LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DECRETO 17 febbraio 2004 . Trasferimento alla societ "Patrimonio dello Stato S.p.a.", in Roma, di beni immobili di propriet dello Stato.
2004-02-17
(GU n. 093 del 21/04/2004)




Preambolo


IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
Visto l'art. 7 del decreto-legge 15 aprile 2002, n. 63, convertito, con modificazioni, dall'art. 1 della legge 15 giugno 2002, n. 112 (nel seguito indicato come l'"art. 7"), concernente l'istituzione di una societ per azioni denominata "Patrimonio dello Stato S.p.a." avente lo scopo di valorizzare, gestire ed alienare il patrimonio dello Stato;
Vista la delibera C.I.P.E. del 19 dicembre 2002, concernente direttive di massima per l'attivit da svolgersi da parte della Patrimonio dello Stato S.p.a.;
Visto il comma 10 dell'art. 7, ai sensi del quale si prevede che alla Patrimonio dello Stato S.p.a. possano essere trasferiti diritti pieni e parziali sui beni immobili facenti parte del patrimonio disponibile e indisponibile dello Stato, sui beni immobili facenti parte del demanio dello Stato e comunque sugli altri beni compresi nel conto generale del patrimonio dello Stato di cui all'art. 14 del decreto legislativo 7 agosto 1997, n. 279, ovvero ogni altro diritto costituito a favore dello Stato e che, con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, sono definiti, anche in deroga agli articoli 2254, 2342 e seguenti del codice civile, modalit e valori di trasferimento e di iscrizione dei beni nel bilancio della Patrimonio dello Stato S.p.a.;
Visto il decreto dirigenziale dell'Agenzia del demanio n. 21562 del 16 giugno 2003, che individua alcuni beni appartenenti allo Stato (nel seguito indicato come il "decreto dell'Agenzia del demanio"), elencati nell'allegato 1 del presente decreto;
Considerati gli indirizzi strategici per l'operativit della Patrimonio dello Stato S.p.a. stabiliti dal Ministero dell'economia e finanze con nota n. 55296 del 9 giugno 2003;
Ritenuto necessario trasferire a Patrimonio dello Stato S.p.a. taluni beni immobili precedentemente utilizzati quali strutture carcerarie o istituti di pena, al fine di consentire alla stessa di procedere, nell'ambito di un pi ampio progetto di ammodernamento delle strutture carcerarie dello Stato, alla valorizzazione degli immobili stessi, alla loro dismissione ed alla costruzione di nuovi edifici da adibire a strutture carcerarie o istituti di pena;
Visto il citato comma 10, dell'art. 7, ai sensi del quale si prevede che il trasferimento dei beni pu essere operato con le modalit e per gli effetti previsti dell'art. 3, commi 1, 16, 17, 18 e 19, del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n. 410;
Visto lo stesso comma 10, dell'art. 7, ai sensi del quale si prevede che il trasferimento di beni di particolare valore artistico e storico effettuato di intesa con il Ministro per i beni e le attivit culturali;
Vista la nota in data 11 novembre 2003, prot. n. 9752, con la quale il Capo di Gabinetto del Ministero per i beni e le attivit culturali, d'ordine del Ministro, ha espresso parere favorevole al trasferimento immobiliare di cui al presente decreto alle seguenti condizioni: relativamente ai beni immobili indicati alla lettera A dell'allegato 2 al presente decreto, senza alcuna riserva; relativamente ai beni immobili indicati alla lettera B dello stesso allegato 2, nel rispetto delle prescrizioni dettate dalle competenti Soprintendenze, ove presenti, nonch di quelle specificamente indicate nella stessa lettera B; relativamente ai complessi immobiliari indicati alla lettera C del medesimo allegato 2, ai soli fini di valorizzazione e per le motivazioni specificate nella stessa lettera C;
Decreta:


Art. 1.

1 . Ai sensi del comma 10 dell'art. 7, i beni immobili (nel seguito indicati come i "beni") individuati dal decreto dell'Agenzia del demanio ed elencati nell'allegato 1 al presente decreto sono trasferiti alla societ Patrimonio dello Stato S.p.a., con sede legale in Roma, via del Quirinale n. 30, iscritta al registro delle imprese di Roma al n. 07258901003, nello stato di fatto e diritto in cui si trovano, unitamente ai relativi accessori e pertinenze, ancorch gli stessi non siano espressamente individuati nell'allegato 1 al presente decreto, nonch con gli oneri e servit attive e passive di qualsiasi specie, a far data dalla pubblicazione del presente decreto.



