LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - seduta del 20 marzo 2003 (indagine conoscitiva tutela e valorizzazione - audizione Herity)
2003-03-20

VII COMMISSIONE PERMANENTE (ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI)
SEDUTA N. 184 - GIOVED 20 MARZO 2003

AUDIZIONE DI RAPPRESENTANTI DI Herity



Presidenza del Vice Presidente
BETTA







Intervengono, ai sensi dell'articolo 48 del Regolamento, il dottor Maurizio Quagliuolo e il dottor Gal de Guichen rispettivamente coordinatore e vice presidente dell'Herity.



La seduta inizia alle ore 15,30.


PROCEDURE INFORMATIVE


Seguito dell'indagine conoscitiva sui nuovi modelli organizzativi per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali: audizione di rappresentanti di Herity


Riprende l'indagine conoscitiva, sospesa nella seduta pomeridiana del 13 marzo scorso.


Il presidente BETTA introduce l'audizione e d la parola ai rappresentanti di Herity.


Il dottor QUAGLIUOLO, coordinatore di Herity, sottolinea l'importanza dell'attivit di tutela e di valorizzazione dei beni culturali e ambientali, osservando anzitutto come il patrimonio culturale definisca l'identit di una collettivit e costituisca una preziosa risorsa, tuttavia non rinnovabile.
Il patrimonio culturale, inoltre, rappresenta una risorsa etica che consente di interpretare la storia, di governare il cambiamento e di ottenere una crescita sociale ed economica. Diviene, pertanto, prioritario coltivare tale risorsa anche al fine di amplificare l'immagine, aumentare l'occupazione ed incrementare le tecnologie, senza tuttavia che ci scada in sfruttamento. Occorre quindi uno sviluppo compatibile (che implica il rispetto del patrimonio culturale ed ambientale) coniugato peraltro ad uno sviluppo sostenibile (ovvero uno sviluppo che, avvalendosi di un supporto economico, raggiunga l'autosufficienza).
In particolare, lo sviluppo compatibile si fonda su una gestione bilanciata della complessa amministrazione del territorio, la programmazione a lungo termine e l'innovazione interdisciplinare; lo sviluppo sostenibile richiede invece un controllo del ciclo di progetto del patrimonio culturale, oltre che elevate competenze tecniche, disponibilit e capacit di cambiamento.
La tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale ed ambientale si basa quindi su tre pilastri: la ricerca (a fini cognitivi sull'oggetto dell'intervento), la conservazione (onde preservare il capitale) e lo sviluppo (per migliorare le condizioni esistenti).
L'oratore, in seguito, ricorda che Herity un'organizzazione non governativa che ha come principale obiettivo l'applicazione della certificazione di qualit nella gestione del patrimonio culturale. Descrive, quindi, le principali iniziative internazionali promosse da Herity rammentando, in particolare, che la stessa ha definito una griglia di criteri contenuti in una dichiarazione, sottoscritta fra l'altro da numerose autorit, che consente di elaborare un sistema di valutazione della gestione di un bene culturale. Tale sistema si basa fra l'altro sull'applicazione di quattro criteri principali relativi a quanto il pubblico conosce il bene in questione, all'effettiva capacit di conservazione dello stesso, alla capacit di trasmettere informazioni e ai servizi aggiuntivi offerti.
Inoltre, l'oratore sottolinea, quanto al profilo finanziario dell'organizzazione, la significativa crescita nel periodo 1998-2001 della quota dei finanziamenti privati sul totale. Ci costituisce una conferma del crescente interesse che il pubblico nutre verso l'attivit svolta da Herity.
Passa, quindi, a svolgere alcune riflessioni su come l'attivit di Herity possa giovare alle istituzioni pubbliche. Oltre a fornire definizioni e metodologie utilizzabili per proporre un modello italiano di tutela e valorizzazione dei beni culturali, il progetto Herity uno strumento utile per verificare i risultati della gestione di beni che le istituzioni intendano affidare a terzi secondo un approccio interdisciplinare che prescinde dalla loro collocazione, datazione storica e propriet. Inoltre, l'attivit di certificazione di Herity risulterebbe particolarmente preziosa qualora si intendesse subordinare la corresponsione di benefici pubblici al possesso di una certificazione di qualit sulla gestione del patrimonio culturale. Infine, quanto al profilo occupazionale, un simile progetto potrebbe generare circa 7.000 nuovi posti di lavoro nel settore privato.


Prende la parola il dottor GAL DE GUICHEN che sottolinea l'importanza di una informazione completa circa la mutevole gestione dei beni culturali nel tempo, ci che non a tutt'oggi assicurato dalle comuni guide turistiche. La completezza dell'informazione, ottenuta applicando i criteri proposti da Herity, garantirebbe invece un impatto favorevole sul turismo e incoraggerebbe i gestori a migliorare la loro attivit.


Interviene, indi, la senatrice ACCIARINI la quale ringrazia i rappresentanti di Herity per l'interessante apporto fornito all'indagine conoscitiva, soprattutto in considerazione della rilevanza della questione della valutazione dei risultati anche nel campo della gestione di beni culturali. Nel nuovo assetto recato dalla legge costituzionale n. 3 del 2001, assume infatti particolare rilievo la distinzione fra le attivit di tutela e valorizzazione dei beni culturali, cui nello specifico dedicata l'indagine conoscitiva in corso e sulla quale i rappresentanti di Herity hanno fornito un prezioso contributo.


Il presidente BETTA chiede ai rappresentanti di Herity in che modo i criteri di valutazione adottati si rapportino alle regole internazionali di valutazione.


Il dottor QUAGLIUOLO replica al Presidente asserendo che, a differenza degli altri metodi di certificazione (come ad esempio ISO) che presentano notevoli limiti di applicabilit al settore dei beni culturali, quelli adottati da Herity hanno il pregio di essere specifici per la valutazione relativa al patrimonio culturale. Herity ha d'altronde coinvolto, fin dall'inizio della sua attivit, l'International Accademy for Quality in un ottica di total quality management. I punti di contatto sono infatti molteplici anche se la specificit del settore richiede almeno in parte parametri ad hoc.


Il PRESIDENTE ringrazia i rappresentanti di Herity e dichiara chiusa l'audizione. Rinvia indi il seguito dell'indagine conoscitiva ad altra seduta.

http://notes3.senato.it/ODG_PUBL.NSF/2beeda2d988976d5412568400038b591/e481316188bd2033c1256cef006322


news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news