LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LEGGE LUPI: Schema di decreto legislativo recante ricognizione dei principi fondamentali in materia di governo del territorio.
2006-02-14


(Esame e rinvio).

La Commissione inizia l'esame.

Pietro ARMANI, presidente, comunica, anche ai fini della completezza dell'istruttoria, che il Presidente della Camera ha trasmesso alla Commissione il parere espresso dalla Conferenza Stato-regioni sul provvedimento in titolo.

Maurizio Enzo LUPI (FI), relatore, avverte preliminarmente che lo schema di decreto legislativo, predisposto dal Governo in attuazione della legge n. 131 del 2003 per adeguare l'ordinamento statale alla riforma costituzionale del 2001, intende effettuare una ricognizione dei principi fondamentali in materia di governo del territorio, desumendoli dalla legislazione vigente. Si tratta, pertanto, di un testo che deve avere carattere meramente ricognitivo e non innovativo della materia; questo, a suo avviso, il punto importante da cui la Commissione deve partire nell'esame dell'atto. Fa presente, peraltro, che la sentenza della Corte costituzionale n. 280 del 2004 ha precisato che spetta al Parlamento, con apposita legge, stabilire i nuovi principi fondamentali nelle materie di legislazione concorrente e, pertanto, il provvedimento in esame pu solo operare una mera ricognizione di principi gi esistenti, senza apportare innovazioni. Da questo punto di vista, sottolinea che non pu che rilevarsi che il provvedimento, che pure il Governo ha fatto bene a predisporre, avr un'incidenza pressoch nulla sull'assetto vigente. Ricorda, invece, il lavoro svolto in questa legislatura dalla VIII Commissione, con la proposta di legge di iniziativa parlamentare, di cui stato relatore, che rappresenta un segnale importante nella direzione di una legge di principi concernenti il governo del territorio, ma che purtroppo stata approvata solo dalla Camera dei deputati.
Alla luce delle considerazioni svolte, ritiene dunque che occorra domandarsi, in primo luogo, se il provvedimento in esame si limiti ad una mera ricognizione dei principi fondamentali sul governo del territorio, ovvero apporti innovazioni sostanziali alla legislazione vigente. Conseguentemente, la Commissione deve, a suo giudizio, limitarsi a svolgere questa verifica,
esprimendo quindi un orientamento favorevole nel caso in cui si dovesse constatare che si di fronte ad una mera ricognizione dei richiamati principi. In secondo luogo, nel segnalare che la Conferenza Stato-regioni ha espresso un parere negativo sul provvedimento, fa presente che la sentenza della Corte costituzionale n. 280 del 2004 ha precisato che il decreto legislativo su materie di legislazione concorrente non vincolante per le regioni e non pu costituire parametro di validit delle leggi regionali, n pu operare il riparto delle funzioni fra Stato e regioni nelle medesime materie.
Nel rinviare alla documentazione prodotta dagli uffici per gli approfondimenti relativi ai raffronti tra lo schema di decreto legislativo e la legislazione vigente, nonch la richiamata proposta di legge approvata dalla Camera, intende osservare che il provvedimento fa rientrare nella nozione di governo del territorio l'urbanistica, l'edilizia residenziale pubblica, i lavori pubblici e l'espropriazione per pubblica utilit. Da una prima analisi dell'articolato, emerge che il provvedimento in esame si attiene al dettato della legge di delegazione, nonch alla giurisprudenza della Corte costituzionale. Ritiene, pertanto, che la Commissione si debba concentrare sulla disamina delle disposizioni pi rilevanti, quali ad esempio i piani di zona e le misure di salvaguardia, attraverso il raffronto tra lo schema di decreto legislativo e la legislazione vigente, nonch dando una precisa indicazione circa l'opportunit di richiamare - all'interno del testo - anche quei principi contenuti nella legislazione regionale ormai consolidatisi. Allo stesso tempo, andrebbero segnalate al Governo, affinch ne tenga conto per la stesura definitiva del provvedimento, le eventuali disposizioni che non si limitino ad una ricognizione dei principi, ma intendano apportare reali innovazioni alla disciplina in vigore.
In conclusione, nel dichiararsi disponibile ad accogliere le osservazioni che emergeranno nel corso del dibattito, ritiene che la Commissione possa procedere ad una verifica dei contenuti del testo nel senso precedentemente evidenziato, al fine di concludere in tempi brevi l'esame dello schema di decreto legislativo.

Il viceministro Ugo MARTINAT, nel concordare con le considerazioni svolte dal relatore, si riserva di intervenire su specifici aspetti tecnici nel prosieguo dell'esame.

