LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Camera, seduta del 25 ottobre 2005 (interrogazione: 5-04889 Grignaffini: Riapertura del Museo archeologico nazionale di Parma)
2005-10-27

5-04889 Grignaffini: Riapertura del Museo archeologico nazionale di Parma.

Carmen MOTTA (DS-U) rinuncia ad illustrare l'interrogazione in titolo [vedi infra].

Il sottosegretario Nicola BONO risponde all'interrogazione in titolo:

In riferimento alle questioni poste dagli interroganti, si rappresenta quanto segue.
La chiusura del Museo archeologico nazionale di Parma, per come si presenta la vicenda dagli atti a disposizione dell'amministrazione centrale, ha assunto carattere strutturale e non congiunturale per una serie di fattori concomitanti che, nell'ordine, sono costituiti in primis dalla carenza di personale addetto alla vigilanza (carenza peraltro non risolvibile fino a quando rimarr il blocco delle assunzioni nella pubblica amministrazione), in secondo luogo, dall'articolazione dei turni di servizio i quali, nell'attuale strutturazione, privilegiano la vigilanza notturna rispetto all'apertura diurna per il servizio al pubblico.
Tanto anche per ragioni di equilibrio nei rapporti con le organizzazioni sindacali interessate a tutelare le aspettative del personale di vigilanza in ordine alla possibilit di percepire le maggiorazioni previste per l'espletamento del servizio notturno.
Data la situazione rappresentata e in assenza di indicazioni in ordine alla praticabilit dell'affidamento della vigilanza notturna a strutture esterne (indicazioni pur richieste dall'ufficio periferico ai diversi livelli gerarchici dell'amministrazione), il soprintendente archeologo dell'Emilia Romagna, nel corso di una contrattazione sindacale, tenuta il 25 ottobre 2005, ha trovato una intesa di massima con le organizzazioni sindacali in ordine alla stipula di un accordo con l'Associazione AUSER di Parma per l'utilizzo degli aderenti all'Associazione medesima, in affiancamento al personale di custodia per l'apertura del Museo al pubblico, sia di mattina che di pomeriggio.
Tanto in ragione dei costi contenuti che l'utilizzo del personale dell'AUSER comporta per la Soprintendenza archeologica e che rende i costi medesimi compatibili con le scarse risorse di cui l'ufficio dispone fino a fine anno.
In tal modo, il problema trova una seppur temporanea soluzione in attesa di rimedi di carattere strutturale, la cui praticabilit in fase di valutazione.

Carmen MOTTA (DS-U), replicando, prende atto delle confortanti informazioni presenti nella risposta fornita dal rappresentante del Governo, sottolineando la necessit che sia assicurata tempestivamente la riapertura di tale importante museo, che rappresenta una delle pi significative espressioni artistiche della citt di Parma.
Nel rilevare come sia intollerabile la chiusura di questo museo, che custodisce preziose collezioni preistoriche, costituendo quindi un importante polo di attrazione turistico, formula l'auspicio che alla sua annunciata riapertura segua l'assunzione di un personale altamente qualificato e competente. Si augura al riguardo che nella manovra di finanza pubblica, all'esame del Senato, siano individuati fondi per la realizzazione di tale preminente obiettivo, anche al fine di porre soluzione al problema della carenza strutturale di organico di cui soffre tale preziosa struttura museale, che costituisce un'importante vetrina non soltanto per la citt di Parma, ma per l'intero paese.


Interrogazione a risposta immediata in Commissione 5-04889
presentata da GIOVANNA GRIGNAFFINI mercoled 26 ottobre 2005 nella seduta n.696


GRIGNAFFINI e MOTTA. - Al Ministro per i beni e le attivit culturali. - Per sapere - premesso che:

il Museo archeologico nazionale di Parma, a partire dal 5 luglio scorso, ha sospeso l'apertura quotidiana al pubblico;

tale chiusura stata inizialmente disposta solo per il periodo estivo;

la chiusura del Museo archeologico nazionale si sta invece protraendo nel tempo e a tutt'oggi non risulta essere stata prevista la sua riapertura;

le cause della mancata riapertura al pubblico del Museo da ricercarsi nella mancanza di personale di sorveglianza;

il Museo archeologico nazionale di Parma, fondato nel 1760 da don Filippo di Borbone, dispone di una tra le pi consistenti e preziose raccolte preistoriche dell'Italia settentrionale ed meta di turisti italiani ed esteri;

la non accessibilit del Museo archeologico nazionale rappresenta una, grave perdita sul piano culturale e turistico per la citt di Parma;

sulla stampa locale sono state pubblicate lettere di protesta di cittadini e di associazioni culturali -:

se sia a conoscenza della situazione sopradescritta e quali interventi intenda assumere per garantire in tempi brevi la riapertura al pubblico del Museo archeologico nazionale di Parma.(5-04889)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news