LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PROTOCOLLO DI INTESA AI SENSI DELLART. 23 BIS, COMMA SETTIMO, DEL D.LGS. 30 MARZO 2001, N. 165, CONCERNENTE IL PERSONALE ADERENTE ALLA FONDAZIONE MUSEO DELLE ANTICHITA EGIZIE DI TORINO
2006-05-16


PROTOCOLLO DI INTESA AI SENSI DELLART. 23 BIS, COMMA SETTIMO, DEL D.LGS. 30 MARZO 2001, N. 165, CONCERNENTE IL PERSONALE ADERENTE ALLA FONDAZIONE MUSEO DELLE ANTICHITA EGIZIE DI TORINO

PREMESSE:


a) il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali (di seguito, il Ministero), la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Citt di Torino, la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino - al fine di assicurare ladeguamento strutturale, funzionale ed espositivo del Museo delle Antichit Egizie di Torino e della sua sede, nonch la conservazione, la promozione e la valorizzazione delle relative collezioni ai sensi dellallora vigente Decreto del Ministro per i Beni e le Attivit Culturali 27 novembre 2001, n. 491, hanno costituito, con atto pubblico del 6 ottobre 2004, la Fondazione Museo delle Antichit Egizie di Torino, con sede a Torino, in Via Maria Vittoria n. 12 (di seguito, la Fondazione).
b) Ai sensi dellart. 1, comma 5, dello Statuto della Fondazione, questultima concorda con il Ministero per i beni e le attivit culturali le modalit per la prioritaria utilizzazione del personale, ritenuto necessario, in servizio presso il Museo, con lassenso degli interessati, dandone comunicazione alle organizzazioni sindacali.
c) Tra il Ministero, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Citt di Torino, la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e la Fondazione, con atto convenzionale in data 19 dicembre 2005 sono state disciplinate, fra laltro, le modalit di conferimento alla Fondazione, da parte del Ministero, delluso dei beni del Museo delle Antichit Egizie di Torino (di seguito, il Museo), comprese le relative dotazioni e collezioni, e, da parte degli altri Fondatori, delle adeguate risorse finanziarie finalizzate alla costituzione del fondo di dotazione e definite le modalit con cui gli stessi si impegnano a concorrere al finanziamento delle spese di funzionamento e delle attivit della Fondazione, nonch la tempistica e le condizioni di riparto della somma necessaria a procedere alle opere di ristrutturazione e riallestimento del Museo.
d) Con il medesimo atto convenzionale in data 19 dicembre 2005, il Ministero, oltre al conferimento in uso dei beni mobili ed immobili, si impegnato a corrispondere anche gli oneri per il personale dipendente dello stesso Ministero, relativi al CCNL del comparto Ministeri temporaneamente posto a disposizione della Fondazione, per assicurare lattuazione del progetto di valorizzazione del Museo, in virt di apposito protocollo dintesa, da stipulare fra Ministero e Fondazione ai sensi dellart. 23 bis, comma 7, D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., nonch dellaccordo sindacale stipulato in data 29 settembre 2004 fra il Ministero e le OOSS di categoria.
e) Con contratto di servizio in data 19 dicembre 2005 stipulato tra il Ministero e la Fondazione, della durata di cinque anni, nonch in forza delle previsioni dellatto convenzionale 19 dicembre 2005, ed in particolare dellart. 5 (Inventario dei beni mobili ed immobili), la Fondazione ha preso in consegna beni previsti dallatto di conferimento.
In particolare, conformemente a quanto disposto dallart. 5, comma 6, dellatto convenzionale, il 19 gennaio 2006 si proceduto alla consegna formale, ai sensi dellart. 20 del R.D. n. 1917/27, dei beni mobili ed immobili di cui al conferimento dalla Soprintendenza alla Fondazione secondo gli inventari allegati al verbale di consegna.
f) Con il medesimo contratto di servizio, sono stati fissati i livelli qualitativi di erogazione dei servizi e di professionalit degli addetti, nonch il potere di indirizzo e di controllo spettante al Ministero; inoltre, sono state definite le modalit attraverso le quali il Ministero esercita le funzioni di indirizzo e controllo, nel rispetto degli standard museali e dellautonomia di gestione finanziaria e organizzativa della Fondazione; sono stati definiti i criteri tecnico-scientifici di acquisizione, conservazione, ordinamento ed esposizione delle collezioni del Museo da parte della Fondazione; le forme e le modalit dellattivit di ricerca scientifica; gli standard dei servizi culturali, di ospitalit e di accoglienza che la Fondazione medesima si impegna ad erogare nellesercizio delle sue attivit; sono infine stati specificati gli impegni reciproci delle parti. Sono inoltre state precisate le condizioni di assegnazione alla Fondazione del personale in servizio presso il Museo.
g) In particolare, lart. 10 del contratto di servizio, concernente le dotazioni organiche, prevede che per lespletamento delle funzioni ed attivit di cui allAtto convenzionale citato in premessa e per lesecuzione degli interventi di cui al presente contratto, le parti hanno determinato che il personale allinizio dellattivit da parte della Fondazione costituito dalle unit attualmente in servizio (n. 72).
Nel suddetto contratto previsto che il personale della Fondazione sia selezionato mediante: a) preventivo Protocollo dIntesa fra il Ministero e le OO.SS. tenuto conto delle professionalit possedute dai dipendenti del Museo delle Antichit Egizie di Torino che abbiano aderito al progetto di valorizzazione del Museo medesimo, da stipularsi ai sensi dellart. 23 bis, comma settimo, del D. Lgs n. 165/2001, nel testo novellato dallart. 5 del decreto legge 31 gennaio 2005, n. 7, salvo verifica, effettuata dalla Fondazione dintesa con il Ministero e le OO.SS., della coerenza fra le prestazioni professionali e le esigenze del progetto di valorizzazione; (b) contratti di lavoro di diritto privato da stipularsi ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di lavoro autonomo o subordinato.
h) Lart. 23 bis, al comma VII, del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, nel testo novellato dallart. 5, comma I, del decreto legge 31 gennaio 2005, n. 7, prevede che: sulla base di appositi protocolli dintesa tra le parti, le amministrazioni di cui allarticolo 1, comma 2, possono disporre, per singoli progetti di interesse specifico dellamministrazione e con il consenso dellinteressato, lassegnazione temporanea di personale presso altre pubbliche amministrazioni o imprese private. I protocolli disciplinano le funzioni, le modalit di inserimento, lonere per la corresponsione del trattamento economico da porre a carico delle imprese destinatarie. Nel caso di assegnazione temporanea presso imprese private i predetti protocolli possono prevedere leventuale attribuzione di un compenso aggiuntivo, con oneri a carico delle imprese medesime.
* * * *

