LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C. 5736. VII Commissione e Allegato. Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale. Comm. I e V
2005-06-28

VII Commissione - Resoconto di marted 28 giugno 2005


SEDE CONSULTIVA

Marted 28 giugno 2005. - Presidenza del vicepresidente Domenico VOLPINI.

La seduta comincia alle 11.55.

Piano di azione per lo sviluppo economico sociale e territoriale.
Nuovo testo C. 5736 Governo.
(Parere alle Commissioni I e V).
(Esame e conclusione - Parere favorevole).

La Commissione inizia l'esame del provvedimento in oggetto.

Fabio GARAGNANI (FI), relatore, nel formulare una proposta di parere favorevole sull'importante provvedimento in titolo, rinvia alla sua relazione scritta ai fini dell'illustrazione dei contenuti del testo e delle motivazioni della proposta di parere, chiedendone la pubblicazione integrale in allegato al resoconto della seduta odierna (vedi allegato sotto).

Domenico VOLPINI, presidente, la consente.

Nessuno chiedendo di intervenire, la Commissione approva la proposta di parere del relatore.

La seduta termina alle 12.

-----------------------------------
AUDIZIONI

Marted 28 giugno 2005. - Presidenza del presidente Ferdinando ADORNATO. - Interviene il ministro per i beni e le attivit culturali Rocco Buttiglione.

La seduta comincia alle 14.15.

Audizione del ministro per i beni e le attivit culturali, Rocco Buttiglione, sulle linee programmatiche del suo dicastero.
(Svolgimento, ai sensi dell'articolo 143, comma 2, del regolamento, e rinvio).

Ferdinando ADORNATO, presidente, avverte che la pubblicit dei lavori della seduta odierna sar assicurata, oltre che attraverso l'attivazione di impianti audiovisivi a circuito chiuso, anche mediante la trasmissione televisiva sul canale satellitare della Camera dei deputati.
Introduce quindi l'audizione.

Il ministro Rocco BUTTIGLIONE svolge un intervento sugli indirizzi cui intende improntare la propria azione di governo in materia di beni e attivit culturali, rinviando anche al testo scritto della sua relazione sulle linee programmatiche per l'attivit del Ministero nell'anno 2005, che mette a disposizione della Commissione.

Ferdinando ADORNATO, presidente, autorizza la pubblicazione in allegato al resoconto stenografico dell'audizione odierna del testo scritto consegnato dal ministro.

Intervengono per formulare quesiti e svolgere osservazioni i deputati Giovanna GRIGNAFFINI (DS-U) e Antonio PALMIERI (FI), cui risponde brevemente il ministro Rocco BUTTIGLIONE.

Ferdinando ADORNATO, presidente, nel ringraziare il ministro per la relazione svolta, rinvia il seguito dell'audizione ad altra seduta.

La seduta termina alle 14.50.

N.B.: Il resoconto stenografico della seduta pubblicato in un fascicolo a parte.
--------------------------------------------

ALLEGATO

Piano di azione per lo sviluppo economico sociale e territoriale (C. 5736).

