LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

5-00619 Motta: Iniziative da adottare in merito al progetto di riqualificazione e valorizzazione del comparto urbano costituito da Piazza della Ghiaia in Parma. VII COMMISSIONE
2007-02-15



Il sottosegretario Danielle MAZZONIS risponde all'interrogazione in titolo (vedi allegato 4).

Carmen MOTTA (Ulivo) si dichiara soddisfatta della risposta del rappresentante del Governo che ha ricostruito puntualmente gli interventi previsti per la valorizzazione della piazza della Ghiaia in Parma. Riconosce in questo senso che vi
stata da parte del Ministero dei beni e delle attivit culturali la piena osservanza della normativa e il corretto comportamento dei propri uffici e funzionari. Aggiunge che da notizie di stampa locale, emerse nei giorni scorsi, si appreso che l'amministrazione comunale di Parma ha avviato la rimozione delle tettoie e delle vetrate dei box, prevista per svolgere i rilievi archeologici, completando poi l'abbattimento delle intere strutture. Sottolinea che la medesima amministrazione comunale e l'ATI, l'associazione delle imprese che operano nell'area, hanno sottoscritto un contratto preliminare che consente alla medesima ATI di smantellare le strutture del mercato fisso senza che il Comune si impegni per l'esecuzione dei lavori di rifacimento. La medesima associazione delle imprese dovr quindi presentare entro il 15 marzo 2007 il progetto definitivo della nuova piazza in attuazione delle intese intercorse con la direzione regionale del Ministero dei beni e delle attivit culturali dell'8 gennaio 2007. Evidenzia che dopo tale data l'amministrazione comunale potr decidere, entro il 30 giugno 2007, se procedere o meno alla realizzazione dei lavori definitivi. Rileva peraltro che stato dichiarato l'interesse storico-culturale di piazza della Ghiaia sulla base delle procedure di cui all'articolo 12 del codice Urbani, senza per acquisire preventivamente il parere della Soprintendenza al patrimonio storico artistico e etnoantropologico; parere necessario perch si tratta di un mercato plurisecolare e dunque classificabile come bene etnoantropologico. Riterrebbe invece opportuno che il medesimo parere, acquisito dal direttore generale del patrimonio storico artistico e etnoantropologico, integrasse il citato decreto della direzione regionale del 27 dicembre 2006, trattandosi di un bene che stato dichiarato di interesse storico-artistico, ai sensi del decreto legislativo n. 42 del 2004. Lo stesso parere andrebbe sottoposto anche al Comitato tecnico-scientifico del settore patrimonio storico, artistico e etnoantropologico del Ministero dei beni e delle attivit culturali, allo scopo di avere una completezza dei pareri previsti dalla normativa vigente. Invita quindi il rappresentante del Governo a seguire attentamente l'iter del progetto della piazza della Ghiaia, trattandosi di una trasformazione urbana di parte della citt particolarmente rilevante e del mantenimento o meno della funzione mercatale giornaliera per la citt.

Pietro FOLENA, presidente, dichiara concluso lo svolgimento delle interrogazioni all'ordine del giorno.

La seduta termina alle 14.15.
---------------
ALLEGATO 4

5-00619 Motta: Iniziative da adottare in merito al progetto di riqualificazione e valorizzazione del comparto urbano costituito da Piazza della Ghiaia in Parma.


TESTO DELLA RISPOSTA

Il progetto di riqualificazione del sistema urbano comprendente piazza della Ghiaia, Ponte Romano, via Romagnosi, stato oggetto di osservazioni da parte degli Uffici periferici di questo Ministero.
Sul progetto si pronunciato anche il Comitato Tecnico Scientifico per i beni architettonici, su richiesta della Direzione Generale, confermando le riserve espresse dalla locale Soprintendenza per i beni architettonici ed il paesaggio.
Inoltre, il Comitato, nel sottolineare la necessit di ulteriori e pi approfondite analisi progettuali, ha conferito pieno mandato al Soprintendente al fine di esercitare il suo ruolo di indirizzo per il raggiungimento di un adeguato livello qualitativo del progetto cio corretti e compatibili, con i valori storici e architettonici del complesso urbanistico da salvaguardare.
Con decreto del Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Emilia Romagna del 27 dicembre 2006, il bene denominato Sistema urbano di Piazza Ghiaia stato dichiarato di interesse storico-artistico ai sensi degli articoli 10, comma 1, e 12 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.
La presenza di caratteri di interesse storico-artistico stata evidenziata nella relazione storico artistica allegata al provvedimento di tutela.
L'analisi storico-documentaria dell'area ha escluso le strutture commerciali attualmente presenti al centro della Piazza.
Si tratta di 65 strutture commerciali in cemento e ferro che, erette su progetto dell'architetto Paolo Simonetti nel 1996 in sostituzione delle preesistenti strutture in ferro (inaugurate il 26 settembre 1961), non sono soggette alla disciplina degli articoli 10 e 12 del decreto legislativo n. 42 del 2004.
Il Comune di Parma ha fatto riferimento alle sopradescritte strutture quando ha considerato la piazza come opera realizzata nel 1996 e pertanto non soggetta alla disciplina vincolistica del decreto legislativo n. 42 del 2004, contestando le determinazioni di questo Ministero.
In questo modo si per confuso l'invaso della piazza della Ghiaia, inteso come spazio urbano prodotto da secolari opere di trasformazione, peraltro ampiamente testimoniate da una consistente documentazione storica e cartografica, con un'opera, quella del 1996, che era circoscritta all'inserimento, nella sola parte centrale dell'invaso, dei box metallici.
Dette strutture sono state di recente spostate per consentire gli scavi archeologici ed i saggi per le analisi stratigrafiche dell'intera area.
Infatti, la Direzione regionale, acquisito il parere favorevole della Soprintendenza per i beni architettonici e della Soprintendenza per i beni archeologici ha rilasciato una autorizzazione per gli scavi (nel gennaio 2007) in considerazione del fatto che ogni possibile estensione dell'indagine potr contribuire a raccogliere dati utili dal punto di vista delle preesistenze
archeologiche tali da favorire una valutazione approfondita del progetto generale di riqualificazione dell'area.
Per quanto concerne la situazione dei rapporti tra Comune ed Uffici periferici del Ministero il caso di sottolineare che a seguito dell'iniziativa del Prefetto vi stato un incontro, l'8 gennaio 2007, tra gli Uffici periferici del Ministero ed il Comune di Parma, che servito a far ripartire il tavolo tecnico di verifica del progetto ed il suo adeguamento alle linee indicate dal Comitato tecnico scientifico per i beni architettonici.



http://www.camera.it/_dati/leg15/lavori/bollet/200702/0215/html/07/frame.htm?campo=//www.camera.it/_


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news