LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE 12 dicembre 2006, n. 22. Norme in materia di tutela, salvaguardia e valorizzazione dell'architettura rurale.
2006-12-18
Gazzetta Ufficiale - 3 Serie Speciale - Regioni n. 9 del 10-03-2007


(Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Campania n. 58 del 18 dicembre 2006)

IL CONSIGLIO REGIONALE

Ha approvato

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Promulga

la seguente legge:
Art. 1.
Finalita' ed obiettivi

1. La Regione Campania, in linea con gli ideali e gli obiettivi della convenzione europea del paesaggio, con la presente legge persegue le finalita' della conoscenza, della salvaguardia, della valorizzazione delle tipologie di architettura rurale tradizionali, quali insediamenti agricoli, edifici o fabbricati rurali presenti sul territorio campano che costituiscono testimonianza dell'economia rurale tradizionale e, pertanto, fattore imprescindibile nel percorso di promozione e pianificazione della protezione del paesaggio campano, con particolare attenzione al riconoscimento del valore anche ai paesaggi ordinari.
2. La presente legge persegue, in particolare, l'obiettivo di:
a) individuare e analizzare le tipologie di architettura rurale tradizionale, anche attraverso la definizione delle tipologie piu' ricorrenti dei materiali e delle tecniche costruttive adoperate in relazione al contesto paesaggistico-ambientale in cui sono allocate;
b) effettuare il censimento e il monitoraggio del patrimonio rurale tradizionale presente nel territorio campano;
c) promuovere la conoscenza dell'architettura rurale tradizionale attraverso le sue caratteristiche storiche-antropologiche, architettoniche, paesaggistico-ambientali, sociali ed economiche;
d) promuovere il risanamento conservativo, il restauro ed il recupero funzionale dei manufatti rurali;
e) individuare le forme di incentivi volti al perseguimento delle finalita' di cui alle lettere b), c) e d);
f) integrare e rafforzare le azioni di pianificazione e programmazione di recupero rurale e paesaggistico, come previsto dalla legge regionale 22 dicembre 2004, n. 16.

Art. 2.
Interventi finanziabili

1. La Regione, per le finalita' di cui all'Art. 1, comma 2, lettera d), concede contributi per i seguenti interventi:
a) manutenzione straordinaria, consolidamento, restauro, risanamento conservativo di manufatti di architettura rurale tradizionale appartenenti alle tipologie individuate dalla deliberazione di giunta regionale di cui all'Art. 6, con riferimento anche a modalita' e tecniche costruttive coerenti con i principi dell'architettura bioecologica;
b) conservazione dell'originaria destinazione d'uso degli insediamenti, degli edifici, dei fabbricati rurali e delle aree circostanti, dei tipi e dei metodi di coltivazione tradizionali, nonche' per l'incentivazione dell'insediamento di attivita' compatibili con le colture tradizionali tipiche.

Art. 3.
Modalita' di concessione degli incentivi

1. Per le finalita' di cui all'Art. 1, comma 2, lettera d), la Regione eroga contributi in conto capitale nella misura del quarantacinque per cento delle spese ammissibili effettivamente sostenute per la realizzazione degli interventi di cui all'Art. 2 e, comunque, con un limite massimo di 250.000,00 euro per ciascun intervento ammesso a contributo.
2. Possono accedere ai contributi di cui al comma 1 i soggetti, pubblici o privati, proprietario aventi titolo sui manufatti interessati dalla legge.
3. Non sono ammissibili a contributo domande per interventi gia' realizzati. Non sono, altresi', ammissibili domande per interventi per i quali sono stati gia' concessi contributi regionali, statali o comunitari nei cinque anni precedenti la pubblicazione della presente legge.
4. Il contributo finanziario, previsto dalla presente legge, e' assegnato con priorita' agli interventi ricadenti in programmi di valorizzazione del paesaggio rurale e in aree agricole urbane.
5. I contributi concessi ai sensi del comma 1 costituiscono anche quota regionale di risorse ai fini della ripartizione del fondo di cui alla legge 24 dicembre 2003, n. 378, Art. 3, comma 1.
6. La concessione dei contributi e' subordinata all'avvenuto rilascio dei permessi per la realizzazione delle opere ed alla stipula di una convenzione, da trascriversi presso le competenti agenzie del territorio servizio pubblicita' immobiliari, nella quale sono previsti le cause di revoca del contributo, i tempi di attuazione dell'intervento e l'impegno da parte del proprietario o di chi ha titolo sul bene a:
a) sostenere il cinquantacinque per cento del costo complessivo dell'intervento;
b) non modificare la destinazione d'uso del manufatto per almeno dieci anni e non trasferirne la proprieta' nei cinque anni successivi all'emissione del certificato di agibilita' con l'obbligo di darne comunicazione alla Regione;
c) consentire l'accesso al pubblico in almeno un giorno al mese e nella ricorrenza di iniziative tese alla valorizzazione dei contesti rurali.
7. La giunta regionale, con la deliberazione di cui all'Art. 6, approva le direttive per la redazione della convenzione di cui al comma 6.