Tra le parti si conviene quanto segue:

1) Le premesse faranno parte integrante e sostanziale del presente accordo .

2) Assetto organizzativo delle risorse
La valorizzazione e la promozione del patrimonio artistico e storico del Museo sono riconosciute come ulteriore opportunit di ampliamento, sviluppo anche del territorio.
La Fondazione predisporr un assetto organizzativo delle risorse umane e strumentali sentite le OO.SS. di categoria, adeguato alla realizzazione ed in coerenza con i predetti obiettivi nel rispetto degli standard museali.

3) Consenso del personale. Confronto sindacale. Informativa sul consenso-scelta del personale alle OO.SS.
Il personale di ruolo e non di ruolo, attualmente in servizio presso il Museo e dipendente dal Ministero, entro 30 giorni dalla sottoscrizione del presente Protocollo dIntesa dovr manifestare, per iscritto, il proprio consenso ad essere assegnato temporaneamente alla Fondazione.
La comunicazione di consenso non condizionato dovr essere indirizzata al Ministero (Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte) ed alla Fondazione. La mancata comunicazione del consenso nel termine predetto si intender quale rifiuto.

4) Trattamento del personale assegnato
Tutto il personale della Fondazione, assunto con contratti di lavoro di diritto privato ovvero che abbia prestato il consenso per lassegnazione temporanea, sar impiegato dalla Fondazione nel rispetto della propria professionalit e posizione anche economica, nonch di quella che acquisir attraverso processi di riqualificazione svolti dal Ministero.
Al personale che avr dato il consenso di cui allart. 3 e che non abbia esercitato lopzione di cui allart. 10, si applicher il contratto di lavoro attualmente vigente ed il relativo trattamento economico, fondamentale ed accessorio, previsto dai contratti dal comparto ministeri per le distinte posizioni economiche. Detto personale, organicamente dipendente del Ministero, posto funzionalmente alle dipendenze della Fondazione, la quale potr determinare lorganizzazione e la gestione operativa del Museo ed il coordinamento di tale personale con le ulteriori risorse della Fondazione, previa concertazione con le OO.SS. di categoria.

5) Relazioni e diritti sindacali e trattamento accessorio
Le relazioni, lo status giuridico e i diritti sindacali presso la Fondazione sono regolamentate secondo la disciplina dei CCNL di comparto e del contratto integrativo. Al fine di consentire un adeguato sviluppo delle relazioni sindacali la Fondazione avvier appositi incontri per definire il contratto collettivo di lavoro aziendale.

6) Formazione
La Fondazione assicura la formazione e laggiornamento professionale del personale, per adeguare il servizio agli standard museali di qualit richiesti dal D.M. 10 maggio 2001 pubblicato nel S.O n. 238 del 19/10/2001 e nella G.U. n. 244 del 19/10/2001. A tal fine, la Fondazione rediger piani di formazione periodici per tutte le professionalit assegnate. I piani di formazione saranno parte integrante del contratto integrativo aziendale. Al personale del Ministero distaccato sar garantita la partecipazione allattivit formativa promossa dal Ministero, sentita la Direzione della Fondazione. Lattivit formativa utile della progressione di carriera.

