LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DDL 3400- C. 5901-a. Assemblea Sed. n. 642 del 21/6/2005
2005-06-21


Resoconto stenografico dell'Assemblea
Seduta n. 642 del 21/6/2005


(Esame dell'articolo 2 - A.C. 5901)

PRESIDENTE. Passiamo all'esame dell'articolo 2 del disegno di legge di conversione e dell'unico emendamento non ritirato ad esso riferito (vedi l'allegato A - A.C. 5901 sezione 8).

Nessuno chiedendo di parlare, invito il relatore ad esprimere il parere della Commissione.

PIERANTONIO ZANETTIN, Relatore. Signor Presidente, la Commissione esprime parere contrario sull'emendamento Guerzoni Dis.2.1 interamente soppressivo dell'articolo 2.

PRESIDENTE. Il Governo?

COSIMO VENTUCCI, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Signor Presidente, il parere del Governo conforme a quello espresso dal relatore.

PRESIDENTE. Poich stato presentato un unico emendamento interamente soppressivo dell'articolo 2, sar posto in votazione il mantenimento di tale articolo.
Passiamo, dunque, alla votazione dell'articolo 2 del disegno di legge di conversione.
Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto l'onorevole Guerzoni. Ne ha facolt.

ROBERTO GUERZONI. Signor Presidente, vorrei rivolgermi direttamente al Governo, anche se il sottosegretario di Stato presente in Assemblea, che rappresenta ufficialmente l'Esecutivo, molto probabilmente non ha seguito la questione che immagino sia stata determinata dai suoi colleghi del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
Vorrei rilevare che l'articolo 2 del provvedimento in esame, introdotto nel corso dell'esame da parte del Senato della Repubblica, come peraltro gi indicato dal Comitato per la legislazione, contrasta con i criteri sulla base dei quali si dovrebbero formulare le disposizioni per la conversione dei decreti-legge. Il Comitato, infatti, ha esplicitamente chiesto di sopprimere tale articolo, in quanto l'inserimento nell'ambito di un disegno di legge di conversione di disposizioni di carattere sostanziale, volte ad incidere sulle modalit di esercizio di una delega legislativa, non appare conforme ad un corretto utilizzo dello specifico strumento normativo rappresentato dal decreto-legge.
Pertanto, gi ci sarebbe sufficiente per sostenere che non si intravedono le ragioni per le quali si debba introdurre surrettiziamente una delega cos impegnativa, finalizzata a procedere alla redazione di uno o pi testi unici in materia di previdenza complementare.
In secondo luogo, vorrei segnalarle, signor sottosegretario, che il Parlamento ha gi conferito una delega al Governo in tal senso. Infatti, la legge n. 131 del 2003 (cosiddetta legge La Loggia), che interveniva sull'attuazione del Titolo V della Costituzione, prevedeva specificatamente una delega per la redazione di testi unici, in quanto vorrei ricordare sia al Governo, sia ai colleghi della maggioranza, che la previdenza complementare ed integrativa una materia che spetta alla legislazione concorrente dello Stato e delle regioni; pertanto, essa necessita dell'adozione di uno strumento (compresa la redazione di testi unici) concordato con le regioni, sulla base della procedura di formulazione del predetto testo unico recata dalla citata legge La Loggia. Si tratta, pertanto, di ragioni di buonsenso!
Vi , poi, a conferma di questa nostra opinione, tutto il dossier che gli uffici della Camera ci hanno consegnato, che testimonia gli errori - anche di tecnica legislativa - contenuti in questa norma. Ma non questo l'aspetto che vorrei rilevare: abrogare tale articolo dovrebbe servire al Governo per un altro motivo. Il Governo stesso dovrebbe applicarsi, con grande determinazione, nel dare attuazione alla riforma di potenziamento della previdenza integrativa e complementare. Non passa giorno che noi non leggiamo, su Il Sole 24 ore e su altri giornali di economia, come
ormai si preveda, in maniera molto puntuale, quale sar il cosiddetto tasso di sostituzione, ossia la percentuale sullo stipendio che una pensione diverr nella sua evoluzione: tutti i dati ci dicono che essa sar, sostanzialmente, al di sotto del 50 per cento dello stipendio.
Ebbene, voi state ritardando continuamente l'approvazione dei decreti legislativi - quelli s urgenti! - che dovrebbero attuare, attraverso lo smobilizzo del TFR, la possibilit per i lavoratori di dotarsi di una pensione complementare integrativa. Abbiamo letto che nemmeno il 30 giugno prossimo avr inizio la possibilit per il lavoratore di decidere, entro sei mesi, la destinazione del TFR. Abbiamo altres letto i testi che sono circolati nel corso degli ultimi mesi e con i quali si cercava di bypassare l'avviso inviato al Governo unitariamente dalle parti sociali. Le parti sociali hanno, infatti, trovato, su un testo concordato, indirizzi fondamentali per l'attuazione dello smobilizzo del TFR e per l'attuazione della delega sulla previdenza complementare. Come stavo dicendo, sono circolati altri testi, che non attuano la suddetta direttiva. Pertanto, si fatto un lavoro inutile e si dovuto prendere atto che non si pu andare avanti in tale direzione, rinviando ulteriormente la soluzione del problema. Ci troviamo, quindi, di fronte ad un Governo inadempiente rispetto a ci che dovrebbe fare, ossia dare attuazione alla riforma in materia di previdenza complementare ed integrativa. Il Governo, anzich fare ci, cosa introduce? Una norma di testo unico inutile e forse dannosa per la chiarezza della nostra legislazione.
Invito pertanto il Governo ed i colleghi a sopprimere tale articolo, perch con la soppressione faremo qualcosa di utile e probabilmente daremmo un incentivo al Governo, se ci vuole ascoltare, a fare la propria parte, quella di predisporre i decreti legislativi che i lavoratori stanno attendendo da tempo per dare attuazione alla previdenza complementare ed integrativa.

PRESIDENTE. Passiamo ai voti.
Ricordo che, poich stato presentato un unico emendamento interamente soppressivo dell'articolo 2 del disegno di legge di conversione, sar posto in votazione il mantenimento di tale articolo.
Indco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sul mantenimento dell'articolo 2 del disegno di legge di conversione.
(Segue la votazione).

Dichiaro chiusa la votazione.
Comunico il risultato della votazione: la Camera approva (Vedi votazioni).

(Presenti 381
Votanti 379
Astenuti 2
Maggioranza 190
Hanno votato s 212
Hanno votato no 167).


(Esame degli ordini del giorno - A.C. 5901)
PRESIDENTE. Passiamo all'esame degli ordini del giorno presentati (vedi l'allegato A - A.C. 5901 sezione 9).
Qual il parere del Governo?

COSIMO VENTUCCI, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Il Governo accetta l'ordine del giorno Emerenzio Barbieri n. 9/5901/1; accoglie come raccomandazione l'ordine del giorno Molinari n. 9/5901/2, auspicando che si possano reperire i fondi almeno per valorizzare uno dei punti segnalati in tale ordine del giorno; accetta gli ordini del giorno Carli n. 9/5901/3 e Colasio n. 9/5901/4.

PRESIDENTE. Prendo atto che tutti i presentatori degli ordini del giorno presentati non insistono per la votazione.
cos esaurito l'esame degli ordini del giorno presentati.
A seguito di intese intercorse tra i gruppi parlamentari, rinvio il seguito del dibattito alla seduta di domani.

Avverto sin d'ora i colleghi che la seduta di domani inizier alle 10.

www.camera.it


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news