LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Legge Regione Toscana n. 19 del 31 gennaio 2005
2005-01-31
B.U.R. Toscana n. 8 del 7 febbraio 2005

Regione Toscana
Legge Regionale n. 19 del 31 gennaio 2005

Norme sul sistema regionale dei beni culturali.

(B.U.R. Toscana n. 8 del 7 febbraio 2005)


IL CONSIGLIO REGIONALE
ha approvato
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE
promulga la seguente legge:


CAPO I
Disposizioni generali

ARTICOLO 1
Finalit
1. La Regione Toscana esercita le funzioni di valorizzazione e di tutela dei beni culturali ad essa attribuite dal decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dellarticolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137) o dalle intese ai sensi dellarticolo 118, terzo comma, della Costituzione, secondo i principi e gli indirizzi generali definiti dalla presente legge, in attuazione delle finalit indicate allarticolo 4, comma 1, lettere b) e m), dello Statuto.

2. La Regione promuove lintegrazione di funzioni e compiti concernenti la tutela, la fruizione, la valorizzazione e la gestione del bene culturale, e favorisce il coordinamento e lintegrazione delle iniziative e degli interventi sui beni culturali con le politiche di governo del territorio e di tutela del
paesaggio.


ARTICOLO 2
Principi
1. Lintervento regionale improntato ai seguenti principi:
a. promozione e sviluppo della progettualit comune, e coordinamento dei soggetti operanti nel settore e delle loro attivit;
b. valorizzazione delle relazioni tra i beni culturali ed i contesti territoriali;
c. efficienza ed efficacia della progettazione e delle azioni di attuazione;
d. cooperazione e partecipazione di soggetti pubblici e privati;
e. imparzialit, pubblicit e trasparenza;
f. valorizzazione dellattivit di ricerca.

CAPO II
Rapporti con lo Stato, gli enti locali, e con gli altri soggetti


ARTICOLO 3
Rapporti con lo Stato
1. La Giunta regionale, in applicazione del principio di leale collaborazione, elabora, definisce e propone atti di coordinamento, di intesa e di accordo con lo Stato che possano accrescere il livello di integrazione nellesercizio delle funzioni concernenti i beni culturali, in particolare ai seguenti fini:
a. conferimento, ai sensi degli articoli 4 e 5 del d. lgs. 42/2004, di ulteriori funzioni e compiti di tutela del patrimonio culturale al sistema regionale e locale;
b. organizzazione, integrazione e sviluppo delle attivit di fruizione degli istituti e dei luoghi della cultura, compresi quelli di appartenenza statale, nonch attribuzione della disponibilit e della gestione di istituti e luoghi della cultura statali al sistema regionale e locale, ai sensi dellarticolo 102 del d. lgs. 42/2004;
c. organizzazione, integrazione e sviluppo delle attivit di valorizzazione, ai sensi dellarticolo 112 del d. lgs. 42/2004, e individuazione di adeguate forme di gestione;
d. individuazione degli indirizzi fondamentali per assicurare il coordinamento regionale della cooperazione degli enti locali alle funzioni di tutela.
2. Per i fini di cui al comma 1 la Regione programma, nellambito di un intervento coordinato con le politiche del governo del territorio e della formazione professionale, la riorganizzazione del sistema regionale di istituti e luoghi della cultura, promuovendo lintegrazione fra istituti statali e istituti degli enti locali e dei soggetti privati.


ARTICOLO 4
Rapporti con gli enti locali
1. La Regione riconosce negli enti locali territoriali i soggetti essenziali per il sistema regionale, ai quali compete la responsabilit di integrare, coordinare e gestire, nel quadro dei principi indicati dalla Regione, le relazioni fra il bene culturale ed il contesto paesaggistico e territoriale.

2. La Giunta regionale garantisce la partecipazione degli enti locali interessati nel processo di elaborazione delle proprie proposte per i fini di cui allarticolo 3, comma 1, lettera d), e agli accordi su base regionale per la valorizzazione dei beni culturali, ai sensi dellarticolo 112 del d. lgs. 42/2004.

3. La Regione, nel rispetto dellautonomia degli enti territoriali, detta norme sulle attivit di fruizione e di valorizzazione affinch siano garantite condizioni omogenee di efficace gestione.


