LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Camera - seduta del 29 giugno 2005 (interrogazione a risposta immediata: vendita immobili enti previdenziali)
2005-06-29

(Condizioni di vendita del patrimonio immobiliare degli enti previdenziali - n. 3-04839)
PRESIDENTE. L'onorevole Gasperoni ha facolt di illustrare la sua interrogazione n. 3-04839.

PIETRO GASPERONI. Signor Presidente, signor ministro, gi nel corso della discussione sul disegno di legge finanziaria per il 2005 tentammo di impedirvi di vendere centinaia di uffici pubblici, una parte dei quali di propriet degli enti previdenziali, soltanto per coprire i buchi del bilancio dello Stato.
Gi in s, vendere la casa in cui si abita per poi pagare l'affitto era e resta una scelta sciagurata. Ora, per, scopriamo che il peggio non era ancora arrivato: quelle 396 sedi pubbliche le state scandalosamente svendendo a prezzi inferiori non solo ai valori di mercato, ma addirittura a quelli catastali.
Pertanto, torniamo a chiedervi di fermarvi e di non fare arricchire pochi speculatori a discapito dello Stato ed a spese dei lavoratori, dei pensionati e dei loro enti previdenziali.

PRESIDENTE. Il ministro per i rapporti con il Parlamento, onorevole Giovanardi, ha facolt di rispondere.

CARLO GIOVANARDI, Ministro per i rapporti con il Parlamento. Signor Presidente, in via generale, la cartolarizzazione degli immobili un processo che, dopo SCIP1 e SCIP2, si sta estendendo: il sindaco Veltroni sta facendo esattamente la stessa cosa con il patrimonio immobiliare del comune di Roma. Noi la riteniamo una cosa positiva. A loro volta, le aziende e le banche hanno seguito esattamente il procedimento qui denunciato come negativo: hanno venduto gli immobili e li hanno presi in affitto, perch hanno ritenuto che questa scelta fosse economicamente vantaggiosa.
Se lo Stato, il comune di Roma e le imprese ritengono di fare un'operazione vantaggiosa, credo che le cartolarizzazioni, in s, non possano essere denunciate o segnalate come fatti negativi.
In questo caso, la questione che stata sollevata riguarda la congruit dei prezzi di vendita, che sono stati stabiliti da un valutatore, ma la valutazione degli immobili stata convalidata dall'Agenzie del territorio sulla base delle disposizioni contenute nel comma 7 dell'articolo 3 della legge 23 novembre 2001, n. 410, che stabilisce che il prezzo di vendita degli immobili e delle unit immobiliari determinato, in ogni caso, sulla base delle valutazioni correnti di mercato, prendendo a riferimento i prezzi effettivi di compravendita di immobili e unit immobiliari aventi caratteristiche analoghe. Questo stabilisce la legge e questo l'agenzia del territorio tenuta a fare.
Questi argomenti potrebbero essere sviluppati pi approfonditamente in sede di risposta ad interpellanze ed interrogazioni, per le quali viene previsto un tempo maggiore rispetto a quello stabilito per il question time (solo 180 secondi per la risposta da parte del rappresentante del Governo). Tuttavia, vorrei precisare che l'indicazione nell'interrogazione del 27 per cento in meno del valore catastale per i 43 edifici dell'INPS non corrisponde assolutamente al vero.
Bisogna tener conto che alcuni edifici non sono liberi. Vengono venduti con determinati vincoli. Infatti, rimangono affittati, per un periodo di tempo, all'ente e chi li acquista non pu rivenderli immediatamente al prezzo di mercato.
In ogni caso, le valutazione sono fatte per legge dall'Agenzia del territorio, che tenuta per legge a stabilire il prezzo di vendita adeguato a quello di mercato. Nel caso fossero stati venduti (si dice: sembrerebbe siano stati ceduti) ad un prezzo diverso, se vi sono segnalazioni specifiche che indicano, rispetto alle previsioni di legge sui vincoli e lo stato degli immobili, situazioni di fatto diverse da quelle mercato, il Governo le accetta volentieri.

PRESIDENTE. L'onorevole Gasperoni ha facolt di replicare.

PIETRO GASPERONI. Signor ministro, il comune di Roma non sta vendendo il Campidoglio. Un conto vendere, come gi stato fatto, il patrimonio abitativo, altra cosa vendere le sedi nelle quali si lavora. Credo che chi ci sta ascoltando abbia certamente colto il senso vero di questa colossale operazione finanziaria che state realizzando: arricchisce alcuni, depaupera lo Stato, espropria illegittimamente gli enti previdenziali del loro patrimonio, frutto dei contributi dei lavoratori versati nel corso di decenni, risparmi che dovrebbero servire come fondi di garanzia per quegli enti e per destinare il massimo di risorse possibile a favore dei pensionati. Ora, invece, dovranno essere spesi per pagare l'affitto delle sedi che voi gli avete venduto, anzi, che gli state svendendo!
Ma poi che politica mai, signor ministro, quella di uno Stato che vende le proprie sedi di lavoro per pagarne l'affitto? Per fortuna, l'avete definita un'operazione di valorizzazione del patrimonio pubblico! Mi chiedo cosa sarebbe successo se non si trattava una operazione di valorizzazione.
Capisco che lei non il ministro competente e che, quindi, ha difficolt al riguardo, ma mi chiedo come si possa giustificare che 43 sedi dell'INPS poste in vendita siano state valutate 667 milioni di euro, quando il loro valore catastale di 902 milioni di euro! State vendendo il patrimonio pubblico per un quarto del suo valore!

CARLO GIOVANARDI, Ministro per i rapporti con il Parlamento. Non vero.

PIETRO GASPERONI. Questo l'interesse generale con cui esercitate la vostra azione di Governo, ma il trucco ormai svelato e si gioca a carte scoperte. Non insistete oltre. Siete ancora in tempo. Non calpestate oltre gli interessi del paese, dei lavoratori e dei pensionati per i soliti affaristi di turno. Fermatevi (Applausi dei deputati del gruppo dei Democratici di sinistra - L'Ulivo).



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news