LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parere della XIV Commissione su C. 5901, 14/06/2005
2005-06-14

XIV Commissione - Resoconto di marted 14 giugno 2005


Decreto-legge 63/05: Disposizioni urgenti per lo sviluppo e la coesione territoriale e per la tutela del diritto d'autore.
C. 5901 Governo, approvato dal Senato.
(Parere alla I Commissione).
(Esame e conclusione - Parere favorevole).

La Commissione inizia l'esame del provvedimento in titolo.

Andrea DI TEODORO (FI), relatore, osserva che nel testo originario, il decreto-legge in esame, che constava di due articoli, oltre a quello relativo all'entrata in vigore, era stato adottato stante la straordinaria necessit ed urgenza di potenziare ed ottimizzare l'attivit del Governo in materia di politiche del Mezzogiorno, ampliando il ruolo di coordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri e di realizzare un pi efficace coordinamento, anche a livello internazionale, delle funzioni di contrasto delle attivit illecite lesive della propriet intellettuale.

Ricorda peraltro che nel corso dell'iter di conversione al Senato sono stati approvati undici articoli aggiuntivi, dieci dei quali riferiti al decreto-legge ed uno al disegno di legge di conversione. Tiene a sottolineare che si trattato di un metodo di legiferare che non condivide, ma che da accettare per le esigenze specifiche da soddisfare, inserite nel provvedimento in esame.

Sottolinea quindi che l'articolo 1 del decreto-legge attribuisce al Presidente del Consiglio dei ministri o ad un ministro da lui delegato le competenze concernenti lo sviluppo e le politiche di coesione nel Mezzogiorno; l'articolo 2, con il fine dichiarato di realizzare un pi efficace coordinamento, anche a livello internazionale, delle funzioni di contrasto delle attivit illecite lesive della propriet intellettuale, affianca la Presidenza del Consiglio al Ministero per i beni e le attivit culturali in alcune funzioni da esso svolte in materia di tutela del diritto d'autore. Aggiunge che l'articolo 2-bis estende alla campagna per i referendum abrogativi del 2005 le agevolazioni fiscali per l'acquisto di materiale elettorale e di spazi di comunicazione politica, attualmente previste per la propaganda svolta in occasione di elezioni politiche, regionali e amministrative.

Gli articoli da 2-ter a 2-quinquies prevedono invece, all'articolo 2-ter, l'obbligo per le stazioni appaltanti di opere pubbliche in aree di interesse archeologico di trasmettere al Soprintendente territorialmente competente, copia del progetto preliminare dell'intervento comprendente gli esiti delle indagini geologiche e archeologiche preliminari ai fini della verifica preventiva dell'interesse archeologico, le cui procedure sono dettagliatamente descritte nell'articolo 2-quater; l'articolo 2-quinquies prevede le norme per l'adeguamento delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano alle disposizioni in esame e reca una norma di invarianza finanziaria.

................................

................
Ricorda quindi che l'articolo 2-undecies esclude alcune categorie di monete, ritenute di limitato valore, dalle prescrizioni recate dal Codice dei beni culturali per i beni di particolare interesse storico-archeologico in caso di alienazione, commercio ed esportazione dal territorio dell'Unione Europea.

......................
Il provvedimento non presenta profili di contrasto con la normativa comunitaria, propone quindi di esprimere parere favorevole.

Domenico BOVA (DS-U) osserva che il decreto legge in esame si compone di due parti, la prima costituita dall'articolo 1 si riferisce al coordinamento ed alla verifica degli interventi per lo sviluppo economico, territoriale e settoriale, nonch delle politiche di coesione, con riferimento alle aree del Mezzogiorno; la seconda, composta dall'articolo 2, composta da undici commi, reca invece norme relative al coordinamento delle politiche in materia di diritto d'autore.

Rileva che il provvedimento in esame, all'articolo 1, associa, quindi, un tema riguardante la coesione territoriale ed un altro completamente diverso, concernente, invece, la tutela del diritto d'autore, due materie estremamente eterogenee tra loro.
Segnala che per entrambe le materie appare veramente complicato riscontrare i requisiti di necessit e di urgenza che per Costituzione dovrebbero caratterizzare ogni decreto-legge e che per entrambe le materie ci sono diversi elementi critici. Aggiunge che per quanto riguarda il primo punto, il coordinamento e la verifica degli interventi per lo sviluppo economico, territoriale e settoriale, nonch delle politiche di coesione, con riferimento alle aree del Mezzogiorno, sono attribuite al Presidente del Consiglio dei ministri, ovvero ad un Ministro da lui delegato.