Art. 2.

1 . Patrimonio dello Stato S.p.a. immessa nel possesso giuridico dei beni trasferiti ai sensi dell'art. 1 a far data dalla pubblicazione del presente decreto.

2 . Il trasferimento non modifica il regime giuridico previsto dagli articoli 823 e 829, primo comma, del codice civile, dei beni demaniali trasferiti ai sensi dell'art. 1.

3 . Il trasferimento ha luogo nel rispetto delle prescrizioni contenute nell'allegato 2.



Art. 3.

1 . Il valore di trasferimento e di iscrizione in bilancio di Patrimonio dello Stato S.p.a. dei beni trasferiti ai sensi dell'art. 1 stabilito in un importo pari alla valutazione effettuata dall'Agenzia del territorio entro novanta giorni dall'emanazione del presente decreto. Fino alla completa definizione di tale valore, ai beni trasferiti attribuito un valore provvisorio corrispondente a quello riportato nelle scritture inventariali in possesso dell'Agenzia del demanio.



Art. 4.

1 . Fino alla piena operativit della Patrimonio dello Stato S.p.a. relativamente alla gestione dei beni oggetto di trasferimento ai sensi del presente decreto, detti beni continuano ad essere gestiti dall'Agenzia del demanio, cui Patrimonio dello Stato S.p.a. conferisce idonea procura.

2 . A tal fine l'Agenzia del demanio, in persona del suo direttore o sostituto, stipula con Patrimonio dello Stato S.p.a. un contratto di gestione a condizioni di mercato dei beni trasferiti ai sensi dell'art. 1.



Art. 5.

1 . Patrimonio dello Stato S.p.a. nell'attivit di valorizzazione, cessione e permuta dei beni trasferiti ai sensi del presente decreto opera in coerenza con gli obiettivi di finanza pubblica del Governo, e provvede a:

a) realizzare programmi di nuova edilizia penitenziaria con conseguente disimpegno per lo Stato da ogni onere finanziario;
b) reperire le provviste finanziarie occorrenti per il proprio funzionamento.

2 . Patrimonio dello Stato S.p.a. elabora, per ogni tipologia di intervento, appositi piani operativi da sottoporre al Ministero dell'economia e delle finanze per l'approvazione, tenuto conto delle prescrizioni di cui al comma 3 dell'art. 2 del presente decreto.



Art. 6.

1 . Le somme rivenienti dalla gestione, dalla valorizzazione e dalla vendita dei beni trasferiti a Patrimonio dello Stato S.p.a. ai sensi del presente decreto sono accreditate sul conto acceso dalla societ presso la Tesoreria centrale dello Stato, ai sensi e per gli effetti dell'art. 5 del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 21 luglio 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 223 del 25 settembre 2003.

2 . Patrimonio dello Stato S.p.a. pu utilizzare uno o pi conti correnti diversi da quello acceso presso la Tesoreria centrale dello Stato, da aprirsi presso primari istituti di credito, per le operazioni attinenti la propria gestione ordinaria.
Il presente decreto sar trasmesso agli organi di controllo per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.


Roma, 17 febbraio 2004
p. Il Ministro: Armosino
Registrato alla Corte dei conti il 22 marzo 2004
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n. 1 Economia e finanze, foglio n. 327



Annesso A
Allegato 1 ELENCO DEI BENI IMMOBILI TRASFERITI AI SENSI DEL PRESENTE DECRETO



--------------------------------------------------------------------------------

Annesso A
Allegato 1 ELENCO DEI BENI IMMOBILI TRASFERITI AI SENSI DEL PRESENTE DECRETO

omissis


Annesso B
Allegato 2 PRESCRIZIONI DA RISPETTARE NEL TRASFERIMENTO DEI BENI IMMOBILI DI CUI AL PRESENTE DECRETO



A. Sono trasferibili alla Patrimonio dello Stato S.p.a. senza alcuna riserva i seguenti immobili:

1 . Mondov (Alessandria) - Ex carceri giudiziarie - Frazione Piazza, via delle Scuole, 46 (n. 3 della tabella);

2 . Frosinone - Casa circondariale - Piazza Risorgimento (n. 6 della tabella);

3 . Avigliano (Potenza) - Istituto di rieducazione minorenni - Calvario (n. 7 della tabella), ad eccezione dell'immobile individuato in catasto alla particella n. 50 del foglio n. 81: v. sub n. 11;

