LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

5-00398 Mario Ricci: Salvaguardia e valorizzazione dei resti archeologici del centro storico di Fiesole. VII COMMISSIONE
2007-01-25

5-00398 Mario Ricci: Salvaguardia e valorizzazione dei resti archeologici del centro storico di Fiesole.

Il sottosegretario Danielle MAZZONIS risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 3).

Mario RICCI (RC-SE) si dichiara parzialmente soddisfatto della risposta del rappresentante del Governo, pur evidenziando la necessit di pervenire in tempi brevi a verificare la compatibilit del progetto edilizio con le aree indicate. vero che la seconda porzione di intervento destinata alla costruzione di alloggi non interessata dagli scavi, ma che pure opportuno verificare la compatibilit con la conservazione dei reperti rilevati. Aggiunge, inoltre, che le Sovrintendenze competenti hanno posto vincoli che non sembrano in realt essere rispettati, per cui appare opportuno monitorare la situazione.
---------------------
ALLEGATO 3

5-00398 Mario Ricci: Salvaguardia e valorizzazione dei resti archeologici del centro storico di Fiesole.


TESTO DELLA RISPOSTA
L'area Garibaldi, di propriet comunale, identificata nel catasto del Comune di Fiesole al foglio 24, particella 212 e particella 213.
La porzione di area corrispondente alla particella 212 quella principalmente interessata dai rinvenimenti archeologici cui si fa riferimento nell'interrogazione parlamentare (resti di edificio di periodo romano, tombe longobarde con corredi).
Su questa zona sono stati condotti, fin dal 1986, dalla competente Soprintendenza, scavi archeologici, poi ripresi negli anni 2003 - 2006, che hanno portato alla luce i resti di un edificio utilizzato tra il I ed il V - VI secolo d.C. e alcune tombe di epoca longobarda i cui corredi sono stati temporaneamente esposti presso il Museo Civico di Fiesole.
L'area sopra descritta stata oggetto di diversi provvedimenti di tutela:
declaratoria del 4 dicembre 2001 del Soprintendente per i beni archeologici della Toscana di importante interesse archeologico nell'area urbana di Fiesole ai sensi del Decreto legislativo 490/99;
declaratoria del 31 marzo 2003 del Soprintendente regionale per i beni e le attivit culturali della regione Toscana di importante interesse archeologico dei resti antichi insistenti sull'area ai sensi del decreto legislativo 490/99, finalizzata all'immissione a demanio dei resti archeologici rinvenuti durante lo scavo di propriet dello Stato ai sensi dell'articolo 88 del Decreto legislativo 490/99 (ora articolo 91 del Decreto legislativo 42/04);
decreto del 6 dicembre 2006 del Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici della Toscana di importante interesse archeologico dell'area ai sensi dell'articolo 10, comma 1, del Decreto legislativo 42/04.

Per quanto agli atti della competente Direzione regionale la citata: particella 212 non risulta n oggetto di alienazione da parte del Comune di Fiesole, n interessata da future edificazioni, in quanto destinata a verde pubblico.
La sistemazione definitiva dell'area archeologica sar concordata fra il Comune di Fiesole e la Soprintendenza per i beni archeologici in modo da contemperare le esigenze scientifiche di tutela con quelle dell'accessibilit e fruizione dell'area a verde.
Diversa la situazione riguardante la particella 213, interessata dagli interventi di edificazione previsti dall'amministrazione comunale cui fa riferimento l'interrogazione parlamentare.
L'area gi stata oggetto di saggi, effettuati dalla Soprintendenza nel corso dell'anno 2002, che non hanno evidenziato alcuna struttura di interesse archeologico. Per tali motivi fu disposto di estrapolarla dalla declaratoria di importante interesse archeologico, adottata nel 2001.
L'intera Area Garibaldi stata comunque sottoposta, con provvedimento del 9 febbraio 2004 del Soprintendente regionale per i beni e le attivit culturali della Toscana, a prescrizioni di tutela indiretta al fine di garantire il decoro dell'ambiente circostante, vale a dire l'area archeologica insistente sulla particella 212 ed i limitrofi edifici di Palazzo Pretorio e della Chiesa di S. Maria a Primerara, anch'essi confinanti con l'area Garibaldi.
Nel gennaio 2005, la societ Menarini, interessata all'acquisto della particella 213, ha fatto eseguire a proprie spese una seconda serie di saggi pi capillari su tale area, sempre secondo le indicazioni e sotto la direzione scientifica della Soprintendenza. Tali esami hanno fatto emergere solo alcuni resti, non databili e pesantemente rimaneggiati in et moderna, che comunque non avevano alcun collegamento con quelli venuti alla luce nella contigua area archeologica.
Tali risultanze sono state tuttavia prese in considerazione nelle prescrizioni impartite dalla Soprintendenza in merito al progetto di risistemazione complessiva dell'Area Garibaldi, specificando che tali resti, in quanto archeologici, sono inalienabili e sono destinati a rimanere in vista ed accessibili al pubblico all'interno di un eventuale edificio.
Con specifico riferimento al progetto di risistemazione complessiva dell'Area Garibaldi, la Soprintendenza per i beni architettonici ed il paesaggio di Firenze e la Soprintendenza per i beni archeologici di Firenze hanno gi rilasciato, ciascuna per le proprie competenze, parere in merito alla compatibilit del progetto presentato con le prescrizioni di tutela indiretta, riservandosi di apportare tutte le modifiche che a tale fine si dovessero rendere necessarie.

http://www.camera.it/_dati/leg15/lavori/bollet/200701/0125/html/07/frame.htm?campo=//www.camera.it/_


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news