LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sentenza del Consiglio di Stato N. 01681/2013REG.PROV.COLL. N. 08098/2012 REG.RIC.
2013-03-26

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA
beste herrenuhren


sul ricorso numero di registro generale 8098 del 2012, proposto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in persona del Ministro pro tempore e dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Salerno e Avellino, in persona del Soprintendente pro tempore, entrambi rappresentati e difesi dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliataria per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12;

contro

Il Comune di Controne, non costituito nelle presente fase di giudizio;

per la riforma

della sentenza del T.A.R. CAMPANIA - SEZ. STACCATA DI SALERNO: SEZIONE II n. 442/2012, resa tra le parti;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 8 marzo 2013 il Cons. Claudio Boccia e uditi l’avvocato dello Stato Santoro;

Coniderato che nel corso dell’udienza è stato rappresentato dal presidente del collegio che può essere definito con sentenza il secondo grado del giudizio;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.


FATTO e DIRITTO

1. Nel corso dell’anno 2003 il Comune di Controne stabiliva di appaltare i lavori per la “realizzazione di un parcheggio in via Uliveto”, dopo aver ottenuto, con la determina del 5 giugno 2002, la necessaria autorizzazione paesaggistica da parte dell’Ufficio Tecnico Comunale nonché, con il provvedimento del 2 luglio 2002, la conferma della medesima autorizzazione da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Salerno e Avellino, cui l’autorizzazione stessa era stata trasmessa per il parere paesaggistico previsto dall’art.146 del d. Lgs n. 42 del 2004.

Con la deliberazione della giunta comunale n. 29 del 3 marzo 2004 veniva autorizzata, senza il parere della competente Soprintendenza, una variante progettuale al progetto assentito.

Successivamente, il Comune di Controne, avendo ottenuto dei finanziamenti regionali ai sensi della legge n. 3 del 2007, con le delibere n. 147 del 26 novembre 2009 e n.156 del 23 dicembre 2009 approvava il progetto preliminare e definitivo-esecutivo relativo a lavori di riqualificazione del parcheggio.

Con la determina n. 22 del 9 dicembre 2009, l’Ufficio Tecnico Comunale rilasciava, in seguito al parere favorevole della commissione comunale edilizia integrata, il nulla osta paesaggistico per la realizzazione dei lavori nel parcheggio de quo.

La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Salerno e Avellino annullava, con il provvedimento del 3 giugno 2010, la predetta determina comunale, rilevando la mancata conformità del parcheggio, come rappresentato nel progetto da assentire, con quanto autorizzato nel 2002.

2. Con il ricorso n. 1551 del 2010, proposto al Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, il Comune di Controne impugnava la decisione assunta dalla Soprintendenza.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali si costituiva in giudizio in data 18 ottobre 2010, chiedendo con la memoria difensiva del 29 settembre 2011 il rigetto dell’appello.

3. Con la sentenza n. 442 del 2012 il Tar per la Campania accoglieva il ricorso presentato dal Comune di Controne annullando, conseguentemente, l’atto impugnato.

4. Avverso la sentenza del Tar per la Campania il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Salerno e Avellino hanno proposto appello (ricorso n. 8098 del 2012), deducendo la legittimità del decreto soprintendentizio del 3 giugno 2010, in ragione della natura paesaggisticamente rilevante degli interventi in variante realizzati nel 2004, senza la necessaria autorizzazione, sul progetto originariamente assentito, nonché l’erroneità del nulla-osta paesaggistico comunale per “mancanza assoluta di motivazione”.

5. All’udienza dell’8 marzo la causa è stata trattenuta in decisione.

6. L’appello è fondato.

Con la prima delle due censure, le Amministrazioni appellanti hanno rilevato l’erroneità del convincimento del giudice di prime cure che, nel valutare le opere effettuate di “lieve” entità, le ha conseguentemente ritenute “sanabili in deroga” a norma dell’art. 167 del d. Lgs. n. 42 del 2004.

A questo riguardo il Collegio deve preliminarmente osservare che la zona in cui ricadono le opere per cui è causa è ricompresa in un area tutelata paesaggisticamente in quanto rientrante nella perimetrazione del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e che gli interventi in variante effettuati al progetto originale non possono essere considerati, come correttamente statuito anche dal giudice di primo grado, fra le categorie previste dalla lettera a) dell’art. 149 del d. Lgs. n. 42 del 2004 (interventi di “manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l’aspetto esteriore degli edifici”), per le quali non è richiesta l’autorizzazione disciplinata dall’art. 146 del medesimo decreto legislativo.

Dunque, senza alcuna eccezione il progetto delle opere doveva essere sottoposto all’esame della Soprintendenza: il solo fatto che sia mancato tale invio comporta la legittimità dell’atto con cui essa ha rilevato la indebita realizzazione di opere.

Le medesime opere, contrariamente a quanto rilevato nella sentenza appellata, non possono essere ricomprese neanche nel disposto dell’art.167, comma 4, del d. Lgs. n. 42 del 2004.

