LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sentenza Consiglio di Stato, sezione sesta, n. 4395 del 2002
2003-05-06



Annullamento ministeriale dell'autorizzazione paesistica per inidoneit della motivazione: vaglio di legittimit, e non di merito.




--------------------------------------------------------------------------------



N.
Reg.Dec.
N. 6639 Reg.Ric.
ANNO 1996





REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO




Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente




DECISIONE




sul ricorso in appello proposto dal Ministero dei Beni culturali ed ambientali, rappresentato e difeso dall'Avvocatura generale dello Stato presso i cui uffici per legge domiciliato in Roma, Via dei Portoghesi n. 12;




contro




Lucente Domenico e Lucente Giovanni, n.c.;


per l'annullamento



della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria, Catanzaro, n.752 del 7 luglio 1995;

Visto il ricorso con i relativi allegati;

Visti gli atti tutti della causa;

Alla pubblica udienza del 7 maggio 2002 relatore il Consigliere Guido Salemi. Udito l'avvocato dello Stato Polizzi;

Ritenuto e considerato in fatto e in diritto quanto segue:



FATTO e DIRITTO




1. Con sentenza n.752 del 7 luglio 1995, il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria, sede di Catanzaro, in accoglimento del ricorso proposto dai signori Domenico e Giovanni Lucente, annullava il decreto dell'11 settembre 1990 con il quale il Ministero dei Beni culturali ed ambientali aveva annullato il nulla-osta paesaggistico ed ambientale del Presidente della Giunta regionale della Calabria n.1165 del 21 giugno 1990, relativamente alla costruzione di un fabbricato di quattro piani fuori terra, facente parte di un piano di lottizzazione convenzionata, gi assentito con concessione in sanatoria ex lege n.47/1985.

Rilevava il T.A.R. che: a) l'Amministrazione statale aveva evidenziato un presunto contrasto tra il manufatto assentito e la “modifica della dichiarazione di notevole interesse pubblico” sulla base della sola generica considerazione - non suffragata da risultanze istruttorie - secondo cui il manufatto inciderebbe negativamente sul contesto paesaggistico per l'eccessiva altezza, creando “una tipologia sconsiderata capace di vanificare le motivazioni del vincolo paesaggistico ed ambientale vigente”, mentre, come precisato dallo stesso T.A.R., risultava (atto prot. 3044 del 29.10.1974 della Sovrintendenza per i Beni ambientali, architettonici, artistici e storici della Calabria di Cosenza) che, con riferimento al piano di lottizzazione vigente, non era contenuta alcuna prescrizione concernente l'altezza degli edifici, ma vi erano soltanto delle prescrizioni che riguardano le rifiniture esterne; b) risultava provata l'affermazione di parte ricorrente secondo cui “nella zona su cui insiste il fabbricato, oggetto della presente controversia, non esistono vincoli inibitori di cui alla legge 8 agosto 1985 n.431 (dichiarazione del sindaco del Comune di Crotone del 26.2.1990)”.
Con atto notificato il 15 luglio 1996 il Ministero dei beni culturali ed ambientali ha appellato la summenzionata sentenza.

Gli appellati non si sono costituiti in giudizio.
All'udienza del 7 maggio 2002 il ricorso stato trattenuto per la decisione.

2. L'appello fondato.

2.1. Con riferimento alla questione sub a), si rileva che, contrariamente a quanto ritenuto dal T.A.R., l'altezza del fabbricato non conforme al piano di lottizzazione approvato con atto n.3044 del 29 ottobre 1974, in quanto, mentre nella tavola 9 dello strumento urbanistico indicata un'altezza massima di mt. 4 (nella tavola n.5, relativa alle villette tipologia A-B-C prospettata un'altezza in gronda di mt. 7), a tali prescrizioni non si attenuto il progetto del fabbricato (la costruzione raggiunge mt. 13,35 di altezza e mt. 15,50 se si considera il locale macchine).

