LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sentenza del Consiglio di Stato N. 01681/2013REG.PROV.COLL. N. 08098/2012 REG.RIC.
2013-03-26



REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 8098 del 2012, proposto dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, in persona del Ministro pro tempore e dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Salerno e Avellino, in persona del Soprintendente pro tempore, entrambi rappresentati e difesi dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliataria per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12;

contro

Il Comune di Controne, non costituito nelle presente fase di giudizio;

per la riforma

della sentenza del T.A.R. CAMPANIA - SEZ. STACCATA DI SALERNO: SEZIONE II n. 442/2012, resa tra le parti;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 8 marzo 2013 il Cons. Claudio Boccia e uditi lavvocato dello Stato Santoro;

Coniderato che nel corso delludienza stato rappresentato dal presidente del collegio che pu essere definito con sentenza il secondo grado del giudizio;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.


FATTO e DIRITTO

1. Nel corso dellanno 2003 il Comune di Controne stabiliva di appaltare i lavori per la realizzazione di un parcheggio in via Uliveto, dopo aver ottenuto, con la determina del 5 giugno 2002, la necessaria autorizzazione paesaggistica da parte dellUfficio Tecnico Comunale nonch, con il provvedimento del 2 luglio 2002, la conferma della medesima autorizzazione da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Salerno e Avellino, cui lautorizzazione stessa era stata trasmessa per il parere paesaggistico previsto dallart.146 del d. Lgs n. 42 del 2004.

Con la deliberazione della giunta comunale n. 29 del 3 marzo 2004 veniva autorizzata, senza il parere della competente Soprintendenza, una variante progettuale al progetto assentito.

Successivamente, il Comune di Controne, avendo ottenuto dei finanziamenti regionali ai sensi della legge n. 3 del 2007, con le delibere n. 147 del 26 novembre 2009 e n.156 del 23 dicembre 2009 approvava il progetto preliminare e definitivo-esecutivo relativo a lavori di riqualificazione del parcheggio.

Con la determina n. 22 del 9 dicembre 2009, lUfficio Tecnico Comunale rilasciava, in seguito al parere favorevole della commissione comunale edilizia integrata, il nulla osta paesaggistico per la realizzazione dei lavori nel parcheggio de quo.

La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Salerno e Avellino annullava, con il provvedimento del 3 giugno 2010, la predetta determina comunale, rilevando la mancata conformit del parcheggio, come rappresentato nel progetto da assentire, con quanto autorizzato nel 2002.

2. Con il ricorso n. 1551 del 2010, proposto al Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, il Comune di Controne impugnava la decisione assunta dalla Soprintendenza.

Il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali si costituiva in giudizio in data 18 ottobre 2010, chiedendo con la memoria difensiva del 29 settembre 2011 il rigetto dellappello.

3. Con la sentenza n. 442 del 2012 il Tar per la Campania accoglieva il ricorso presentato dal Comune di Controne annullando, conseguentemente, latto impugnato.

4. Avverso la sentenza del Tar per la Campania il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Salerno e Avellino hanno proposto appello (ricorso n. 8098 del 2012), deducendo la legittimit del decreto soprintendentizio del 3 giugno 2010, in ragione della natura paesaggisticamente rilevante degli interventi in variante realizzati nel 2004, senza la necessaria autorizzazione, sul progetto originariamente assentito, nonch lerroneit del nulla-osta paesaggistico comunale per mancanza assoluta di motivazione.

5. Alludienza dell8 marzo la causa stata trattenuta in decisione.

6. Lappello fondato.

Con la prima delle due censure, le Amministrazioni appellanti hanno rilevato lerroneit del convincimento del giudice di prime cure che, nel valutare le opere effettuate di lieve entit, le ha conseguentemente ritenute sanabili in deroga a norma dellart. 167 del d. Lgs. n. 42 del 2004.

A questo riguardo il Collegio deve preliminarmente osservare che la zona in cui ricadono le opere per cui causa ricompresa in un area tutelata paesaggisticamente in quanto rientrante nella perimetrazione del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e che gli interventi in variante effettuati al progetto originale non possono essere considerati, come correttamente statuito anche dal giudice di primo grado, fra le categorie previste dalla lettera a) dellart. 149 del d. Lgs. n. 42 del 2004 (interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e laspetto esteriore degli edifici), per le quali non richiesta lautorizzazione disciplinata dallart. 146 del medesimo decreto legislativo.

Dunque, senza alcuna eccezione il progetto delle opere doveva essere sottoposto allesame della Soprintendenza: il solo fatto che sia mancato tale invio comporta la legittimit dellatto con cui essa ha rilevato la indebita realizzazione di opere.

Le medesime opere, contrariamente a quanto rilevato nella sentenza appellata, non possono essere ricomprese neanche nel disposto dellart.167, comma 4, del d. Lgs. n. 42 del 2004.

Da quanto risulta in atti (Relazione tecnica della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province di Salerno e Avellino, datata ottobre 2010), emerge che le opere oltre a cambiare la sagoma planimetrica generale hanno incrementato laltezza dei muri di contenimento (anche di circa 3 metri) ed il dislivello tra la quota del parcheggio e quella della strada provinciale contigua al lotto nel lato a monte (di almeno 1 metro).

Nella fattispecie in esame, dunque, comunque non poteva farsi a meno di sollecitare lesercizio dei poteri della Soprintendenza e comunque questa ha ben potuto rilevare che sono state realizzate opere in assenza di apposita autorizzazione paesaggistica: n in sede giurisdizionale si pu rilevare la sussistenza di opere di modesta entit, tali da non far attivare il procedimento legislativamente previsto per leventuale sanatoria..

Con la seconda censura le Amministrazioni appellanti hanno rilevato lerroneit della autorizzazione paesaggistica comunale per mancanza assoluta di motivazione.

A questo proposito deve rilevarsi che la determinazione comunale n.22 del 9 dicembre 2012 si limita a rinviare al parere reso dalla commissione edilizia comunale integrata, il quale, a sua volta, risulta aver motivato quanto in esso previsto con laffermazione: esprime parere favorevole.

Osserva il Collegio che questa motivazione non pu, ovviamente, essere considerata sufficiente a stabilire non solo ladeguatezza dellistruttoria posta in essere dal Comune appellato, ma anche se questultimo abbia effettivamente valutato limpatto degli interventi in variante sul progetto originario e la compatibilit di tali modifiche con il contesto paesaggistico tutelato, valutazione che deve essere effettuata anche nellipotesi di opere in variante, non rientranti nel disposto degli artt. 149 e 167 del d. Lgs. n. 42 del 2004, rispetto ad interventi gi assentiti.

6. Per quanto sin qui esposto lappello deve ritenersi fondato e va, pertanto, accolto, sicch, in riforma della sentenza impugnata, va respinto il ricorso di primo grado.

7. Il Collegio ritiene che in relazione ai particolari profili della causa le spese del doppio grado di giudizio possono essere compensate fra le parti.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) definitivamente pronunciando sull'appello n. 8098 del 2012, come in epigrafe proposto, lo accoglie e, per leffetto, in riforma della sentenza impugnata, respinge il ricorso di primo grado n. 1551 del 2010.

Compensa fra le parti le spese del doppio grado di giudizio.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorit amministrativa.

Cos deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 8 marzo 2013 con l'intervento dei magistrati:

Luigi Maruotti, Presidente

Claudio Contessa, Consigliere

Andrea Pannone, Consigliere

Silvia La Guardia, Consigliere

Claudio Boccia, Consigliere, Estensore



L'ESTENSORE IL PRESIDENTE






DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 26/03/2013

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%206/2012/201208098


news

24-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news