LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - seduta del 31 gennaio 2006 (indagine conoscitiva tutela e valorizzazione)
2006-01-31

PROCEDURE INFORMATIVE
Seguito dell'indagine conoscitiva sui nuovi modelli organizzativi per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali: seguito dell'esame e rinvio del documento conclusivo.

Riprende l'esame, sospeso nella seduta del 25 gennaio scorso.

In merito alle osservazioni emerse nel dibattito, il presidente ASCIUTTI (FI) ricorda anzitutto di aver gi manifestato il proprio orientamento in ordine a quelle sollevate dalla senatrice Acciarini.
Quanto alle osservazioni ulteriori, sollevate in particolare dai senatori Tessitore e Compagna, chiarisce preliminarmente che non coglie nel segno il rilievo secondo cui il documento si sarebbe limitato a analizzare i rapporti fra tutela e valorizzazione del patrimonio. Ricorda infatti che proprio questo era l'oggetto dell'indagine conoscitiva, come autorizzata dalla Presidenza del Senato, avviata del resto dalla Commissione alla luce delle modifiche introdotte a questo riguardo dal nuovo Titolo V della Costituzione.
Il senatore Tessitore, prosegue il Presidente, ha poi sollecitato un approfondimento con particolare riferimento alle attivit finalizzate alla fruizione, nell'ambito dei rapporti fra pubblico e privato in tema di gestione del patrimonio. Al riguardo, segnala che un'intera sezione (2.4) dello schema di documento dedicata alle novit introdotte dal Codice del 2004, evidenziando con particolare favore la nuova ottica di integrazione fra tutela e valorizzazione finalizzata alla pubblica fruizione.
Anche con riferimento al difficile rapporto fra soprintendenze e amministrazioni locali, senz'altro emerso nel corso di alcuni dei sopralluoghi condotti dalla Commissione, osserva che esso posto in luce in diversi passaggi del documento conclusivo.
Tuttavia, manifesta disponibilit ad integrare in tal senso la sezione 2.4 ed in particolare il paragrafo che d conto dell'esigenza - segnalata dagli interlocutori sia statali che regionali nel corso dei sopralluoghi - di evitare che lo Stato ed in particolare i suoi organi periferici si limitino a svolgere una funzione meramente ostativa nel settore.
Ribadisce invece di non condividere le perplessit sollevate in ordine all'articolo 29 del Codice in tema di formazione dei restauratori. Ritiene infatti che la nuova formulazione recata dal decreto correttivo, di cui si d conto nella sezione 4 del documento conclusivo, risponda ad esigenze largamente diffuse e raccolte dalla Commissione anche nel corso dell'indagine conoscitiva.
Quanto infine alla insostituibilit del finanziamento pubblico attraverso un maggiore coinvolgimento dei privati, si tratta senz'altro di affermazione condivisa. Essa costituisce del resto la considerazione finale del documento conclusivo, laddove si mette in evidenza che le effettive potenzialit connesse al ricorso al settore privato presentano limiti fisiologici, come testimoniato anche da Paesi ben pi all'avanguardia dell'Italia sotto questo profilo (ad esempio il Regno Unito). Il documento, senza negare l'opportunit di porre in essere misure volte a rendere sempre pi appetibili ai privati gli investimenti nel settore, mette pertanto conclusivamente in guardia dalla possibilit di considerare l'apporto privato come sostitutivo di quello pubblico. A tal fine, richiama esplicitamente i compiti attribuiti allo Stato dall'articolo 9 della Costituzione.
Passando alle osservazioni del senatore Compagna, il Presidente giudica apprezzabile il richiamo all'esigenza che il Ministero non perda il tratto istintivo che lo caratterizz all'atto della sua istituzione e cio la separazione fra momento tecnico- scientifico e gestione amministrativa. Si dichiara pertanto disponibile ad integrare la sezione 4, laddove si fa riferimento - fra le ulteriori criticit individuate nel corso dell'indagine conoscitiva - all'inadeguatezza del personale da un punto di vista sia qualitativo che quantitativo.

Il senatore COMPAGNA (UDC) ringrazia il Presidente per la disponibilit dimostrata ad integrare lo schema di documento conclusivo con le considerazioni da lui espresse.

Si associa il senatore TESSITORE (DS-U), il quale rammenta tuttavia di aver sollevato obiezioni di fondo sull'impostazione complessiva dello schema di documento presentato, nell'ambito delle quali l'osservazione sulla difficolt di rapporti fra soprintendenze ed amministrazioni locali riguardava una tematica specifica. Nel rimettere pertanto alla discrezionalit del Presidente la scelta se integrare o meno in tal senso il documento, ribadisce che avrebbe ritenuto preferibile insistere maggiormente su una dimensione di rilevazione e conferire un carattere pi culturale all'atto.

Il presidente ASCIUTTI (FI) si riserva di integrare lo schema di documento conclusivo pubblicato in allegato alla seduta del 25 gennaio.

Il seguito dell'esame quindi rinviato.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news