LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TAR Toscana-Firenze, sez. I, sentenza 27.11.2006 n 6030 - Immobili di interesse storico-artistico: i presupposti per l'apposizione del vincolo
2006-11-27


La legge 1 giugno 1939 n. 1089, recante la disciplina della tutela delle cose artistiche e storiche, ai sensi della quale stato apposto il vincolo che trattasi, allart. 1 comma 3 stabilisce che: non sono soggette alla disciplina della presente legge le opere di autori viventi o la cui esecuzione non risalga ad oltre cinquantanni.
Ora nel caso di specie, quanto allepoca di realizzazione dellimmobile di propriet della ricorrente si riferisce nella relazione allegata al decreto di vincolo che la sopraelevazione venne realizzata nel 1949, ci nondimeno a fronte di tale generica indicazione della data di realizzazione da parte dellAmministrazione intimata, parte ricorrente eccepisce che in realt lopera sarebbe stata realizzata solo nel 1951 e per il vero al riguardo fornisce elementi abbastanza precisi, l dove cita il numero della licenza edilizia (la n. YY) e la data del rilascio di tale autorizzazione a costruire (28 febbraio 1951).

Le ragioni assunte a sostegno della pronunciata dichiarazione di particolare interesse ai fini in esame dellimmobile di propriet dei ricorrenti sono alquanto generiche se non striminzite, rivelandosi insufficienti a dare unidea di pregio della consistenza tale da far meritare a alla porzione di fabbricato in questione lapposizione del vincolo storico-artistico in questione. Invero, la relazione allegata pi volte citata si sofferma diffusamente e specificatamente sul piano terreno delledificio, quello costituito, appunto, dal padiglione i cui tratti artistici non vengono messi in discussione, ma sul soprelevato appartamento non sono forniti adeguati elementi di giudizio volti a confermate la pregevolezza dellopera e lidentit dello stile architettonico col piano sottostante, limitandosi il provvedimento impugnato, sempre nella suindicata relazione ad affermare che la tensione compositiva ed evocativa del padiglione non viene contraddetta neppure dalla sopraelevazione del volume: un po poco, a dire il vero per giustificare lapplicabilit del regime di tutela artistico-storica ex art. 1 della legge n. 1089 del 1939.

Nella specie non risulta che il procedimento culminato col provvedimento qui impugnato sia stato preceduto dalla preventiva comunicazione dellavvio del procedimento stesso e non v dubbio che anche in subjecta materia, le disposizioni garantistiche introdotte dalla legge 241/90 si rendano perfettamente applicabili l dove, invero, si in presenza di determinazioni della P.A. che vedono il cittadino subire, relativamente al suo diritto di propriet, per effetto del vincolo, una certa compressione della sua sfera giuridica.

Con queste motivazioni, il T.A.R. Toscana ha annullato un decreto della Direzione Generale del Ministero per i Beni e le attivit culturali del 1998 con il quale si dichiarava la rilevanza del fabbricato ai fini della legge n. 1089/1939.

La fattispecie era, invero, assai interessante in quanto il decreto andava a coprire lintero immobile, pur senza avere la sufficiente attenzione nel distinguere fra il piano terra (originariamente, vera consistenza dellimmobile, progettato dal prestigioso architetto e professore fiorentino Giovanni Michelucci) e la parte sovrastante, realizzata di seguito negli anni 50 (il 1949).

Ovvio che, tenuto conto della legge, per cui non sono soggette alla disciplina della presente legge le opere di autori viventi o la cui esecuzione non risalga ad oltre cinquant anni, la porzione di fabbricato sovrastante non presentava i presupposti perch gli potesse applicata la disciplina speciale per i beni culturali.

Da qui la secca pronuncia del T.A.R. Toscana, il quale, peraltro, ha sottolineato lulteriore vizio di legittimit dovuto alla mancanza di una qualche comunicazione di avvio del procedimento a suo tempo cominciato dalla Direzione del Ministero per lapposizione del vincolo.

(Altalex, 15 marzo 2007. Nota di Alessandro Del Dotto)




T.A.R.