4 . Velletri (Roma) - Carceri giudiziarie - via Castello, 34 (n. 8 della tabella).
B. Sono trasferibili alla Patrimonio dello Stato S.p.a., nel rispetto delle prescrizioni dettate dalle competenti Soprintendenze, ove presenti, i seguenti immobili, dichiarati di particolare interesse storico-artistico e pertanto sottoposti alle disposizioni di tutela:

5 . Casale Monferrato (Alessandria) - Ex carceri giudiziarie - via Leardi, 15 (n. 1 della tabella);

6 . Novi Ligure (Alessandria) - Ex carceri giudiziarie - Piazza XXVIII Ottobre, 2 (n. 2 della tabella);

7 . Pinerolo (Torino) - Carceri giudiziarie - Piazza Fontana, 2 (n. 9 della tabella);

8 . Clusone (Bergamo) - Ex casa circondariale "Olim Busca" - via Bernardino Baldi (n. 4 della tabella), con la prescrizione che dovranno essere esclusi gli adeguamenti funzionali che comportino sostanziali alterazioni dei profili dei prospetti e delle coperture. Consentita la destinazione d'uso a residenza e/o uffici;

9 . Ferrara - Casa circondariale (gi carcere giudiziario) - via Piangipane, 81 (n. 5 della tabella), con la prescrizione che dovranno essere conservati gli elementi caratterizzanti il complesso tutelato (i prospetti, l'impianto distributivo e l'assetto planivolumetrico). Dovranno essere escluse le destinazioni industriale, artigianale, commerciale;

10 . Verona - Caserma Mastino della Scala - via Fante (n. 11 della tabella), con le prescrizioni seguenti:
dovr essere conservato l'impianto architettonico e l'unitariet del costruito e dei cortili;
eventuali interventi di manutenzione dovranno essere mirati alla salvaguardia degli elementi architettonici;
non saranno ammesse variazioni prospettiche e aperture sulle falde di copertura. Anche gli interni dovranno mantenere l'attuale assetto distributivo;
non sono considerati compatibili gli usi abitativi e commerciali e, pi in generale, qualsiasi uso che non consenta di mantenere la destinazione pubblica dell'immobile e che comporti la frammentazione degli interni.
C. Sono trasferibili alla Patrimonio dello Stato S.p.a. i seguenti complessi immobiliari, di particolare interesse storico-artistico, ai soli fini di valorizzazione, per le motivazioni di seguito riportate:

11 . Avigliano (Potenza) - Istituto di rieducazione minorenni - Calvario (n. 7 della tabella), limitatamente all'immobile individuato in catasto alla particella n. 50 del foglio n. 81.
Motivi: Il complesso monumentale in questione da tempo oggetto di consistenti interventi di restauro a cura della competente soprintendenza per un importo complessivo di circa Euro 1.200.000, poich destinato a sede del "Centro degli archivi contemporanei". Per tale destinazione culturale stato inserito tra gli interventi finanziari finanziati dall'accordo di programma quadro tra il Ministero B.A.C. e la regione Basilicata.
A restauro avvenuto e con il consenso della regione, non sembrano sussistere ostacoli, in via di principio, al trasferimento dell'immobile alla Patrimonio dello Stato S.p.a., beninteso ai soli fini di valorizzazione indicati nel relativo accordo di programma;

12 . Susa (Torino) - Carcere mandamentale - via al Castello, 8 (n. 10 della tabella).
Motivi: Il complesso riveste interesse soprattutto in relazione alla sua stretta contiguit al castello medioevale detto "della Marchesa Adelaide", di propriet comunale. Poich il castello, che ospita la sede del museo civico ed il contiguo carcere si trovano oggi in condizioni di degrado e richiedono interventi di conservazione e di adeguamento funzionale, l'Amministrazione ha elaborato un ampio programma di riqualificazione e valorizzazione del sito, i cui finanziamenti consentirebbero anche il restauro del carcere, destinato ad ospitare mostre, manifestazioni e strutture di accoglienza a servizio del museo civico.
Tenuto conto dell'interesse dell'ente locale al restauro e all'adeguamento funzionale del carcere, il trasferimento alla Patrimonio dello Stato S.p.a. potrebbe avvenire esclusivamente per finalit di valorizzazione dell'intero sito.



--------------------------------------------------------------------------------

www.normeinrete.it


news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news