LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALAZZO BARBERINI: Interrogazione sul trasferimento del Circolo Ufficiali delle Forze armate
2005-05-25

Atto n. 3-02131

Pubblicato il 25 maggio 2005 , Seduta n. 810

INTERROGAZIONI Interrogazione sul trasferimento del Circolo Ufficiali delle Forze armate
(3-02131) (25 maggio 2005)

CICCANTI, TAROLLI, GABURRO, DE ZULUETA. - Al Ministro per i beni e le attività culturali.

Premesso:
che il 6.02.1997, tra i Ministri per i beni culturali, della difesa e delle finanze, oltre alla Presidenza del Consiglio dei ministri e al Comune di Roma, veniva firmato un Protocollo d’Intesa che stabiliva il trasferimento del Circolo Ufficiali delle Forze Armate da Palazzo Barberini - sede anche della Galleria Nazionale di Arte Antica - alla Palazzina Savorgnan di Brazzà e la conseguente destinazione di tutti gli ambienti di Palazzo Barberini alla stessa Galleria;
che per realizzare tale importante finalità, per la quale lo Stato italiano aveva comprato lo stesso Palazzo Barberini nel 1949, esercitando il diritto di prelazione, il Comune di Roma deliberava una variante al proprio Piano Regolatore Generale, consentendo l’ampliamento dei locali delle Scuderie, confinanti con la Palazzina Savorgnan, al fine di soddisfare le richieste del Circolo Ufficiali delle Forze Armate;

che, per attuare tale importante progetto culturale, sono stati predisposti a suo tempo - a valere sui fondi per il gioco del lotto - ben 24 miliardi di lire, quasi tutti spesi per la realizzazione dei lavori di ristrutturazione di Palazzo Barberini;

che, nonostante il coerente perseguimento delle finalità culturali definite nel ricordato Protocollo d’Intesa, a suo tempo il Ministero della difesa ha chiesto la revisione di detto Accordo, affinché venissero conservate le sale di rappresentanza al piano nobile ed il giardino pensile alla disponibilità dello stesso Ministero, sottraendole alla naturale destinazione culturale, derivante dall’ampliamento della Galleria Nazionale di Arte Antica;

che tale ipotesi di revisione è stata confermata dal responsabile del polo museale romano Claudio Strinati, che in una intervista sulla cronaca di Roma del “Messaggero” del 1°.05.2005 ha dichiarato: “...stiamo esaminando una serie di nuove richieste formulate dal Circolo Ufficiali (...) che rivendica, per propri appuntamenti di rappresentanza, tempi e condizioni migliori dei 50 giorni l’anno che il precedente protocollo gli metteva a disposizione”;

che tale eventuale ripensamento da parte del Ministero per i beni e le attività culturali non solo farebbe venir meno il progetto di realizzazione di una “grande Galleria Nazionale” al centro di Roma, in uno dei palazzi storici più importanti della città, nel quale far confluire le opere più prestigiose ora divise in varie collocazioni (rimanendo il fondo dei dipinti Corsini in una grande raccolta nazionale, aperta al pubblico, secondo criteri funzionali di assetto museologico), ma pregiudicherebbe anche i lavori di impiantistica finora realizzati secondo il progetto dianzi richiamato, che prevede sofisticati e costosi sistemi di sicurezza tipici di un grande museo, con grave danno erariale;

che tale paventata scelta politica - stante agli evidenti segni di volontà espressi dal ministro pro tempore Urbani - avviene in un contesto storico che registra la cessione dei propri spazi da parte del Ministero delle finanze francese per far luogo all’ampliamento del Louvre; l’abbandono degli uffici da parte dell’Archivio di Stato di Firenze per destinarli agli Uffizi; la destinazione di uffici dei grandi palazzi storici romani da parte del Comune a musei (si vedano i grandi palazzi di Via dei Cerchi);
che il Circolo Ufficiali delle Forze Armate, anche in base al Protocollo d’Intesa più volte richiamato, oltre all’utilizzazione della Palazzina Savorgnan di Brazzà e delle connesse antiche scuderie, con relative pertinenze, non solo potrebbe continuare ad utilizzare saltuariamente i locali del piano terra - da sud - di Palazzo Barberini, o altri ambienti di uguale dignità e prestigio (sala dei Marmi) per il soddisfacimento di esigenze di rappresentanza del Ministero della difesa, senza oneri e formalità, ma potrebbe usufruire anche dei locali della Casina dell’Algardi, in Villa Pamphili, già in disponibilità della Presidenza del Consiglio dei ministri;

che, pertanto, ben si possono conciliare le esigenze di rappresentanza del Circolo Ufficiali delle Forze Armate con quelle di garantire prestigio e funzionalità, a fini culturali, di uno dei più importanti palazzi storici romani, con importanti ritorni turistici ed economici per Roma e per il bilancio dello Stato,
si chiede di conoscere:

se si intenda ancora rispettare il Protocollo d’Intesa del 6.02.1997 citato in premessa, dando seguito agli impegni presi circa il trasferimento alla Palazzina Savorgnan di Brazzà del Circolo Ufficiali delle Forze Armate;

se si intenda completare i lavori appaltati e finanziati per la ristrutturazione e sistemazione dei locali di Palazzo Barberini, secondo il progetto che prevede la destinazione di tutti gli ambienti, compresi quelli ancora in uso da parte del Circolo Ufficiali delle Forze Armate, all’allestimento di opere riguardanti la Galleria Nazionale di Arte Antica (attualmente dislocata fra Palazzo Barberini e Palazzo Corsini);

se risulti quali tempi siano previsti per il trasloco del Circolo Ufficiali delle Forze Armate alla Palazzina Savorgnan di Brazzà (già programmato per il 2002) e per quale data sia stabilito il termine dei lavori di predisposizione delle sale per la Galleria d’Arte Antica di Palazzo Barberini (stante il presumibile termine del prossimo autunno);

se sia vero che i lavori stanno ritardando a causa di una prevista modifica del progetto originario, che prevede il ripristino della sala mensa e la cucina in saloni essenziali per ricostruire la storia ed i tesori del Palazzo;

se non si ritenga prevalente e prioritaria la fruibilità di Palazzo Barberini per promuovere cultura e turismo, con evidenti ricadute positive sulla città di Roma di natura economica e di efficace impiego gestionale del patrimonio immobiliare dello Stato, rispetto alla infruttuosità ed alla virtualità di un uso meramente estetico e di rappresentanza.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news