Toscana - Firenze

Sezione I

Sentenza 27 novembre 2006, n. 6030


(Pres. Vacirca, Est. Romano)


REPUBBLICA ITALIANA

In nome del Popolo Italiano

IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA TOSCANA - I^ SEZIONE -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso n.2887/98 della

Societ X. S.r.l., rappresentata e difesa dagli avv.ti Carmelo DAntone e Giancarlo Altavilla, con domicilio presso la Segreteria del T.A.R., Via Ricasoli n. 40;

contro

Il Ministero dei beni Culturali e Ambientali, in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso dallAvvocatura Distrettuale dello stato, domiciliataria per legge, nella sua sede, in Firenze, via degli Arazzieri, n.4;

per lannullamento

Del decreto datato 15 febbraio 1997 con cui il Direttore Generale del Ministero dei Beni Culturali e ambientali ha dichiarato linteresse particolarmente importante, ai sensi della legge n.1089/39, dellimmobile denominato Padiglione Bagno la Salute compreso il primo piano del fabbricato, sito in Viareggio, viale Marconi nn.58 e 60 insistente su terreno arenile di propriet comunale.

Visto il ricorso con i relativi allegati;
Visto latto di costituzione in giudizio dellAmministrazione statale intimata;
Visti gli atti tutti della causa;
Ritenuto e considerato in fatto ed in diritto quanto segue:

FATTO E DIRITTO

La Societ ricorrente proprietaria, a seguito di acquisto effettuato il 9 febbraio 1988, di un appartamento di civile abitazione posto al piano primo di un preesistente fabbricato insistente su un terreno arenile di propriet comunale e sito al viale Marconi n. XXXXX del comune di Viareggio.

In particolare, come riferito in ricorso, tale appartamento progettato dal geom. Maurizio Vannini e realizzato sulla scorta di licenza edilizia rilasciata il 28 febbraio 1951 (la n. YYY) soprastante a un preesistente padiglione balneare denominato La Salute, progettato a sua volta dallarchitetto Giovanni Michelucci.

La ricorrente Societ si vista notificare in data 15 giugno 1998 il decreto datato 15 febbraio 1998 con cui il Direttore Generale del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali ha dichiarato di interesse particolarmente importante ai sensi della legge 10 giugno 1939 n.1089 lintero immobile denominato Padiglione Bagno la Salute comprensivo della sopraelevazione sita al primo piano.

La s.r.l. X. ha cos impugnato tale provvedimento in parte qua, deducendone la illegittimit per i seguenti motivi:

1) Violazione e falsa applicazione della legge n.1089/39 e sotto il profilo delleccesso di potere per mancanza assoluta dei presupposti, difetto di istruttoria e di motivazione, travisamento dei fatti, illogicit, perplessit e ingiustizia manifesta;

2) Violazione del giusto procedimento oltrech per violazione e falsa applicazione dellart.3 e degli artt.7 e ss. della legge n.241/90 e sotto il profilo delleccesso di potere per carenza assoluta di motivazione ,difetto di istruttoria,travisamento dei fatti, illogicit e perplessit.

3) Si costituita in giudizio per resistere al ricorso lintimata Amministrazione statale.

Questa Sezione con ordinanza istruttoria del 21 dicembre 2004 reiterata nel dicembre 2005 richiedeva al resistente Ministero la produzione del provvedimento impugnato nonche di una dettagliata relazione sui presupposti del provvedimento stesso alla luce delle censure del proposto gravame.

Nel giugno del 2006 lAmministrazione intimata ha prodotto copia del decreto qui impugnato nonch della relazione storico-artistica allegata allo stesso atto.

Tanto premesso il ricorso si appalesa fondato in relazione alle censure formulate con i due mezzi dimpugnazione

La legge 1 giugno 1939 n.1089, recante la disciplina della tutela delle cose artistiche e storiche, ai sensi della quale stato apposto il vincolo che trattasi, allart.1 comma 3 stabilisce che: non sono soggette alla disciplina della presente legge le opere di autori viventi o la cui esecuzione non risalga ad oltre cinquant anni

Ora nel caso di specie, quanto allepoca di realizzazione dellimmobile di propriet della ricorrente si riferisce nella relazione allegata al decreto di vincolo che la sopraelevazione venne realizzata nel 1949, ci nondimeno a fronte di tale generica indicazione della data di realizzazione da parte dellAmministrazione intimata, parte ricorrente eccepisce che in realt lopera sarebbe stata realizzata solo nel 1951 e per il vero al riguardo fornisce elementi abbastanza precisi, l dove cita il numero della licenza edilizia (la n. XX) e la data del rilascio di tale autorizzazione a costruire (28 febbraio 1951).

