LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PROTOCOLLO DI INTESA AI SENSI DELL’ART. 23 BIS, COMMA SETTIMO, DEL D.LGS. 30 MARZO 2001, N. 165, CONCERNENTE IL PERSONALE ADERENTE ALLA FONDAZIONE MUSEO DELLE ANTICHITA’ EGIZIE DI TORINO
2006-05-16


PROTOCOLLO DI INTESA AI SENSI DELL’ART. 23 BIS, COMMA SETTIMO, DEL D.LGS. 30 MARZO 2001, N. 165, CONCERNENTE IL PERSONALE ADERENTE ALLA FONDAZIONE MUSEO DELLE ANTICHITA’ EGIZIE DI TORINO

PREMESSE:


a) il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (di seguito, il “Ministero”), la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino - al fine di assicurare l’adeguamento strutturale, funzionale ed espositivo del Museo delle Antichità Egizie di Torino e della sua sede, nonché la conservazione, la promozione e la valorizzazione delle relative collezioni – ai sensi dell’allora vigente Decreto del Ministro per i Beni e le Attività Culturali 27 novembre 2001, n. 491, hanno costituito, con atto pubblico del 6 ottobre 2004, la Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino, con sede a Torino, in Via Maria Vittoria n. 12 (di seguito, la “Fondazione”).
b) Ai sensi dell’art. 1, comma 5, dello Statuto della Fondazione, quest’ultima concorda con il Ministero per i beni e le attività culturali le modalità per la prioritaria utilizzazione del personale, ritenuto necessario, in servizio presso il Museo, con l’assenso degli interessati, dandone comunicazione alle organizzazioni sindacali.
c) Tra il Ministero, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e la Fondazione, con atto convenzionale in data 19 dicembre 2005 sono state disciplinate, fra l’altro, le modalità di conferimento alla Fondazione, da parte del Ministero, dell’uso dei beni del Museo delle Antichità Egizie di Torino (di seguito, il “Museo”), comprese le relative dotazioni e collezioni, e, da parte degli altri Fondatori, delle adeguate risorse finanziarie finalizzate alla costituzione del fondo di dotazione e definite le modalità con cui gli stessi si impegnano a concorrere al finanziamento delle spese di funzionamento e delle attività della Fondazione, nonché la tempistica e le condizioni di riparto della somma necessaria a procedere alle opere di ristrutturazione e riallestimento del Museo.
d) Con il medesimo atto convenzionale in data 19 dicembre 2005, il Ministero, oltre al conferimento in uso dei beni mobili ed immobili, si è impegnato a corrispondere anche gli oneri per il personale dipendente dello stesso Ministero, relativi al CCNL del comparto Ministeri temporaneamente posto a disposizione della Fondazione, per assicurare l’attuazione del progetto di valorizzazione del Museo, in virtù di apposito protocollo d’intesa, da stipulare fra Ministero e Fondazione ai sensi dell’art. 23 bis, comma 7, D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., nonché dell’accordo sindacale stipulato in data 29 settembre 2004 fra il Ministero e le OOSS di categoria.
e) Con contratto di servizio in data 19 dicembre 2005 stipulato tra il Ministero e la Fondazione, della durata di cinque anni, nonché in forza delle previsioni dell’atto convenzionale 19 dicembre 2005, ed in particolare dell’art. 5 (Inventario dei beni mobili ed immobili), la Fondazione ha preso in consegna beni previsti dall’atto di conferimento.
In particolare, conformemente a quanto disposto dall’art. 5, comma 6, dell’atto convenzionale, il 19 gennaio 2006 si è proceduto alla consegna formale, ai sensi dell’art. 20 del R.D. n. 1917/27, dei beni mobili ed immobili di cui al conferimento dalla Soprintendenza alla Fondazione secondo gli inventari allegati al verbale di consegna.
f) Con il medesimo contratto di servizio, sono stati fissati i livelli qualitativi di erogazione dei servizi e di professionalità degli addetti, nonché il potere di indirizzo e di controllo spettante al Ministero; inoltre, sono state definite le modalità attraverso le quali il Ministero esercita le funzioni di indirizzo e controllo, nel rispetto degli standard museali e dell’autonomia di gestione finanziaria e organizzativa della Fondazione; sono stati definiti i criteri tecnico-scientifici di acquisizione, conservazione, ordinamento ed esposizione delle collezioni del Museo da parte della Fondazione; le forme e le modalità dell’attività di ricerca scientifica; gli standard dei servizi culturali, di ospitalità e di accoglienza che la Fondazione medesima si impegna ad erogare nell’esercizio delle sue attività; sono infine stati specificati gli impegni reciproci delle parti. Sono inoltre state precisate le condizioni di assegnazione alla Fondazione del personale in servizio presso il Museo.
g) In particolare, l’art. 10 del contratto di servizio, concernente le dotazioni organiche, prevede che per l’espletamento delle funzioni ed attività di cui all’Atto convenzionale citato in premessa e per l’esecuzione degli interventi di cui al presente contratto, le parti hanno determinato che il personale all’inizio dell’attività da parte della Fondazione è costituito dalle unità attualmente in servizio (n. 72).
Nel suddetto contratto è previsto che il personale della Fondazione sia selezionato mediante: a) preventivo Protocollo d’Intesa fra il Ministero e le OO.SS. tenuto conto delle professionalità possedute dai dipendenti del Museo delle Antichità Egizie di Torino che abbiano aderito al progetto di valorizzazione del Museo medesimo, da stipularsi ai sensi dell’art. 23 bis, comma settimo, del D. Lgs n. 165/2001, nel testo novellato dall’art. 5 del decreto legge 31 gennaio 2005, n. 7, salvo verifica, effettuata dalla Fondazione d’intesa con il Ministero e le OO.SS., della coerenza fra le prestazioni professionali e le esigenze del progetto di valorizzazione; (b) contratti di lavoro di diritto privato da stipularsi ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di lavoro autonomo o subordinato.
h) L’art. 23 bis, al comma VII, del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, nel testo novellato dall’art. 5, comma I, del decreto legge 31 gennaio 2005, n. 7, prevede che: “sulla base di appositi protocolli d’intesa tra le parti, le amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, possono disporre, per singoli progetti di interesse specifico dell’amministrazione e con il consenso dell’interessato, l’assegnazione temporanea di personale presso altre pubbliche amministrazioni o imprese private. I protocolli disciplinano le funzioni, le modalità di inserimento, l’onere per la corresponsione del trattamento economico da porre a carico delle imprese destinatarie. Nel caso di assegnazione temporanea presso imprese private i predetti protocolli possono prevedere l’eventuale attribuzione di un compenso aggiuntivo, con oneri a carico delle imprese medesime”.
* * * *