7) Buoni pasto
Al personale dipendente del Ministero in servizio presso la Fondazione i buoni pasto verranno riconosciuti, secondo le attuali modalit previste dal CCNL vigente e posti a carico della Fondazione.

8) Regime degli orari di lavoro
Il regime degli orari di lavoro dei dipendenti assegnati temporaneamente alla Fondazione quello indicato nel CCNL di comparto e nel contratto integrativo aziendale
Eventuali prestazioni di lavoro straordinario saranno effettuate in conformit con il modello organizzativo, secondo le necessit operative della Fondazione che si far carico degli oneri derivanti.

9) Incarichi istituzionali ed extra istituzionali
Per gli incarichi e/o affidamenti istituzionali ed extra istituzionali (missioni, insegnamento, campagne di scavo, ricerca ecc.) non afferenti ai compiti propri del Museo Egizio. Lautorizzazione sar rilasciata dal Soprintendente per i beni archeologici del Piemonte sentita la Fondazione, in conformit alle vigenti disposizioni e con oneri a carico del soggetto richiedente.

10) Opzione. Passaggio alla Fondazione.
Il personale che ha espresso il proprio consenso ai sensi dellarticolo 3, in qualunque momento, durante i 5 anni, pu rientrare a prestare servizio presso gli Istituti del Ministero secondo laccordo del 29 settembre 2004. Lopzione avr efficacia entro 6 mesi dalla data del suo esercizio. Allo stesso sar corrisposto il trattamento economico, fisso ed accessorio, spettante alla corrispondente posizione giuridica del personale in servizio presso il Ministero.
Entro due anni decorrenti dalla data del presente accordo, i dipendenti del Ministero in servizio presso la Fondazione possono optare per il passaggio definitivo alle dipendenze della stessa, mediante stipula del contratto di lavoro di diritto privato, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di lavoro subordinato e con lapplicazione del CCNL Federculture. I dipendenti durante questa fase possono ricorrere allassistenza delle OO.SS.

11) Trattamento del personale assunto o passato alla Fondazione.
Al personale assunto direttamente dalla Fondazione ovvero che sia passato alle dipendenze della Fondazione a seguito dellesercizio dellopzione di cui allart. 10 verr applicato il CCNL Federculture.

12) Compenso aggiuntivo
In conformit alla previsione di cui allart. 23 bis, comma VII, del D. Lgs. 165/2001, la Fondazione corrisponder ai dipendenti che abbiano prestato il consenso alla assegnazione temporanea il compenso aggiuntivo stabilito in sede di contratto integrativo, che dovr valorizzare le risorse umane coinvolte nei progetti derivanti dalla nuova organizzazione del Museo.
A tal fine, la Fondazione costituir un fondo commisurato allimporto medio mensile pro-capite previsto nel pre-accordo dell8 marzo 2006, con validit per il quinquennio di durata del progetto.
La Fondazione corrisponder al personale le competenze accessorie:
a) posizioni di lavoro per turni e indennit festive, pomeridiane e notturne;
b)i progetti di produttivit e/o efficienza;
c) pro quota progetti locali;
d) buoni pasto.

Il tavolo del contratto integrativo sar aperto entro il 30 giugno 2006



13) Progressione di carriera
Il servizio prestato dai dipendenti durante il periodo di assegnazione temporanea presso la Fondazione equiparato ad ogni effetto come servizio valutabile ai fini della progressione di carriera.
Nel caso di scioglimento della Fondazione Egizio il personale distaccato ha diritto di rientrare negli istituti del Ministero salvaguardando le condizioni acquisite presso la Fondazione.

14) Trattamento pensionistico
Al personale che transita alle dipendenze della Fondazione si applica il regime pensionistico per i dipendenti dello Stato ovvero quello dell AGO (INPS) a richiesta dellinteressato in conformit delle disposizioni vigenti.
Il personale temporaneamente assegnato potr aderire su base volontaria al fondo nazionale di previdenza complementare Federambiente secondo le modalit previste dallart.67 del CCNL Federculture vigente.

15) TFR Trattamento di fine rapporto
Il trattamento di fine rapporto sar scelto dal dipendente al momento del passaggio.


Il presente accordo verr sottoposto da parte dellAmministrazione al Consiglio dAmministrazione della Fondazione.



Roma, 16 maggio 2006


PER LAMMINISTRAZIONE PER LE OO.SS.

f.to Turetta CGIL f.to Rossi
f.to De Santis CISL f.to Calcara
f.to Cotone





news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news