LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DDL 3684 , Misure urgenti in materia di universit, beni culturali,Senato, Res. sten. n. 941 19/01/2006
2006-01-19

Resoconto stenografico della seduta n. 941 del 19/01/2006



Seguito della discussione del disegno di legge:

(3684) Conversione in legge del decreto-legge 5 dicembre 2005, n. 250, recante misure urgenti in materia di universit, beni culturali ed in favore di soggetti affetti da gravi patologie, nonch in tema di rinegoziazione di mutui (Relazione orale)



PRESIDENTE. Riprende l'esame dell'articolo 1 del disegno di legge, avvertendo che gli emendamenti si intendono riferiti al testo del decreto-legge da convertire. R

icorda che nella seduta pomeridiana di ieri ha avuto inizio la votazione degli emendamenti riferiti all'articolo 5 del decreto-legge e che gli emendamenti 1.0.80 (testo 2), 1.0.11, 1.0.2 (testo 2) e 1.0.18 sono stati accantonati. Su richiesta del senatore MODICA (DS-U), dispone la verifica del numero legale sulla votazione dell'emendamento 5.0.6.
Avverte che il Senato non in numero legale e sospende la seduta per venti minuti
La seduta, sospesa alle ore 9,53, ripresa alle ore 10,13.


PRESIDENTE. Sempre su richiesta del senatore VALLONE (Mar-DL-U), dispone nuovamente la verifica del numero legale. Avverte che il Senato non in numero legale e sospende la seduta per venti minuti.
La seduta, sospesa alle ore 10,14, ripresa alle ore 10,35.
Con votazioni precedute da distinte verifiche del numero legale, chieste dal senatore VALLONE (Mar-DL-U), il Senato approva gli emendamenti 5.0.6 e 5.0.100.



PRESIDENTE. Ricorda che gli emendamenti 5.0.7, 5.0.80, 5.0.11, 5.0.103, 5.0.101, 5.0.500, 5.0.120, 5.0.150, 5.0.102, 5.0.130, 5.0.104, 5.0.105 e 5.0.9 (testo 2) sono stati ritirati. Comunica quindi che la Commissione bilancio ha trasmesso il parere sugli emendamenti accantonati (v. Resoconto stenografico), esprimendo contrariet, ai sensi dell'articolo 81 della Costituzione, sugli emendamenti 1.0.2 (testo 2) 5.0.300, (testo 3) e 5.0.14.


ASCIUTTI, relatore. A seguito del parere della Commissione bilancio, ritira gli emendamenti 5.0.300 (testo 3) e 5.0.14.


ROLLANDIN (Aut). Chiede che la Commissione bilancio riconsideri il profilo finanziario dell'emendamento 5.0.106, se riformulato limitatamente al primo comma.


AZZOLLINI (FI). La contrariet attiene all'intero emendamento e quindi non possibile modificare il parere espresso dalla Commissione.


ROLLANDIN (Aut). Ritira l'emendamento 5.0.106.


Previa verifica del numero legale, chiesta dal senatore VALLONE (Mar-DL-U), approvato l'emendamento 5.0.600 (testo 2). Il Senato approva quindi l'emendamento 5.0.601 (testo 3).



PRESIDENTE. Passa quindi all'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 1 del decreto-legge, precedentemente accantonati.


MANIERI (Misto-Rnp).

Con l'emendamento 1.0.80 (testo 2) la maggioranza tenta di mascherare all'interno di un decreto confuso ed eterogeneo una manovra clientelare ed elettorale finalizzata a consentire un ulteriore finanziamento pubblico della scuola privata paritaria.