TESTO INTEGRALE DELLA RELAZIONE SVOLTA DAL DEPUTATO GARAGNANI

Il nuovo testo del disegno di legge in esame, recante piano di sviluppo economico, sociale e territoriale, incide su una pluralit di ambiti diversi. Si segnalano in primo luogo le disposizioni che afferiscono alla sfera contabile, volte a semplificare e razionalizzare il quadro normativo esistente in materia, quali l'articolo 1, che conferisce delega per l'adeguamento dei sistemi contabili delle pubbliche amministrazioni alla normativa sulla contabilit generale dello Stato, e l'articolo 2, che mira a semplificare i rapporti con gli uffici dell'amministrazione finanziaria, in riferimento ai casi di assistenza e rappresentanza dei contribuenti nei suoi confronti.
Degno di nota anche l'articolo 8 che, nell'ottica di promuovere l'attuazione di investimenti nelle aree sottoutilizzate del Mezzogiorno, incentiva la gestione unitaria del servizio idrico integrato e prevede interventi per l'ottimizzazione degli interventi per la difesa del suolo e per incentivare il ricorso a fonti di energia rinnovabili. Ulteriori norme per la promozione dello sviluppo territoriale prevedono interventi di riqualificazione degli ambiti urbani e territoriali di area vasta, da realizzare tramite appositi piani comunali volti ad aumentarne le potenzialit competitive a livello nazionale e internazionale (articolo 9), e per la realizzazione di insediamenti turistici di qualit, con progetti che possono prevedere anche la concessione di beni demaniali marittimi e la riqualificazione di insediamenti e impianti turistici e alberghieri preesistenti (articolo 22).
Risulta poi opportuno segnalare le disposizioni che, ponendosi nell'ottica di accrescere la competitivit del Paese, introducono interventi agevolativi di natura fiscale o benefici di carattere finanziario per rafforzare il tessuto imprenditoriale nazionale, incentivando altres i processi di internazionalizzazione e di concentrazione delle imprese, in coerenza con gli obiettivi definiti a livello comunitario (articoli 12, 13, 15, 17 e 18). In direzione analoga si muovono anche le norme volte a incentivare il processo di innovazione digitale e di informatizzazione della pubblica amministrazione, fondamentale per aumentarne l'efficienza e migliorarne i rapporti con i cittadini (articolo 14).
Per quanto concerne i profili di competenza della Commissione, si segnalano le disposizioni volte a incentivare la ricerca e l'innovazione tecnologica delle imprese. Si tratta di interventi che investono pi direttamente aspetti di competenza della Commissione Attivit produttive, ma che hanno evidentemente un indubbio rilievo anche per la nostra Commissione, considerata la strutturale debolezza della ricerca privata nel nostro Paese.
Sotto questo profilo, va segnalato in primo luogo l'articolo 10, che reca disposizioni relative all'utilizzo del Fondo speciale rotativo per l'innovazione tecnologica, i cui interventi vengono estesi a favore di ulteriori tipologie di attivit:
attivit di sviluppo precompetitivo agevolati anche nella forma di contributo in conto interessi su finanziamenti bancari, attivit di studio e valorizzazione dei brevetti commissionati a universit o enti di ricerca, sostegno ai programmi per lo svolgimento di attivit di sviluppo precompetitivo delle piccole e medie imprese ubicate nelle aree in ritardo di sviluppo.
Merita segnalare che, in virt di apposita modifica introdotta nella medesima disposizione dalle Commissioni I e V nel corso dell'esame del testo, al fine di garantire adeguato sostegno ai processi di innovazione tecnologica di settori produttivi di particolare rilievo, come quelli relativi alle nanotecnologie, alle biotecnologie e alle tecnologie spaziali e delle comunicazioni, una quota del Fondo destinata alle piccole e medie imprese aggregate che realizzino progetti di tale natura, anche mediante interazione tra il settore pubblico e privato della ricerca. La determinazione dei criteri e delle modalit per accedere ai finanziamenti rimessa ad appositi decreti del Ministro delle attivit produttive, adottati di concerto anche con il Ministro dell'istruzione, dell'universit e della ricerca, sentita la CRUI. Con le medesime modalit, si provvede annualmente alla ripartizione delle risorse tra le regioni, che provvedono poi all'erogazione dei contributi.
Anche l'articolo 16 interviene a favore delle imprese che svolgono attivit di ricerca. In particolare, merita qui segnalare l'intervento a favore delle piccole imprese, previsto dalla lettera c) del comma 1: modificando la norma vigente che prevede che almeno il 30 per cento del Fondo per il sostegno alle imprese sia destinato al sostegno di attivit, programmi e progetti strategici di ricerca e sviluppo delle imprese, da realizzare anche congiuntamente a soggetti della ricerca pubblica, si stabilisce che la met di tale quota sia riservata ai progetti promossi da micro e piccole imprese, in forma singola o associata.
