduta di domani.


La seduta termina alle ore 19,54.
Allegato B



Relazione orale del senatore Asciutti sul disegno di legge n. 3276-B


Signor Presidente, onorevoli colleghi, torna dalla Camera dei deputati il disegno di legge n. 3276, recante conversione in legge del decreto-legge n. 7 del 2005. Come si ricorder, nel corso della prima lettura del provvedimento in Senato esso fu oggetto di un ampio dibattito con particolare riferimento alla sua eterogeneit, su cui non giova tuttavia tornare ora. L'esame in questa sede, come a tutti noto, infatti limitato alle modifiche apportate dall'altro ramo del Parlamento e che consistono essenzialmente nell'aver estrapolato le norme di spesa introducendo un'unica disposizione di spesa, da ripartirsi con decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali previo atto di indirizzo parlamentare.

Quanto alle modifiche apportate, va in primo luogo segnalato che la Camera dei deputati ha modificato il comma 2 dell'articolo 1 relativo al giudizio di conferma per i ricercatori. Come si ricorder, il testo originario del Governo prevedeva di ridurre da tre anni ad un anno il periodo per la conferma, anche al fine di consentire una pi rapida carriera economica ai ricercatori. Con le medesime finalit, ma senza alterare il triennio per il giudizio di conferma, la Camera dei deputati ha modificato la norma stabilendo che, dopo il primo anno di effettivo servizio e fino al giudizio di conferma, il trattamento economico dei ricercatori pari al 70 per cento di quello degli associati di pari anzianit. Inoltre, la Camera dei deputati ha aggiunto una norma secondo cui, in attesa del riordino dello stato giuridico, per le procedure di valutazione comparativa degli ordinari e degli associati bandite successivamente al 15 maggio 2005 la proposta della commissione limitata ad un solo idoneo.

Tralasciando alcune modifiche di carattere minore, vale poi la pena di soffermarsi su quelle relative ai punteggi per l'inserimento in graduatoria dei docenti delle scuole.

Come si ricorder, al Senato era stato introdotto un articolo che modificava la Tabella allegata al decreto-legge n. 97 del 2004 mantenendo il raddoppio del punteggio per il solo servizio prestato nelle scuole elementari di montagna e in quelle di ogni ordine e grado situate negli istituti penitenziari. Tale disposizione stata tuttavia soppressa nel corso dell'esame presso l'altro ramo del Parlamento, che ha lasciato cos inalterata, sotto questo profilo, la Tabella allegata al decreto-legge n. 97 (che, lo ricordo, prevede il raddoppio del punteggio per il servizio prestato nelle scuole di ogni ordine e grado, situate in montagna, nelle isole minori e negli istituti penitenziari).

La Camera dei deputati ha invece modificato un'altra parte della medesima Tabella ed in particolare quella relativa ai diplomi di specializzazione, ai master e ai corsi di perfezionamento universitario. In particolare, la modifica distingue fra diplomi di specializzazione o master universitari, cui continuano ad essere attribuiti tre punti, e corsi di perfezionamento universitario, cui sono invece attribuiti due punti. La norma stabilisce altres che per ogni anno sia possibile valutare uno solo dei predetti titoli.

L'altro ramo del Parlamento ha altres modificato la norma, introdotta al Senato, in materia di Fondazioni lirico-sinfoniche. In particolare, stato limitato all'anno 2005 il divieto di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato ed stato previsto che le Fondazioni, con bilancio verificato almeno in pareggio possano comunque assumere personale, purch nei limiti delle rispettive piante organiche e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

In materia di pubblici dipendenti, la Camera dei deputati ha, inoltre, soppresso la disposizione, introdotta dal Senato, che riduceva da cinque a tre anni il periodo di permanenza in seconda fascia per i dirigenti ai fini del passaggio in prima fascia.

Ha soppresso altres gli articoli, sempre inseriti dal Senato, che recavano norme in materia di trattamento pensionistico degli ex dipendenti dell'Agensud, disposizioni concernenti l'ANAS Spa, norme sulla verifica dello stato dei finanziamenti per la realizzazione delle opere e disposizioni sulle forniture di interesse nazionale.

Ha invece modificato gli articoli che recavano disposizioni in materia di diritti di imbarco dei passeggeri sugli aeromobili, interventi urgenti per i giochi olimpici invernali "Torino 2006" e disposizioni in materia di tessera sanitaria.

In considerazione dell'urgenza del provvedimento, onde evitarne la decadenza, come gi avvenuto in occasione di precedenti decreti-legge a loro volta piuttosto eterogenei, propongo all'Assemblea di esprimersi favorevolmente sulle modifiche apportate dalla Camera dei deputati.


Sen. Asciutti






news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news