LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Proposta riguardante le spiagge del Sud d'Italia avanzata dal Vicepresidente del Consiglio dei ministri Tremonti - n. 3-04449
0000-00-00

(Proposta riguardante le spiagge del Sud d'Italia avanzata dal Vicepresidente del Consiglio dei ministri Tremonti - n. 3-04449)
PRESIDENTE. L'onorevole Nuvoli ha facolt di illustrare la sua interrogazione n. 3-04449 (vedi l'allegato A - Interrogazioni a risposta immediata sezione 3).

GIAMPAOLO NUVOLI. Signor Presidente, signor ministro, l'interrogazione che ho presentato punta a richiamare l'attenzione del Governo su alcune improvvide e straordinariamente gravi dichiarazioni del vice-premier Tremonti rispetto alla possibilit che siano vendute le spiagge del Mezzogiorno d'Italia.
In particolare, eccepisco due punti: il primo sul piano del merito, il secondo sul piano del diritto. Sul piano del merito, troverei assolutamente ingiusto dal punto di vista sociale che milioni e milioni di concittadini del Mezzogiorno d'Italia e delle isole siano costretti, qualora si realizzasse l'idea di Tremonti, a pagare salate tariffe agli stabilimenti balneari. Sul piano del diritto, vorrei ricordare che la lettera s) dell'articolo 117 del Titolo V della Costituzione sancisce la potest delle regioni in materia ambientale.
Ebbene, in questo modo si toglierebbe alle regioni questa possibilit e praticamente lo Stato si approprierebbe, in modo assolutamente incredibile ed inaccettabile sul piano del diritto, di una potest, che assolutamente non ha.

PRESIDENTE. Il ministro per i rapporti con il Parlamento, onorevole Giovanardi, ha facolt di rispondere.

CARLO GIOVANARDI, Ministro per i rapporti con il Parlamento. Nel corso di un'intervista televisiva, l'onorevole Tremonti ha formulato alcune ipotesi di intervento a sostegno dell'economia meridionale: una banca per il Mezzogiorno, una fiscalit europea di attrazione nel Mezzogiorno di capitali extra europei ed anche, incidentalmente, l'ipotesi - questo fu il termine usato - di vendita di concessioni marittime per 100 anni.


Come l'onorevole Tremonti ha pi volte avuto occasione di dire, l'ipotesi non era e non pu essere, evidentemente, nell'ordinamento italiano quella di vendere le spiagge, ma, a regime concessorio sostanziale invariato, sarebbe quella di allungare il termine di durata delle concessioni, in modo da costituirne un profilo temporale tanto lungo da incentivare gli operatori turistici ad investire, rendendo cos pi produttivo, nell'interesse della collettivit, specialmente quella meridionale, questo patrimonio pubblico. Tutto qui.

In merito a tale intervista televisiva, si sono poi sviluppate discussioni ed anche strumentalizzazioni, perch vendere le spiagge non possibile e d'altronde non mai stato detto; si parlava piuttosto di concessioni e di demanio, che non vendibile, quindi di beni inalienabili. Si tratta dunque di ragionare su un allungamento della durata delle concessioni, che oggi sono della durata di tre, quattro, cinque anni. Essendo la durata delle concessioni cos breve, gli operatori turistici sono restii ad investire ed anche le banche concedono difficilmente fondi per lo sviluppo di queste zone. Invece, un allungamento del profilo temporale delle concessioni - naturalmente coinvolgendo regioni e comuni - pu essere preso in considerazione nell'interesse oggettivo del paese, del Mezzogiorno e degli operatori, valorizzando cos queste nostre ricchezze.
Con soddisfazione vedo che negli ultimi giorni, finita la fase polemica o di strumentalizzazione di questa frase, proprio gli amministratori delle regioni, delle province e dei comuni del sud si sono detti straordinariamente interessati ad approfondire questa proposta, nei termini che ho detto, cio concessioni che abbiano una durata temporale pi lunga, laddove naturalmente la propriet delle spiagge resta al demanio. Ci consentirebbe infatti agli operatori di investire e di pagare anche canoni pi adeguati, relativamente all'uso pi lungo della concessione per l'utilizzo di tali beni. Credo si tratti di una straordinaria opportunit, da approfondire appunto con le regioni, gli enti locali e gli operatori interessati, per offrire migliori possibilit di sviluppo al sud, proprio attraverso la valorizzazione del suo territorio.
Personalmente mi ha sempre colpito, andando a Rimini, a Riccione, a Jesolo, lo sviluppo che vi stato in quelle zone costiere. Basta vedere gli alberghi, gli ombrelloni, le spiagge, la ricchezza che c' in quei posti. Quello che stato possibile fare in Emilia Romagna e in Veneto sembra invece impossibile fare nelle regioni meridionali (Applausi dei deputati del gruppo della Lega Nord Federazione Padana)!

PRESIDENTE. L'onorevole Nuvoli ha facolt di replicare.

GIAMPAOLO NUVOLI. Signor ministro, prendo atto della sua risposta; tuttavia, mi consenta di dirle che sono insoddisfatto, perch lei ha detto, fra le altre cose, che comunque l'iniziativa in capo al Governo. Invece io vorrei precisare che l'iniziativa in questa materia in capo alle regioni.

CARLO GIOVANARDI, Ministro per i rapporti con il Parlamento. L'ho detto due volte!

GIAMPAOLO NUVOLI. Infatti, l'articolo 117 del Titolo V della Costituzione sancisce che spetta alle regioni la potest legislativa, salvi i principi fondamentali, la cui determinazione riservata allo Stato. E tra i principi fondamentali non vi quello - non c' dubbio - di poter alienare le spiagge del Mezzogiorno d'Italia.

CARLO GIOVANARDI, Ministro per i rapporti con il Parlamento. Ma non scrivete prima la replica!

GIAMPAOLO NUVOLI. Inoltre, signor ministro, mi consenta di ribadire che nel Mezzogiorno, in Sardegna si avverte la necessit di un maggior numero di spiaggie libere, possibilmente anche pi attrezzate, per andare incontro alle esigenze della generalit dei cittadini. Andare al mare, infatti, non deve costituire assolutamente un lusso. Mi auguro che, dopo la Tremonti-bis, non si approvi una Tremonti-beach.
Vorrei anche invitare il Governo a riconsiderare positivamente quella vecchia canzone, sempre bella, di Piero Focaccia: Per quest'anno non cambiare, stessa spiaggia, stesso mare (Applausi dei deputati dei gruppi Misto-Popolari-UDEUR e della Margherita, DL-L'Ulivo - Commenti del deputato Vascon)!

PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, il dibattito tra i parlamentari ed il Governo!



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news