un argomento che meriterebbe una pi approfondita riflessione, visto che il finanziamento diretto delle scuole private contraddice l'articolo 33 della Costituzione e aggira la disposizione della legge n. 62 del 2000, con la quale si sono stabiliti diritti ed obblighi delle scuole non statali, escludendo forme di finanziamento diretto o indiretto. Invece, la maggioranza di centrodestra ha utilizzato lo strumento delle convenzioni previstedalla legge del 1935 relativamente alle scuole elementari parificate per scardinare il principio costituzionalee quindi estendere il finanziamento alle scuole non statali, con un onere per lo Stato di circa 180 milioni di euro annui. L'emendamento suscita indignazione perch estende ulteriormente, senza prevedere un'adeguata copertura finanziaria dei costi aggiuntivi, la platea dei beneficiari ed incongruente rispetto alle prioritarie esigenze del Paese di investire sulla qualit della scuola pubblica. Un ulteriore elemento di incostituzionalit risiede nella previsione della regolamentazione delle scuole private non paritarie, funzionale ad un controllo preventivo esercitato dal Ministero dell'istruzione, ma esplicitamente escluso da una sentenza della Corte costituzionale; si tenta cos di regolamentare il fenomeno delle scuole islamiche, una questione che l'opposizione non intende sottovalutare neanche sotto il profilo della lotta al terrorismo, ma che richiede un approfondito dibattito e soprattutto il perseguimento dell'integrazione in una scuola pubblica, libera e laica e non la ricerca del conflitto culturale. (Applausi dai Gruppi Misto-Rnp, DS-U e Mar-DL-U).


ACCIARINI (DS-U). Sottolinea la gravit di un intervento legislativo che, in un provvedimento eterogeneo come quello in discussione, non solo vola il dettato dell'articolo 33 della Costituzione, ma attribuisce al Governo un potere regolamentare in tema di riconoscimento delle scuole paritarie che confligge con le competenze regionali stabilite dall'articolo 117 della stessa Carta costituzionale, che infatti ricomprende l'istruzione fra le materie a legislazione concorrente. Inoltre, incostituzionale prevedere un surrettizio controllo dello Stato sugli ordinamenti delle scuole non paritarie, chein tal modo verrebbero a costituire un'anomala terza categoria, diversa sia dalle scuole paritarie che da quelle private. Tale mostruosit giuridica rappresenta il tentativo maldestro di risolvere un problema estremamente serio quale quello dell'istruzione in una societ multietnica, la cui corretta soluzione risiede nella capacit di accogliere nella scuola pubblica degli studenti di cittadinanza non italiana. (Applausi dai Gruppi DS-U, Mar-DL-U e Misto-Rnp).


CORTIANA (Verdi-Un). Rivendica il valore delle motivazioni a fondamento dell'approvazione della legge n. 62 del 2000 sulla parit scolastica, anche se nell'attuale legislatura stata surrettiziamente utilizzata per destrutturare il sistema pubblico dell'istruzione. L'emendamento in votazione umilia l'importante lavoro svolto dalla 7a Commissione permanente e conferma che la maggioranza disposta a svendere l'istruzione pur di perseguire il proprio interesse attraverso uno scambio elettoralistico. E' una disposizione molto grave, perch si pone in aperto contrasto con la Costituzione, rischia di minare il fondativo patto sociale e dissolvere l'istruzione pubblica, precludendo ai giovani il diritto ad un'offerta formativa di qualit. Tutto ci rafforza ulteriormente la convinzione della necessit di abrogare la legge Moratti.


VALDITARA (AN). Rilevato in premessa come l'Unione non abbia inserito nel programma elettorale l'abrogazione della tanto vituperata riforma Moratti, ricorda che dai lavori della Costituente emerge con chiarezza che l'articolo 33 della Costituzione va intesa nel senso che lo Stato non ha l'obbligo di finanziare scuole e istituti di educazione privati, ma pu decidere di farlo. L'emendamento in esame ha lo scopo di superare la confusione prodotta dalla molteplicit di scuole non statali, contrastando il fenomeno dei cosiddetti diplomifici e definendo un sistema di finanziamento in convenzione sulla base del rispetto dei requisiti richiesti alle scuole private e nei limiti delle risorse attualmente disponibili. Inoltre, l'emendamento consentirebbe allo Stato di intervenire per valutare preventivamente la coerenza del servizio offerto dalle scuole private non parificate con i programmi educativi nazionali e con i principi costituzionali. (Applausi dai Gruppi AN e FI).