Come dedotto dall'Avvocatura generale dello Stato, , quindi, corretta l'affermazione, contenuta nel summenzionato decreto ministeriale, in ordine all'altezza eccessiva del fabbricato e alla sua incidenza negativa nel contesto paesaggistico.

N pu condividersi la considerazione del giudice di prime cure secondo cui il rilievo in questione investirebbe profili di merito dell'azione amministrativa, perch il provvedimento statale di annullamento dell'autorizzazione paesistica stato nella specie esercitato non gi con riferimento ad un'autonoma valutazione tecnico-discrezionale sugli interessi in conflitto e sul valore che in concreto doveva prevalere, bens con riferimento alla riscontrata carenza di un'idonea motivazione circa le ragioni idonee ad evidenziare la compatibilit del progetto autorizzato con il vincolo paesistico (cfr., di recente, C.d.S., A.P., 14.12.2001, n.9).
In sostanza, il rilievo ministeriale ha evidenziato un profilo di incoerenza dell'autorizzazione regionale, ed un'insufficienza ed inadeguatezza dell'apprezzamento posto in essere; in tal modo, ponendosi in coerenza con un consolidato e risalente indirizzo giurisprudenziale che, proprio in tema di autorizzazioni ex art.7 della legge n.1497 del 1939, identifica un vizio funzionale dell'atto autorizzativo, e non un mero profilo di inopportunit del medesimo, tutte le volte che questo presenti contraddizioni od incongruenze rispetto alla situazione oggettiva in cui chiamato ad operare, in tal modo evidenziando un insufficiente apprezzamento del pubblico interesse (cfr. questa Sezione, 19 maggio 1981, n.221 e 14 novembre 1991, n.828).

2.2. Con riferimento alla questione sub b), si osserva che, contrariamente e quanto argomentato dal T.A.R., non v' dubbio che, come riportato nel provvedimento ministeriale, la localit interessata dall'opera abusiva, oggetto del nulla osta regionale, “ricade in area dichiarata di notevole interesse pubblico ai sensi della legge n.1497/1939 giusti i DD.MM. 5.5.1965 e 27.7.1968 e giusto l'art.82, V co., del D.P.R. n.616/1977, lett. “a”, introdotto dall'art.1 della legge 431/1985”, (il richiamo alla lett. a, stando a significare che si tratta di territorio costiero compreso in una fascia della profondit di 300 metri dalla linea di battigia). Tale assunto , del resto, confermato dalla dichiarazione resa dall'Assessorato regionale all'ambiente in data 27 aprile 1990, nella quale, in contrasto con quanto dichiarato dal sindaco del Comune di Crotone, pur esprimendosi parere favorevole al rilascio del nulla-osta, si poneva in evidenza che “il Comune di Crotone risulta vincolato dalla legge 1497/1939 con D.M. del 5.5.1965 e 27.7.1968”.


3. In conclusione, stante la fondatezza delle censure dedotte dalla difesa dell'Amministrazione, il ricorso in appello deve essere accolto e la sentenza appellata annullata con conseguente reiezione del ricorso proposto in primo grado.

Sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese e gli onorari dei due gradi del giudizio.



P.Q.M.



Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Sesta, accoglie il ricorso in appello indicato in epigrafe e, per l'effetto, annulla la sentenza impugnata.

Compensa tra le parti le spese di giudizio.
Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'Autorit amministrativa.

Cos deciso in Roma, il 7 maggio 2002, dal Consiglio di Stato in sede giurisdizionale - Sez.VI -, riunito in Camera di Consiglio, con l'intervento dei Signori:



Giorgio GIOVANNINI Presidente

Alessandro PAJNO Consigliere

Giuseppe ROMEO Consigliere

Lanfranco BALUCANI Consigliere

Guido SALEMI Consigliere Est.





www.beniculturali.it/normative/


news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news