LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C. 6055, DL 164/2005, VII Commissione: Disposizioni urgenti in materia di attivit cinematografiche. C. 6055 Governo - VII Commissione
2005-09-07

VII Commissione - Resoconto di mercoled 7 settembre 2005

SEDE REFERENTE
Mercoled 7 settembre 2005. - Presidenza del presidente Ferdinando ADORNATO. - Interviene il ministro per i beni e le attivit culturali Rocco Buttiglione.

La seduta comincia alle 15.55.

DL 164/2005: Disposizioni urgenti in materia di attivit cinematografiche. C. 6055 Governo.
(Esame e rinvio).

La Commissione inizia l'esame.

Guglielmo ROSITANI (AN), relatore, rileva che il decreto-legge in esame reca diverse disposizioni in materia di beni e attivit culturali, che, connotate da necessit e urgenza, perseguono la finalit di assicurare la corretta funzionalit dei rilevanti comparti su cui sono destinate ad incidere, garantendo la piena operativit degli organi interessati.
Fa presente che il principale intervento del decreto quello recato dall'articolo 1, che modifica la disciplina vigente in materia di attivit cinematografiche allo scopo di garantire l'allineamento della normativa attinente al sostegno pubblico in tale settore, ridisegnata nel decreto legislativo n. 28 del 2004, ai dettami della sentenza della Corte costituzionale n. 285 del 2005. Si ricorda che tale pronuncia - nel confermare che la materia dello spettacolo, in cui rientrano le attivit cinematografiche, oggetto di legislazione concorrente tra Stato e Regioni - ha dichiarato l'incostituzionalit di una serie di disposizioni del decreto legislativo n. 28 nella parte in cui non prevedono l'intesa o il parere della Conferenza Stato-regioni per l'adozione dei decreti ministeriali e degli atti amministrativi previsti a sostegno del settore.
In ossequio al dettato costituzionale, l'articolo 1 interviene quindi a modificare tale decreto legislativo, individuando gli atti su cui sono necessari i pronunciamenti della Conferenza Stato-regioni. Fondamentale altres la previsione che gli atti gi adottati ed i procedimenti pendenti siano trasmessi nel termine di trenta giorni, al fine di garantirne la validit, alla Conferenza Stato-regioni per le intese ed i pareri richiesti: si intende in tal modo evitare la paralisi del settore, nella consapevolezza che la tempestiva applicabilit dei decreti attuativi della riforma di sostegno pubblico al settore - che, come noto, recano disposizioni relative alle procedure per le istanze di finanziamento e contributo - risulta pregiudiziale al fine di assicurare la vitalit di tale preminente espressione della cultura nazionale, garantendo l'attivazione effettiva della riforma medesima. Si intende quindi dare immediata soluzione a un problema che ha notevoli ricadute socioeconomiche, stante l'importanza del comparto cinematografico, che coinvolge numerose imprese ed addetti e risulta peraltro gi gravato dalla esiguit delle risorse finanziarie a disposizione.
Quanto agli altri interventi previsti dal decreto, osserva che l'articolo 2 ha essenzialmente finalit di coordinamento legislativo, essendo volto a dare una collocazione pi adeguata alla normativa relativa a Cinecitt Holding S.p.A, che viene ricondotta, con limitate modificazioni, nell'ambito del gi citato decreto legislativo n. 28 del 2004. Segnala che tale societ di vitale importanza del gruppo pubblico cinematografico presenta annualmente al Ministro per i beni e le attivit culturali - al quale peraltro assegnato l'esercizio dei diritti dell'azionista - i programmi relativi tra l'altro allo sviluppo del cinema nazionale e alla promozione delle opere cinematografiche.
Rileva che le disposizioni dell'articolo 3 - che introducono novelle al decreto legislativo n. 19 del 1998 - sono invece finalizzate a garantire la piena operativit della Fondazione La Biennale di Venezia. Si intende in primo luogo estendere anche al sindaco di Venezia la facolt gi riconosciuta al Presidente della regione Veneto e al Presidente della provincia di Venezia di designare un proprio delegato in seno al consiglio di amministrazione, ponendosi in tal modo le condizioni per assicurare la regolare composizione di tale organismo e la contestuale funzionalit della Fondazione. Sono altres introdotte modifiche alle modalit di composizione del consiglio di amministrazione, prevedendosi un potere sostitutivo di designazione in capo al Ministero per i beni e le attivit culturali qualora la partecipazione dei soggetti privati non raggiunga determinati requisiti, ossia se essa sia inferiore al 20 per cento del patrimonio e l'apporto annuo ordinario di tali soggetti alla gestione dell'attivit sia inferiore al 7 per cento del totale dei finanziamenti statali. infine attribuito al Ministero per i beni e le attivit culturali, in quanto titolare del potere di vigilanza sulla Fondazione, il potere di designazione di un componente del collegio dei revisori dei conti.
L'articolo 4 apporta modifiche alla disciplina in materia di verifica preventiva dell'interesse archeologico, recentemente introdotta dall'articolo 2-quater del decreto-legge n. 63 del 2005. Si ravvisata la necessit di introdurre precisazioni terminologiche che, senza incidere in alcun modo sulla portata applicativa dell'importante istituto, intendono assicurare una migliore scrittura del relativo procedimento, garantendone una pi corretta applicazione, in coerenza con l'efficace sistema di tutela predisposto dal Codice dei beni culturali e del paesaggio.
Fa presente che si interviene inoltre anche in riferimento alle collezioni numismatiche, prevedendosi l'abrogazione della relativa disposizione contenuta nel citato decreto-legge n. 63 del 2005 - ritenuta di non chiara formulazione - e una contestuale parziale riformulazione dell'articolo 10 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, che reca la definizione delle collezioni o serie di oggetti che rientrano nei beni culturali, estendendola a quelle che abbiano anche particolare rilevanza archeologica, numismatica o etnoantropologica. Viene poi specificato che la qualificazione di beni culturali delle cose di interesse numismatico attribuita qualora la produzione delle medesime, in rapporto all'epoca, alle tecniche e ai materiali, non sia caratterizzata da serialit o ripetitivit, confermando peraltro l'intervento delle Soprintendenze per la valutazione tecnica della sussistenza dell'interesse culturale.
L'articolo 5 reca infine un contributo straordinario di 10 milioni di euro per l'anno 2005 per la prosecuzione dei lavori di ristrutturazione degli edifici adibiti a sede del Centro per la documentazione e la valorizzazione delle arti contemporanee
di Roma, istituito dall'articolo 1 della legge n. 237 del 1999, che - come noto - svolge importanti attivit di valorizzazione e conservazione delle testimonianze della cultura visiva internazionale. Rileva che la necessit di intervenire tempestivamente in materia dettata dal fatto che, come si legge nella relazione illustrativa, nel 2002 stato disposto un definanziamento della richiamata legge, nonostante il gi avvenuto affidamento dei lavori di ristrutturazione.


