LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Interrogazione LEZZI, DONNO, BUCCARELLA, CAPPELLETTI, BATTISTA, SERRA, MOLINARI, CAMPANELLA, NUGNES, CIOFFI
2013-07-24

Legislatura 17ª - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 077 del 24/07/2013

LEZZI, DONNO, BUCCARELLA, CAPPELLETTI, BATTISTA, SERRA, MOLINARI, CAMPANELLA, NUGNES, CIOFFI - Ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti, dei beni e delle attività culturali e del turismo e dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Premesso che:

il Salento, noto anche come penisola salentina, è una regione storico-geografica italiana coincidente con la parte meridionale della regione amministrativa della Puglia e a quanto risulta agli interroganti dispone della più fitta, ammodernata e scorrevole rete stradale del Paese, a differenza del carente sistema di trasporto pubblico e ferroviario con rete di trasporto locale;

ciò nonostante sono in fase di progettazione numerose arterie stradali e l'ammodernamento di strade già esistenti. Quattro grandi progetti per la realizzazione di superstrade, a giudizio degli interroganti devastanti, che comporteranno l'espianto di oltre 15.000 alberi di ulivo, di cui alcuni secolari, simbolo della Puglia, nonché ingenti danni all'architettura rurale, al suolo, al paesaggio e alle aree archeologiche con un ingente spreco di risorse pubbliche (complessivamente 500 milioni di euro). Inoltre con questi progetti si realizzano grovigli di strade inutili, quasi sempre a 4 corsie, frutto di progetti faraonici concepiti in altri tempi, quando lo sviluppo del Salento sembrava legato ad un modello industriale, che si è rivelato ad oggi illusorio;

i progetti relativi alle superstrade che destano maggiore preoccupazione sono i due tratti della strada regionale 8 (Lecce-Melendugno e Taranto-Avetrana), le statali Maglie-Otranto, Maglie-Leuca (nel tratto Montesano-Leuca). Alcuni, ideati perfino 25 anni fa, sono obsoleti culturalmente, tecnicamente e progettualmente, anche perché non vi è stato alcun aumento dei flussi di traffico, nell'iperperiferico Salento, che le renda necessarie;

come hanno denunciato le organizzazioni degli agricoltori e dei coltivatori diretti la progettazione comporta un evidente danno per l'agricoltura e l'economia locale e stride fortemente con le previsioni urbanistiche e paesaggistiche della Regione Puglia e della Provincia di Lecce, compromettendo la stessa immagine del territorio inteso come "parco Salento";

al riguardo, le associazioni agricole e ambientalisti e intellettuali di fama nazionale hanno sottoscritto una petizione per chiedere di fermare la devastazione di territorio e paesaggio che ne deriverebbe;

in particolare gli interroganti intendono evidenziare gli aspetti di grave criticità ambientale, di spreco di risorse pubbliche, di violazione di norme nazionali connesse alle realizzazione di tali superstrade: esse rappresentano una delle più gravi e inutili forme di consumo del suolo (dai dati dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale la Puglia è in questo ambito la seconda in Italia);

considerato che:

relativamente al progetto della strada regionale 8, tratto Talsano-Avetrana, la commissione VIA (valutazione impatto ambientale) regionale ha recentemente espresso parere negativo sulla sua realizzazione, per l'ingente impatto ambientale che essa comporta: "L'impatto paesaggistico della realizzazione dell'opera, nonostante ogni sforzo progettuale, è notevole, tale da sconsigliarne la realizzazione";

tale infrastruttura, oltre a comportare la devastazione di uliveti storici, vigneti e aree protette entrerebbe in conflitto con il programma di rigenerazione territoriale finanziato dalla Regione Puglia per le aree coinvolte dal progetto;

la strada regionale 8, tratto Lecce-Melendugno, è identificata dal codice della strada (di cui al decreto legislativo n. 285 del 1992, e successive modificazioni) di tipologia C, a due corsie, pertanto il progetto, prevedendo 4 corsie più strade parallele, violerebbe il codice stesso. Inoltre la realizzazione del tratto impatta su aree archeologiche e zone protette anche da vincoli idrogeologici, e comporta lo smantellamento di almeno 3.500 ulivi, di cui diverse centinaia secolari;

la VIA regionale, di validità triennale, è scaduta nell'aprile 2011;

la legge regionale prevede la sua proroga solo ove sia stata chiesta prima della scadenza;

risulta agli interroganti che l'Avvocatura della Regione Puglia si è espressa a favore della validità quinquennale della VIA, riconducendo illegittimamente quella triennale regionale a quella quinquennale della legge nazionale, senza che tale parere sia stato ratificato dalla Giunta regionale;