Tra le parti si conviene quanto segue:

1) Le premesse faranno parte integrante e sostanziale del presente accordo .

2) Assetto organizzativo delle risorse
La valorizzazione e la promozione del patrimonio artistico e storico del Museo sono riconosciute come ulteriore opportunità di ampliamento, sviluppo anche del territorio.
La Fondazione predisporrà un assetto organizzativo delle risorse umane e strumentali sentite le OO.SS. di categoria, adeguato alla realizzazione ed in coerenza con i predetti obiettivi nel rispetto degli standard museali.

3) Consenso del personale. Confronto sindacale. Informativa sul consenso-scelta del personale alle OO.SS.
Il personale di ruolo e non di ruolo, attualmente in servizio presso il Museo e dipendente dal Ministero, entro 30 giorni dalla sottoscrizione del presente Protocollo d’Intesa dovrà manifestare, per iscritto, il proprio consenso ad essere assegnato temporaneamente alla Fondazione.
La comunicazione di consenso non condizionato dovrà essere indirizzata al Ministero (Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte) ed alla Fondazione. La mancata comunicazione del consenso nel termine predetto si intenderà quale rifiuto.

4) Trattamento del personale assegnato
Tutto il personale della Fondazione, assunto con contratti di lavoro di diritto privato ovvero che abbia prestato il consenso per l’assegnazione temporanea, sarà impiegato dalla Fondazione nel rispetto della propria professionalità e posizione anche economica, nonché di quella che acquisirà attraverso processi di riqualificazione svolti dal Ministero.
Al personale che avrà dato il consenso di cui all’art. 3 e che non abbia esercitato l’opzione di cui all’art. 10, si applicherà il contratto di lavoro attualmente vigente ed il relativo trattamento economico, fondamentale ed accessorio, previsto dai contratti dal comparto ministeri per le distinte posizioni economiche. Detto personale, organicamente dipendente del Ministero, è posto funzionalmente alle dipendenze della Fondazione, la quale potrà determinare l’organizzazione e la gestione operativa del Museo ed il coordinamento di tale personale con le ulteriori risorse della Fondazione, previa concertazione con le OO.SS. di categoria.

5) Relazioni e diritti sindacali e trattamento accessorio
Le relazioni, lo status giuridico e i diritti sindacali presso la Fondazione sono regolamentate secondo la disciplina dei CCNL di comparto e del contratto integrativo. Al fine di consentire un adeguato sviluppo delle relazioni sindacali la Fondazione avvierà appositi incontri per definire il contratto collettivo di lavoro aziendale.

6) Formazione
La Fondazione assicura la formazione e l’aggiornamento professionale del personale, per adeguare il servizio agli standard museali di qualità richiesti dal D.M. 10 maggio 2001 pubblicato nel S.O n. 238 del 19/10/2001 e nella G.U. n. 244 del 19/10/2001. A tal fine, la Fondazione redigerà piani di formazione periodici per tutte le professionalità assegnate. I piani di formazione saranno parte integrante del contratto integrativo aziendale. Al personale del Ministero distaccato sarà garantita la partecipazione all’attività formativa promossa dal Ministero, sentita la Direzione della Fondazione. L’attività formativa è utile della progressione di carriera.

