LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VII Commissione Senato - seduta del 3 aprile 2003 (indagine conoscitiva tutela e valorizzazione - audizione CGIL CISL UIL, inizio e rinvio)
2003-04-03

VII COMMISSIONE PERMANENTE (ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI)
SEDUTA N. 189 - GIOVED 3 APRILE 2003

AUDIZIONE DI RAPPRESENTANTI DI CGIL, CISL, UIL



Intervengono, ai sensi dell'articolo 48 del Regolamento, il dottor Rossi e il dottor Fasoli della CGIL, il dottor Calcara della CISL e il dottor Cerasoli della UIL.


La seduta inizia alle ore 14,45.



PROCEDURE INFORMATIVE


Seguito dell'indagine conoscitiva sui nuovi modelli organizzativi per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali: audizione di rappresentanti del Coordinamento Nazionale CGIL, CISL, UIL del Ministero per i beni e le attivit culturali




Riprende l'indagine conoscitiva, sospesa nella seduta pomeridiana del 20 marzo scorso.


Il presidente ASCIUTTI introduce l'audizione e d la parola ai rappresentanti del Coordinamento nazionale CGIL, CISL, UIL del Ministero per i beni e le attivit culturali.


Ha la parola il dottor ROSSI, in rappresentanza della CGIL, che, pur ricordando che il suo sindacato aveva criticato la riforma del Ministero per i beni e le attivit culturali approvata durante la scorsa legislatura, ritiene tuttavia prematuro un ulteriore intervento di riforma, senza che si siano ancora verificate le potenzialit del precedente.
Indi, con riferimento alla riforma del Titolo V della Costituzione, manifesta viva preoccupazione per il rischio che si giunga ad una spaccatura nella gestione dei beni culturali fra lo Stato da un lato e le regioni e gli enti locali dall'altro, mentre risulta necessario un approccio unitario. Sottolinea, comunque, l'importanza che la tutela dei beni culturali continui a rimanere di competenza dello Stato.
Teme, altres, che la consistente riduzione delle risorse statali al settore dei beni culturali (pari a circa il 60 per cento rispetto al totale negli ultimi quattro anni) possa vanificare gli sforzi compiuti, anche dallo stesso sindacato che favor una maggiore flessibilit oraria del personale, per migliorare la gestione e la fruizione del patrimonio culturale.
Sottolinea, inoltre, l'opportunit che la gestione dei beni culturali rimanga pubblica residuando per i privati solo un ruolo nella gestione dei servizi accessori.
Ritiene, altres, assolutamente necessario che, nelle ipotesi previste dal decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, di creazione di associazioni o fondazioni per la valorizzazione dei beni culturali, il personale continui ad appartenere ai ruoli del Ministero. Una scelta in tal senso stata, peraltro, compiuta per il personale del Museo egizio ed prevista dal disegno di legge d'iniziativa del senatore Passigli (atto Senato n. 2077), relativo all'istituzione della Fondazione "Galleria degli Uffizi" di Firenze. Si creerebbe, altrimenti, il problema di dove collocare il personale che non intenda transitare nelle fondazioni.


Interviene il dottor CERASOLI, in rappresentanza della UIL, che sottolinea come negli ultimi anni il Ministero per i beni e le attivit culturali stia assumendo un ruolo innovativo nella gestione del patrimonio culturale, basato principalmente sull'attivit di coordinamento e raccordo con le regioni e gli enti locali.
Ritiene inoltre importante l'inclusione del Ministro dei beni culturali nel Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) prevista nel decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368.
Sottolinea con favore, indi, la sottoscrizione dei dieci Accordi di programma tra il Ministero e le realt locali, che testimonia della scelta da parte delle istituzioni di concertare le attivit di tutela, conservazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale.
Quanto alla questione relativa alla privatizzazione della gestione dei servizi nel settore dei beni culturali, prevista dall'articolo 33 della legge 21 dicembre 2001, n. 448, manifesta orientamento contrario. Rileva, in particolare, come nella maggior parte dei casi la gestione dei beni culturali non garantisca margini di profitto. I dati relativi alla gestione degli scavi di Pompei, che pur rappresenta una delle principali mete turistiche, confermano ad esempio l'esistenza di una consistente divergenza tra i costi, in particolare quelli per il personale, ed i ricavi derivanti dalla bigliettazione.
L'ipotesi di affidare ai privati la gestione dei beni culturali, quindi, porta con s il rischio di un ricorso indiscriminato a politiche di razionalizzazione delle risorse, anzitutto umane, nell'intento di ridurre le perdite di bilancio.
Interviene la senatrice ACCIARINI che sottolinea la gravit della situazione finanziaria di molti musei italiani e sottolinea l'opportunit di verificare i dati sui relativi introiti e costi.


Il PRESIDENTE osserva che l'asserito squilibrio economico potrebbe non compromettere l'interesse dei privati e che esistono comunque meccanismi atti a garantire la stabilit dell'occupazione.


Il dottor ROSSI interviene ricordando che l'unico sito che realizza consistenti profitti il Colosseo di Roma. Ci non toglie, peraltro, una diversa prospettiva nella dimensione dei distretti culturali.


Conviene il dottor CERASOLI, sottolineando che i dati mostrano un netto incremento dell'affluenza dei visitatori e degli introiti, anche grazie all'apertura prolungata ed estiva dei musei realizzata su iniziativa dello stesso sindacato, con conseguente beneficio per l'indotto.
Si deve tuttavia, a suo avviso, spostare l'ottica verso l'incremento della qualit dei servizi offerti, il che implica innanzitutto l'adozione di una carta dei servizi.
Nel ricordare, inoltre, l'annosa questione dei precari del Ministero, sottolinea il prezioso ruolo che essi svolgono soprattutto in considerazione dell'elevata carenza dell'organico (22 mila dipendenti rispetto ai 25 mila previsti dalla pianta organica).
Occorre, indi, risolvere la questione relativa alle farraginose procedure, ulteriormente complicate dal decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, previste per la programmazione dei piani di spesa. Ci, che si aggiunge alla costante riduzione delle risorse, determina consistenti ritardi nell'erogazione e un'assai ridotta capacit di spesa, come evidenziano i dati relativi ai residui.
Segnala inoltre come le consistenti riduzioni delle risorse destinate a finanziare i costi di funzionamento condurranno, con ogni probabilit, alla chiusura di numerosi Archivi.
Conclude l'intervento sottolineando la scarsit delle risorse che il Ministero destina agli investimenti nella formazione del proprio personale (a differenza del sindacato che invece investe ingenti risorse proprie) e le basse retribuzioni, anche rispetto agli altri impiegati pubblici, che percepiscono i dipendenti nonostante le elevate competenze tecniche, riconosciute anche all'estero.


Il PRESIDENTE ringrazia i rappresentanti del Coordinamento nazionale CGIL, CISL, UIL del Ministero per i beni e le attivit culturali e rinvia il seguito dell'audizione.


Il seguito dell'indagine conoscitiva poi rinviato.

http://notes3.senato.it/ODG_PUBL.NSF/2beeda2d988976d5412568400038b591/66ddedfe65f1afccc1256cfd006285


news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news