PETRINI (Mar-DL-U). La presentazione dell'emendamento 1.0.80 (testo 2) conduce alla violazione di numerose norme regolamentari e costituzionali. Si tratta infatti di una piccola legge inserita in forma di emendamento in un decreto-legge, nonostante risulti disomogenea rispetto ai contenuti dello stesso, non rechi norme aventi i caratteri dell'emergenza e della necessit richiesti ad un provvedimento d'urgenza, non sia stata sottoposta all'esame di merito da parte della Commissione istruzione, n ad alcun vaglio di costituzionalit, pur intervenendo in una materia di forte valenza costituzionale. La sistematica violazione delle regole che presiedono al processo di formazione delle leggi rappresenta una forma di eversione che espropria il Parlamento delle sue funzioni. (Applausi dal Gruppo Mar-DL-U).


PRESIDENTE. Assicurando il senatore Petrini che il Regolamento nei suoi aspetti formali stato rispettato, conviene tuttavia che le osservazioni da lui svolte, che vanno oltre il caso di specie, debbono indurre ad una seria riflessione nella prossima legislatura.


COMPAGNA (UDC). L'emendamento in questione rappresenta la parte pi interessante e meno particolaristica del provvedimento e vede pienamente favorevoli i senatori dell'UDC. Si tratta infatti di proposte non incostituzionali, in quanto non alterano le regole di copertura finanziaria, n il riparto di competenze legislative fra lo Stato e le Regioni. Nel merito, rileva come sarebbe irresponsabile estendere il principio della libert di confessionalismo a scuola fino al punto da rendere possibile l'apertura di scuole nelle quali si violano e si insegna a negare i principi fondamentali della Costituzione e i valori fondanti dello Stato. (Applausi dai Gruppi UDC, FI e LP. Congratulazioni).


BRIGNONE (LP). La Lega voter a favore dell'emendamento, il quale certamente affronta un argomento che avrebbe richiesto un dibattito pi ampio di quello consentito da un decreto omnibus che per definizione e per prassi esclude l'omogeneit. Ricorda che, nell'ambito della competenza concorrente prevista all'articolo 117 della Costituzione sulla materia, lo Stato ha il dovere di garantire l'offerta di servizi scolastici omogenei sul territorio e di elevata qualit. In tale ambito l'emendamento volto a tutelare l'utenza al fine di evitare che le scuole private offrano servizi inadeguati, secondo istanze sostenute in pi occasioni anche dalla stessa opposizione. (Applausi dal Gruppo LP).


FAVARO (FI). Annuncia il voto favorevole di Forza Italia ad un emendamento che mette ordine in materia di scuole private e tutela l'utenza consentendo allo Stato di garantire la qualit del servizio scolastico reso dai privati. (Applausi dal Gruppo FI).


PRESIDENTE. Riguardo ai rilievi emersi nel corso del breve dibattito sull'emendamento 1.0.80 (testo 2), ricorda che nonostante l'intervento della Corte costituzionale e la legislazione vigente impongano l'omogeneit di contenuto dei provvedimenti, nel caso di decreti-legge che sin dal momento dell'emanazione raccolgono materie tra loro disomogenee, la Presidenza non pu che avvalersi della prassi invalsa tendente a dare prevalenza,nel giudizio di ammissibilit degli emendamenti, alla connessione per materia con riferimento al Ministro firmatario del provvedimento. Ricordato che le Commissioni 1a e 7a hanno esaminato il testo, ribadisce la necessit che nella prossima legislatura venga modificato il rapporto tra Governo e Parlamento e siano fissati parametri certi per l'ammissibilit degli emendamenti.

Su richiesta del senatore MODICA (DS-U), dispone la verifica del numero legale sulla votazione dell'emendamento 1.0.80 (testo 2). Avverte che il Senato non in numero legale e sospende la seduta per venti minuti.


La seduta, sospesa alle ore 11,30, ripresa alle ore 11,51.


Presidenza del vice presidente FISICHELLA


PRESIDENTE. Su richiesta del senatore MODICA (DS-U), dispone ancora una volta la verifica del numero legale. Avverte che il Senato non in numero legale e sospende la seduta per venti minuti.


La seduta, sospesa alle ore 11,52, ripresa alle ore 12,11.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news