Art. 4.
Obiettivi di qualita'

1. Gli interventi che godono dei benefici della presente legge sono realizzati nel rispetta della vigente normativa in materia di restauro, secondo i principi della Carta del restauro 1972 e della Carta europea del patrimonio architettonico 1975 e in conformita' agli indirizzi di cui alla legge 24 dicembre 2003, n. 378.
2. Gli elaborati di progetto sono redatti e diretti da tecnici qualificati in possesso di titoli riconosciuti dalla normativa vigente in materia.
3. La presentazione dell'istanza di contributo comporta la richiesta da parte della Regione Campania alla competente soprintendenza dell'avvio del procedimento per la dichiarazione dell'interesse culturale di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, Art. 14.
4. I soggetti di cui all'Art. 3, comma 2, sono tenuti a consentire l'utilizzo della documentazione, costituita dai dati, dalle indagini storiche, dai disegni e dalle immagini relativi agli interventi di cui all'Art. 2, comma 1, lettera a), ai fini delle attivita' di cui alla lettera c) dello stesso comma.

Art. 5.
Attivita' per la promozione e la valorizzazione

1. La Regione Campania, per le finalita' di cui all'Art. 1, comma 2, lettere b) ed e), concede contributi finanziari in via prioritaria per l'attivita' di censimento e catalogazione del patrimonio rurale tradizionale presente nel territorio dei comuni campani e anche per studi, ricerche, mostre e altre forme di divulgazione.
2. Le attivita' di cui al comma 1 sono promosse dalla giunta regionale e sono affidate agli enti pubblici competenti per materia e territorio.

Art. 6.
A t t u a z i o n e

1. Ai fini dell'attuazione della presente legge, la giunta regionale, sentita la direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici, nonche' la commissione consiliare competente, individua le tipologie di architettura rurale tradizionale con propria deliberazione da adottassi entro novanta giorni dalla data di pubblicazione della presente legge.
2. La deliberazione di cui al comma 1 definisce, altresi':
a) le azioni atte a promuovere la conoscenza del patrimonio rurale, quale primo processo di valorizzazione, con particolare riferimento alle attivita' di censimento, catalogazione, monitoraggio, studi, ricerche, mostre e altre forme di divulgazione di cui all'Art. 1, comma 2, lettere b) e c);
b) le forme di riuso dei manufatti rurali tradizionali, anche al fine di assegnare ad essi nuove funzioni, purche' compatibili con la tipologia dell'organismo architettonico e con le direttive di sviluppo sostenibile del contesto ambientale e paesaggistico nel quale l'organismo e' inserito;
c) le azioni e gli interventi necessari per assicurare la conservazione degli elementi tradizionali e delle caratteristiche storiche, architettoniche e ambientali del patrimonio rurale tradizionale, al fine di incentivare il risanamento conservativo e il recupero funzionale di cui all'Art. 2, compatibilmente con le esigenze di ristrutturazione tecnologica delle aziende agricole, oppure di conservare l'eventuale stato di rudere;
d) le procedure di accesso ai benefici della legge, prevedendo:
1) le modalita' ed i termini di presentazione delle richieste di contributo da parte dei soggetti di cui all'Art. 3, comma 2, e la documentazione da allegare alla domanda;
2) i criteri per la valutazione di ammissibilita' delle istanze pervenute;
3) i criteri per la formazione della graduatoria delle istanze pervenute;
4) i termini e le modalita' di erogazione dei contributi ai soggetti beneficiari;
5) i termini per l'ultimazione degli interventi finanziati;
6) l'uso dei beni che godono dei benefici della presente legge.

Art. 7.
Norma finanziaria

1. All'onere finanziario, derivante dalla presente legge, valutato per l'anno 2006 in un milione di euro, si fa fronte con lo stanziamento di cui all'unita' previsionale di base 3.11.32, per Spesa per la tutela, la salvaguardia e la valorizzazione dell'architettura rurale, mediante prelievo, in termini di competenza e di cassa, dell'occorrente somma dallo stanziamento di cui all'unita' previsionale di base 7.29.224 dello stato di previsione della spesa per l'anno finanziario 2006, che si riduce di pari importo ai sensi della legge regionale 30 aprile 2002, n. 7, Art. 27, comma 8.
2. Per gli anni successivi si fa fronte con appositi stanziamenti di bilancio.

Art. 8.
Dichiarazione di urgenza

1. La presente legge, a norma degli articoli 43 e 45 dello statuto, e' dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione Campania.
La presente legge sara' pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Campania.
E' fatto obbligo a chiunque spetti, di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Campania.
12 dicembre 2006
BASSOLINO

(Omissis).



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news