Alfredo SANDRI (DS-U) ricorda che, sulla base della legge di delegazione, il provvedimento in esame avrebbe dovuto fornire una serie di principi generali sulla base dei quali il Parlamento avrebbe dovuto emanare una legge di principi in materia di governo del territorio. Il testo, di fatto, si sarebbe dovuto limitare a fornire, all'interno di una norma statale, punti di riferimento gi presenti nella legislazione vigente. Ci premesso, ritiene che il provvedimento sia stato emanato con un'incredibile ritardo, proprio alla fine della legislatura, e che esso non rivesta, pertanto, alcuna utilit. Tale considerazione vale soprattutto dopo la recente approvazione della nuova riforma costituzionale e della cosiddetta devolution. Ritiene, insomma, che l'iniziativa del Governo desti l'impressione di un provvedimento liquidato a fine legislatura, senza alcuna ratio concreta e senza reali motivazioni.
In secondo luogo, ritiene che lo schema di decreto legislativo dovesse essere discusso e integrato sulla base delle esperienze delle regioni. Anche in questo caso, invece, stato totalmente ignorato dal Governo il metodo della negoziazione e della concertazione con le autonomie territoriali, che in una materia di questo tipo avrebbe dovuto costituire una regola ferrea. Ritiene, quindi, che il provvedimento presenti due limiti sostanziali, che ne riducono in misura consistente la credibilit.

Maurizio Enzo LUPI (FI), relatore, in considerazione delle osservazioni svolte dal deputato Sandri, giudica opportuno sottolineare che, pur essendo queste sostanzialmente condivisibili, esse rischiano
comunque di far perdere di vista l'oggetto della legge di delegazione e le stesse pronunce della Corte costituzionale, atteso che solo in questo contesto si comprendono le finalit del provvedimento in esame. Sottolinea, quindi, che il lavoro della Commissione dovr limitarsi a verificare se il testo in esame operi una ricognizione dei principi esistenti in materia di governo del territorio, ovvero introduca disposizioni innovative della disciplina vigente. In tal senso, rileva, in particolare, che l'articolo 8 dello schema di decreto, riguardante la perequazione e la compensazione, debba fare maggiormente riferimento alle esperienze regionali che, in taluni casi, hanno introdotto formulazioni pi innovative, che non possono essere ignorate. Analoghe considerazioni valgono per l'edilizia residenziale pubblica, mentre, in materia di procedure edilizie ed espropriazione, il testo sostanzialmente ripropone, rispettivamente, il contenuto del Testo unico in materia edilizia, con alcuni adeguamenti alla normativa vigente ad opera del decreto legislativo n. 259 del 2003, e il Testo unico dell'espropriazione per pubblica utilit, con un'unica aggiunta all'articolo 86, nella parte in cui viene recuperato un principio espresso nella sentenza n. 179 del 1999 della Corte costituzionale, concernente i caratteri e i contenuti dei vincoli di natura espropriativa. Con riferimento alla materia dei lavori pubblici, fa presente che la lettura congiunta degli articoli 1, comma 2, 71, comma 3, 74 e 78, conduce alla conclusione che rientri nella competenza statale la materia delle procedure di gara e della regolamentazione dei diritti soggettivi nascenti dal contratto e che, invece, debbano essere attribuiti alla competenza concorrente delle regioni soltanto gli aspetti strettamente collegati all'assetto del territorio, quali ad esempio la disciplina della localizzazione delle opere e gli aspetti organizzativi relativi alla progettazione.
In conclusione, invita la Commissione a riflettere seriamente sull'organizzazione dei lavori, nel senso dell'opportunit di un esame rapido della Commissione stessa, volto ad una attenta verifica dei contenuti del provvedimento ai fini del parere al Governo. Ritiene, infatti, che in questa fase, considerato che nel frattempo intervenuto lo scioglimento delle Camere e che la Commissione si trova ad esaminare un consistente numero di atti del Governo, la Commissione medesima debba concentrarsi nell'esame di un provvedimento pi corposo e impegnativo, quale il cosiddetto codice degli appalti, licenziando nel pi breve tempo possibile l'istruttoria degli atti che non presentano profili di sostanziale problematicit.

Fabrizio VIGNI (DS-U), pur ritenendo sensate le osservazioni del relatore, giudica importante che la Commissione possa svolgere un'ulteriore seduta sul provvedimento in esame nella prossima settimana, al fine di svolgere i necessari approfondimenti sui contenuti ed esprimere, infine, il parere di competenza.

Pietro ARMANI, presidente, nel rilevare che le determinazioni in ordine ai tempi per la conclusione dell'iter del provvedimento saranno adottate nella prevista riunione dell'Ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, invia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 15.45.


UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI
Marted 14 febbraio 2006.

L'ufficio di presidenza si riunito dalle 15.45 alle 15.55.

www.camera.it


news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news