Secondo il comma 2, per l'esercizio di queste funzioni, il Presidente del Consiglio dei ministri o il Ministro da costui delegato utilizza anche le strutture organizzative del Dipartimento delle politiche di sviluppo e coesione presso il Ministero dell'economia e delle finanze, cui restano per attribuite le competenze, ivi comprese le relative risorse.
Dal contenuto della disposizione deduce quindi che al nuovo Ministro per lo sviluppo e le politiche di coesione viene attribuito il compito di coordinare gli strumenti di programmazione negoziata e l'utilizzo dei fondi comunitari, per il quale ricever un'apposita delega del Presidente del Consiglio, ma il Dipartimento per le politiche di sviluppo nelle aree sottoutilizzate permarr nel Dicastero del Ministro dell'economia.

Si chiede perci di che cosa si occuper in concreto visto che i Ministri dell'economia, delle attivit produttive, delle infrastrutture e dell'istruzione, dai quali dipendono le politiche pi necessarie al Mezzogiorno, conservano le proprie competenze; il raggio di azione del nuovo Ministro sembra, quindi, alquanto limitato.


Osserva inoltre che fino ad oggi non stato fatto molto per il Mezzogiorno, secondo il Rapporto annuale 2004 del Dipartimento per le politiche di sviluppo sugli interventi nelle aree sottoutilizzate, la quota della spesa effettiva in conto capitale del Mezzogiorno progressivamente salita fino al 41,2 per cento nel 2001, per poi scendere al 39,4 nel 2002 ed al 37,8 nel 2003. Ricorda quindi che mentre durante i governi del centro-sinistra la quota di investimenti in quell'area ha toccato l'apice, con il Governo attuale la stessa caduta rovinosamente. Ritiene quindi che la nomina di questo nuovo Ministro, con limitati poteri, non rassicura sul fatto che in futuro verr fatto di pi per il Mezzogiorno.

Non condivide inoltre le modifiche introdotte al diritto d'autore, in quanto restringono gli ambiti di autonomia e di libert riconosciuti alla SIAE. Rileva infatti che l'intervento non ha alcuna finalit di contrasto ai fenomeni di pirateria multimediale, che effettivamente rappresenterebbero l'ambito su cui bisognerebbe intervenire.

Sottolinea che il decreto-legge, attribuendo al Presidente del Consiglio dei ministri la vigilanza diretta sull'assemblea dei soci e sul bilancio della SIAE, si pone invece in contrasto con l'esigenza di tutelare il diritto d'autore, che rappresenta un bene primario strettamente connesso alla libert di espressione, di ricerca ed artistica.
Si tratta di una misura grave, in considerazione del conflitto di interesse che si verrebbe a determinare nei confronti del Presidente del Consiglio in carica, chiamato ad esercitare una funzione di controllo sul bilancio della Societ alla quale al tempo stesso tenuto a riconoscere corrispettivi per l'utilizzo di diritti d'autore da parte delle reti televisive di cui proprietario.

.............Sulla base delle riflessioni esposte e non considerando il provvedimento idoneo n a sostenere lo sviluppo e la coesione territoriale n a tutelare adeguatamente il diritto d'autore, preannuncia, anche a nome dei deputati del suo gruppo, il voto contrario sulla proposta di parere del relatore.

Gabriele FRIGATO (MARGH-U) si riserva di svolgere alcune considerazioni pi approfondite sul merito del provvedimento nel corso del suo esame in Assemblea.

Pur senza voler formulare particolari considerazioni sui profili di compatibilit comunitaria, evidenzia invece alcuni rilievi sulla incompatibilit del provvedimento in esame con il dettato costituzionale.

Si tratta infatti di disposizioni che appaiono ampiamente in contrasto con quanto disciplinato dalla Costituzione in riferimento ai presupposti dell'adozione dei decreti-legge da parte dell'Esecutivo.
Preannuncia quindi, anche a nome dei deputati del suo gruppo, il voto contrario sulla proposta di parere del relatore.

Flavio RODEGHIERO (LNFP) esprime, anche a nome dei deputati del suo gruppo, il voto favorevole sulla proposta di parere del relatore.

Giorgio CONTE (AN) esprime, anche a nome dei deputati del suo gruppo, il voto favorevole sulla proposta di parere del relatore.

La Commissione approva quindi la proposta di parere favorevole del relatore.

http://www.camera.it/_dati/leg14/lavori/schedela/trovaschedacamera.asp?pdl=5901


news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news