Su un altro versante, tra gli interventi che investono la competenza della Commissione, si segnala l'articolo 25, che ridefinisce il trattamento fiscale delle erogazioni liberali effettuate dalle persone fisiche e dalle societ per lo svolgimento o la promozione di attivit culturali e per la realizzazione di interventi specifici nei settori dei beni culturali e dello spettacolo.
Da un lato, intervenendo sull'articolo 10, comma 1, del Testo unico delle imposte sui redditi, concernente gli oneri deducibili dal reddito delle persone fisiche, si prevede la deducibilit delle erogazioni liberali per finalit culturali effettuate in favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, degli enti o delle istituzioni pubbliche, dei comitati organizzatori appositamente istituiti con decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali e delle fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro. La finalit di tali erogazioni deve essere quella di perseguire gli scopi istituzionali dei soggetti beneficiari concernenti lo svolgimento o la promozione di attivit culturali, nonch la realizzazione di interventi specifici nei settori dei beni culturali e dello spettacolo. Tale nuova ipotesi di deducibilit si aggiunge all'ipotesi di detraibilit prevista dall'articolo 15, comma 1, del TUIR, rispetto alla quale viene peraltro ampliata la platea dei beneficiari (con il riferimento ai comitati organizzatori istituiti con decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali) e diversamente definite le finalit delle erogazioni.
Viene poi rimessa a un decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali l'individuazione delle categorie di fondazioni e associazioni che possono beneficiare delle erogazioni liberali - innovando la disciplina vigente, che prevede l'individuazione con decreto di tutte le categorie di beneficiari -, nonch la determinazione dei tempi entro i quali le erogazioni devono essere utilizzate per le finalit previste.
Le modifiche introdotte rispetto alla disciplina vigente comportano una semplificazione delle procedure, ferma restando la vigilanza ministeriale sull'impiego delle somme erogate, la possibilit che le erogazioni siano effettuate sotto forma di accollo di debito (quando ne siano destinatari enti pubblici, comitati organizzatori o fondazioni e associazioni costituite o partecipate in misura prevalente dal Ministero) e la certificazione da parte del Ministero dell'erogazione e del suo utilizzo, su richiesta del soggetto erogante.
Un intervento analogo, come accennato, condotto sul fronte dei soggetti cui si applica l'imposta sul reddito delle societ. Modificando l'articolo 100, comma 1, del TUIR, si introduce la deducibilit delle spese sostenute per opere e servizi con finalit di cultura, finalit che si aggiunge a quelle gi previste dalla normativa vigente (educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale, culto). Viene poi modificato anche l'articolo 100, comma 2, del TUIR, prevedendo che siano deducibili le erogazioni liberali in favore di persone giuridiche che perseguono non solo esclusivamente, ma anche prevalentemente, le finalit comprese fra quelle indicate nel comma 1 dell'articolo 100.
Viene infine modificato l'articolo 146 del TUIR, relativo alla deducibilit degli oneri sostenuti dagli enti pubblici e privati diversi dalle societ, residenti nel territorio dello Stato, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attivit commerciale. In particolare, si introduce anche per tali soggetti la possibilit di dedurre dal reddito complessivo le erogazioni liberali per lo svolgimento o la promozione di attivit culturali e per la realizzazione di interventi specifici nei settori dei beni culturali e dello spettacolo.
Conclusivamente, per quel che concerne i profili di pi diretta competenza della Commissione, considero in particolare positivi gli obiettivi perseguiti dagli articoli 10 e 16, che, nel riconoscimento della pregiudizialit dello sviluppo della ricerca e dell'innovazione tecnologica ai fini dell'accrescimento della competitivit del Paese, risultano incentivare e razionalizzare gli investimenti nel settore, nonch apprezzabili le finalit dell'articolo 25, che, attraverso la previsione di apposite agevolazioni fiscali, si pone nella direzione di promuovere la vitalit dei soggetti beneficiari di tali erogazioni che svolgono importanti attivit di promozione della cultura. Propongo pertanto alla Commissione di esprimere parere favorevole.


www.camera.it


news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news