LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interpellanza urgente 2-00428 spoil system in Sicilia
2007-03-20

Atto Camera


presentata da
ORAZIO ANTONIO LICANDRO
martedì 20 marzo 2007 nella seduta n.130


I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro per i beni e le attività culturali, il Ministro dell'interno, il Ministro dell'economia e delle finanze, il Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali, per sapere - premesso che:
è dei giorni scorsi la notizia di un avvicendamento dei soprintendenti ai beni culturali di Catania, Ragusa e Messina, disposto dal neo direttore generale Romeo Palma, di concerto con l'assessore regionale ai beni culturali, onorevole Lino Leanza, restando, invece riconfermati i sovrintendenti delle restanti province di Siracusa, Enna, Caltanissetta, Agrigento, Palermo e Trapani;
la sola dei tre sovrintendenti che nell'ambito dello stesso provvedimento non ha avuto la contestuale nuova destinazione è la dottoressa Maria Grazia Branciforti, sovrintendente ai beni culturali di Catania, che si era distinta per aver sollevato ampie riserve sull'alienazione dell'amministrazione comunale di Catania di parte di patrimonio immobiliare culturale della città, ammontante a ben quattordici immobili, in favore della Società «Catania Risorse» s.r.l., operazione che avrebbe garantito all'amministrazione comunale mutui per un valore 65 milioni di euro, in quanto alcuni dei beni considerati dalla sovrintendenza appaiono soggetti ai vincoli previsti dalla normativa vigente;
a parere degli interpellanti la rimozione della dottoressa Branciforti dal suo incarico, nel frattempo sostituita da Gesualdo Campo fino a qualche mese fa assessore provinciale alle politiche culturali del Mpa, movimento di cui fa parte anche l'assessore regionale ai beni culturali onorevole Lino Leanza, è senza il minimo dubbio da collegare al suo integerrimo comportamento tenuto in occasione dell'alienazione, essendosi opposta ad un'operazione il cui solo scopo è di fare «cassa» e ripianare il deficit consolidato sino al 2003, pena lo scioglimento della giunta comunale, ed essendo intervenuta, nel doveroso esercizio delle sue funzioni e per il pieno rispetto della legalità, con durezza a tutela dei beni patrimoniali della città, alcuni dei quali esempi straordinari di quel fenomeno senza precedenti che fu la ricostruzione tardo-barocca della Val di Noto e riconosciuta dall'Unesco «patrimonio mondiale dell'umanità»;
la dottoressa Branciforti, infatti, nella sua qualità di sovrintendente per i beni culturali ed ambientali di Catania, il 23 dicembre del 2005, emanava una nota con la quale, di fronte alle notizie di stampa relative all'elenco di immobili comunali da alienare, precisava che il decreto legislativo n. 42 del 2004, (testo unico su beni culturali), nel richiamare l'articolo 822 del codice civile, annovera tra i beni appartenenti al demanio pubblico quei beni che, seppur appartenenti ad enti pubblici territoriali, sono riconosciuti di interesse storico artistico, e che pertanto sono inalienabili ed indisponibili. Il testo unico sui beni culturali - precisava ancora la nota - che all'articolo 53 definisce il «demanio culturale», ed al successivo articolo 54, comma 3, definisce i «beni inalienabili», precisa che essi possono essere oggetto di trasferimento solo tra lo Stato, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali, ed inoltre che l'articolo 55, comma 3, dello stesso testo unico precisa che l'autorizzazione ad alienare comporta la sdemanializzazione del bene pubblico attraverso una procedura di verifica (articolo 12 comma 6), e che solo qualora la verifica dell'interesse culturale ha esito negativo gli immobili di proprietà pubblica possono essere alienati. Richiedeva infine la soprintendenza la pubblicazione della nota sul quotidiano locale, al fine di rassicurare l'opinione pubblica circa l'obbligo di ricorrere agli strumenti legislativi suddetti per contrastare eventuali tentativi di impoverimento del patrimonio pubblico di Catania;