Ora, in assenza di ulteriori, pi specifiche circostanze dirette ad invalidare o comunque mettere in dubbio i dati forniti dalla parte ricorrente circa la data di realizzazione dellimmobile (neppure fornite in sede di esecuzione degli incombenti istruttori richiesti dal TAR proprio in ordine ai presupposti del provvedimento adottato) appare ragionevole condividere lassunto esposto sul punto in ricorso, per cui, se lopera risale al 1951, la stessa non pu ricadere, per espressa statuizione legislativa nel dominio del regime vincolistico dettato dallo stesso art. 1 della legge n. 1089 del 1939.

Al di l peraltro di tale assorbente profilo di illegittimit, appaiono sussistenti in capo allimpugnato decreto di vincolo i dedotti vizi di eccesso di potere per difetto di istruttoria e di motivazione nonch di violazione delle disposizioni di tipo garantistico di cui agli artt.7 e ss. della legge n.241/90.

Quanto al primo profilo, rileva il Collegio che le ragioni assunte a sostegno della pronunciata dichiarazione di particolare interesse ai fini in esame dellimmobile di propriet dei ricorrenti sono alquanto generiche se non striminzite, rivelandosi insufficienti a dare unidea di pregio della consistenza tale da far meritare a alla porzione di fabbricato in questione lapposizione del vincolo storico-artistico in questione.

Invero, la relazione allegata pi volte citata si sofferma diffusamente e specificatamente sul piano terreno delledificio, quello costituito, appunto, dal padiglione i cui tratti artistici non vengono messi in discussione, ma sul soprelevato appartamento non sono forniti adeguati elementi di giudizio volti a confermate la pregevolezza dellopera e lidentit dello stile architettonico col piano sottostante, limitandosi il provvedimento impugnato, sempre nella suindicata relazione ad affermare che la tensione compositiva ed evocativa del padiglione non viene contraddetta neppure dalla sopraelevazione del volume: un po poco, a dire il vero per giustificare lapplicabilit del regime di tutela artistico-storica ex art. 1 della legge n.1089 del 1939.

Passando poi, alla violazione del principio del giusto procedimento posto dalla legge 241/90 a garanzia del cittadino, nella specie non risulta che il procedimento culminato col provvedimento qui impugnato sia stato preceduto dalla preventiva comunicazione dellavvio del procedimento stesso e non v dubbio che anche in subjecta materia, le disposizioni garantistiche introdotte dalla legge 241/90 si rendano perfettamente applicabili (cfr Cons. Stato sez.VI 19/11/96 n.1603) l dove, invero, si in presenza di determinazioni della P.A. che vedono il cittadino subire, relativamente al suo diritto di propriet, per effetto del vincolo, una certa compressione della sua sfera giuridica.

In forza delle suestese considerazioni il ricorso si appalesa fondato e conseguentemente il provvedimento impugnato in parte qua (nella parte in cui si estende la dichiarazione di interesse particolarmente importante allimmobile di propriet della Societ ricorrente) va annullato.

Sussistono, peraltro, giusti motivi per compensare tra le parti le spese e competenze del giudizio.

P.Q.M.


Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana, Sezione I, definitivamente pronunziando sul ricorso n.2887/98, lo Accoglie e per leffetto annulla, in parte qua, il provvedimento in epigrafe indicato.

Compensa le spese e competenze del giudizio tra le parti.

Ordina che la presente Sentenza sia eseguita dallAutorit amministrativa.

Cos deciso, in Firenze, in camera di consiglio il 25 ottobre 2006, dal Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana, con l'intervento dei signori:

Avv. Giovanni Vacirca - Presidente
Dott. Andrea Migliozzi - Consigliere,est.
Dott. Eleonora Di santo - Consigliere

DEPOSITATA IN SEGRETERIA IL 27 NOVEMBRE 2006.

http://www.altalex.com/index.php?idstr=25&idnot=36276


news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news