LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C.1428, PDL Modifiche alla normativa sullo sportello unico per le imprese e in materia di dichiarazione di inizio attività (VIII Commissione)
2006-11-07

Modifiche alla normativa sullo sportello unico per le imprese e in materia di dichiarazione di inizio attività.
C. 1428 Capezzone.
(Seguito dell'esame e conclusione - Parere favorevole con condizioni).

La Commissione prosegue l'esame, rinviato il 24 ottobre 2006.

Ermete REALACCI, presidente, avverte che il relatore ha predisposto una proposta di parere favorevole con condizioni (vedi allegato). Al riguardo, sottolinea l'importanza di tali condizioni, stante la necessità di garantire l'applicazione della normativa per la presentazione della denuncia di inizio attività edilizia, nei casi in cui si preveda tale procedimento, di assicurare il rispetto della disciplina attualmente operativa relativamente alle attività con specifiche implicazioni di carattere ambientale e di informare il Parlamento dell'applicazione della disposizioni del presente provvedimento. In conclusione, ritiene che le condizioni testé illustrate rappresentino un invito alla cautela nell'applicazione del provvedimento alla realtà del territorio nazionale.

Maurizio ACERBO (RC-SE) esprime preliminarmente un giudizio negativo con riferimento alla logica sulla quale si basa il provvedimento in esame che, sulla scorta della demagogia cui si assiste nel Paese da anni, desta perplessità. Ritiene, infatti, che il vero problema risieda nella difficoltà delle pubbliche amministrazioni di garantire controlli puntuali; al riguardo, richiama l'esigenza di definire un quadro di regole certe e omogeneamente applicabili a tutto il territorio nazionale. Reputa criticabile lo spirito della proposta di legge, con specifico riferimento al comparto dell'edilizia, atteso che sugli effetti di un'accelerazione dei tempi di esame delle procedure in capo alle amministrazioni locali, che deriverebbero dall'applicazione delle disposizioni in esame, occorre svolgere un'accurata riflessione.
In conclusione, pur apprezzando lo sforzo compiuto dal relatore con la proposta di parere presentata, ritiene che su tale materia occorra discutere in maniera approfondita di una riforma seria della pubblica amministrazione e non fare demagogia, che nuoce alla competitività del Paese.

Salvatore MARGIOTTA (Ulivo) rileva che la proposta di parere del relatore rappresenta un punto di equilibrio tra l'esigenza di ridurre le lungaggini burocratiche nello svolgimento di attività imprenditoriali e quella di preservare la protezione dell'ambiente. Sottolinea, inoltre, che il tenore delle condizioni contenute nel parere appare talmente incisivo da subordinare la prosecuzione dell'esame del provvedimento a modificazioni nel senso delle condizioni medesime.

Ermete REALACCI, presidente, osserva che la proposta di parere del relatore traduce il lavoro serio che la Commissione ha svolto sul provvedimento in esame. Fa presente, altresì, che l'invio della relazione al Parlamento sul funzionamento delle nuove procedure di semplificazione amministrativa fornirà elementi di informazione cruciali, ai fini dell'applicazione della nuova disciplina e di un suo eventuale ampliamento, nel caso in cui essa abbia dato buoni risultati.

Guido DUSSIN (LNP) preannuncia che si asterrà sulla proposta di parere del relatore.

Gaetano FASOLINO (FI) dichiara la sua astensione sulla proposta di parere del relatore.

Nessun altro chiedendo di intervenire, la Commissione approva la proposta di parere del relatore.

Sui lavori della Commissione.

Ermete REALACCI, presidente, avverte che, anche in considerazione dell'organizzazione dei lavori dell'Assemblea, verranno apportate talune modificazioni al calendario dei lavori della Commissione della corrente settimana, nel senso di anticipare alle 13.50 di domani la prevista riunione dell'Ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, e di differire a giovedì 9 novembre 2006 la riunione del Comitato ristretto sulle proposte di legge concernenti la riqualificazione e il recupero dei centri storici.

La Commissione prende atto.

La seduta termina alle 14.50.
-------------------------------------------------
La VIII Commissione,
esaminata, ai sensi dell'articolo 73, comma 1-bis, del Regolamento, la proposta di legge n. 1428, concernente «Modifiche alla normativa sullo sportello unico per le imprese e in materia di dichiarazione di inizio attività», nel testo risultante dagli emendamenti approvati dalla X Commissione;
rilevato che l'articolo 1 della proposta di legge è suscettibile di incidere direttamente su ambiti di competenza della VIII Commissione, con particolare riferimento alla materia urbanistica e al profilo della tutela dell'ambiente;
valutato positivamente il fatto che, tra i procedimenti attivabili presso lo sportello unico ai fini dell'insediamento di attività produttive, il nuovo testo del citato articolo 1 riguarda esclusivamente il procedimento di autocertificazione (disciplinato dall'articolo 6 del regolamento di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre 1998, n. 447) e non anche, come nel testo originario, il procedimento autorizzatorio (di cui all'articolo 4 del medesimo regolamento);
condivisa la finalità di semplificazione amministrativa del citato articolo 1, perseguita in particolare attraverso la riduzione dei termini previsti dalla normativa vigente, decorsi i quali la realizzazione del progetto si intende autorizzata in assenza di comunicazione di motivato dissenso [lettere f) e g)];
rilevato che, con riferimento alla materia urbanistica, nei casi in cui debba essere presentata la denuncia di inizio attività edilizia, occorre un coordinamento tra il procedimento di autocertificazione attivabile presso lo sportello unico e il procedimento della dichiarazione di inizio attività (DIA) edilizia, disciplinato dal testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380);
valutata positivamente la previsione di cui all'articolo 1, comma 1, lettera c), relativa all'adozione da parte dei comuni di un sistema di monitoraggio dell'attività dello sportello unico e segnalata l'opportunità che il Governo informi il Parlamento circa il funzionamento delle nuove misure di semplificazione, anche al fine dell'adozione di ulteriori iniziative normative nella direzione indicata dal provvedimento,
esprime


PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti condizioni:
a) all'articolo 1, comma 1, dopo la lettera c), siano aggiunte le seguenti:
«c-bis) con riferimento al procedimento di cui all'articolo 6, prevedere che, nei casi in cui la normativa vigente contempli la presentazione della denuncia di inizio attività edilizia, sia garantita l'applicazione del relativo procedimento, di




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 58

--------------------------------------------------------------------------------

cui all'articolo 23 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, con riferimento in particolare ai termini, al contenuto della documentazione da presentare e al termine massimo di efficacia della denunzia di inizio attività;
c-ter) con riferimento all'articolo 6, comma 6, in considerazione dei potenziali effetti per l'ambiente che potrebbero derivare anche dallo svolgimento di ordinarie attività produttive, attribuire alle regioni il compito di individuare le attività con specifiche implicazioni di carattere ambientale, in relazione alle quali garantire l'applicazione dei termini contemplati dalla normativa vigente»;
b) dopo l'articolo 2, sia aggiunto il seguente:


«Art. 2-bis.

1. Il Governo, entro un anno dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui all'articolo 1, trasmette una relazione al Parlamento sul funzionamento delle nuove procedure di semplificazione amministrativa, con particolare riferimento agli effetti, in rapporto all'aumento del ricorso al procedimento di autocertificazione, della riduzione dei termini di cui all'articolo 6, commi 6 e 8, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre 1998, n. 447».

http://cerca.camera.it/wai/visRisultato.asp?Type=HTML&Item=0&basepath=legxv.camera.it


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news