LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

c. 6055-A - PARERI DELLE COMMISSIONI, prima della discussione in Aula
2005-09-22

Conversione in legge del decreto-legge 17 agosto 2005, n. 164, recante disposizioni urgenti in materia di attivit cinematografiche. Presentato il 18 agosto 2005 (Relatore: ROSITANI).
...............................................................



NOTA: La VII Commissione permanente (Cultura, scienza e istruzione), il 21 settembre 2005, ha deliberato di riferire favorevolmente sul testo del disegno di legge. In pari data, la Commissione ha chiesto di essere autorizzata a riferire oralmente.


-----------------------------------------------------------------
PARERE DEL COMITATO PER LA LEGISLAZIONE

Il Comitato per la legislazione,

esaminato il disegno di legge n. 6055 e rilevato che:

esso reca un contenuto non pienamente omogeneo e corrispondente al titolo, ove si fa esclusivo riferimento alle attivit cinematografiche, atteso che sono presenti nel provvedimento anche norme concernenti la fondazione Biennale di Venezia, la verifica preventiva dell'interesse archeologico, le collezioni numismatiche, nonch il Centro per la documentazione e la valorizzazione delle arti contemporanee;

modifica, all'articolo 4, comma 1, il decreto-legge 26 aprile 2005, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 2005, n. 109, entrato in vigore in tempi recentissimi, circostanza che costituisce una modalit di produzione normativa non pienamente conforme alle esigenze di semplificazione e di riordino della normativa vigente;

opera, all'articolo 2, una parziale novazione di una fonte normativa, senza procedere contestualmente all'abrogazione espressa della disposizione preesistente e suscitando cos perplessit in ordine ai rapporti tra le due disposizioni;

la tecnica della novellazione, all'articolo 3, comma 1, lettere a) e c), ed all'articolo 4, commi 1, lettera a), e 2, non utilizzata conformemente a quanto previsto dalla circolare congiunta dei Presidenti di Camera e Senato e del Presidente del Consiglio del 20 aprile 2001, al punto 9), secondo cui l'unit minima di testo da sostituire con una novella dovrebbe essere il comma (o comunque un periodo o una lettera), anche nel caso in cui si modifichi una singola parola, per consentire una pi agevole comprensione della modifica;

non corredato della relazione sull'analisi tecnico-normativa (ATN);

non corredato della relazione sull'analisi di impatto della regolamentazione (AIR);

ritiene che, per la conformit ai parametri stabiliti dagli articoli 16-bis e 96-bis del Regolamento, debba essere rispettata la seguente condizione,

sotto il profilo dell'efficacia del testo per la semplificazione e il riordinamento della legislazione vigente:

all'articolo 4, comma 1, lettera b), e comma 2 - ove si modifica la disciplina in materia di collezioni numismatiche, recentemente introdotta dall'articolo 2-decies del decreto-legge n. 63 del 2005, che aveva a sua volta novellato la lettera A, numero 13, dell'allegato A del Codice dei beni culturali e ambientali (decreto legislativo n. 42 del 2004) - si chiariscano gli effetti conseguenti all'abrogazione del citato articolo 2-decies, cio se ad essa consegua la reviviscenza della citata lettera A nel testo previgente ovvero se sia da considerare in toto abrogata la disciplina ivi contenuta;
il Comitato osserva altres che:

sotto il profilo dell'efficacia del testo per la semplificazione e il riordinamento della legislazione vigente:

all'articolo 1, comma 1, capoverso 8-bis, primo periodo - ove si novella il decreto legislativo n. 28 del 2004, individuando tra i decreti ministeriali e gli altri atti per i quali necessaria l'intesa con la Conferenza Stato-Regioni, anche gli atti del Ministro di cui all'articolo 8, comma 3, ed all'articolo 13, comma 9 - dovrebbe valutarsi l'opportunit di precisare se ci si intenda riferire ad entrambi i decreti ministeriali previsti al richiamato articolo 8, comma 3, concernenti rispettivamente la designazione dei membri della Commissione per la cinematografia ed il relativo trattamento economico;

all'articolo 2, comma 1 - che introduce, nel citato decreto legislativo n. 28 del 2004, l'articolo 23-bis, i cui contenuti sono parzialmente coincidenti con i commi 2 e 3 dell'articolo 5-bis del decreto-legge 23 aprile 1993, n. 118, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 1993, n. 202 - dovrebbe valutarsi l'opportunit di chiarire il rapporto tra le due disposizioni, procedendo eventualmente a novellare l'articolo 28 del decreto legislativo al fine di abrogare esplicitamente il citato articolo 5-bis, i cui ultimi tre periodi del comma 3, peraltro, non sono confluiti nella disposizione in esame.