ARTICOLO 5
Rapporti con universit, istituzioni di ricerca, istituzioni di cultura
1. La Regione promuove e favorisce le pi ampie forme di consultazione, informazione e coordinamento con le istituzioni universitarie, con le istituzioni di ricerca e con le istituzioni culturali o comunque interessate a finalit culturali, anche al fine di definire programmi comuni di ricerca e di
studi.


ARTICOLO 6
Rapporti con soggetti privati singoli o associati
1. La Regione riconosce il contributo di conoscenze tecniche, di esperienze, di risorse economiche ed organizzative che i privati, singoli o associati, con o senza scopo di lucro, possono apportare allintervento pubblico per i beni culturali, e ne valorizza liniziativa e lattivit.


ARTICOLO 7
Autonomia e qualificazione tecnica e scientifica degli apparati
1. La Regione valorizza lautonomia tecnica e scientifica delle strutture allesercizio delle funzioni concernenti i beni culturali.

2. La Regione realizza, con la collaborazione delle istituzioni interessate, iniziative per promuovere e definire la costituzione di un apparato unitario di livello regionale, caratterizzato da una posizione di autonomia tecnico-scientifica ed operativa.


CAPO III
Strumenti attuativi

ARTICOLO 8
Forme dellintervento regionale
1. Lintervento regionale si avvale di forme di cooperazione quali accordi, convenzioni, contratti.

2. Gli atti di concertazione, gli accordi, le convenzioni contengono disposizioni volte a garantire lesecuzione ed una chiara attribuzione delle responsabilit in caso di violazione degli impegni concordati.

3. La Giunta regionale elabora schemi-tipo di accordi, di convenzioni, di contratti, e li mette a disposizione degli enti interessati.


ARTICOLO 9
Partecipazione della Regione a fondazioni, associazioni e altri organismi
1. La Regione partecipa a fondazioni, associazioni, comitati e altri organismi sulla base di progetti definiti in applicazione dei principi di sussidiariet, di differenziazione e di adeguatezza e di congruit dimensionale, tecnica e gestionale.

2. La partecipazione della Regione agli organismi di cui al comma 1 prevista allinterno degli atti di programmazione di cui alla legge regionale 1 febbraio 1995, n. 14 (Disciplina degli atti e delle procedure della programmazione e degli interventi finanziari regionali nei settori delle attivit e dei beni culturali).


ARTICOLO 10
Sistema informativo
1. La Giunta regionale organizza e gestisce un sistema informativo in cui sono inseriti, ordinati e catalogati gli elementi conoscitivi utili per la conservazione dei beni culturali nonch per la progettazione, lesercizio, la valutazione ed il controllo delle funzioni di valorizzazione e di gestione dei beni culturali.

2. Il sistema regionale:
a. conformato in modo da raccogliere e da utilizzare i dati rilevanti per la completa caratterizzazione del bene culturale e della sua condizione complessiva, compresi quelli determinati dalle politiche, dai piani e dagli interventi concernenti il paesaggio, il territorio, lambiente;
b. valorizza le risorse conoscitive gi esistenti sul territorio e sollecita e favorisce forme di collaborazione, di coordinamento, di reciproca informazione con lo Stato, con gli enti locali, con le universit e con le istituzioni di cultura e di ricerca, con i soggetti privati interessati;
c. contribuisce ai sistemi informativi previsti a livello nazionale.
3. Nel sistema informativo confluiscono gli accordi, le intese e gli altri atti di cui allarticolo 8.

4. Il sistema informativo assicura la pubblicit e la trasparenza dellintervento in materia di beni culturali e rende agevole laccesso ai dati acquisiti, fermi i limiti derivanti dalla legislazione vigente.

5. La Giunta trasmette annualmente al Consiglio regionale un rapporto sullo stato del sistema informativo a livello regionale e locale, e sui rapporti con il quadro delle attivit di ricerca.


ARTICOLO 11
Linee di indirizzo e standard tecnici

1. La Giunta regionale definisce indirizzi e standard tecnici per lintervento pubblico a livello regionale e locale, e contribuisce alla definizione di linee di indirizzo e di standard tecnici concernenti lintervento pubblico in tema di beni culturali a livello nazionale, secondo quanto previsto dalla legislazione vigente.


ARTICOLO 12
Attuazione della legge
1. La presente legge attuata attraverso gli strumenti e le procedure di cui alla l. r. 14/1995.



Formula Finale:
La presente legge pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Toscana.



Firenze, 31 gennaio 2005

La presente legge stata approvata dal Consiglio Regionale nella seduta del 26.01.2005.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news