Il ministro Rocco BUTTIGLIONE, dopo aver espresso apprezzamento in ordine all'approfondita relazione test illustrata, rileva innanzitutto l'opportunit di apportare una modifica al titolo del testo in esame, dato che i suoi contenuti non afferiscono esclusivamente alle attivit cinematografiche, ma all'intero ambito dei beni e delle attivit culturali.

Preannuncia al riguardo la presentazione di apposita proposta emendativa.

Coglie altres l'occasione per rendere noto alla Commissione di aver presentato, in occasione della sessantaduesima Mostra del cinema di Venezia, in corso in questi giorni, un progetto per rilanciare la tradizione italiana dei mestieri del cinema, rilevando come gli obiettivi di fondo della nascente Fondazione La Bottega dei mestieri del cinema siano la riqualificazione professionale di tutte quelle professionalit che le nuove tecnologie hanno emarginato, ai fini del loro agevole reinserimento nel mondo del lavoro, e la creazione di un centro di formazione professionale dove i giovani ricchi di talento, interessati a un settore in forte crescita nell'economia nazionale, possano acquisire strumenti conoscitivi e nel contempo sperimentare quanto apprendono.

Fa infine presente come il Governo ritenga necessari ulteriori interventi in materia di attivit cinematografiche e, pi in generale, beni e attivit culturali, alcune delle quali potrebbero forse trovare spazio nel provvedimento in esame, nel riconoscimento della preminente importanza di tale settore e della necessit di un suo adeguato sostegno ai fini dell'arricchimento del Paese.

Carlo CARLI (DS-U) esprime preliminarmente perplessit in ordine al modus operandi del Governo, rilevando come anche in tale occasione abbia adottato un'iniziativa normativa improntata alla disomogeneit e confusione.

Osserva che il principale intervento del testo in titolo legato alla necessit di adeguare il dettato normativo esistente in materia di cinematografia al recente pronunciamento della Corte costituzionale, rilevando come il Governo abbia sinora operato eludendo i princpi costituzionali vigenti in materia. Concorda peraltro con la ratio sottesa all'articolo 1 del testo in esame, sottolineando la necessit di adottare tempestivamente le iniziative necessarie a garantire la sopravvivenza e il sostegno del settore cinematografico, che rappresenta un comparto particolarmente significativo della cultura nazionale. Evidenzia inoltre che occorre assicurare congrui finanziamenti al settore, osservando come purtroppo nel corso della legislatura essi siano stati scarsi e inidonei ad assicurarne la vitalit.
Manifesta invece notevoli perplessit in ordine ai contenuti dell'articolo 2 del provvedimento in titolo, che, a suo avviso, lede le competenze regionali in materia e determina una riduzione del ruolo ricoperto dal Ministro per i beni e le attivit culturali in riferimento alla societ Cinecitt Holding, a vantaggio del Ministro dell'economia e delle finanze.

Si riserva quindi un approfondimento in ordine ai contenuti recati dall'articolo 4, ricordando come l'opposizione, in occasione dell'esame del decreto-legge n. 63 del 2005, pur esprimendo apprezzamento in ordine alle finalit di tutela dei beni culturali perseguite dall'innovativo istituto della verifica preventiva dell'interesse archeologico, avesse sottolineato che sarebbe stato pi opportuno dar luogo ad un intervento legislativo ad hoc. Ricorda altres come fosse stata parimenti rimarcata dall'opposizione l'inadeguatezza dell'ulteriore
disposizione del richiamato decreto-legge attinente alle collezioni numismatiche, stante l'ambiguit della sua formulazione, suscettibile di creare un vulnus nella tutela di tali preziose testimonianze culturali. Ritiene d'altra parte che il valore dei beni numismatici non debba dipendere dal loro numero, osservando come anche monete connotate dalla serialit possano avere particolare valore.
Sottolinea infine la necessit che siano garantiti tempestivamente interventi nel settore dei beni culturali che provvedano a destinare ad esso congrui finanziamenti, rilevando come la loro tutela sia stata fortemente penalizzata nel corso della legislatura dalla mancanza di un'adeguata politica governativa.


Ferdinando ADORNATO, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 16.15.


UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

L'ufficio di presidenza si riunito dalle 16.15 alle 16.20.

www.camera.it


news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news