Da quanto risulta in atti (Relazione tecnica della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province di Salerno e Avellino, datata ottobre 2010),

Lawyers

emerge che le opere oltre a “cambiare la sagoma planimetrica generale hanno incrementato l’altezza dei muri di contenimento (anche di circa 3 metri) ed il dislivello tra la quota del parcheggio e quella della strada provinciale contigua al lotto nel lato a monte (di almeno 1 metro).”

Nella fattispecie in esame, dunque, comunque non poteva farsi a meno di sollecitare l’esercizio dei poteri della Soprintendenza e comunque questa ha ben potuto rilevare che sono state realizzate opere in assenza di apposita autorizzazione paesaggistica: né in sede giurisdizionale si può rilevare la sussistenza di opere di “modesta entità”, tali da non far attivare il procedimento legislativamente previsto per l’eventuale sanatoria..

Con la seconda censura le Amministrazioni appellanti hanno rilevato l’erroneità della autorizzazione paesaggistica comunale per “mancanza assoluta di motivazione”.

A questo proposito deve rilevarsi che la determinazione comunale n.22 del 9 dicembre 2012 si limita a rinviare al parere reso dalla commissione edilizia comunale integrata, il quale, a sua volta, risulta aver motivato quanto in esso previsto con l’affermazione: “esprime parere favorevole”.

Osserva il Collegio che questa motivazione non può, ovviamente, essere considerata sufficiente a stabilire non solo l’adeguatezza dell’istruttoria posta in essere dal Comune appellato, ma anche se quest’ultimo abbia effettivamente valutato l’impatto degli interventi in variante sul progetto originario e la compatibilità di tali modifiche con il contesto paesaggistico tutelato, valutazione che deve essere effettuata anche nell’ipotesi di opere in variante, non rientranti nel disposto degli artt. 149 e 167 del d. Lgs. n. 42 del 2004, rispetto ad interventi già assentiti.

Consumer Protection Resources
Where to take complaints about products and services.
Selected Federal Agencies

Many federal agencies have enforcement and/or complaint-handling duties for products and services used by the general public. Others act for the benefit of the public, but do not resolve individual consumer problems. Agencies also have fact sheets, booklets and other information which
The remainder of this article is for registered users only. To read the complete article, please register for free access.

You will also gain free access to Best Lawyer's legal answers service.Best Lawyers

Related Law Articles
Collection Agencies and Creditors
How to deal and stop the harassment

Bankruptcy Law
A complete prime (pre-2005)

Federal Adoption Tax Credit
Financial Incentive for Adoptive Parents

Mitchell Report Summary
Report on Steroid Drug Use in Major League Baseball by Senator George Mitchell

Related Law Bulletins
Report Offers Motor Vehicle Accident Death Rates in Frederick County, Maryland Between 2001 and 2006
A recent analysis by the Frederick News-Post of deadly accidents i...

Insurance Department Issues Second Annual Ohio Medical Liability Closed Claim Report
COLUMBUS The Ohio Department of Insurance has issued its secon...

UNICEF report on Gender Equality and Children
According to a report from UNICEF, despite the international commu...

Report on Opening Records for Adult Adoptees
"FOR THE RECORDS: RESTORING A RIGHT TO ADULT ADOPTEES Author: Made...

Standards of Practice in Civil Protection Order Cases
The American Bar Association has recently published its new Standa...

Related Law Questions
Is a child fathered out of wedlock by an American diplomat to a foreign women on foreign soil entitled to US Citizenship by jus sanguinis?
This is a very tough situation your friend is in. It is difficult to know the ex...

Can driving accident be cause for termination?
If your state is an at-will state, the company can fire you for any reason or fo...

Can an employer take back money that they paid me after I quit the company?
State Case Law differs in each State and to find a case particularly dealing in ...

How to prevent an arrest from appearing in the local newspaper?
Dont know the law in Minnesota but in most jurisdictions an arrest is a matter o...

Must the estate pay off the mortgage debt of someone who dies with a Joint Tenant Right of Survivorship on a property?
Generally, the survivor now has an undivided 100% ownership interest in the prop...

Lawyers! Want your Website or Blog Included Here?



6. Per quanto sin qui esposto l’appello deve ritenersi fondato e va, pertanto, accolto, sicché, in riforma della sentenza impugnata, va respinto il ricorso di primo grado.

7. Il Collegio ritiene che in relazione ai particolari profili della causa le spese del doppio grado di giudizio possono essere compensate fra le parti.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) definitivamente pronunciando sull'appello n. 8098 del 2012, come in epigrafe proposto, lo accoglie e, per l’effetto, in riforma della sentenza impugnata, respinge il ricorso di primo grado n. 1551 del 2010.

Compensa fra le parti le spese del doppio grado di giudizio.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 8 marzo 2013 con l'intervento dei magistrati:

Luigi Maruotti, Presidente

Claudio Contessa, Consigliere

Andrea Pannone, Consigliere

Silvia La Guardia, Consigliere

Claudio Boccia, Consigliere, Estensore



L'ESTENSORE IL PRESIDENTE






DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 26/03/2013

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%206/2012/201208098


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news