LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

INTERROGAZIONE al Ministro dei Beni Culturali
2011-12-09



Premesso che
in vari documenti programmatici sulle politiche per il Mezzogiorno si da molti anni individuato nel patrimonio culturale un fattore fondamentale di crescita socio-economica il patrimonio culturale, a fronte del declino di altre attivit economiche come l'industria pesante;
questa linea, proposta dall'Italia, stata adottata dall'Unione Europea nell'ambito della programmazione dei fondi destinati alle regioni ricadenti nell'ambito del c.d. "obiettivo 1";
nel periodo 2000-2001, nella fase di preparazione dei progetti sul patrimonio culturale della Campania da finanziarsi con i fondi europei del Programma Operativo Regionale 2000-2006, emerse la difficolt, avanzata dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, stante il progressivo calo, sui propri capitoli di spesa, delle risorse finanziarie ordinarie per le spese di gestione e del personale, di poter prevedere per il futuro l'assunzione a proprio carico dell'onere della gestione dei nuovi musei e parchi archeologici che si sarebbero potuti realizzare con i fondi europei ; laddove l'indicazione sulle modalit di gestione era invece considerata essenziale dalla UE nella procedura istruttoria dei progetti. Neppure le Amministrazioni Provinciali e Comunali erano in condizioni di assumersi tale onere di gestione;
Considerato che:
la Regione Campania, gli Enti locali e le stesse Soprintendenze del Ministero ritenevano invece essenziale utilizzare i fondi europei, . In tal senso le Soprintendenze avevano da tempo approntato progetti ,oltre che per potenziare strutture gi esistenti come il Museo Archeologico Nazionale di Napoli o gli Scavi di Pompei, anche per dotare il territorio campano di nuove strutture culturali quale ad esempio il Museo dei Campi Flegrei nel Castello di Baia a Bacoli, in un'area come i Campi Flegrei, di enorme valore culturale e suscettibile di uno sviluppo turistico potenzialmente in grado di mitigare sensibilmente la chiusura di complessi industriali come l'Italsider di Bagnoli.

Per superare tale grave difficolt il Ministro per i Beni Culturali e il Presidente della Regione Campania il 2 marzo del 2001 sottoscrissero un Accordo Istituzionale di Programma nel quale, tra le altre modalit di collaborazione previste in vista del nuovo comune impegno, all'art. 4 si stabiliva che Ministero e Regione avrebbero studiato, "per alcuni interventi attuati nell'ambito dell'AdPQ, modelli di gestione comune, anche con carattere innovativo, con l'eventuale coinvolgimento di altri soggetti pubblici e privati, in grado di garantire: la pi ampia fruizione nel tempo degli interventi realizzati, livelli adeguati di qualit nell'offerta culturale, opzioni organizzative efficienti, condizioni ottimali di gestione economica e finanziaria"
Grazie a questo impegno, accettato dall'Unione Europea, che ritenne valide le schede progettuali predisposte dalle Soprintendenze contenenti la previsione della gestione da realizzarsi conformemente all'Accordo MIBAC-Regione Campania, sono stati disposti sull'Asse 2-Beni Culturali del POR Campania, ingentissimi finanziamenti, pari a 624,264 MEURO, che hanno consentito l'apertura di nuovi importanti aree e musei archeologici, da quello, rilevantissimo, dei Campi Flegrei nel Castello di Baia, a quello di Nola, a quello di Teano, a quello dell'Heraion della foce del Sele a Paestum, a quello di Velia, alcuni dei quali, come quelli di Pontecagnano e Buccino, si inserivano anche nel quadro delle iniziative di valorizzazione dell'attivit di recupero delle aree devastate dal sisma della Basilicata e Irpinia del novembre 1980 e febbraio 1981;
Visto che:
per l'attuazione dell'Accordo sottoscritto con il MIBAC la Regione Campania si dotata, a partire dal 2003, di una struttura societaria, la Societ Campana per i Beni Culturali, SCABEC (modellata sulla falsariga della Societ Italiana Beni Culturali-SIBEC a suo tempo prevista dall'art. 10 della Legge n. 352 del 8 ottobre 1999), poi progressivamente adeguata alla normativa europea sulle societ strumentali degli enti pubblici, con l'inclusione di un socio minoritario privato, scelto a seguito di una gara d'appalto che prevedeva esplicitamente che tra i compiti da affidarsi alla nuova compagine societaria anche la gestione dei nuovi siti culturali in via di realizzazione con i fondi POR dopo l'affidamento da parte del MIBAC in attuazione dell'accordo suddetto;

per l'attuazione dell'accordo il MIBAC e la Regione Campania hanno infine, dopo lungo ritardo, istituito, con Intesa istituzionale di Programma, nell'aprile del 2009, una Commissione bilaterale, partecipata anche, per parte ministeriale, da due parlamentari, avente il fine di determinare le modalit di attuazione dell'accordo, innovate nelle forme degli "accordi di valorizzazione" introdotte dal Codice dei Beni Culturali del 2004 per ben 23 siti culturali, tra i quali l'intero comparto dei Campi Flegrei, dell'isola di Capri, del Museo di Nola, della Certosa di Padula, etc;

la suddetta Commissione non ha prodotto ad oggi nessun accordo per i siti oggetto di esso, talch questi "luoghi della cultura" realizzati con i fondi europei del ciclo POR 2000-2006 soffrono di gravissimi problemi di gestione, con aperture al pubblico limitatissime e certamente non suscettibili di produrre effetti positivi sul piano dello sviluppo economico, anzi con il rischio di deperimento delle strutture realizzate per carenza di manutenzione, e quello, ancora pi grave, di dover restituire all'UE i fondi assegnati per violazione del contratto di finanziamento, nonch di essere valutati negativamente nel corrente ciclo di finanziamenti 2007-2013.
Si chiede
al Signor Ministro per i Beni Culturali di voler promuovere con ogni urgenza un'indagine sulle ragioni che hanno finora impedito alla Commissione di raggiungere gli obiettivi che erano stati ad essa assegnata;
di adottare gli opportuni provvedimenti, anche d'intesa con la Regione Campania, atti a sbloccare una situazione sommamente nociva agli interessi del patrimonio culturale e allo sviluppo economico di una delle regioni pi popolose e depresse del nostro Paese;
di subordinare o almeno coordinare la programmazione dei nuovi fondi europei del programma 2007-2013 alla verifica delle misure necessarie per la gestione degli interventi gi realizzati;
di verificare se situazioni analoghe, anche se con fattispecie diverse, sussistano in altre regioni del Mezzogiorno e, nel caso, di voler valutare, d'intesa con i Ministri delle finanze e della Coesione territoriale, azioni atte a riportare ad efficienza la programmazione dei fondi strutturali europei per lo sviluppo.

Sen. AnnaMaria Carloni, Ceccanti, Bubbico, Vita, De Sena, Marcucci, Pegorer, Armato, Chiaromonte, Garavaglia, Mazzuconi, Incostante



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news