7) Buoni pasto
Al personale dipendente del Ministero in servizio presso la Fondazione i buoni pasto verranno riconosciuti, secondo le attuali modalità previste dal CCNL vigente e posti a carico della Fondazione.

8) Regime degli orari di lavoro
Il regime degli orari di lavoro dei dipendenti assegnati temporaneamente alla Fondazione è quello indicato nel CCNL di comparto e nel contratto integrativo aziendale
Eventuali prestazioni di lavoro straordinario saranno effettuate in conformità con il modello organizzativo, secondo le necessità operative della Fondazione che si farà carico degli oneri derivanti.

9) Incarichi istituzionali ed extra istituzionali
Per gli incarichi e/o affidamenti istituzionali ed extra istituzionali (missioni, insegnamento, campagne di scavo, ricerca ecc.) non afferenti ai compiti propri del Museo Egizio. L’autorizzazione sarà rilasciata dal Soprintendente per i beni archeologici del Piemonte sentita la Fondazione, in conformità alle vigenti disposizioni e con oneri a carico del soggetto richiedente.

10) Opzione. Passaggio alla Fondazione.
Il personale che ha espresso il proprio consenso ai sensi dell’articolo 3, in qualunque momento, durante i 5 anni, può rientrare a prestare servizio presso gli Istituti del Ministero secondo l’accordo del 29 settembre 2004. L’opzione avrà efficacia entro 6 mesi dalla data del suo esercizio. Allo stesso sarà corrisposto il trattamento economico, fisso ed accessorio, spettante alla corrispondente posizione giuridica del personale in servizio presso il Ministero.
Entro due anni decorrenti dalla data del presente accordo, i dipendenti del Ministero in servizio presso la Fondazione possono optare per il passaggio definitivo alle dipendenze della stessa, mediante stipula del contratto di lavoro di diritto privato, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di lavoro subordinato e con l’applicazione del CCNL Federculture. I dipendenti durante questa fase possono ricorrere all’assistenza delle OO.SS.

11) Trattamento del personale assunto o passato alla Fondazione.
Al personale assunto direttamente dalla Fondazione ovvero che sia passato alle dipendenze della Fondazione a seguito dell’esercizio dell’opzione di cui all’art. 10 verrà applicato il CCNL Federculture.

12) Compenso aggiuntivo
In conformità alla previsione di cui all’art. 23 bis, comma VII, del D. Lgs. 165/2001, la Fondazione corrisponderà ai dipendenti che abbiano prestato il consenso alla assegnazione temporanea il compenso aggiuntivo stabilito in sede di contratto integrativo, che dovrà valorizzare le risorse umane coinvolte nei progetti derivanti dalla nuova organizzazione del Museo.
A tal fine, la Fondazione costituirà un fondo commisurato all’importo medio mensile pro-capite previsto nel pre-accordo dell’8 marzo 2006, con validità per il quinquennio di durata del progetto.
La Fondazione corrisponderà al personale le competenze accessorie:
a) posizioni di lavoro per turni e indennità festive, pomeridiane e notturne;
b)i progetti di produttività e/o efficienza;
c) pro quota progetti locali;
d) buoni pasto.

Il tavolo del contratto integrativo sarà aperto entro il 30 giugno 2006



13) Progressione di carriera
Il servizio prestato dai dipendenti durante il periodo di assegnazione temporanea presso la Fondazione è equiparato ad ogni effetto come servizio valutabile ai fini della progressione di carriera.
Nel caso di scioglimento della Fondazione Egizio il personale distaccato ha diritto di rientrare negli istituti del Ministero salvaguardando le condizioni acquisite presso la Fondazione.

14) Trattamento pensionistico
Al personale che transita alle dipendenze della Fondazione si applica il regime pensionistico per i dipendenti dello Stato ovvero quello dell’ AGO (INPS) a richiesta dell’interessato in conformità delle disposizioni vigenti.
Il personale temporaneamente assegnato potrà aderire su base volontaria al fondo nazionale di previdenza complementare “Federambiente” secondo le modalità previste dall’art.67 del CCNL Federculture vigente.

15) TFR – Trattamento di fine rapporto
Il trattamento di fine rapporto sarà scelto dal dipendente al momento del passaggio.


Il presente accordo verrà sottoposto da parte dell’Amministrazione al Consiglio d’Amministrazione della Fondazione.



Roma, 16 maggio 2006


PER L’AMMINISTRAZIONE PER LE OO.SS.

f.to Turetta CGIL f.to Rossi
f.to De Santis CISL f.to Calcara
f.to Cotone





news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news