LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Commissione VII della Camera - seduta del 9 novembre 2005 (Non sequestrabilit delle opere d'arte prestate all'Italia)
2005-11-09

Non sequestrabilit delle opere d'arte prestate all'Italia.
Nuovo testo C. 2811 Selva.
(Seguito dell'esame e rinvio - Adozione di un nuovo testo).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato, da ultimo, il 3 novembre 2004.

Simonetta LICASTRO SCARDINO (FI), relatore, ricorda che il provvedimento in titolo - il cui esame ha avuto inizio il 30 settembre 2003 - prevedeva, nella sua formulazione originaria, il divieto di sequestro delle opere d'arte temporaneamente prestate all'Italia da Paesi e istituzioni culturali straniere, a fini di esposizione al pubblico, attribuendo al Ministro degli affari esteri il potere di predisporre, di concerto con il Ministro per i beni e le attivit culturali, in occasione di ogni esposizione, la lista delle opere d'arte ottenute in prestito, la durata del prestito e i responsabili dell'esposizione, che assumono l'impegno alla restituzione del materiale ricevuto.
Fa presente che l'esame, sospeso per l'emergere di alcune perplessit in riferimento alla compatibilit dell'intervento legislativo in oggetto con la normativa comunitaria e internazionale in materia, stato poi ripreso il 28 settembre 2004. A seguito dell'approvazione di una specifica proposta emendativa da lei presentata, il testo - pur lasciandosene inalterata la finalit generale - stato modificato in pi punti, facendo tra l'altro salvo quanto disposto dalle convenzioni, dagli accordi internazionali e dalla disciplina comunitaria in materia e, su espressa richiesta del Governo, riconoscendo il ruolo preminente del Ministro per i beni e le attivit culturali, con la previsione che i decreti per l'individuazione dei beni prestati all'Italia siano da lui adottati, di concerto con il Ministro per gli affari esteri.
Il testo emendato stato esaminato dalle Commissioni competenti in sede consultiva: la III Commissione Affari esteri ha espresso parere favorevole, mentre le Commissioni I Affari costituzionali e II Giustizia hanno espresso parere contrario.
Rileva che tali pareri contrari sono stati motivati in primo luogo dal dubbio che l'attuazione delle norme in oggetto possa risultare in contrasto con gli impegni internazionali assunti dall'Italia; inoltre, stato eccepito che, anche qualora tali norme esplichino i propri effetti esclusivamente al di fuori del campo di applicazione della normativa sovranazionale, esse comporterebbero comunque una deroga ai princpi sostanziali e procedurali di diritto penale, deroga che - evidentemente - non stata ritenuta giustificata.
Avverte quindi che, alla luce di tali pareri, essendo stata sollecitata (anche personalmente dal presidente della III Commissione Gustavo Selva) la ripresa della trattazione dell'argomento, ha predisposto un nuovo testo volto a superare i rilievi delle Commissioni Affari costituzionali e Giustizia. Il nuovo testo, in primo luogo, meglio chiarisce che le sue disposizioni si applicano solo quando non siano applicabili convenzioni e accordi internazionali e la normativa comunitaria. Viene poi introdotto un nuovo limite, volto ad attenuare il carattere derogatorio delle norme rispetto ai princpi di diritto penale, specificando che esse non si applicano ai beni che costituiscano corpo di reato qualora il reato sia commesso in Italia. Inoltre, si chiarisce che i procedimenti giudiziari concernenti i beni insequestrabili proseguono per il resto (salvo quindi che per la possibilit di sequestrarli) secondo le procedure ordinarie, e in particolare che, in caso di sentenza definitiva, resta ferma la possibilit di procedere alla loro confisca. Infine, ritiene opportuno segnalare l'esplicitazione della finalit delle nuove norme, che quella di favorire l'esposizione in Italia di beni di rilevante interesse culturale, una finalit meritoria che, a suo avviso, potrebbe pienamente giustificare l'opportunit di una deroga ai princpi in materia penale, soprattutto alla luce dei nuovi paletti e dei chiarimenti introdotti dal testo.
Propone pertanto che il nuovo testo da lei predisposto sia adottato dalla Commissione ai fini del seguito dell'esame.

Nessuno chiedendo di intervenire, la Commissione adotta il nuovo testo predisposto dal relatore quale base per il seguito dell'esame (vedi allegato).

Ferdinando ADORNATO, presidente, propone di fissare il termine per la presentazione di emendamenti al nuovo testo alle ore 17 di luned 14 novembre 2005.

La Commissione concorda.

Ferdinando ADORNATO, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.


Non sequestrabilit delle opere d'arte prestate all'Italia (C. 2811).


NUOVO TESTO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI NON SEQUESTRABILIT DI BENI CULTURALI PRESTATI ALL'ITALIA DA STATI O DA ALTRI SOGGETTI STRANIERI PER L'ESPOSIZIONE AL PUBBLICO.


Art. 1.

1. Al fine di favorire l'esposizione in Italia di opere d'arte e di altri beni di rilevante interesse culturale, i beni culturali stranieri cui non si applichi quanto disposto dalle convenzioni e dagli accordi internazionali e dalla normativa comunitaria vigenti non possono essere sottoposti a sequestro nell'ambito di procedimenti giudiziari concernenti la loro propriet o possesso, per il periodo della loro permanenza in Italia, qualora siano stati messi a disposizione dello Stato italiano o di altro soggetto da esso designato, con le modalit e le procedure di cui al comma 2, da parte di Stati, collettivit, enti pubblici o istituzioni culturali stranieri a soli fini di esposizione temporanea al pubblico sotto la supervisione e il controllo del soggetto che mette a disposizione i beni stessi.
2. Con decreto del Ministro per i beni e le attivit culturali, adottato di concerto con il Ministro degli affari esteri, sulla base degli accordi intercorsi tra i soggetti interessati, sono definiti, per ogni esposizione:
a) la lista dei beni culturali cui si applicano le disposizioni di cui al comma 1;
b) il periodo durante il quale tali beni si intendono in esposizione in Italia;
c) i responsabili dell'esposizione, cui i beni sono affidati e che assumono l'impegno a restituirli al soggetto che li ha messi a loro disposizione.

3. Le disposizioni della presente legge non si applicano ai beni che costituiscono corpo di reato qualora il reato sia commesso in Italia.
4. I procedimenti giudiziari di cui al comma 1, fatto salvo quanto ivi disposto, proseguono secondo le ordinarie procedure. Resta ferma la possibilit di procedere alla confisca dei beni in caso di sentenza non pi soggetta a impugnazione.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news