-------------------------------------------------------------

PARERI DELLA I COMMISSIONE PERMANENTE
(Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni)
Il Comitato permanente per i pareri della I Commissione,

esaminato il testo del disegno di legge C. 6055 Governo, di conversione in legge del decreto-legge n. 164 del 2005, recante disposizioni urgenti in materia di attivit cinematografiche;

rilevato che le disposizioni recate dagli articoli 1, 2 e 3 del provvedimento, concernenti le attivit inerenti lo spettacolo, appaiono riconducibili, alla luce di quanto affermato dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 255 del 2004 e ribadito nella sentenza n. 285 del 2005, alla materia promozione ed organizzazione di attivit culturali, la cui disciplina affidata, dal terzo comma dell'articolo 117 della Costituzione, alla competenza legislativa concorrente tra lo Stato e le regioni;

osservato altres che, quanto alle disposizioni recate dall'articolo 1, il provvedimento in titolo appare volto a dare seguito a quanto statuito dalla Corte Costituzionale nella citata sentenza n. 285 del 2005, che aveva dichiarato l'illegittimit costituzionale di numerose disposizioni di cui al decreto legislativo n. 28 del 2004, nella parte in cui, a fronte dell'adozione di decreti ministeriali ed al compimento di atti a livello statale riguardanti imprese cinematografiche, organismi di valutazione e misure di sostegno al settore cinematografico da un lato e definizione di modalit tecniche di attuazione delle misure di sostegno e di nomina della commissione per la cinematografia e della giuria per i premi di qualit dall'altro, non fosse prevista, rispettivamente, l'intesa o il parere della Conferenza Stato-regioni, e valutate pertanto favorevolmente le modifiche introdotte al decreto legislativo n. 28 del 2004 al fine di prevedere l'intesa o il parere della Conferenza Stato-regioni per l'adozione dei decreti e degli atti prima indicati;
considerato infine che le disposizioni recate dagli articoli 4 e 5 del decreto legge appaiono riconducibili alla materia tutela dei beni culturali, mentre quelle di cui agli articoli 2, 3 e 5 sembrano investire altres il profilo dell' ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali, che l'articolo 117, secondo comma, lettere s) e g), della Costituzione, rimette alla potest legislativa esclusiva dello Stato;

ritenuto che non sussistano motivi di rilievo sugli aspetti di legittimit costituzionale;

esprime


PARERE FAVOREVOLE
(parere espresso il 14 settembre 2005)
------------------------------------------------------------
La I Commissione,

esaminato il nuovo testo del disegno di legge C. 6055 Governo, di conversione in legge del decreto-legge n. 164 del 2005, recante disposizioni urgenti in materia di attivit cinematografiche, come risultante dall'approvazione di emendamenti da parte della Commissione di merito;

richiamato quanto espresso in premessa al parere reso, con riferimento al testo del disegno di legge, il 14 settembre del 2005 e rilevato che le modifiche ad esso apportate non investono aspetti di competenza della I Commissione;

ritenuto che non sussistano motivi di rilievo sugli aspetti di legittimit costituzionale;

esprime


PARERE FAVOREVOLE
(parere espresso il 21 settembre 2005)

-------------------------------------------------------------


PARERE DELLA V COMMISSIONE PERMANENTE
(Bilancio, tesoro e programmazione)
La V Commissione,

sul testo del provvedimento:

esprime


PARERE FAVOREVOLE
con la seguente condizione:

all'articolo 5, aggiungere in fine il seguente comma: 2-bis. Il Ministro dell'economia e delle finanze autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

www.camera.it


news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news