ciononostante sono iniziati i lavori di realizzazione in un'area già oggetto di alcuni esposti alla magistratura civile e penale;

in data 5 giugno 2013, «il responsabile dell'ufficio tecnico del Comune di Vernole, ingegnere Antonio Castrignanò, ha ordinato il blocco di un cantiere della "Leadri Srl" in prossimità della Masseria Ciccarelli, a sinistra della provinciale Lecce-Vernole, fino all'acquisizione e alla presentazione delle autorizzazioni paesaggistiche e titolo edilizio inesistenti. In particolare, il tecnico, ha contestato al direttore dei lavori, ingegnere Antonio Pulli, la violazione della legge 1497 del 1939, poi assorbita nel Codice dei beni culturali e del paesaggio del 2004, che tutela l'integrità e la bellezza delle aree vincolate. È la seconda sospensione decisa da Castrignanò. La prima, sette mesi fa, ha riguardato la tutela di un ciglio di scarpata, censito dal Piano urbanistico tematico territoriale della Regione e all'interno di un territorio di pregio classificato di ambito B.» (si veda un articolo de "La Gazzetta del Mezzogiorno", 6 giugno 2013);

l'avvio del cantiere della regionale 8 ha provocato la ferma reazione di numerosi agricoltori, supportati dalle associazioni di categoria provinciali, che si vedono devastare le loro aziende, paradossalmente finanziate dagli stessi enti pubblici;

nel marzo 2013 la Procura di Lecce ha disposto una consulenza per verificare che non vi sia alcuna irregolarità nell'ambito del progetto;

Pour rendre votre séjour agréable, nous vous proposons un package incluant transport de l’aéroport, hebergement dans un hotel où plusieurs sevices ( thalassothérapie,spa…) peuvent vous être proposés ainsi qu’un circuit touristique vous permettant de découvrir la ville de Antalya et si vous le souhaitez celle de Turquie pour admirer la ville rouge avec ses palmiers et ses montagnes du istanbul.Patiente agée de 30ans se plaint d’avoir des dents jaunes et trop en avant . sachant qu’elle a subit un traitement orthodontique à l’adolescence , nous lui avons proposé une réhabilitation prothétique pour éviter un traitement orthodontique lourd qui risquerait de léser l’environnement parodontal de ses dents anterieures. elle a subit un blanchiment des dents par la technique zoom en 1h30 qui lui a permis de gagner 8 teintes, ensuite nous lui avons réalisé un bridge 4 élements 11-21-22-12 en in ceram (esthetique), ce qui lui a permi de retrouver un sourire agreable et harmonieux.Hollywood Smile, L’aspect noirâtre de l’incisive de ce patient est dû à sa dévitalisation très ancienne.Dentaire en Turquie nous lui avons effectué une couronne céramo-métallique avec un joint céramique dent pour éviter l’apparition du liseré noire à la limite de la gencive. le résultat esthétique obtenu a permis au patient de retrouver un sourire agréable et de repartir très satisfait. S’est présenté au centre pour une consultation. l’examen minutieus de sa denture nous a permi de diagnostiquer une necrose de l’incisive centrale(21) à cause d’une chute très ancienne. nous avons effectuer un traitement endodentique adéquat à l’hydroxyde de calcium ensuite une obturation hermetique de la racine . par la suite , nous avons réalisé une couronne esthetique complètement en céramique. la tres bonne collaboration de notre prothesiste nous a npermi de finaliser la teinte de la dent et d’obtenir un tres bon résultat esthetique.


all'attenzione della magistratura, dopo alcuni esposti presentati in Procura, sono finiti anche alcuni tratti dell'opera che continua a suscitare polemiche e a dividere l'opinione pubblica;

il progetto di ammodernamento e messa in sicurezza dell'arteria strada regionale 16 Maglie-Otranto si è tradotto in un progetto faraonico di 4 corsie (con complanari a due corsie e 6 cavalcavia) su un tratto stradale peraltro già moderno e scorrevole;

il difensore civico della Provincia di Lecce, l'ex senatore Giorgio De Giuseppe, raccogliendo le istanze degli ambientalisti e delle associazioni, aveva scritto alla Regione Puglia invitandola a scongiurare il danno macroscopico che tali opere arrecherebbero al territorio compromettendo, peraltro, sviluppo e benessere futuri e per contrastare la realizzazione dei progetti faraonici;