nonostante ciò, l'amministrazione comunale procedeva, ed il 31 dicembre 2006 alienava tali 14 immobili alla società «Catania Risorse s.r.l.». La Sovrintendenza, a questo punto, in data 22 febbraio 2007, emanava una seconda nota avvertendo della nullità dell'atto di trasferimento in quanto privo dei necessari presupposti giuridici prima richiamati. Appena cinque giorni dopo, il 27 febbraio, la giunta comunale di Catania adottava la deliberazione n. 257 con la quale irritualmente e senza precedenti si rivolgeva all'assessorato regionale competente per valutare l'adozione di provvedimenti nei confronti della dottoressa Branciforti;
gli stessi interpellanti hanno già avuto modo di manifestare la loro preoccupazione per le sorti della città di Catania e per ciò che sta accadendo sul piano della trasparenza e della regolarità dell'azione amministrativa e contabile-finanziaria, attraverso un'interpellanza presentata al ministro dell'interno lo scorso 13 febbraio (n. 2/00370), nella quale denunciavano il comune di Catania, sin dal 2003 fortemente indebitato, per non aver rispettato il «patto di stabilità» e non aver pareggiato il disavanzo di bilancio ma, anzi, di aver tentato di raggiungere tale obiettivo ricorrendo ad un escamotage francamente sconcertante, e cioè attraverso la istituzione di una società di scopo, la «Catania risorse Srl», per conseguire l'apertura di linee di credito da parte di istituti bancari, dal comune di Catania altrimenti non conseguibili, tentando in tal modo di aggirare il divieto, sancito già dall'articolo 119 della nostra Costituzione, di ricorrere all'indebitamento se non per investimenti, il tutto attraverso una dismissione imbarazzante dell'intero patrimonio immobiliare della città, riguardante immobili anche di pregevolissimo valore storico-artistico. Gli stessi restano altresì preoccupati per il pericolo di un varco a speculazioni immobiliari a detrimento del patrimonio cittadino;
in quell'occasione il ministero dell'interno a mezzo del sottosegretario di Stato dottor Ettore Rosato, ebbe modo di rassicurare in Parlamento gli interpellanti, indicando l'impegno della prefettura di Catania, per quanto di propria competenza, ad esercitare la sua vigilanza riservandosi di interessare, come è dovuto, l'assessorato regionale per le famiglie e gli enti locali per l'attivazione degli eventuali poteri di sua competenza ove siano riscontrate illegittimità, e la disponibilità del dipartimento della Ragioneria generale dello Stato ed il Ministero dell'economia e delle finanze ad assumere iniziative conoscitive sulla reale situazione contabile del comune di Catania, in applicazione dell'articolo 28, comma 1, della legge finanziaria 2003 (la legge n. 289 del 2002) e a conferire quanto prima apposito incarico ispettivo ad un dirigente dei servizi ispettivi della finanza pubblica al fine di acquisire idonee informazioni sulla situazione del bilancio dello stesso comune -:
in relazione a quanto contenuto nella precedente interpellanza sottoscritta dai medesimi interpellanti sulla stessa questione, se gli ispettori del Ministero dell'economia siano già all'opera per acquisire le informazioni sulla situazione contabile del Comune di Catania e se, alla luce dei fatti sopra riportati, non ritengano di dover attivare tutti gli strumenti di loro competenza per verificare la legittimità ed ogni tipo di responsabilità legata al provvedimento, ad avviso degli interpellanti illegittimo per carenza di motivazione, che ha portato alla rimozione dal suo incarico della dottoressa Branciforti, la sola che, nell'intera vicenda, con il suo comportamento assolutamente in linea con la trasparenza e il rigore che il ruolo stesso richiedeva, ha pagato in prima persona.
(2-00428) «Licandro, Sgobio, Diliberto».

http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_15/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news