LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DISEGNO DI LEGGE N. 3387 - Modifica all’articolo 59 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in materia di denuncia di trasferimento di beni culturali
2005-04-13

DISEGNO DI LEGGE d’iniziativa del senatore ASCIUTTI
COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 13 APRILE 2005

———–

Modifica all’articolo 59 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in materia di denuncia di trasferimento di beni culturali


———–
PRESENTAZIONE DEL DDL

Onorevoli Senatori. – L’entrata in vigore dal 1º maggio 2004 del nuovo «Codice dei beni culturali e del paesaggio» ha segnato una data fondamentale per la tutela dei beni culturali del nostro Paese.

Il motivo che ha indotto il legislatore a redigere un nuovo codice anzichè procedere ad una revisione del testo unico adottato anni fa il con decreto legislativo del 29 ottobre 1999, n. 490, è abbastanza evidente: adeguare la normativa sui beni culturali ai dettami imposti dalla revisione del Titolo V della Costituzione.
Con tale revisione è stato innovato il riparto di competenze tra Stato e regioni in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali, attribuendo la prima al livello di governo centrale e la seconda al livello di governo periferico.
Il nuovo codice, però, ha stabilito all’articolo 59 che «gli atti che trasferiscono in tutto o in parte, a qualsiasi titolo, la proprietà o la detenzione di beni culturali, sono denunciati al ministero».
Tale scelta normativa, ovviamente, comporta la denuncia, alla competente soprintendenza del luogo ove si trovano i beni, di tutte le locazioni di unità immobiliari situate in immobili storico-artistici.
L’obbligo di denuncia di trasferimento della detenzione dei beni vincolati, sia mobili che immobili, era presente – ma, di fatto mai applicato – nel combinato disposto dell’articolo 30 della legge 1º giugno 1939 n. 1089 (che la prevedeva) e dell’articolo 56 del regio decreto 30 gennaio 1913, n. 363, che limitava l’obbligo di denuncia al trasferimento della proprietà e non della detenzione. Era inoltre presente al comma 2 dell’articolo 58 del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, che però limitava l’obbligo solo ai casi di «alienazione» a titolo oneroso o gratuito.
Infine le competenti commissioni di Camera e Senato avevano proposto di eliminare tale obbligo di denuncia dallo schema di codice sottoposto al loro esame, atteso che lo stesso era da ritenersi insussistente perchè di fatto mai applicato.
Ed invero, tenuto conto che le finalità precipue del nuovo codice sono volte a garantire la più ampia tutela dei beni culturali, sia mobili che immobili e considerato che, con specifico riferimento ai beni immobili, unico responsabile della conservazione del bene vincolato è sempre il suo proprietario, risulta evidente che in caso di trasferimento della sola detenzione degli stessi, del tutto superfluo appare l’obbligo di denuncia ritualmente prevista dall’articolo 59, comma 1.
Con la limitazione, invece, dell’obbligo di denuncia – così come previsto dal nuovo codice – ai soli beni mobili (per i quali soltanto, può essere rilevante che le soprintendenze sappiano dove vengono trasferiti, per poterne sorvegliare la conservazione), si raggiunge l’obiettivo più immediato di sollevare le stesse da un notevole – per non dire superfluo – carico di lavoro, mantenendo in ogni caso ferme – per quanto sopra illustrato e secondo i principi fondamentali in materia di responsabilità – le finalità di tutela del nuovo «Codice dei beni culturali e del paesaggio».



DISEGNO DI LEGGE

Art. 1.

1. All’articolo 59 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, il comma 1 è sostituito dal seguente:

«1. Gli atti che trasferiscono, in tutto o in parte, a qualsiasi titolo, la proprietà dei beni culturali sia mobili che immobili o la detenzione dei beni culturali mobili, sono denunciati al Ministero».

www.senato.it


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news