l'appello è caduto nel vuoto e di conseguenza quasi 6000 alberi di ulivo dovranno essere espiantati o abbattuti, per far posto all'allargamento della strada Maglie-Otranto, tra il chilometro 985 e il chilometro 999,1. Si tratta di poco meno di 20 chilometri con un progetto che prevede una spesa di quasi 55 milioni di euro, del quale attualmente è cantierizzato il primo lotto, da Maglie a Palmariggi;

il secondo tratto previsto dal progetto, Palmariggi-Otranto, ricade in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico. In particolare nella zona sono stati rinvenuti due importanti siti archeologici, uno medioevale e uno neolitico-messapico segnalati alla Soprintendenza e alle autorità comunali;

il progetto, che ha avuto il via libera dal Cipe nel 2001, ha ricevuto l'autorizzazione paesaggistica della Regione: la Giunta regionale ha deliberato in data 3 agosto 2012 favorevole parere di autorizzazione paesaggistica, con prescrizioni, in deroga al PUTT (piano urbanistico territoriale tematico), per il primo tratto Maglie-Palmariggi; contestualmente ha evidenziato importanti criticità paesaggistiche che impongono la revisione del progetto per il secondo tratto Palmariggi-Otranto;

tuttavia tale autorizzazione, avvenuta in deroga al piano paesaggistico, sarebbe in contrasto con il piano territoriale di coordinamento della Provincia di Lecce (PTCP-2008) che prevede la Maglie-Otranto quale strada parco, senza svincoli sopraelevati;

il 21 luglio 2004 è stato rilasciato dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare il decreto di VIA. Il provvedimento ha durata quinquennale, quindi l'autorizzazione era ampiamente scaduta all'inizio dei lavori, nell'ottobre 2012;

la proroga della VIA non è automatica, ma necessita di un'istanza del richiedente in quanto l'ambiente e il territorio sono beni dinamici, pertanto tale opera viene realizzata senza VIA valida, che, nel suddetto caso, deve essere ridefinita;

è di questi giorni la notizia che la Regione Puglia ha concesso parere paesaggistico e attestazione di compatibilità paesaggistica anche al secondo tratto, Palmariggi-Otranto;

considerato inoltre che nel marzo 2013 una sentenza del Consiglio di Stato, che chiude una vicenda partita nel 2002 per la realizzazione di un insediamento turistico-residenziale in località Pettolecchia, frazione Savelletri di Fasano (Brindisi), afferma, proprio a difesa di una «spalliera di verde formata da alberi secolari di ulivo», il «valore assoluto del bene ambiente» che «giustifica il sacrificio dell'iniziativa privata».Come spiegano i giudici amministrativi, «è innegabile che l'intera zona sia contrassegnata dalla presenza di una moltitudine di ulivi secolari se non millenari, che tipizza i luoghi nella loro specificità sì da farne un unicum di bellezza e di patrimonio naturale, rendendo necessariamente del tutto non compatibile con un tale assetto ambientale del territorio un intervento edilizio che comporta, proprio in riferimento alla superficie ulivetata, l'espianto e successivo reimpianto in altro loco di piante d'ulivo, con chiaro pericolo di alterazione dello stato dei luoghi» (si veda un articolo de "La Gazzetta del Mezzogiorno", del 6 marzo 2013),

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo, nell'ambito delle proprie competenze, intendano chiarire se siano state rispettate tutte le norme vigenti, in particolare se la prosecuzione dei lavori non costituisca violazione delle normative nazionali e comunitarie e, di conseguenza, se e quali iniziative di competenza ritengano opportuno intraprendere;

se non ritengano che quanto descritto confligga con la tutela costituzionale del paesaggio;

se il parere paesaggistico e attestazione di compatibilità paesaggistica, anche al secondo tratto, espresso dalla Regione Puglia ai lavori dell'ultimo tratto della strada statale 16 Maglie-Otranto, cioè tra Palmariggi e Otranto, sia frutto della rivisitazione del progetto, come esplicitamente dichiarato dalla Regione stessa;

quali iniziative di competenza intendano adottare, anche attivandosi presso tutte le sedi competenti, al fine di ottenere l'interruzione della realizzazione della strada regionale 8 (Lecce-Melendugno) e rivedere il progetto della Maglie-Otranto, mitigandone l'impatto ambientale, indirizzando le risorse per migliorare l'attuale viabilità delle tratte interessate;

quali iniziative vogliano assumere per garantire ai cittadini un armonico sviluppo sostenibile del Salento, centrato sul turismo, l'ambiente e la cultura, prevedendo infrastrutture compatibili con la naturale vocazione di questa terra;

quali interventi, infine, intendano attivare per tutelare legalità e ambiente.

(4-00631)

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=00709020&part=doc_dc-alleg


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news